La community di Tramedibeautiful.com

Pagina 4 di 20 PrimaPrima ... 2345614 ... UltimaUltima
Risultati da 46 a 60 di 299

Discussione: [LIBRI] Citazioni

  1. #46
    Utente registrato L'avatar di Lynette
    Data Registrazione
    Oct 2008
    Località
    Pasadena
    Messaggi
    43,726

    Predefinito

    Io in questo Topic non ho mai detto niente,però l'ho fatto nell' altro così,... a capa mia!!!
    (era tanto bello il brano letto...)


  2. #47
    Riserva di caccia dell'imperatrice L'avatar di Vaniglia
    Data Registrazione
    Nov 2005
    Località
    Un attico a San Francisco
    Messaggi
    129,267

    Predefinito

    E' d'obbligo...ditemi se l'incipit non vi fa venir voglia di continuarne la lettura:

    Cecità - Saramago

    Il disco giallo si illuminò. Due delle automobili in testa accelerarono prima che apparisse il rosso. Nel segnale pedonale comparve la sagoma dell'omino verde. La gente in attesa cominciò ad attraversare la strada camminando sulle strisce bianche dipinte sul nero dell'asfalto, non c'è niente che assomigli meno a una zebra, eppure le chiamano così. Gli automobilisti, impazienti, con il piede sul pedale della frizione, tenevano le macchine in tensione, avanzando, indietreggiando, come cavalli nervosi che sentissero arrivare nell'aria la frustata. Ormai i pedoni sono passati, ma il segnale di via libera per le macchine tarderà ancora alcuni secondi, c'è chi dice che questo indugio, in apparenza tanto insignificante, se moltiplicato per le migliaia di semafori esistenti nella città e per i successivi cambiamenti dei tre colori di ciascuno, è una delle più significative cause degli ingorghi, o imbottigliamenti, se vogliamo usare il termine corrente, della circolazione automobilistica.
    Finalmente si accese il verde, le macchine partirono bruscamente, ma si notò subito che non erano partite tutte quante. La prima della fila di mezzo è ferma, dev'esserci un problema meccanico, l'acceleratore rotto, la leva del cambio che si è bloccata, o un'avaria nell'impianto idraulico, blocco dei freni, interruzione del circuito elettrico, a meno che non le sia semplicemente finita la benzina, non sarebbe la prima volta. Il nuovo raggruppamento di pedoni che si sta formando sui marciapiedi vede il conducente dell'automobile immobilizzata sbracciarsi dietro il parabrezza, mentre le macchine appresso a lui suonano il clacson freneticamente. Alcuni conducenti sono già balzati fuori, disposti a spingere l'automobile in panne fin là dove non blocchi il traffico, picchiano furiosamente sui finestrini chiusi, l'uomo che sta dentro volta la testa verso di loro, da un lato, dall'altro, si vede che urla qualche cosa, dai movimenti della bocca si capisce che ripete una parola, non una, due, infatti è così, come si viene a sapere quando qualcuno, finalmente, riesce ad aprire uno sportello, Sono cieco.

  3. #48
    Moderatore di Sezione L'avatar di Dea Interiore
    Data Registrazione
    Oct 2005
    Località
    Nuoro
    Età
    41
    Messaggi
    22,585

    Predefinito

    Sa Nugoresa:
    A ti facher sa corte est un impresa, no’ nde cheres nemmancu a coro in manu menzus riccu mancari non sia’ sanu o tzeraccu fachendeti s’ispesa.
    Hai ragione, non ti aiuto... te la impiastro direttamente

  4. #49
    Io parlo il balenese L'avatar di Akimina
    Data Registrazione
    Nov 2005
    Età
    35
    Messaggi
    76,728

    Predefinito

    amissimo! ho convinto mia madre a leggerlo... se piace anche a lei, che è abituata a romanzi un po' più "convenzionali", è proprio forte!

    Dopo due dècadi
    decàdi.

  5. #50
    Io parlo il balenese L'avatar di Akimina
    Data Registrazione
    Nov 2005
    Età
    35
    Messaggi
    76,728

    Predefinito

    da fai bei sogni di gramellini

    Non essere amati è una sofferenza grande, però non la più grande. La più grande è non essere amati più. [...] Chi è stato abbandonato si considera assaggiato e sputato come una caramella cattiva. Colpevole di qualcosa d’indefinito.

    I bambini sono persone serie, detestano gli scherzi stupidi. Sanno che prima o poi si avverano.

    Dopo due dècadi
    decàdi.

  6. #51
    Utente registrato L'avatar di Martalenz
    Data Registrazione
    Oct 2007
    Età
    26
    Messaggi
    13,874

    Predefinito

    "In quella completa felicità avevano continuamente le lacrime agli occhi. [...] Il supremo sintomo dell'amore è una tenerezza a volte quasi insopportabile."

    Victor Hugo, "I miserabili"
    In una matrice il rango delle righe e il rango delle colonne coincidono

  7. #52
    Io parlo il balenese L'avatar di Akimina
    Data Registrazione
    Nov 2005
    Età
    35
    Messaggi
    76,728

    Predefinito

    da pastorale americana

    Lotti contro la tua superficialità, la tua faciloneria, per cercare di accostarti alla gente senza aspettative illusorie, senza un carico eccessivo di pregiudizi, di speranze o di arroganza, nel modo meno simile a quello di un carro armato, senza cannoni, mitragliatrici e corazze d'acciaio spesse quindici centimetri; offri alla gente il tuo volto più bonario, camminando in punta di piedi invece di sconvolgere il terreno con i cingoli, e l'affronti con larghezza di vedute, da pari a pari, da uomo a uomo, come si diceva una volta, e tuttavia non manchi mai di capirla male. Tanto varrebbe avere il cervello di un carro armato. La capisci male prima d'incontrarla, mentre pregusti il momento in cui l'incontrerai; la capisci male mentre sei con lei; e poi vai a casa, parli con qualcun altro dell'incontro, e scopri ancora una volta di aver travisato. Poiché la stessa cosa capita, in genere, anche ai tuoi interlocutori, tutta la faccenda è, veramente, una colossale illusione priva di fondamento, una sbalorditiva commedia degli equivoci. Eppure, come dobbiamo regolarci con questa storia, questa storia così importante, la storia degli altri, che si rivela priva del significato che secondo noi dovrebbe avere e che assume invece un significato grottesco, tanto siamo male attrezzati per discernere l'intimo lavorio e gli scopi invisibili degli altri? Devono, tutti, andarsene e chiudere la porta e vivere isolati come fanno gli scrittori solitari, in una cella insonorizzata, creando i loro personaggi con le parole e poi suggerendo che questi personaggi di parole siano più vicini alla realtà delle persone vere che ogni giorno noi mutiliamo con la nostra ignoranza? Rimane il fatto che, in ogni modo, capire bene la gente non è vivere. Vivere è capirla male, capirla male e male e poi male e, dopo un attento riesame, ancora male. Ecco come sappiamo di essere vivi: sbagliando. Forse la cosa migliore sarebbe dimenticare di aver ragione o torto sulla gente e godersi semplicemente la gita. Ma se ci riuscite... Beh, siete fortunati.



    Come penetrare nell'intimo della gente? Era una dote o una capacità che non possedeva. Non aveva semplicemente la combinazione di quella serratura. Prendeva per intelligente chi lanciava i segnali dell'intelligenza. E fino a quel momento non era riuscito a vedere dentro sua figlia, non era riuscito a vedere dentro sua moglie, non era riuscito a vedere dentro la sua unica amante: forse non aveva neppure cominciato a vedere dentro di sé. Cos'era, lui, spogliato di tutti i segnali che lanciava? La gente, dappertutto, si alzava in piedi urlando: “Questa persona sono io! Questa persona sono io!” Ogni volta che li guardavi si alzavano e ti dicevano chi erano, e la verità era che non avevano, non più di quanto l'avesse lui, la minima idea di chi o che cosa fossero. Credevano anche loro ai segnali che lanciavano. Avrebbero dovuto alzarsi e gridare: “Questa persona non sono io! Questa persona non sono io!” L'avrebbero fatto, se avessero avuto un minimo di pudore. “Questa persona non sono io!” Allora forse avresti saputo come procedere tra quei segnali, tra le innumerevoli stronzate di questo mondo.

    Dopo due dècadi
    decàdi.

  8. #53
    Utente registrato L'avatar di tittina
    Data Registrazione
    Jul 2007
    Località
    messina-empoli
    Età
    39
    Messaggi
    79,207

    Predefinito

    posso buttare un pò il livello di questo topic terra terra? ebbene io voglio citare una frase di dinah marler che mi ha folgorata e da allora mi è rimasta impressa perchè è una sacra verità: io sono la migliore amica di me stessa
    Ultima modifica di tittina; 22-04-2012 alle 20:58

    oppaccia sei una zecca fastidiosa e irritante, ti detesto!ADDIO!!!! episodio 6282: la broccola offre prestazioni sessuali in cambio di favori

  9. #54
    Utente registrato L'avatar di agnesina
    Data Registrazione
    Nov 2006
    Località
    , , .
    Età
    31
    Messaggi
    3,596

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da tittina Visualizza Messaggio
    posso buttare un pò il livello di questo topic terra terra? ebbene io voglio citare una frase di dinah marler che mi ha folgorata e da allora mi è rimasta impressa perchè è una sacra verità: io sono la migliore amica di me stessa
    E' una frase molto saggia!!!

  10. #55
    Utente registrato L'avatar di Alyssa
    Data Registrazione
    Jun 2007
    Località
    Veneto
    Età
    36
    Messaggi
    1,412

    Predefinito

    Le cose più importanti sono le più difficili da dire. Sono quelle di cui ci si vergogna, perchè le parole le immiseriscono, le parole rimpiccioliscono cose che finchè erano nella vostra testa sembravano sconfinate, e le riducono a non più che a grandezza naturale quando vengono portate fuori. Ma è più di questo vero?. Le cose più importanti giacciono troppo vicine al punto dov'è sepolto il vostro cuore segreto, come segnali lasciati per ritrovare un tesoro che i vostri nemici sarebbero felicissimi di portare via . E potreste fare rivelazioni che vi costano per poi scoprire che la gente vi guarda strano, senza capire affatto quello che avete detto, senza capire perchè vi sembrava tanto importante da piangere quasi mentre lo dicevate. Questa è la cosa peggiore secondo me, quando il segreto rimane chiuso dentro non per mancanza di uno che lo racconti, ma per mancanza di un orecchio che sappia ascoltare.


    Non ho mai più avuto amici, in seguito, come quelli che avevo a dodici anni. Gesù, e voi?

    Da Il corpo-Stand by me (Stagioni diverse) di S. King
    Oltrepassiamo i nostri ponti dopo esserci arrivati, e ce li bruciamo alle spalle, e niente mostra il cammino percorso, tranne il ricordo dell'odore del fumo, e la sensazione che una volta i nostri occhi hanno lacrimato.
    Tom Stoppard

  11. #56
    Utente registrato L'avatar di Chetenefrega
    Data Registrazione
    Oct 2009
    Località
    casa sulla spiaggia di Thorne Forrester
    Messaggi
    23,400

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Vaniglia Visualizza Messaggio
    E' d'obbligo...ditemi se l'incipit non vi fa venir voglia di continuarne la lettura:

    Cecità - Saramago

    Il disco giallo si illuminò. Due delle automobili in testa accelerarono prima che apparisse il rosso. Nel segnale pedonale comparve la sagoma dell'omino verde. La gente in attesa cominciò ad attraversare la strada camminando sulle strisce bianche dipinte sul nero dell'asfalto, non c'è niente che assomigli meno a una zebra, eppure le chiamano così. Gli automobilisti, impazienti, con il piede sul pedale della frizione, tenevano le macchine in tensione, avanzando, indietreggiando, come cavalli nervosi che sentissero arrivare nell'aria la frustata. Ormai i pedoni sono passati, ma il segnale di via libera per le macchine tarderà ancora alcuni secondi, c'è chi dice che questo indugio, in apparenza tanto insignificante, se moltiplicato per le migliaia di semafori esistenti nella città e per i successivi cambiamenti dei tre colori di ciascuno, è una delle più significative cause degli ingorghi, o imbottigliamenti, se vogliamo usare il termine corrente, della circolazione automobilistica.
    Finalmente si accese il verde, le macchine partirono bruscamente, ma si notò subito che non erano partite tutte quante. La prima della fila di mezzo è ferma, dev'esserci un problema meccanico, l'acceleratore rotto, la leva del cambio che si è bloccata, o un'avaria nell'impianto idraulico, blocco dei freni, interruzione del circuito elettrico, a meno che non le sia semplicemente finita la benzina, non sarebbe la prima volta. Il nuovo raggruppamento di pedoni che si sta formando sui marciapiedi vede il conducente dell'automobile immobilizzata sbracciarsi dietro il parabrezza, mentre le macchine appresso a lui suonano il clacson freneticamente. Alcuni conducenti sono già balzati fuori, disposti a spingere l'automobile in panne fin là dove non blocchi il traffico, picchiano furiosamente sui finestrini chiusi, l'uomo che sta dentro volta la testa verso di loro, da un lato, dall'altro, si vede che urla qualche cosa, dai movimenti della bocca si capisce che ripete una parola, non una, due, infatti è così, come si viene a sapere quando qualcuno, finalmente, riesce ad aprire uno sportello, Sono cieco.

    mentre leggevo tutto mi sono chiesta se stessi bene...ho capito invece quando ho letto l'ultima frase
    Tharla/Tridge/Steam/Stic/Bricky4ever

  12. #57
    Utente registrato L'avatar di cl_som
    Data Registrazione
    Jul 2006
    Località
    , , .
    Messaggi
    3,377

    Predefinito

    ''Cerca un posto dentro di te dove c'è gioia, e la gioia brucerà la sofferenza.'' (Joseph Campbell)

  13. #58
    Riserva di caccia dell'imperatrice L'avatar di Vaniglia
    Data Registrazione
    Nov 2005
    Località
    Un attico a San Francisco
    Messaggi
    129,267

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Akimina Visualizza Messaggio
    da pastorale americana

    Lotti contro la tua superficialità, la tua faciloneria, per cercare di accostarti alla gente senza aspettative illusorie, senza un carico eccessivo di pregiudizi, di speranze o di arroganza, nel modo meno simile a quello di un carro armato, senza cannoni, mitragliatrici e corazze d'acciaio spesse quindici centimetri; offri alla gente il tuo volto più bonario, camminando in punta di piedi invece di sconvolgere il terreno con i cingoli, e l'affronti con larghezza di vedute, da pari a pari, da uomo a uomo, come si diceva una volta, e tuttavia non manchi mai di capirla male. Tanto varrebbe avere il cervello di un carro armato. La capisci male prima d'incontrarla, mentre pregusti il momento in cui l'incontrerai; la capisci male mentre sei con lei; e poi vai a casa, parli con qualcun altro dell'incontro, e scopri ancora una volta di aver travisato. Poiché la stessa cosa capita, in genere, anche ai tuoi interlocutori, tutta la faccenda è, veramente, una colossale illusione priva di fondamento, una sbalorditiva commedia degli equivoci. Eppure, come dobbiamo regolarci con questa storia, questa storia così importante, la storia degli altri, che si rivela priva del significato che secondo noi dovrebbe avere e che assume invece un significato grottesco, tanto siamo male attrezzati per discernere l'intimo lavorio e gli scopi invisibili degli altri? Devono, tutti, andarsene e chiudere la porta e vivere isolati come fanno gli scrittori solitari, in una cella insonorizzata, creando i loro personaggi con le parole e poi suggerendo che questi personaggi di parole siano più vicini alla realtà delle persone vere che ogni giorno noi mutiliamo con la nostra ignoranza? Rimane il fatto che, in ogni modo, capire bene la gente non è vivere. Vivere è capirla male, capirla male e male e poi male e, dopo un attento riesame, ancora male. Ecco come sappiamo di essere vivi: sbagliando. Forse la cosa migliore sarebbe dimenticare di aver ragione o torto sulla gente e godersi semplicemente la gita. Ma se ci riuscite... Beh, siete fortunati.



    Come penetrare nell'intimo della gente? Era una dote o una capacità che non possedeva. Non aveva semplicemente la combinazione di quella serratura. Prendeva per intelligente chi lanciava i segnali dell'intelligenza. E fino a quel momento non era riuscito a vedere dentro sua figlia, non era riuscito a vedere dentro sua moglie, non era riuscito a vedere dentro la sua unica amante: forse non aveva neppure cominciato a vedere dentro di sé. Cos'era, lui, spogliato di tutti i segnali che lanciava? La gente, dappertutto, si alzava in piedi urlando: “Questa persona sono io! Questa persona sono io!” Ogni volta che li guardavi si alzavano e ti dicevano chi erano, e la verità era che non avevano, non più di quanto l'avesse lui, la minima idea di chi o che cosa fossero. Credevano anche loro ai segnali che lanciavano. Avrebbero dovuto alzarsi e gridare: “Questa persona non sono io! Questa persona non sono io!” L'avrebbero fatto, se avessero avuto un minimo di pudore. “Questa persona non sono io!” Allora forse avresti saputo come procedere tra quei segnali, tra le innumerevoli stronzate di questo mondo.

    Perchè i mattoni devono essere poi alla fine quelli che ci colpiscono così nel profondo?

  14. #59
    Io parlo il balenese L'avatar di Akimina
    Data Registrazione
    Nov 2005
    Età
    35
    Messaggi
    76,728

    Predefinito

    perchè devono valere il prezzo del biglietto.
    eh?

    Dopo due dècadi
    decàdi.

  15. #60
    Utente registrato L'avatar di Chetenefrega
    Data Registrazione
    Oct 2009
    Località
    casa sulla spiaggia di Thorne Forrester
    Messaggi
    23,400

    Predefinito

    anche per comprare un libro ci vuole un biglietto?
    Tharla/Tridge/Steam/Stic/Bricky4ever

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •