La community di Tramedibeautiful.com

Pagina 2 di 5 PrimaPrima 1234 ... UltimaUltima
Risultati da 16 a 30 di 61

Discussione: La storia di un posto al sole

  1. #16
    Redattore L'avatar di Simone 22
    Data Registrazione
    Oct 2005
    Messaggi
    17,728

    Predefinito

    Capitolo 14

    Giulia stringe a sé il piccolo e lo porta a casa. Angela e Renato sono sorpresi e chiedono spiegazioni. La Poggi racconta tutta la faccenda, affermando che le piacerebbe se il piccolo restasse con loro: sarebbe il figlio che ha sempre desiderato. Renato è stregato da tutto ciò e si dice entusiasta. Anche Angela, che ha definitivamente chiuso con Zeus e la sua banda, si affeziona subito al piccolo. Decidono di chiamarlo Valentino. L’unico problema è progettare un piano audace per poter tenere il bambino legalmente.

    Alessandro ed Anna discutono della colazione. Il Palladini non ha gradito il modo in cui Anna ha risposto a Federica. La Boschi si difende: la contessa la tratta sempre da poveraccia, facendole pesare la sua provenienza. Alessandro però chiede alla fidanzata di non alzare più i toni con sua madre. Dopo la loro prima lite da fidanzati, entrambi i ragazzi sono molto turbati.

    Rossella è delusa dal comportamento di Diego; come ha osato filmarla nuda! Il ragazzo spiega che si è trattato solo di uno scherzo. Rossella accetta le scuse; arriva anche Raffaele, che si scusa con la nipote. La ragazza afferma di aver già dimenticato l’accaduto, ma ha deciso di tornare in campagna: ormai non ha più senso per lei restare a Napoli. Con Alessandro è finita male, fra pochi giorni tornerà Rita, quindi lei deve andare via. Tutti sono dispiaciuti, ma la ragazza è serena: prende le sue cose e lascia il Palazzo.

    Il conte Tancredi si sente sempre più solo. Federica ormai l’ha tagliato fuori dalla sua vita; vivono sotto lo stesso tetto, ma non si incontrano quasi mai. La contessa è completamente presa dalla sua relazione con Michele. Il giornalista, dal canto suo, si rende conto che dovrebbe mettere fine alla sua relazione con la donna; ma non sa come fare. Si confida con Guido, nascondendo però l’identità della donna in questione. Il Del Bue consiglia all’amico di chiudere al più presto la storia.

    Mentre Guido va in cerca di un nuovo lavoro, Silvia è felice: Alberto le ha affidato completamente la gestione di Caffé Vulcano. Lui non vuole più occuparsene. Silvia, in veste di manager, si diletta a rinnovare il look del locale, ma i teppistelli a caccia di soldi facili, tornano e chiedono nuovamente il pizzo. Questa volta non c’è Luca a proteggere Silvia. La ragazza è sola ma, ripensando alle parole del dottore “Se loro tornano, non devi pagare assolutamente”, trova la forza di cacciarli via.

    Giulia mette in azione un piano tutto suo pur di poter tenere con sé il piccolo. Si reca da Luca e gli chiede di redigere un falso documento di adozione. Il medico non vorrebbe, ma Giulia lo prega: è l’unico modo per salvare il suo matrimonio, e poi un figlio è ciò che sempre ha desiderato. Luca, essendo innamorato di Giulia, l’aiuta e redige il finto documento di adozione: il piccolo entra a fa parte della famiglia Poggi col nome di Valentino.

    Peppe e la sua banda sono appena usciti dal caffè Vulcano, ma non si sono arresi. Mentre organizzano un nuovo colpo, vedono Luca che sta passeggiando. Scatta subito la vendetta: Peppe, seguito dal suo gruppo, raggiunge Luca e inizia a picchiarlo: calci, pugni e quant’altro. Il dottore incomincia a sanguinare e si sente venire meno. La banda continua ad infierire su di lui; giunge Raffaele, in compagnia di Diego, che riesce a mettere in fuga, almeno per il momento, la banda. I due soccorrono Luca, che racconta tutto quello che è successo. Anche Silvia apprende dell’aggressione ed è molto preoccupata.

    Sergio Masullo si reca a trovare Alessandro ai cantieri, per vedere come lo sta dirigendo. Il Palladini è felice di rivedere il vecchio proprietario. I due sono uniti dalla passione per le barche e per il mare, e anche un'idea romantica della vita che Alessandro non condivide certo con la sua famiglia. Sergio è felice di come Alessandro sta portando avanti il suo cantiere, che per lui è come un figlio. I due iniziano a parlare di nuovi progetti. Sergio ha un vecchio sogno nel cassetto: costruire una barca d’altura. Propone ad Alessandro di realizzarla insieme. Il Palladini scopre con Sergio delle impreviste affinità ed accetta l’idea della barca. Tra i due sembra nascere una solida amicizia. Quando torna a casa, Alessandro racconta al padre del suo incontro con Masullo. Tancredi è felice di sapere che fra i due sembra nata una forte amicizia e approva la decisione di creare una nuova barca. Alberto e Federica, invece, si dicono contrari al progetto.

    Anna, ancora scossa per il litigio con Alessandro, si sfoga con Claudia. Le due ragazze si scambiano notizie su Federica ed in Anna cresce la curiosità per i misteri della contessa. Claudia, dal canto suo, è a conoscenza della relazione della donna con Michele, ma preferisce non dire nulla ad Anna. La Costa si reca da Alberto. Il Palladini ha paura di affrontare le “ferite” lasciategli dall’incidente. L’impotenza è un problema che rischia di minare il suo rapporto con Claudia, anche se la ragazza gli è sempre vicino. Il Palladini decide di rivolgersi ad un “professionista” per risolvere i suoi problemi sessuali.

    Il giorno dopo, Luca e Raffaele sono nel cortile di Palazzo Palladini. Il dottore si è ripreso dall’aggressione subita, ma non intende sporgere denuncia. I malviventi stanno attendendo i due, nascosti fra il verde. Luca e Raffaele vengono in breve circondati e stanno per essere sopraffatti. Da lontano Diego assiste alla scena e, in preda al panico, torna in casa per cercare un qualcosa per aiutare i due malcapitati. Frugando in un cassetto di suo padre, trova una pistola. Senza pensarci troppo, corre in giardino e minaccia Peppe e gli altri con la pistola carica. Parte un colpo che ferisce uno dei malviventi. Luca soccorre il giovane; in breve arriva l’ambulanza e la polizia! Il ferito viene trasportato in ospedale, ma se la caverà. Luca confessa alla polizia che Peppe e il gruppo chiedono il pizzo al Vulcano e che lo hanno più volte minacciato. Tutti i ragazzi vengono arrestati.

    Anna è sempre più presa dai misteri di Federica. La ragazza ne parla con Michele, cercando di scoprire i segreti più nascosti della contessa. Il Saviani, seppure sia a conoscenza della verità, non rivela nulla. Claudia invece confessa a Federica delle indagini di Anna. La contessa è costretta ad affrontare Anna e le dice di smettere di immischiarsi delle sue cose: lei non ha nulla da nascondere. La Boschi non si lascia scoraggiare dalla cosa; anzi l’affronto di Federica le dà la certezza che realmente lei stia nascondendo qualcosa. Così Anna inizia il difficile viaggio nel passato misterioso della contessa Palladini.

    A casa Palladini, Alessandro e Sergio continuano a lavorare sulla nuova barca, che sarà il vanto dei Cantieri Palladini. All’improvviso Sergio ha un malore. Viene chiamato subito Luca che offre le prime cure all’uomo, che confessa di essere un malato terminale di leucemia. Il De Santis rivive la tragica morte della moglie Giovanna e capisce perfettamente quello che Sergio sta passando. Oltre ad essere un caso medico interessante, Luca scopre in Sergio anche un’amabile persona.

    Di ritorno dal “professionista” , Alberto ripensa alle sue parole. Il dottore gli ha consigliato di non fare sesso con la sua compagna, ma di provare con qualcun altro per vedere se l’impotenza scompare. Il Palladini decide di accettare il consiglio e si reca da una prostituta, e riesce ad avere un rapporto sessuale con lei. Alberto è soddisfatto e ringrazia la donna, ma in quel mentre arriva Claudia che, capendo quello che è appena successo, rimane basita. Il Palladini cerca una timida difesa, ma la Costa si arrabbia seriamente: ha preferito una ******* a lei. No, questo Claudia non lo accetta. Abbandona Alberto e va via.

    Michele è sempre più in crisi per la strana situazione in cui si trova, a causa di Federica. E’ stufo di essere il suo amante; ma non vuole abbandonare il lavoro. Il Saviani perde stima di sé e cade sempre più in basso. Vorrebbe ribellarsi; vorrebbe rifiutare le avanches della contessa, ma ormai è entrato in una rete da cui è difficile uscire. Deve continuare a giocare, altrimenti perderà tutto.

    In casa Poggi c’è ancora entusiasmo per l’arrivo di Valentino. Angela coccola il fratellino, mentre Renato riscopre le croci e le delizie di essere di nuovo papà. Giulia decide di far battezzare il piccolo. Bisogna però organizzare la festa e invitare i parenti e gli amici. Renato ha un’idea particolare per l’occasione e Giulia lo lascia fare.

    Guido, ancora alla ricerca di un lavoro, si trova davanti un’imprevista opportunità: gli viene proposto di vendere porta a porta biancheria intima. Il ragazzo accetta il lavoro, anche se si dice imbarazzato dalla cosa. Nel frattempo, Silvia riceve una lettera da Noah: cattive notizie purtroppo. Il ragazzo è rimasto ferito mentre era a lavoro ed ora si trova in Guinea. La Graziani si sente ancora molto legata al giovane senegalese e non sa cosa fare. Si trova di fronte ad un’importante decisione sul suo futuro. Ne parla con gli amici. Lei vorrebbe partire, ma Anna e gli altri la scoraggiano. Silvia però è ancora innamorata di Noah; decide di partire da Napoli e di raggiungerlo in Guinea.

    Claudia, delusa dal comportamento di Alberto, decide di metterlo alla prova. Così chiede a suo cugino Gabriele, un carabiniere, di fingersi interessato a lei. Il ragazzo accetta e inizia a corteggiare la ragazza, sotto gli occhi di Alberto. Il Palladini si spaventa, scoprendo di avere un rivale innamorato di Claudia: la gelosia lo rode. Decide di intervenire e cerca di riconquistare Claudia, scusandosi per i recenti diverbi. La Costa è felice: il suo gioco viene scoperto, ma alla ragazza non importa: ora sa che Alberto prova qualcosa per lei.

    Al mattino seguente, la polizia si reca a casa Giordano per interrogare Raffaele sulla sparatoria avvenuta il giorno prima. Peppe e la sua banda hanno raccontato che è stato Diego a sparare. Raffaele capisce che per il figlio si sta mettendo male, e rivela di essere stato lui a sparare. La polizia interroga anche Luca che afferma di essere stato lui a sparare. Ovviamente viene interrogato anche Diego che dice di essere lui il responsabile. Il fatto di aver dato versioni contrastanti della sparatoria mette nei guai i tre; la polizia intende avviare una pratica contro Diego per tentato omicidio, e contro i due per falsa testimonianza. Mentre Diego e Raffaele cercano un modo per uscire da questo ginepraio, Luca trova conforto in Giulia. La Poggi, venuta a conoscenza di ogni cosa, consola il dottore. Renato assiste alla scena ed è colto da gelosia.

    Per Guido è il primo giorno di lavoro. L’imbarazzo provoca al Del Bue alcuni problemi: si rende conto che le taglie sono per donne piccole e magre. Nel suo girovagare giunge dinanzi la porta di una ragazza, Nicky, che lo fa accomodare e acquista da lui un sacco di capi di biancheria. Fra i due si istaura un bel rapporto di amicizia. Guido le rivela le sue paura e Nicky lo incoraggia.

    In casa Palladini c’è aria di festa. Eleonora ha telefonato dall’Inghilterra, annunciando il suo imminente arrivo a Napoli. Federica chiama Michele e gli dà la spiacevole incombenza di dover andare a prendere sua figlia all’aeroporto. Il Saviani, seppure controvoglia, asseconda il volere della contessa. Giunto all’ingresso dell’aeroporto, sulla porta si scontra con una bellissima ragazza, che è appena giunta a Napoli. I due hanno una veloce conversazione. Michele resta molto colpito dal suo fascino e anche alla ragazza non sembra indifferente il giornalista. Michele non fa in tempo a chiederle il nome e nemmeno recapito, dato che lei cerca un taxi e si allontana; Michele resta in aeroporto nella speranza di riconoscere Eleonora.

    Anna continua le sue indagini, che la conducono da una donna, Iris, che dice di conoscere la contessa Palladini. Iris è una donna di popolo, non facoltosa, una ex prostituta. Dice di conoscere Federica, ma non vuole parlare di lei. Anna le chiede per cortesia di raccontarle tutto quello che sa sulla donna. Iris è turbata, ma gli occhi sinceri della giovane Boschi, fanno breccia nel suo cuore e le confessa di essere Pina, la sorella di Federica. Anna è sconvolta, ma allo stesso tempo stranita: la contessa ha parenti nella Napoli povera, mentre lei vive come una aristocratica a Palazzo Palladini. Pina confessa che Federica non ha mai amato la sua vita, e che alla prima occasione è fuggita via, ed ha sposato Tancredi, non tanto per amore, ma quanto per soldi. Anna segue la storia, ma non capisce come mai Federica si vergognava della sua famiglia. Pina confessa che la sua famiglia era molto povera, che suo padre le ha abbandonate e sua madre, per mandare avanti la casa, si prostituiva. Anna è scioccata, ma ringrazia Pina: ha finalmente scoperto il segreto di Federica.

    Tancredi è ai cantieri Palladini. Sta controllando i fatturati e i vari documenti. Sgomento, si rende conto che mancano alcune carte importanti. Chiede alla sua segretaria, Adriana, e poi anche a Renato, ma nessuno dei due sa nulla. Il conte capisce che qualcuno lo sta tradendo. In quello stesso momento, Sergio Masullo si reca da Luca. Ormai i due stanno diventato sempre più amici; i loro rapporti si sono fatti più intensi. Sergio confida al dottore le sue paure e gli fa una richiesta particolare, ma allo stesso tempo commovente: prega Luca di non farlo morire da solo. Il De Santis è molto turbato da tale richiesta, lo conforta, e accetta. I due si abbracciano.

    Un taxi giunge nel giardino di Palazzo Palladini, dal quale scende la bellissima ragazza incontrata da Michele all’aeroporto. Gli occhi verdi scrutano attorno, cercando di ricordare qualcosa, di ritrovare l’aria di casa. Con una fascia blu sulla fronte, la ragazza si avvia verso il portone d’ingresso, portando il suo borsone sulle spalle. Alessandro sta uscendo in quel mentre; riconosce subito quel bel viso familiare e abbraccia forte la ragazza. Sopraggiunge Michele che, scornato per aver atteso invano all’aeroporto, fa per tornare a casa. Alessandro chiama l’amico, chiedendogli se lui conosce la sua sorellina, che è appena tornata dall’Inghilterra. Michele rimane attonito nello scoprire che Eleonora non è altri che la bellissima ragazza che, pochi minuti prima, ha incontrato all’aeroporto.
    Immagini allegate Immagini allegate
    Ultima modifica di Simone 22; 04-02-2013 alle 15:09


  2. #17
    Redattore L'avatar di Simone 22
    Data Registrazione
    Oct 2005
    Messaggi
    17,728

    Predefinito

    Capitolo 15

    Nell’atrio di Palazzo Palladini, l’imbarazzo è generale. Michele ed Eleonora si scambiano continuamente profondi sguardi. Ad Alessandro non sfugge la cosa e chiede ai due se già si conoscono. Eleonora confessa che in realtà non si conoscono, ma si sono scontrati prima in aeroporto. Michele annuisce con la testa mentre la giovane gli chiede cosa ci facesse lì. Il Saviani evita di rispondere e si allontana, molto turbato. Alessandro e Eleonora salgono in casa, dove la ragazza riabbraccia mamma Federica.

    Guido torna a casa di Nicky. La ragazza si lamenta: la biancheria intima che ha comprato da lui è troppo piccola per lei. Guido le promette che cercherà di trovare della biancheria intima di taglie più grandi e la conforta. Fra i due nasce una certa alchimia e si baciano. E’ un bacio puro, semplice, che però fa sperare in Guido di aver trovato l’amore. I due poi si salutano, ma mentre Guido è felice, Nicky è turbata, come se stesse nascondendo qualcosa.

    Tancredi torna a casa, felice di riabbracciare Eleonora. La ragazza chiede al padre come procedono gli affari. Il conte si dice preoccupato: è certo che qualcuno lo stia tradendo, ma non sa chi sia. In seguito il conte ha l’ennesimo litigio con la moglie, che continua a trattarlo sempre più freddamente e con distacco. Tancredi però lascia correre e Federica convoca Alberto per parlargli di una cosa molto importante: è ora di dividere Anna e Alessandro. Quella sgualdrina deve sloggiare da casa loro prima che sia troppo tardi. Il ragazzo è ancora innamorato di Anna e suggerisce alla madre di usare lui per far ingelosire Alessandro. Federica approva la cosa, ma il suo piano diabolico prevede anche l’ingresso di una nuova ragazza, una sua amica facoltosa, che dovrebbe far perdere la testa ad Alessandro. Alberto sorride alla madre: è un’idea geniale. I due brindano al compimento del loro piano.

    In casa Giordano c’è una visita inaspettata. Un legale del tribunale dei minori di Napoli comunica a Raffaele e Diego, che i guai giudiziari del ragazzo, a causa della sparatoria, si sono aggravati. Diego rischia perfino il carcere minorile. Raffaele è sconvolto e prega il legale di aiutarli. In quel mentre in casa entra Rita, appena tornata da Caserta. La donna resta di sasso nell’apprendere la triste storia e supplica il legale di trovare una soluzione. Diego resta in silenzio: sa bene che rischia di affrontare un futuro alquanto deprimente. Il legale afferma che bisogna dimostrare che Diego abbia agito per legittima difesa; così almeno la pena si attenuerebbe a poche ore di servizio civile. Con questa speranza, i Giordano restano soli. Bisognerebbe festeggiare il ritorno di Rita, ma l’atmosfera non è delle migliori. I tre si abbracciano, sicuri che tutto si risolverà per il meglio.

    In casa Poggi sembra tornata l’armonia. Il piccolo Valentino ha riunito la famiglia ed ora tutti pensano ai preparativi per il battesimo. Giulia però ascoltando una conversazione telefonica di Renato teme che il marito non le sia ancora del tutto fedele. Preoccupata, registra le chiamate, per metterlo alla prova. Presa dallo sconforto, si prepara ad ascoltare il nastro. Scopre che Renato le sta nascondendo solo dei problemi ai cantieri e che al telefono parlava con Tancredi. Difatti il conte e Renato stanno continuando nelle loro indagini per capire chi possa essere il ladro del cantiere; e a questo punto non escludono che possa essere un componente della famiglia Palladini; i sospetti si aggirano intorno a Federica e Alberto, con gran dolore del conte.

    Al mattino seguente, Alberto è nel suo studio a colloquio con Attilio. L’investigatore è ormai da settimane sulle tracce di Sonia, ma purtroppo ancora non l’ ha trovata. Lei, Angelo e Gianluca sembrano scomparsi nel nulla. Alberto però non perde la speranza e gli chiede di continuare le ricerche. Quando Attilio va via, Claudia raggiunge il Palladini. La ragazza sono giorni che sta facendo il possibile per far colpo su di lui. Alberto però non sembra interessato particolarmente alla ragazza; sì, è geloso di lei, ma non è amore. Per staccarsi da lei, le propone di recarsi a Milano, per cercare lavoro come modella. Claudia è esultante e abbraccia Alberto: sarà lui a pagarle il viaggio, anche se purtroppo non potrà accompagnarla.

    In casa Giordano torna il sereno. Diego è stato scagionato; dovrà fare solo del volontariato. Una piccola festa nel cortile del palazzo con tutti gli amici è l'ideale per festeggiare la ritrovata serenità. La gioia dei Giordano però si contrappone alla preoccupazione di Anna. Da quando è partita per la Nuova Guinea, Silvia ha fatto perdere le sue tracce. Anna e gli altri ragazzi sono in pena, non sapendo come rintracciarla, ma ecco che proprio Silvia entra in casa. Tutti sono felici per il suo ritorno, ma la ragazza è triste e delusa. Anna offre all’amica il suo sostegno e Silvia confessa quello che è successo: Noah non è stato felice di vederla, in quanto si è sposato e ha messo su famiglia. Anna dice all’amica che doveva aspettarselo, ma Silvia afferma di essere solo una stupida. Ora però è stufa di soffrire; ha deciso di chiudere per sempre con l’amore.

    Al Caffè Vulcano, Eleonora Palladini incontra Michele. I due parlano a lungo e scoprono di avere tante cose in comune; l’amore per la musica, per i viaggio, l’impegno sociale… fra i due si istaura un bel rapporto. Quando Eleonora torna a casa, casualmente ascolta una telefonata della madre e capisce che Federica ha un amante. Eleonora non perde tempo e l’affronta; la contessa all’inizio nega la cosa, ma poi è obbligata a confessare tutto. Eleonora è sorpresa, ma non più di tanto. Fra le due c’è molta sintonia e Eleonora vorrebbe sapere chi è il fortunato. Federica però non fa nomi e chiede alla figlia di mantenere il segreto. Eleonora accetta e confessa alla madre che anche a lei piace un ragazzo, appena conosciuto. Federica vorrebbe saperne di più, ma Eleonora non risponde; va via e si reca da Michele. Il Saviani è sempre più sotto pressione. La contessa continua a chiamarlo per chiedergli prestazioni sessuali e lui non sa cosa fare. La sua agitazione aumenta quando Eleonora gli rivela d’aver fatto una scoperta sconvolgente: sua madre ha un amante. Michele sbianca in volto, credendo che Eleonora abbia scoperto tutto. Indaga, e scopre, per sua fortuna, che la ragazza non conosce l’identità dell’uomo, ma è intenzionata a scoprirlo. Rimasto solo Michele riceve l’ennesima imboscata da parte della contessa ed è costretto a far sesso con lei, per raffreddarne i bollenti spiriti.

    Silvia torna a lavorare al Caffè Vulcano. Ciro e Margherita, in sua assenza, hanno assicurato il servizio, ma ora che lei è tornata tutto andrà meglio. La ragazza però è sempre giù per la storia di Noah. Si confida anche con Rita che, da brava chiromante, decide di leggerle le carte. Silvia, un po’ scettica, alla fine accetta. La Giordano ha delle notizie interessanti per lei: le carte dicono che presto troverà l’amore, quello vero. Silvia è scettica, ma Rita le assicura che le carte non mentono mai: lei deve solo sforzarsi di credere ancora nell’amore.

    Guido torna a casa di Nicky. Ormai tra i due c’è del tenero; si baciano e il Del Bue già immagina un futuro con lei. La ragazza però è strana, preoccupata; difatti quando Guido le fa delle avanches più intime, volendo andare oltre il bacio, lei si blocca e rifiuta. Guido non capisce il motivo del rifiuto, ma Nicky non dà spiegazioni; è sfuggente. Il Del Bue si allontana turbato. Nel frattempo Luca assiste Sergio, il quale inizia la chemioterapia. Per il De Santis è un momento drammatico; continua a rivivere il calvario della moglie, ma sente di dover stare vicino all’amico.

    E’ il giorno del battesimo di Valentino. I Poggi sono in subbuglio: tutto deve essere perfetto. Al termine della funzione religiosa celebrata da Don Antonio, si torna a Palazzo per un rinfresco. I Giordano scoprono di non essere stati invitati al battesimo del nipote. Delusi e infuriati, si recano dai parenti, chiedendo spiegazioni. Giulia confessa di aver pensato che a Rita avrebbe fatto male assistere alla celebrazione e vederli felici con il piccolo; quindi ha evitato di invitarli. Rita attacca la sorella e le due litigano, come anche Renato e Raffaele. Alla fine però i Poggi chiedono scusa ai parenti, e fra le due famiglie sembra ritornare il sereno.

    Claudia è in procinto di partire per Milano. Sta preparando le valige: per lei è molto importante questo viaggio; è in gioco il suo futuro. Francesca ha scoperto del viaggio della ragazza e confida a Michele che ha deciso di accompagnarla. Il Saviani è sorpreso e chiede all’amica cosa abbia in mente. La giornalista confessa di essere innamorata di Claudia e che farà di tutto per averla. Michele è divertito da tutta questa faccenda e si chiede come andrà a finire. Claudia, nel frattempo, è pronta per partire; Francesca si auto-invita. Poco dopo le due ragazze escono di casa: è ora di raggiungere la capitale dell’alta moda.

    E’ tutto pronto per l’attuazione del piano di Federica. La contessa chiede ad Alessandro di accompagnare la figlia di una sua amica ad una serata di gala, dove lui deve partecipare per motivi di public relations. Il Palladini pensava di portarci Anna, ma la fidanzata non ama queste cose. Lui farebbe qualsiasi cosa per rendere felice la madre e così accetta; gli viene presentata una bella ragazza, molto formosa, che fa subito capire di essere interessata a lui. Anna s’ingelosisce, capendo che si sta confrontando con una difficile concorrenza d’amore. Federica invece è entusiasta e, con Alberto, spera che la serata si svolga secondo i suoi piani.

    Tancredi è deciso a scoprire l’identità del ladro del cantiere. Prepara una trappola e ne parla con Renato. Il commercialista però è scettico: non funzionerà! Il conte però è sicuro del contrario e mette in opera il suo piano. Lascia dei soldi in bella vista e finge di uscire. Passano i minuti. Solo una persona è rimasta nei cantieri ed è proprio questa a mettere le mani su quel foglio. Tancredi interviene per scoprire di chi si tratta; crede di trovarsi dinanzi un membro della sua famiglia, ma la caccia gli procura una sorpresa davvero inaspettata: il ladro del cantiere è Adriana, la sua segretaria.

    Michele ormai è in piena crisi. Sta cercando in tutti modi di evitare complicazioni alla sua vita amorosa, divisa fra Federica e Eleonora. Il Saviani è sempre più affascinato dalla giovane Palladini, ma non sa come fare con la contessa, che continua a bersagliarlo di chiamate e richieste esplicite. Eleonora dal canto suo ha attrazione per il ragazzo e, ogni loro incontro è un’occasione per corteggiarlo. Michele non sa cosa fare; ma alla fine cede alla passione e si bacia appassionatamente con Eleonora. In breve i due finiscono a letto insieme; si amano a lungo in una travolgente notte d’amore nella camera della ragazza.

    Al mattino seguente Claudia e Francesca sono in treno, in viaggio verso Milano. Tutto sembra procedere nel migliore dei modi; le due ragazze trovano tantissime affinità e Francesca è intenzionata a riprovarci con la bella Costa, la quale però ora ha solo un obiettivo: trovare lavoro come modella. L’arrivo a Milano è sorprendente; giunge il momento di scendere dal treno e di prendere le valige. Appena in stazione però Claudia viene avvicinata da due agenti, che la perquisiscono e, trovando nella sua valigia un grosso quantitativo di cocaina, la invitano a seguirli in caserma. Claudia è sconvolta.

    Alessandro si sveglia e ripensa alla serata trascorsa con la ragazza benestante. Quasi involontariamente è preso dal suo fascino; sente di avere tantissime cose in comune con lei. Federica è felice nel vedere il figlio confuso: il suo piano sta funzionando. Alberto nel frattempo è da Anna e le racconta della stupenda serata di Alessandro. Anna è in agitazione e, quando viene raggiunta dal fidanzato, si scusa con lui per non averlo accompagnato e si ripromette di farlo alla prossima occasione!

    Eleonora è felice della notte d’amore passata con Michele. Si confida con la madre, che però insiste per sapere il nome dell’amante della figlia. Eleonora però si rifiuta, anche perché Federica non vuole parlarle del suo di amante. Nel frattempo, Tancredi è nel suo ufficio pensieroso. Il ladro del cantiere era Adriana, la sua segretaria, l’unica donna di cui realmente si fidava. La ragazza ha spiegato le motivazione del suo gesto, e Tancredi non sa cosa fare ora: deve licenziarla o fingere che non sia successo nulla?

    Claudia è stata trascinata nella caserma di Milano. Viene interrogata per via della droga, ma lei continua a professarsi innocente: non è sua, deve esserci stato uno scambio di valige. Il commissario però non sembra crederle: dicono tutti così. Claudia viene arrestata; chiama Alberto, ma lui non risponde. Così, in lacrime, supplica Francesca, che non l’ ha abbandonata, di tirarla fuori dal carcere. La giornalista promette che farà il possibile. Detto questo va via, in cerca dell’unica prova che possa scagionare l’amica: la sua vera valigia.

    Come promesso ad Alessandro, Anna cerca di inserirsi nella vita dei benestanti, un mondo a lei completamente estraneo. La Boschi non resiste molto in quella situazione di falsità e di ipocrisia generale e si scontra con Alessandro sui loro diversi ideali. Anna è arrabbiata con lui per via della festa del giorno prima, e del fatto che lui continua a parlare della ragazza. Il Palladini si difende: per lui si tratta solo di un’amica; ha solo fatto un piacere alla madre! Anna ribatte infuriata: ecco, il vero problema è che lui fa sempre quello che vuole Federica. Alessandro tenta di difendersi, ma Anna è stufa e preferisce tornare a casa.

    Francesca riesce a ritrovare la valigia di Claudia. Torna in caserma e spiega al commissario che sul treno c’è stato uno scambio di valige. Controllando il contenuto della valigia di Claudia e, vedendo che senza dubbio, appartiene alla ragazza, il commissario capisce lo sbaglio. Fa subito liberare Claudia, che abbraccia e ringrazia Francesca. Le due, dopo aver ricevuto le scuse da parte della polizia di Milano, si allontanano e si recano in albergo. Claudia è giù di morale e Francesca fa di tutto per consolarla.

    Un nuovo giorno sorge su Napoli. Eleonora torna a vedersi con Michele. I due sono in perfetta sintonia; si baciano e già iniziano a sognare un futuro insieme. In quel mentre arriva Federica che, sorprendendoli uno nelle braccia dell’atro, capisce che i due sono amanti. Eleonora cerca di spiegare alla madre che Michele è dolce, passionale, è un uomo incredibile. Il Saviani è sconvolto: teme che Federica possa confessare la loro relazione. La contessa però non dice nulla ma, infuriata come non mai, vieta alla figlia di continuare a vedersi con quel giornalista da quattro soldi. Eleonora non capisce le motivazioni, e Michele, vedendo che la situazione sta degenerando, preferisce andare via: forse ha ragione Federica! Eleonora è delusa e si chiude in camera, mentre la contessa rimasta sola, medita sul da farsi.

    Tancredi è ai cantieri, nel suo ufficio. Arriva Adriana, che cerca nuovamente di spiegare le ragioni del suo gesto sconsiderato. Il conte non sa cosa fare. La ragazza allora cambia tattica e, seria come non mai, fa all’uomo una vera e propria dichiarazione di affetto: lei lo ama. Ecco perché si è comportata in quel modo: cercava da lui le attenzioni che da sempre sognava di ricevere. Tancredi è spiazzato, ma lei insiste; il conte è lusingato e cede; per lui è una rivalsa, è da tanto tempo che non sta con una donna. Adriana si butta fra le sue braccia: i due iniziano a baciarsi, e in breve fanno sesso in ufficio.

    Raffaele, in accordo con i Poggi, fa una sorpresa alla moglie: dato che Giulia e Renato sono a lavoro, il piccolo Valentino resterà con loro per tutto il giorno. Rita non riesce a credere alla cosa e corre ad abbracciare il piccolo. Per tutto il giorno Rita si comporta da zia premurosa: coccola Valentino, gioca con lui. Raffaele è entusiasta: finalmente la moglie è di nuovo sorridente. I Giordano iniziano anche a pensare all'adozione come unico mezzo per avere un altro figlio, ma devono fare i conti con la burocrazia italiana; bisogna assicurare al piccolo un futuro sicuro e purtroppo lo stipendio di Raffaele e l'amore di Rita non bastano per garantire tutto ciò. Raffaele cerca di far forza alla moglie, che però non riesce a capire come abbia fatto Giulia ad adottare un bambino in così poco tempo. Giulia, mentendo, rivela che lei era da anni in lista d'attesa; e poi lo stipendio di Renato e il suo lavoro al Centro l' hanno aiutata ad accelerare i tempi. Rita ascolta tristemente le parole della sorella, quasi come se avesse intuito le sue bugie… ma no, è solo un attimo, un attimo che però non le permette di nascondere una certa invidia nei confronti di Giulia.

    Claudia e Francesca sono appena tornate a Napoli, alla terrazza. La giornalista decide di riposarsi un po’, mentre Claudia esce per fare una commissione importante. Si incontra con Alberto e, infuriata, racconta della sua disavventura a Milano. Il Palladini non dà molta importanza alla cosa: dopotutto può succedere a tutti. Claudia è inorridita: ad Alberto non importa nulla di quello che le è successo; ora capisce perché non le ha risposto al telefono. Il Palladini è stufo di ascoltare le recriminazioni della ragazza e, vedendo che lei insiste, la umilia in pubblico: loro non sono fidanzati e non hanno nessun vincolo di alcun genere; in tutti questi mesi, lui l’ ha solo usata quando ne aveva bisogno; un po’ come si fa con una *******. Claudia sconvolta fugge via, quasi in lacrime: non vuole vederlo mai più.

    Guido si rivede con Nicky. Questa volta l’incontro è più romantico del solito; i due si baciano e sembrano sul punto di andare oltre. Nicky però si ferma: non può, non deve farlo! Guido non capisce il comportamento della ragazza e le chiede spiegazioni. Nicky non vorrebbe: ha paura di perderlo! Guido non capisce e obbliga la ragazza a dirle cosa le sta nascondendo: qual è il suo segreto? Nicky prende coraggio e confessa la tremenda verità: lei era un uomo. Guido è sconvolto.
    Ultima modifica di Simone 22; 04-02-2013 alle 15:10


  3. #18
    Redattore L'avatar di Simone 22
    Data Registrazione
    Oct 2005
    Messaggi
    17,728

    Predefinito

    Capitolo 16

    Guido è atterrito; non riesce a credere di non aver capito nulla e si sente preso in giro. Nicky cerca di spiegare le sue motivazioni: si è sempre sentita donna, ma solo dopo l’operazione lo è diventata realmente. Guido fugge via, torna a casa e si confida con gli amici, e con sua cugina Silvia. Tutti sono ovviamente sorpresi dalla cosa, ma invitano Guido ad ascoltare il suo cuore. Il Del Bue è confuso: Nicky gli piace, ma il fatto che sia un transessuale cambia tutto; di sicuro non potrà avere una storia con lei, e forse non se la sente nemmeno di averla come amica.

    Il giorno dopo, mentre i Poggi fanno la conoscenza di Marcello Bennato, nuovo professore d'italiano di Angela, e restano positivamente sorpresi da lui, Michele torna a vedersi con Eleonora. I due ragazzi sono sempre più uniti, ma il loro incontro non sfugge agli occhi della contessa. Michele, stufo delle minacce della donna, capisce che è arrivato il momento di affrontarla una volta per tutte. Federica è furiosa nello scoprire che Michele si è innamorato di Eleonora e medita vendetta. La giovane Palladini segue la conversazione e Michele, stanco di mentirle, le confessa che l’amante di sua madre è lui. Eleonora è scioccata e non sa cosa dire. Michele vorrebbe spiegarle tutto, ma la ragazza lo caccia via: non vuole mai più vederlo. Sul volto di Federica appare un ghigno di soddisfazione.

    Ai cantieri, Tancredi sta ripensando alla notte di sesso con Adriana e fantastica di dare un seguito al loro incontro. I suoi pensieri vengono interrotti dall’arrivo di Renato, che chiede se la trappola abbia funzionato. Ovviamente Tancredi mente: il suo piano è fallito miseramente, e quindi bisogna continuare le indagini. Renato si mette subito all’opera e Tancredi finge di aiutarlo. Quando però il conte lascia i cantieri e si allontana per una commissione, Renato fruga nel sul ufficio e trova della biancheria intima femminile. Il ragioniere è sorpreso: possibile che Tancredi abbia un’amante? Possibile che un uomo del suo rango sia capace di comportamenti indecenti? Questi tarli si insinuano nella mente di Renato, che comincia a sospettare che il conte stia nascondendo qualcosa.

    Le cose fra Anna e Alessandro non vanno molto bene. La Boschi non si sente più al centro delle attenzioni del ragazzo, che secondo lei preferisce dedicarsi al lavoro, anziché passare del tempo con lei. Anna si ritrova costretta a mettere alla prova Alessandro e lo pone di fronte ad una scelta: o lei o gli affari. Il Palladini capisce che Anna è stanca di essere messa sempre al secondo posto e, per paura di perderla, sceglie coraggiosamente lei e mette da parte gli affari. Questa scelta però gli causa non pochi problemi con i cantieri e deve subirne le conseguenze: Federica ovviamente non accetta che il figlio metta il lavoro in secondo piano, per accontentare le futili richieste di Anna.

    Guido, seppur ancora sotto shock per la scoperta della vera sessualità di Nicky, consigliato dagli amici, si reca dalla ragazza. Il Del Bue, imbarazzo, confessa di essere rimasto deluso da tutto ciò, e mette in chiaro che ovviamente fra loro non ci potrà mai essere nulla. Nicky è triste, ma capisce. Guido però ci tiene a precisare che, seppure non ci sarà amore, fra loro è nato un bel rapporto che potrà trasformarsi in una bella amicizia. Nicky ringrazia Guido e lo abbraccia.

    Claudia, triste per la fine della sua storia con Alberto, trova conforto in Francesca, che da qualche giorno si è trasferita alla terrazza. La giornalista si offre come spalla su cui piangere, e Claudia le confida tutto il suo dolore: lei ama Alberto, e credeva che anche lui fosse innamorato di lei. Francesca la invita a guardarsi intorno: Alberto non la ama, ma lei sì. La giornalista dichiara tutto il suo amore a Claudia che, forse perché sotto shock, inizia ad esplorare nuovi punti di vista sulla sessualità femminile.

    Al mattino seguente, Angela e Stefi sono a scuola: il nuovo professore di italiano sta facendo lezione. Al termine, Marcello Bennato si avvicina alla giovane Poggi e, mentre le accarezza i capelli, la invita a casa sua: può aiutarla a fare un ripasso delle ultime lezioni, in vista dell’ultima interrogazione. Angela, seppur sorpresa, accetta e nel pomeriggio si reca dal professore. Marcello si comporta affettuosamente con lei, ed Angela appare stregata dal suo modo di fare.

    Michele, stanco della situazione che si è venuta a creare con Federica, ritorna ad essere l’idealista di sempre. Parla con Alessandro e gli confessa ogni cosa: della sua relazione con Federica e del suo amore per Eleonora. Alessandro è sconvolto e va via disgustato. Sale dalla madre e le rinfaccia ogni cosa: come ha potuto tradire il padre, con il suo migliore amico. Federica cerca di discolparsi, dando la colpa di tutto a Michele. Alessandro però non ne vuole sapere: sia lei che Michele hanno le loro responsabilità. Il Saviani, nel frattempo, cerca di salvare il suo rapporto con Eleonora, ma la ragazza non è disposto a perdonarlo. Michele, triste, torna alla terrazza e riflette. Ha perduto tutto: l’amore di Eleonora, l’amicizia di Alessandro e anche il lavoro. Ormai restare a Palazzo Palladini è come vivere in un incubo: meglio partire, meglio lasciare Napoli per sempre.

    Rita trascorre sempre più tempo insieme al piccolo Valentino. Ha ritrovato la gioia di vivere e non vuole allontanarsi dal piccolo nemmeno per un secondo. Raffaele e Giulia giungono in casa e, notando Rita assieme al bambino, si accorgono che la donna sta maturando una vera e propria ossessione per Valentino. Ovviamente Giulia è lì per riprendersi il bambino, ma Rita chiede alla sorella di lasciarglielo ancora per un po’. Raffaele dice alla cognata di non preoccuparsi: le porterà lui il piccolo fra non molto. Giulia si allontana alquanto preoccupata. Torna a casa e ne parla con Renato: è convinta che la sorella abbia dei seri problemi mentali. Quando Raffaele giunge con Valentino, i coniugi Poggi ne approfittano per parlargli. Il portiere capisce che hanno ragione: l’unica cosa da fare è mettere Rita di fronte alla dura realtà.

    Alberto invita Claudia a cena. La ragazza è sorpresa ma, sperando in una riconciliazione, accetta l’invito. Purtroppo l’ennesima delusione è in agguato: il Palladini vuole solo portarsela a letto, come si fa con una qualunque prostituta. Claudia è atterrita, ma risponde con sangue freddo ad Alberto: lei non è una ******* e non lo sarà mai! Alberto cerca di ammaliare la ragazza: è certo di piacerle. Claudia, però, disgustata, offende l’avvocato e va via. Alberto è amareggiato: anche Claudia, l’unica che finora gli è sempre stata fedele, l’ ha abbandonato! La Costa, intanto, è tornata alla terrazza. Si confida con Francesca, appena uscita dalla doccia, che consiglia all’amica di andare a farsi un bagno caldo: servirà a calmarla.

    Michele, dopo aver riflettuto a lungo, decide di rimanere a Napoli, di non mollare più il lavoro: non deve fuggire, ma deve affrontare tutti i suoi problemi. Nel frattempo, Alberto, tornato a casa, ancora deluso dal comportamento di Claudia, apprende della relazione fra sua madre Federica e Michele. L’avvocato, furioso, decide di farla pagare cara a Michele, che a suo modo di vedere ha fatto il doppio gioco, portandosi a letto sia sua madre che sua sorella.

    Raffaele e Giulia sono in casa Giordano e stanno parlando con Rita. Giulia cerca di far capire alla sorella che Valentino è suo figlio, e che lei è solo la zia. Rita all’inizio nega la cosa, ma Raffaele mette la moglie davanti al fatto compiuto: lei ha un serio problema psicologico. La donna è sconvolta e scoppia in lacrime: non ha ancora superato il trauma dell’aborto. Giulia cerca di far capire a Rita che la vita va avanti; deve riuscire a lottare per lei per e per la sua famiglia. Raffaele abbraccia la moglie: insieme riusciranno a superare tutto. Rita annuisce con la testa: è ora di ricominciare a vivere.

    Claudia ha seguito il consiglio di Francesca e si è rilassata con una doccia calda. Torna in camera, avvolta in un asciugamano azzurro. Francesca, ancora nel suo accappatoio giallo l’attende sul letto. Claudia le si siede di fianco e le due ragazze iniziano a parlare; cresce l’intimità e, socchiudendo gli occhi, si avvicinano e si baciano. Bacio passionale, che in pochi secondi, fa scivolare le due ragazze sul letto, dove continuano ad amoreggiare per tutta la notte. Al mattino seguente, Claudia si sveglia: ripensa a quello che è successo! Francesca è sdraiata accanto a lei e la bacia con amore. La Costa è confusa: non sa cosa fare. La giornalista si alza per andare a lavoro, dopo aver dato un altro bacio alla “fidanzata”. Rimasta sola, Claudia è inorridita: non sa cosa le sta accadendo e soprattutto non sa come comportarsi con Francesca.

    Alberto parla con Alessandro della situazione che si è venuta a creare a causa di Michele Saviani. L’avvocato cerca di convincere il fratello a vendicarsi del giornalista. Alessandro, però, nonostante tutto, vuole bene a Michele e non intende allearsi con Alberto. L’avvocato prende il rifiuto come un segno di vigliaccheria del fratello. Alessandro, dal canto suo, deve vedersela anche con mamma Federica, che sta cercando in tutti i modi di riavvicinarsi a lui. Ora, addirittura, fa la carina con Anna, ma Alessandro non è un idiota e capisce perfettamente che la madre ha inscenato questa farsa solo per il suo solito tornaconto. Il Palladini decide di andare a parlare con Michele. Il giornalista si dice disperato all’idea di non rivedere mai più Eleonora. Alessandro conforta l’amico: sì, è vero, lui ha sbagliato, ma se il suo amore per sua sorella è sincero, deve lottare per riconquistare il suo rispetto e il suo amore. Michele ringrazia Alessandro e lo abbraccia: grazie alle sue parole ha ritrovato la speranza.

    Tancredi è in ufficio. Adriana è sempre più ossessiva. Il conte però ha già parlato con la segretaria e le ha fatto capire che quello che è successo l’altra notte è stato solo uno sbaglio; certo gli è piaciuto, ma non si ripeterà più. Adriana avverte Tancredi: se mette fine alla loro storia, se ne pentirà amaramente. Il conte sottovaluta le minacce della segretaria e torna a lavorare. Ben presto però viene contattato dal commissariato di Napoli: su di lui gravano pesanti accuse di violenza sessuale ai danni della sua segretaria. Tancredi è sconvolto e cerca di spiegare che si tratta di un malinteso: non riesce a credere che Adriana sia arrivata a tanto.

    Angela torna ad incontrarsi con il professore. L’anno scolastico è ormai finito ed Angela verrà sicuramente promossa a pieni voti. Marcello comincia a comportarsi in modo strano: cerca di sedurre la ragazza, che si mette un po’ di paura e, con una scusa, si allontana. Nel frattempo, Silvia continua la sua ricerca dell’uomo ideale. I suoi occhi si posano su Luca, grande amico che però potrebbe rivelarsi un dolce e sensazionale amante. L’unico problema ora è far in modo che il dottore si accorga di lei. La ragazza mette in atto una strategia per far breccia nel cuore del De Santis, che però fallisce miseramente, in quanto Luca continua a vederla solo come una cara amica. Forse anche perché il dottore, in questo periodo, è molto preso dalla malattia di Sergio e cerca disperatamente di convincere l’uomo a lottare ancora contro la leucemia e a non arrendersi.

    Passano i giorni e per Claudia è giunto il momento di prendere un’importante decisione: deve continuare o meno la sua relazione con Francesca? La ragazza è confusa: da una parte sa di provare qualcosa per la giornalista, ma dall’altra è certa che non è questo che desidera dalla sua vita. Non si confida con nessuno: è troppo delicata la questione per sottoporla a tutti i suoi amici. Deve decidere lei, senza l’interferenza di nessuno. Appena ha l’occasione di rimanere sola con Francesca, fa tutto un discorso alla ragazza, facendole capire che lei aspira ad altro nella vita. La giornalista cerca una timida difesa: non deve mettere i suoi sentimenti all’ultimo posto. Claudia però confessa di non avere dei veri e propri sentimenti per lei; forse la delusione della sua storia con Alberto, l’ ha spinta fra le braccia della prima persona che si è dimostrata sensibile con lei. Francesca è delusa, ma non può fare altro che chiedere a Claudia se almeno possono restare buone amiche. La Costa abbraccia amichevolmente Francesca, che decide di prendere le sue cose e tornare nella sua vecchia casa.

    Michele, seguendo il consiglio di Alessandro, cerca di avvicinare Eleonora, ma la ragazza lo evita: per lei la loro storia è ormai finita. Il giornalista triste e sconsolato torna alla terrazza, dove lo attende una spiacevole sorpresa. Anna ha organizzato un pranzo coi fiocchi, in onore di un ospite a sorpresa: Federica Palladini. Michele non sa come comportarsi; la contessa per tutto la durata del pranzo gli lancia frecciatine e lo mette in difficoltà con gli altri ragazzi della terrazza. Fortunatamente arriva la fine del pasto, e Michele, con la scusa di recarsi a lavoro, fugge a gambe elevate.

    In casa Giordano sta tornando la tranquillità. Rita sta meglio, ma i problemi non sono finiti. Questa volta è Diego che è in difficoltà. La scuola è finita e il ragazzo rischia seriamente di perdere l’anno. Raffaele e Rita, per evitare il peggio, tentano l’ultima carta e si recano a parlare con i professori. L’indomani ci sarà il consiglio di classe che deciderà le sorti dei ragazzi; i Giordano supplicano i docenti di aiutare Diego. Nel frattempo Angela ha ricevuto un nuovo invito da parte di Marcello. La ragazza si confida con Stefi, che le consiglia di non recarsi all’appuntamento: quel Bennato è pericoloso. Angela però fa di testa sua e si reca dal professore, le cui avanches si fanno sempre più esplicite. La Poggi poi si alza dal divano e scopre una stanza piena di sue foto. Sconvolta, vorrebbe fuggire, ma Marcello vuole impedirglielo. L’arrivo di Stefi evita che la situazione degeneri; Angela ringrazia l’amica: se non fosse arrivata lei, chissà cosa sarebbe successo!

    Il mattino porta nuovi guai per Tancredi. Un quotidiano di Napoli pubblica un articolo sulle “malefatte” del conte Palladini. Tutti gli abitanti del palazzo apprendono la notizia e ovviamente c’è chi crede alla cosa e chi sostiene che Tancredi non compierebbe mai azioni di questo tipo. Anche in casa Palladini è giunto il quotidiano. Tutti sono increduli, ma danno per scontato che la notizia sia vera. Così Tancredi si ritrova completamente solo ad affrontare i suoi problemi. L’accusa di molestie sessuali è un duro colpo da affrontare e purtroppo il suo cuore non riesce a sostenere la cosa. Un principio di infarto s’impadronisce del conte, che crolla a terra in preda a fortissime fitte al petto.
    Immagini allegate Immagini allegate
    Ultima modifica di Simone 22; 04-02-2013 alle 15:10


  4. #19
    Redattore L'avatar di Simone 22
    Data Registrazione
    Oct 2005
    Messaggi
    17,728

    Predefinito

    Capitolo 17

    Tancredi, prontamente soccorso dai familiari, viene portato in ospedale per accertarsi delle sue condizioni. Il medico conferma che si è trattato di un principio di infarto e che il conte deve stare molto attento: non deve affaticarsi e soprattutto basta forti emozioni. Le sue condizioni destano qualche preoccupazione, ma per ora può tornare alla sua vita. Il conte ringrazia il dottore e torna a casa con i parenti.

    Al mattino seguente, Angela, Stefi, Dario e Diego si recano a scuola per vedere i quadri della promozione. Angela e Stefi esultano di gioia; entrambe promosse a pieni voti: a Settembre inizieranno il quarto anno! Diego è giù di morale: è sicuro che sia stato bocciato; si avvicina alla parete e, con rassegnazione, cerca il suo nome. Gli occhi gli brillano di gioia: è stato promosso, come anche Dario: a Settembre loro inizieranno il terzo superiore! I ragazzi corrono a dare la bella notizia ai familiari. I Poggi e i Giordano esultano di gioia. Per due motivi differenti: i primi, dando per scontato la promozione di Angela, sono felici di sapere che la figlia ha la media dell’8; i Giordano, nel loro piccolo, festeggiano la promozione del figlio: certo, ha alcune materie da recuperare, ma l’importante è che non abbia perso l’anno.

    Francesca ha deciso di andare via da Napoli. Lei non vuole più nascondere i propri gusti sessuali e in questa città si sente emarginata dalla società ancora troppo chiusa. Saluta Michele, al quale chiede di riprendere il suo posto a “La Notizia”: la ragazza ne ha già parlato con Aldo, che si è detto favorevole al suo ritorno. Per il Saviani è una bella notizia: finalmente può chiudere definitivamente con Federica e Patrizia. Francesca saluta anche Claudia, e le augura di trovare la sua anima gemella. Le due si abbracciano e la giornalista va via. Michele corre subito al giornale e Aldo è felice di riassumerlo.

    Nicky ricompare nella vita di Guido. La ragazza è in difficoltà: ha perso il lavoro ed ha urgente bisogno di trovarne un altro, altrimenti non potrà pagare l’affitto della casa, dove già si trova in difficoltà a causa dei condomini dello stabile, che non accettano le sue scelte sessuali. Guido promette di aiutarla. Si reca subito da Silvia e le espone il problema: magari potrebbe assumerla come barman al Caffè Vulcano. La Graziani ci pensa un po’: forse dovrebbe interpellare Alberto. Guido però le ricorda che il Palladini le ha dato carta bianca per il bar e che quindi lei può prendere qualsiasi decisione sulla gestione. Silvia sorride e accetta. Guido chiama subito Nicky e le dà la bella notizia: è la nuova barman del caffè Vulcano.

    In casa Poggi, superata l’enfasi per la promozione di Angela, è il momento di affrontare un nuovo problema. Giulia, ormai presa anima e corpo dal suo lavoro al Centro d’Accoglienza, non sa come fare con il piccolo Valentino: forse è giunto il momento di trovare una badante. Renato però è contrario e cerca ci convincere la moglie a lasciare il lavoro per occuparsi del figlio. Il battibecco fra i due è interrotto dal campanello. Giulia apre la porta e rimane sorpresa nel trovarsi di fronte sua madre Agnese.

    Tancredi ha ormai solo una cosa in mente: risanare la sua immagine pubblica. Michele, in veste di giornalista, decide di aiutarlo. Insieme sviluppano una strategia di difesa; in pratica un articolo di giornale, in cui il conte racconta la sua versione dei fatti. Lui non ha abusato di Adriana; è stato vittima di una trappola. Hanno fatto sesso, ma entrambi erano consapevoli. Dopo aver dato la sua versione, Tancredi lascia Michele lavorare in pace: l’indomani l’articolo farà bella mostra sul giornale.

    L’arrivo di Agnese porta scompiglio a Palazzo Palladini. Subito viene organizzata una riunione familiare. Rita riabbraccia la madre, e Diego e Angela rivedono la nonna, dopo tanto tempo. Anche Raffaele è felice dell’arrivo della suocera; l’unico un po’ a disagio è Renato. Agnese infatti è a conoscenza della passata storia extra-coniugale che l’uomo ha avuto con Claudia e non riesce a perdonarlo. Non capisce come possa aver fatto la moglie a perdonarlo e a riprenderlo in casa con sé.

    Silvia, dopo una magra figuraccia, capisce che l’unico modo per farsi notare da Luca, è dichiarargli apertamente la sua infatuazione. Così, organizza una passeggiata sulla spiaggia e appena riesce a trovare il momento adatto, confessa al dottore di essersi innamorata di lui. Luca è sorpreso; ma non troppo: negli ultimi giorni Silvia era strana ed era chiaro che qualcosa le balenava nella mente. Luca spiega alla ragazza che la sua infatuazione non è simbolo di amore. Lei deve trovare l’amore in un ragazzo coetaneo; un ragazzo che possa capirla, confortarla e renderla felice. Lui invece può offrirle una profonda amicizia, basata sul rispetto reciproco e sulla sincerità. Silvia chiede a Luca se proprio per loro non ci sono speranze; Luca l’abbraccia e le dice che le vuole bene.

    Al mattino seguente, l’articolo di Michele fa bella mostra in prima pagina su “La Notizia”. Tutti gli abitanti del Palazzo leggono la confessione di Tancredi; il conte ha dato la sua versione dei fatti anche in questura, e ovviamente non avendo commesso il fatto viene scagionato e per Adriana, costretta a confessare, giunge il momento di pagarla. Ovviamente per Tancredi è la fine di un incubo, ma ora c’è un nuovo problema da affrontare: ripristinare la sua reputazione.

    Mentre Renato, suo malgrado, capisce che riguadagnare il rispetto e soprattutto l’affetto della suocera sarà molto difficile, Michele cerca di ristabilire i suoi rapporti con Eleonora e con Alessandro. Con questi la cosa è più facile; ormai il loro rapporto sta tornando quello di sempre, mentre la giovane Palladini ancora non ha mandato giù la relazione tra lui e sua madre Federica, e quindi continua ad evitarlo e a trattarlo con freddezza.

    Angela continua a subire le attenzioni del professor Bennato. Marcello, però, si fa sempre più insistente: vuole la ragazza tutta per sé. Angela cerca di fargli capire di non essere interessata alla cosa, ma Marcello non è intenzionato a ricevere un no e quindi continua a braccarla e a pedinarla. In quel mentre Alberto si reca al Caffè Vulcano e fa la conoscenza di Nicky. L’avvocato appare affascinato dalla ragazza e inizia un sottile corteggiamento con lei. I due scoprono di avere alcune cose in comune, ma Nicky frema il Palladini confessando di essere una transessuale. Alberto è sconvolto e fra i due c’è un duro scontro. Alberto non riesce ad accettare la ragazza e non sopporta l’idea che nel suo bar ci lavori una trans. Nicky si difende, alza la voce e dà del razzista al Palladini. Alberto non ci pensa su due volte e licenzia in tronco la ragazza.

    Anna è molto preoccupata: sono mesi che la madre è a Milano per il processo di suo fratello Franco e la via per una soluzione sembra ancora lontana. La ragazza vorrebbe in qualche modo aiutare la famiglia, ma non sa come. Non trova neanche il coraggio di confidarsi con qualcuno; nemmeno con Alessandro: ama il ragazzo, ma ha paura di una sua reazione nel sapere che lei ha un fratello in carcere. Il Palladini, dal canto suo, ha preparato una romantica serata per Anna, durante la quale prende una decisione sorprendente e allo stesso tempo sconvolgente: chiede all’amata di diventare sua moglie. Anna è sbalordita, ma felice: finalmente qualcosa di positivo inizia a smuovere la sua vita. Così accetta emozionata di diventare la signora Palladini.

    Il giorno dopo, la notizia del licenziamento di Nicky fa il giro del palazzo. Tutti sono amareggiati e delusi dal comportamento di Alberto. Si cerca una soluzione, un modo per far cambiare idea all’avvocato. Guido e Silvia, con l’aiuto di Raffaele, decidono di organizzare una divertente vendetta per aiutare Nicky a riavere il posto. Alberto, suo malgrado, è costretto ad affrontare una vera e propria protesta al Caffè Vulcano: deve riassumere Nicky! L’avvocato però non ne vuole sapere: nel suo locale non vuole come cameriera una trans. Invita Silvia a tornare a mettersi a lavoro e a non organizzare più ribellioni di questo tipo. Guido è deluso e cerca di consolare Nicky, che però capisce che Alberto non ha tutti i torti: non è facile accettare la sua sessualità. Perfino Guido ci ha messo un po’ per accettarla; quindi lei preferisce andare via da Possilipo. Guido la riaccompagna nel palazzo in cui vive, dove ormai, grazie all'aiuto del Del Bue, la ragazza si è integrata con tutti i condomini. Nicky è triste e Guido le chiede se c'è qualcosa che possa fare per aiutarla. Lei allora gli confida che da tutta questa vicenda ha capito di amare ancora il suo ex, con il quale si sentiva libera di essere se stessa, senza nessun tipo di vergogna. Guido ascolta attentamente tutta la storia e decide di aiutarla a riconquistare il suo uomo.

    Le condizioni di Sergio peggiorano ogni giorni di più; così l’uomo viene ricoverato in ospedale. Luca cerca di fare il possibile per aiutare l’amico ad affrontare il suo destino crudele, invitandolo a lottare fino alla fine. Sergio non nasconde i suoi propositi di suicidio a Luca, che però riesce a dissuaderlo. Anche Angela, dal canto suo, continua a lottare. Certo nel suo caso non si tratta di malattia, ma l’ossessione di Marcello nei suoi confronti è ormai al culmine. Stanca di essere braccata, la giovane Poggi è costretta a chiedere aiuto e, almeno per il momento, riesce ad allontanare il professore.

    Alessandro e Anna annunciano il loro prossimo matrimonio ad amici e parenti. Tutti sono felici per loro. Tancredi già considera Anna una di famiglia e anche Eleonora è ben felice di averla come cognata. Alberto e Federica invece sono contrari. L’avvocato è invidioso: lui ama Anna alla follia e non riesce ad accettare il fatto che lei possa sposare suo fratello Alessandro. Federica, invece, è davvero terrorizzata all’idea che Anna possa entrare a far parte della famiglia. E’ decisa a fare qualunque cosa pur di impedire questo matrimonio: così organizza a casa Palladini un grande ricevimento mondano al fine di mettere in difficoltà la giovane Boschi.

    Guido è riuscito a rintracciare l'ex fidanzato di Nicky. Il ragazzo inizialmente è turbato e sembra non volerne sapere di lei. Guido capisce che il suo atteggiamento è solo difensivo e racconta al giovane le ultime vicissitudini della ragazza, che ha finalmente trovato il coraggio di non vergognarsi più per le sue scelte sessuali e si sente pronta per vivere la loro storia alla luce del sole. Il giovane è sorpreso e quasi non crede alle parole di Guido, ma poco dopo è la stessa Nicky che confessa la verità al ragazzo. Dopo un chiarimento è facile la riappacificazione, che viene sancita con un bacio sotto gli occhi commossi di Guido. Nicky però non si è dimenticata di lui e corre ad abbracciarlo, ringraziandolo per il supporto e la forza che le ha dato. Ora è pronta per ricominciare da capo, senza paura di nessuno e soprattutto accanto alla persona che realmente ama, e che riesce a farla sentire bene. Guido è felice per lei e la saluta quasi con le lacrime agli occhi. Il loro è un addio che però porta in sé tutto l’amore di una vera amicizia.

    In casa Poggi la convivenza fra Renato e Agnese è giunta al culmine. La madre di Giulia continua a trattare con diffidenza il genero, per la storia del suo tradimento con Claudia. Renato, esasperato, trova l’unico modo per difendersi: confessare ad Agnese che anche Giulia ha avuto una relazione extra-coniugale. La donna è sconvolta nell’apprendere che sua figlia e il dottor De Santis hanno avuto un’intensa storia d’amore. Affronta la figlia e si fa raccontare tutto. Giulia confessa che la sua storia con Luca è stata successiva al tradimento di Renato con Claudia, e che quindi il suo non è stato un vero e proprio tradimento.

    Michele non sa più come fare. Nei suoi pensieri c’è solo Eleonora. Non riesce ad accettare il fatto che abbia perso il grande amore della sua vita. Cerca disperatamente di risanare il rapporto con la ragazza. Riesce a parlarle, riesce a spiegarle tutto, ma Eleonora non vuole tornare sui suoi passi. Lei è stanca di soffrire; è tornata a Napoli proprio per riprendersi da grandi delusioni e non vuole ricascarci di nuovo. Invita Michele a non cercarla più e, se gli riesce, di dimenticarla. Il giornalista capisce che non può costringere la Palladini a fidarsi di lui; con dolore, decide di rinunciare per sempre a lei. Eleonora, però, capendo che sta per perdere definitivamente il ragazzo, lo raggiunge e, perdonandolo, lo bacia con passione.

    I primi caldi estivi fanno venire a Diego e Dario una geniale idea. Passare la notte sulla spiaggia privata di Palazzo Palladini. Raffaele è un po’ contrario alla cosa, ma i due giovani riescono a convincerlo. Così, campeggiatori inesperti, piantano una tenda sulla battigia. Con alcune difficoltà riescono nell’impresa e si apprestano a passare la notte. All’improvviso i due vengono colti da spavento. Nel buio si sentono alcune voci spaventose e un’ombra, come di fantasma si avvicina a loro, urlando di essere il conte Giacomo. I due ragazzi presi dallo spavento, fuggono a gambe elevate e tornano a casa e raccontano a Raffaele e Rita dell’accaduto. I coniugi Giordano ascoltano con interesse il racconto, ma poi scoppiano a ridere. Il fantasma non era altri che Raffaele, che ha voluto verificare il coraggio dei due ragazzi. Diego e Dario si arrabbiano e decidono di orchestrare una rivincita ai danni del Giordano: la storia del fantasma del conte Giacomo non finisce qui!

    Al mattino seguente, Federica continua a mettere a punto i preparativi per il grande ricevimento della serata a casa Palladini. Mentre Tancredi vede la serata come un modo per ripristinare la sua reputazione dopo lo scandalo di Adriana, la contessa inizia a mettere in atto il suo piano per umiliare Anna durante la festa. Nel frattempo la notizia della festa gira nel Palazzo. Eleonora e Michele ci andranno insieme: si amano e vogliono gridarlo al mondo intero. Claudia, dal canto suo, vede l’evento come una buona occasione per farsi notare e cerca di fare di tutto per farsi invitare. Anna, invece, è in agitazione; per lei sarà la sua prima uscita ufficiale al fianco di Alessandro ed ha paura di fare brutta figura.

    Mancano ormai pochi giorni dall’inaugurazione del “Dreamer”. Le condizioni di Sergio Masullo si aggravano ulteriormente. E’ costretto a letto e Luca è al suo capezzale. Anche Alessandro e poi Silvia si recano a trovarlo. La Graziani vorrebbe aiutare l’uomo a non arrendersi e per fare ciò ha preparato una sorpresa per lui: la visita di sua figlia Eva. Sergio è sorpreso di vedere la figlia dopo tanti anni. I due parlano a lungo di tutto questo tempo trascorso: dal giorno in cui, dopo una violente lite, le loro vite si sono separate. Silvia e Luca assistono commossi alla riappacificazione dei due e il De Santis può constatare un leggero miglioramento delle condizioni del vecchio imprenditore.

    Giunge la sera: nel palazzo c’è grande attesa per la festa dei Palladini. Tutto è ormai pronto. Raffaele al portone accoglie gli invitati: i più ricchi e benestanti cittadini di Napoli. Sono presenti anche i Poggi, Eleonora e Michele, Alberto, Alessandro e Anna, e anche Claudia, che è riuscita a farsi invitare. La contessa non gradisce la presenza di Anna e le dà fastidio che il figlio la presenti a tutti come la sua futura moglie. Federica così afferma davanti a tutti che la giovane Anna è solo una mendicante poco di buono, che è riuscita a manipolare suo figlio. Anna, stanca di subire l’ennesima umiliazione, si difende e grida a tutti i presenti le origini misteriose della contessa: del fatto che è figlia di una popolana che si prostituiva per portare dei soldi in casa. Tutti rimangono sconvolti dalle parole di Anna; in pochi secondi nel salone si crea il panico generale.
    Ultima modifica di Simone 22; 01-06-2016 alle 14:59


  5. #20
    Redattore L'avatar di Simone 22
    Data Registrazione
    Oct 2005
    Messaggi
    17,728

    Predefinito

    Capitolo 18

    La rivelazione di Anna ha sconvolto tutti i presenti alla festa. Tancredi prende forza e chiede agli ospiti di andare via: il ricevimento è da ritenersi concluso. Tutti sono atterriti; Anna è andata via e, alla terrazza, si sta confidando con Silvia: teme di aver perso Alessandro. Federica, nel frattempo, deve dare delle spiegazioni ai suoi figli; confessa di essere realmente figlia di una popolana, ma nega il fatto che sua madre fosse una prostituta. Anna si è inventata tutto per metterla in cattiva luce. Tancredi è l’unico che conosce la verità: vorrebbe essere onesto con i figli, ma per amore di Federica decide di assecondarla. Alessandro, nel frattempo, raggiunge Anna alla terrazza. La ragazza cerca di spiegarsi, ma lui non ne vuole sapere: è solo una bugiarda; sua madre ha sempre avuto ragione sul suo conto. Anna cerca una timida difesa, ma Alessandro non gliene dà il tempo: non vuole più sposarla e forse non vuole neanche continuare a vederla. Rimasta sola, Anna scoppia in lacrime.

    Al mattino seguente, in casa Giordano si parla di ciò che è successo. Raffaele e Rita sono dispiaciuti per Anna: Federica è riuscita di nuovo a dividerla da Alessandro. Diego e Dario, nel frattempo hanno organizzato la loro vendetta ai danni di Raffaele. Ovviamente si tratta solo di uno scherzo innocente di due ragazzini, che però fa venire a Raffaele un’idea geniale. Ora che la serenità familiare è stata ritrovata, sarebbe bello organizzare un “secondo matrimonio” per festeggiare l’evento. Inizia però una diatriba, in quanto Rita non vede la necessità di sposarsi di nuovo. Spiega le sue motivazioni a Raffaele: lei si è sposata un’unica volta e con l’uomo che ama; ora non ha senso rifare il gesto. Il Giordano ci mette un po’ a capire la scelta della moglie, ma alla fine le dà ragione: per sancire il loro amore basta un semplice e tenero bacio.

    La notizia della frattura fra Anna e Alessandro è ormai di dominio pubblico. Ovviamente Federica gioisce: finalmente si è liberata di quella sgualdrina. Anna, nel suo piccolo, non riesce a darsi pace. E’ sopraffatta dalle accuse: quasi nessuno le crede, eccezione fatta per gli amici più stretti. Michele ed Eleonora, vedendo la ragazza in condizioni pietose, decidono di aiutarla. Nel frattempo Federica viene messa alle strette da Alessandro e Alberto ed è costretta ad ammettere la verità sulle sue origini. Alessandro è deluso dalla madre, ma continua ad avercela con Anna, che a suo dire, non doveva permettersi di rivelare la cosa in pubblico. L’avvocato Palladini, invece, vede la cosa come un vero affronto personale. Si sente offeso ed umiliato dalla madre, e ancor di più da Tancredi che era a conoscenza di tutto. Federica cerca di spiegargli che per lei non è stato facile tenersi tutto dentro. Alberto però non le crede: se Anna non avesse sbottato alla festa, lei lo avrebbe tenuto nascosto a vita.

    Nonostante la vicinanza di sua figlia Eva, le condizioni di Sergio continuano a peggiorare. Il vecchio imprenditore consegna a Silvia una busta, chiedendole di aprirla solo al momento della sua dipartita. La ragazza glielo promette e va via. Poco dopo anche Luca si reca a far visita all’amico; cerca di dargli forza: non deve scoraggiarsi. Sergio però è stanco di soffrire e supplica Luca di mettere fine alle sue sofferenza: chiede di essere staccato dai macchinari; vuole morire in pace. Luca è scioccato e in lacrime dice a Sergio che non può farlo: l’eutanasia è un reato. Sergio chiede almeno di poter tornare a casa. Luca, seppure restio, accetta la richiesta dell’amico e firma il suo permesso di uscita.
    Agnese torna all’attacco con Renato. Continua a non reputarlo all’altezza di sua figlia Giulia. Se lui non l’avesse tradita con Claudia, lei non sarebbe mai finita fra le braccia di Luca: quindi ha doppia colpa. Il Poggi è esasperato: ha ormai perso la pazienza con la suocera e non sa più cosa fare. Nel frattempo Angela continua ad essere inseguita da Marcello, che sembra pronto davvero a tutto pur di averla. La Poggi ormai è terrorizzata dall’uomo e cerca di evitarlo in tutti i modi.

    Il giorno dopo, Claudia e Guido si ritrovano a parlare delle loro vite. La Costa è senza lavoro: il suo sogno di diventare modella è naufragato ed ora non sa cosa fare del suo futuro. Guido, dal canto suo, continua il suo lavoro di venditore ambulante, ma non è soddisfatto. Mostra a Claudia alcuni bozzetti di biancheria intima, disegnati da lui. Sarebbe bello riuscire a metterli sul mercato ma, per carattere, ha paura di restare di nuovo deluso. Claudia lo incoraggia: lei potrebbe fargli da modella. Guido però non è sicuro: decide di prendersi qualche giorno per pensarci.

    Alberto ha ormai perso stima nella sua famiglia. Tutto quello in cui lui credeva è venuto meno. Inizia a trascurare sia il suo lavoro sia il nucleo familiare, e si lascia andare alla deriva. Ha una rabbia dentro, unita al dolore: si fidava della madre; era la persona più importante della sua vita ed ora tutto è messo in discussione. Prima ha una relazione con Michele, ora scopre che per anni gli ha mentito. Papà Tancredi che viene accusato di stupro. Tutto il suo mondo sta cadendo a pezzi. Sulla sua strada inaspettatamente incontra Anna. La ragazza, oppressa dalla fine della sua storia con Alessandro, rivede negli occhi di Alberto la sua stessa sofferenza. I due si confidano e cercano di farsi forza a vicenda, fra qualche carezza e qualche abbraccio. Tutto questo sotto gli occhi smarriti di Alessandro.

    Sergio si trova nel suo letto, con accanto Eva. Il Masullo chiede alla figlia di perdonarlo: ormai si avvicina la fine per lui. Eva, in lacrime, supplica il padre di non dire così: loro si sono appena ritrovati. Rimasto solo, Sergio prende una siringa piena di morfina e se la inietta nelle vene. Poco dopo chiude gli occhi per sempre. Arrivano Luca e Silvia per far visita all’uomo e, trovandolo morto, restano sconvolti. Silvia raccoglie la siringa, ma Luca, da medico, la blocca, prende la siringa e cancella le impronte della ragazza. Giunge Eva che vede la scena e resta sbigottita. Luca, distrutto dalla scomparsa dell’amico, dice alla ragazza che le dispiace tanto. Eva però si accanisce contro di lui, ritenendolo responsabile della morte del padre.

    Mentre Alberto continua a trascurare il lavoro, Federica e Tancredi sono in apprensione per lui. La contessa, dal canto suo, dopo tutto questo putiferio, decide di affrontare il suo passato. Torna alla casa materna, alla ricerca di sua sorella Pina. L’incontro fra le due è molto commovente, e finalmente, dopo tanti anni, c’è una riappacificazione. Nel frattempo, alla terrazza c’è tensione fra Anna e Claudia. Le due ragazze hanno un forte diverbio, in quanto Anna sta iniziando a frequentare Alberto, uomo che fino a poco tempo fa faceva battere il cuore di Claudia. Anna accusa la Costa di essere invidiosa di lei e gelosa di Alberto. Claudia nega e accusa Anna di passare da un fratello all’altro. Guido, Michele e Silvia riescono a calmare le acque, ma fra le due ragazze la situazione resta tesa.

    L’ossessione di Marcello nei confronti di Angela raggiunge il culmine. Il giovane professore rapisce la ragazza, con l’intenzione di possederla. La porta a casa sua e le confessa di essere innamorato di lei, e che vuole vivere per sempre con lei. Angela, ormai atterrita, cerca di fargli capire che lei non lo ama e che lui non può costringerla a farlo. Marcello però insiste; Angela, ricordandosi delle foto che l'uomo ha in casa, lo accusa di essere un maniaco. Marcello inizia a baciarla e lei inizia ad urlare. Fortunatamente riesce a divincolarsi e a chiudersi in una stanza. Da qui, con il cellulare Angela telefona a papà Renato. Marcello, nel frattempo, cerca di farla uscire, minacciando di buttar giù la porta. Arriva Renato che riesce a bloccare Marcello e a liberare la figlia, che lo abbraccia in lacrime: è la fine di un incubo. Viene chiamata la polizia e Marcello viene consegnato all’autorità civile.

    Passano i giorni ed Eleonora riceve la visita a Napoli di un suo vecchio amico Adrian, appena giunto dall’Inghilterra. Eleonora è felice di riabbracciare il ragazzo, con il quale a Londra aveva avuto una storia d’amore. Adrian chiede alla Palladini di aiutarlo a mettere su la vecchia commedia a cui lui sta lavorando da tempo. Eleonora accetta e si mette subito a lavoro per mettere su la produzione teatrale. Ovviamente la strada non è facile e le difficoltà non mancano. Da Bologna non le arrivano notizie confortanti, ma la ragazza non si arrende e affronta gli inevitabili scogli con forza e determinazione. Michele le è vicino ed è felice di vederla vitale e sorridente. Nel frattempo, Guido è di fronte ad un dilemma: deve seguire il consiglio di Claudia e cambiare vita oppure deve accantonare i suoi sogni nel cassetto? Il Del Bue entra seriamente in crisi, ma alla fine la voglia di successo ha la meglio; decide di buttarsi in questa nuova avventura.

    La morte di Sergio Masullo è un duro colpo anche per Silvia. La ragazza ha con sé la busta che l’imprenditore le aveva consegnato qualche giorno fa. La ragazza decide di aprirla e trova all’interno una lunga lettera, una specie di testamento, in cui l’uomo racconta il suo dolore, la sua voglia di morire e la richiesta che avrebbe fatto a Luca riguardo all’eutanasia. Ignara della lettera, subito dopo il funerale di Sergio, Eva fa iniziare delle indagini per appurare la verità sulla morte del padre. Le ricerche conducono a Luca, che viene interrogato dal commissario. Il De Santis resta impassibile alla notizia di essere fra i sospettati, e Silvia non riesce a spiegarsi la cosa: lei sa che Luca è innocente, ma non capisce come mai è così remissivo: si comporta davvero come se fosse davvero lui il responsabile della morte di Sergio.

    Raffaele ha comprato un nano da giardino, Ciccio. L’acquisto però rischia di metterlo nei guai a causa di un furto, ma fortunatamente si tratta di un grosso equivoco e Ciccio può restare nel giardino di Palazzo Palladini. La calma sembra tornare, ma si tratta solo della quiete prima delle tempesta. Al mercato, Rita e Giulia, dopo tanti anni, si ritrovano faccia a faccia con il loro padre, Gregorio Cozzolino, che ora è un venditore ambulante. L’incontro con l’uomo fa inevitabilmente catapultare le due donne nei ricordi. Giulia, in gioventù, si scontrava continuamente con il padre, mentre Rita aveva con lui un rapporto idilliaco, essendo la piccola di casa. Le due sorelle non sanno cosa fare e come comportarsi, in quanto Agnese, ex moglie di Gregorio, ormai vive a casa Poggi. E poi non sanno se perdonare l’uomo, dopo tutti questi anni in cui non si è fatto sentire. Alla fine l’amore paterno vince, e i tre si riabbracciano, anche se Gregorio decide di non restare a Palazzo Palladini.

    Anna e Alberto si rincontrano. La ragazza è ancora scossa per la discussione avuta con Claudia, mentre l’avvocato continua a trascurare il lavoro. Anna, in un momento di sconforto, confessa ad Alberto anche della situazione di suo fratello Franco, ancora in carcere a Milano. Anna prega Alberto di fare qualcosa per aiutare la sua famiglia, in quanto anche Maria ormai sono mesi che vive nel capoluogo lombardo. L’avvocato promette che farà il possibile per aiutare Franco ed abbraccia la ragazza.

    Guido porta avanti il suo progetto. La sua biancheria intima per taglie forti sembra avere tutte le carte in regola per sfondare. I 600 capi da lui ordinati, arrivano alla terrazza, ma ovviamente ha bisogno di denaro per fare degli investimenti. Si mette subito all’opera, ma il primo progetto di vendita va purtroppo in fumo. Guido, però, sostenuto dagli amici, non si perde d’animo e inizia a cercare una soluzione per pubblicizzare la sua biancheria.

    Claudia non ha ancora superato lo smacco subito da Anna. Decide di passare all’attacco; per far dispetto alla ragazza decide di avvicinarsi ad Alessandro. Cosa molto facile per lei, che di bellezza e seduzione ne può vantare a bizzeffe. Così si reca da Alessandro e gli chiede di aiutarla ad entrare nel mondo dello spettacolo. Alessandro però è triste, quasi in depressione. La morte di Sergio è stata un duro colpo: la perdita di un caro amico, l’ennesimo rinvio dell’inaugurazione del “Dreamer”. Poi c’è la questione di Anna; la ama, ma il suo orgoglio gli vieta di fare il primo passo. Claudia lo invita a guardarsi attorno, come del resto sta facendo la stessa Anna, frequentando Alberto. Alessandro capisce subito dove la Costa voglia arrivare, ma lui non è dell’umore giusto per queste cose. Claudia però non è il tipo da arrendersi subito e inizia a provocare il ragazzo, che alla fine cede e la bacia appassionatamente.

    Tancredi, stufo dell’atteggiamento negligente di Alberto, prende seri provvedimenti su di lui: gli toglie l’incarico ai cantieri, in quanto non lo reputa più all’altezza del ruolo. L’avvocato Palladini resta interdetto dalla cosa e corre dal padre. Fra i due inizia un’accesa discussione: il conte non ha nessuna intenzione di riassumerlo, in quanto Alberto è un pericolo per la sua famiglia. Nel sentire queste parole, l’avvocato scatena la sua rabbia e si lascia scappare un segreto che non avrebbe mai dovuto confessare al padre. Rivela a Tancredi che la sua amata Federica ha avuto per mesi una relazione con Michele Saviani.
    Ultima modifica di Simone 22; 04-02-2013 alle 15:10


  6. #21
    Redattore L'avatar di Simone 22
    Data Registrazione
    Oct 2005
    Messaggi
    17,728

    Predefinito

    Capitolo 19

    Tancredi è sconvolto: Federica lo tradiva con Michele. Alberto conferma la cosa e continua nella confessione: è stato questo il motivo della rottura fra Eleonora e Michele. Il conte non vuole credere a questa storia e chiede al figlio di dirgli che si è inventato tutto. Alberto però ripete al padre che si tratta della verità. Tancredi è basito; senza dire nulla, prende la porta e si allontana. Alberto torna a casa e confessa alla madre di aver rivelato tutto a Tancredi. Federica è sconvolta; cerca subito di rintracciare il marito, anche con l’aiuto dei figli, ma il conte sembra sparito. La sua scomparsa getta la contessa e i suoi figli nell’angoscia.

    Al mattino seguente, Luca si reca da Eva per chiarire tutto: lui non ha praticato l’eutanasia a suo padre, anche se l’uomo glielo aveva chiesto. La ragazza, però, non riesce a credere alla buona fede del dottore: lei l’ ha visto con la siringa in mano e sa cosa lui ha fatto! Luca cerca di spiegarle che quando lui e Silvia sono arrivati, Sergio era già morto, ma Eva è categorica: sarà il giudice a dirle come si sono svolti realmente i fatti. Nel frattempo Guido ha una brillante idea per pubblicizzare la sua biancheria, ma purtroppo questo non basta per farlo sfondare. Deluso, è preso dallo sconforto: possibile che ogni volta che lui deve fare qualcosa, deve per forza andare tutto storto?

    I Poggi e i Giordano sono in riunione. Un tremendo dilemma li affligge: Angela e Diego hanno il diritto o no di conoscere nonno Gregorio? Agnese, dal canto suo, venuta a sapere del ritorno dell’ex marito, consiglia alle figlie di tenerlo lontano, in quanto quell’uomo è solo capace di combinare casini. Giulia e Rita però hanno deciso di dare una nuova possibilità al loro padre e decidono di fargli conoscere i suoi nipoti. Così Gregorio arriva a Palazzo Palladini e abbraccia per la prima volta Angela e Diego. Agnese non è presente all’incontro: non ha voglia di rincontrare l’uomo che le ha rovinato la vita. Rita e Giulia, invece, cercano di convincere il loro padre a rincontrare Agnese e a cercare di riconciliarsi con lei. Gregorio, all’inizio restio, si lascia convincere e si dice pronto ad incontrare la donna. Ora il problema è convincere Agnese. Quando l’uomo va via, i Poggi e i Giordano chiamano la donna a rapporto e le confidano le loro intenzioni. Agnese però non ne vuole sapere: per lei Gregorio è morto e non ha nessuna intenzione di rincontrarlo.

    Claudia torna all’attacco con Alessandro. Dopo il bacio dell’altro giorno, spera che fra di loro possa nascere qualcosa. Il Palladini, a dir la verità, è ancora scosso dalla fine della sua storia con Anna, però capisce che l’unico modo per dimenticarla è buttarsi in una nuova storia. Così bacia Claudia: lei è il suo nuovo inizio, è la sua nuova vita. Dal canto suo, Anna, prima di gettarsi a capofitto nella love story con Alberto, vuole appurare se Alessandro l’ ha davvero dimenticata. Vedendo il giovane Palladini in compagnia di Claudia, capisce che i due si sono messi insieme. Così quando Alberto torna a corteggiarla, lei non resta insensibile e si scioglie un po’. Il Palladini ama Anna; grazie a lei sta riprendendo le redini della sua vita ed ha deciso di tornare a lavoro. Preoccupato per Luca, si offre di aiutarlo per la causa. Luca lo ringrazia ed accetta la sua difesa. Alberto è ben felice di difendere in tribunale l’amico, scoprendo che il pubblico ministero sarà Chiara Donati, una sua vecchia conoscenza.

    Mentre Federica è ormai disperata per la scomparsa del marito, Tancredi torna finalmente a casa. La contessa è felice di rivederlo e lo abbraccia: aveva paura di non rivederlo mai più; temeva di perderlo, ma ora che è tornato tutto andrà per il meglio. Il conte però frena l’entusiasmo della moglie. Sì, lui è tornato, ma questo non vuol dire che lui l’abbia già perdonata per essere andata a letto con Michele. Federica cerca una timida difesa, ma Tancredi è stufo delle sue scuse. Questa volta ha davvero esagerato: da questo momento il loro matrimonio può ritenersi concluso.

    Renato e Raffaele complottano per far incontrare Agnese con Gregorio. Certo, forse non servirà a farli tornare assieme, ma almeno dopo tutti questi anni, finalmente potranno chiarirsi. Nel frattempo Luca e Alberto si danno da fare. L’indomani inizierà il processo e loro devono studiare una strategia di difesa. Il dottore è preoccupato: lui è innocente, ma tutte le prove sono contro di lui. L’avvocato Palladini lo ammonisce: deve calmarsi, e tutto andrà per il verso giusto.

    A casa Palladini, Federica è terrorizzata all’idea di perdere Tancredi. Tenta disperatamente di recuperare il suo rapporto con il conte; si avvicina a lui e chiede di perdonarla. Lei lo ama, lo ha sempre amato e lui non può cancellare così 30 anni di matrimonio. Tancredi è cambiato: non è più disposto a perdonarla. Non è di certo lui la causa della rovina del loro matrimonio. Il conte accusa la moglie di essere un’arpia, di stare con lui solo per il suo patrimonio. Lo stesso vale anche per Anna: odia tanto quella ragazza solo perché, essendo la legittima figlia del conte Giacomo, le ha soffiato l’appartamento più bello del palazzo. Federica non ha più frecce al suo arco e si ritira nella sua camera. Tancredi decide di dormire nella stanza degli ospiti.

    La mattina dopo, inizia il processo contro Luca De Santis, accusato di aver ucciso Sergio Masullo, praticandogli l’eutanasia. Il giudice chiama subito a testimoniare il dottore, che viene messo in difficoltà dal PM, Chiara Donati. L’arringa: Luca, essendo amico di Sergio, ha avuto compassione di lui, e gli ha praticato l’eutanasia per non farlo più soffrire. Luca nega la cosa: sì, Sergio glielo aveva chiesto, ma lui rifiutò. Chiara però continua a metterlo alle strette, tanto che Alberto interviene. Poi viene chiamata a testimoniare Eva, la figlia di Sergio, che dichiara di aver visto Luca con la siringa in mano, mentre il padre giaceva morto nel letto. La ragazza poi scoppia in lacrime e abbandona l’aula. La seduta viene sciolta. L’indomani ci sarà la seconda udienza. Alberto e Luca confabulano mentre Chiara, soddisfatta, saluta i due. L’avvocato Palladini capisce che deve intervenire in qualche modo per evitare il peggio. Riflettendo con Luca, capisce che la testimonianza di Silvia potrebbe essere vantaggiosa per loro.

    Il piano ideato da Renato e Raffaele funziona: Gregorio arriva a Palazzo Palladini e si ritrova faccia a faccia ad Agnese dopo quindici anni. La donna resta di sasso e lo caccia subito via, ma l’uomo le dice che ora che si sono rincontrati è giusto chiarire tutto. Gregorio spiega i motivi per cui in tutti questi anni non si è fatto vivo. Confessa che più volte ha cercato di mettersi in contatto con lei, ma poi la paura di non essere accettato, la paura di trovarsi tutti contro, non gli ha dato il coraggio di farlo. Agnese ribatte che non riesce a perdonarlo; lei è rimasta da sola a dover crescere tre figli, e lui non si è mai presentato, neanche per accertarsi delle loro condizioni. Gregorio si scusa: non doveva tornare così dopo quindici anni e pretendere di essere accettato come se niente fosse. Detto questo esce di casa, mentre Agnese scoppia in lacrime.

    Eleonora ed Adrian hanno ancora problemi per la commedia, ma mentre l’inglese riesce a trovare la forza ed il coraggio di andare avanti, Eleonora entra in crisi. Crisi che raggiunge livelli davvero inaspettati: Michele le è vicino e cerca di calmarla. La sua è solo una crisi di ansia: vedrà che tutto andrà per il meglio; i ragazzi lavorano con entusiasmo e lei non deve preoccuparsi: tutto andrà bene. Eleonora abbraccia Michele e lo ringrazia, anche se il suo volto non è sereno, anzi sembra alquanto stranito.

    Al mattino riprende il processo Masullo. In aula è presente anche Giulia che, al pensiero che Luca possa essere rinchiuso in carcere, si riavvicina a lui, offrendogli il suo sostegno. Le attenzioni di Giulia per il dottore non passano inosservate e Renato è in preda alla gelosia. Nel frattempo, Alberto chiama a testimoniare Silvia. La ragazza racconta del suo rapporto d’amicizia con Sergio; la sua versione dei fatti: lei e Luca sono arrivati insieme a casa del vecchio imprenditore e, trovandolo già morto, hanno raccolto la siringa, proprio all’arrivo di Eva. La ragazza però cade in contraddizione quando racconta della lettera di Sergio che, messa agli atti, costituisce una prova contro Luca, in quanto il Masullo scrive di aver intenzione di chiedere al dottore di praticargli l’eutanasia. In questo modo la possibilità di un’assoluzione di Luca De Santis si fa sempre più labile.

    Claudia e Alessandro fanno ormai coppia fissa. Mentre però la ragazza si comporta già come se fosse già una contessina, lui è sempre abbastanza turbato. Claudia, temendo di perdendo da un momento all’altro, cerca di spingere il Palladini a fare l’amore con lei: in questo modo crede di poterlo conquistare. Alessandro però è preoccupato per Luca e quindi scusandosi con la ragazza va via. Claudia torna alla terrazza e per sbollire la sua delusione, fa intendere ad Anna di essere andata a letto con Alessandro. La Boschi è atterrita e risponde per le rime alla Costa: lei è solo una *******; poi però Anna si rinchiude nella sua camera e piange.

    Guido è ancora alle prese con la sua linea di biancheria. Accorto di idee pubblicitarie, si affida allo stilista Gianmarco Germani, che trova sensazionale i suoi modelli e decide di organizzare una sfilata. Guido ha un’idea per incrementare le vendite: vuole presentare alla sfilata una particolare collezioni solo per taglie forti, dimostrando che anche se si ha qualche chilo di troppo, si può lo stesso essere attraenti ed eleganti. Si mette subito all’opera, con la supervisione di Claudia, che lo aiuta a disegnare i modelli.

    Il processo Masullo riprende. Ormai tutte le prove sono contro di Luca, che ormai attende solo la sentenza per essere condannato. Chiara sente ormai di avere la vittoria in pugno, ma sul più bello Alberto estrae una cassetta e chiede al giudice di visionarla e metterla agli atti. Il contenuto della videocassetta è sconcertante: si vede Sergio Masullo nel suo letto iniettarsi da solo con la siringa la morfina nelle vene. Tutti sono atterriti: Eva, Chiara e anche lo stesso Luca. Il giudice prende atto della nuova prova e poco dopo emette la sentenza: Sergio Masullo si è suicidato e, siccome la legge non contempla questo caso, Luca De Santis è ritenuto non colpevole. Alberto esulta e si avvicina a Chiara, che si congratula con lui e va via: suo marito, amico di Alberto, la sta attendendo. Nel frattempo Luca riceve il calore degli amici, di Silvia e anche di Eva, che si scusa per averlo accusato ingiustamente. Anche Giulia fa visita a Luca. La donna gli confessa di amarlo ancora: l’idea di perderlo le ha fatto capire che non può vivere senza di lui. Luca così scopre che il vero amore non finisce mai e bacia con passione Giulia. La Poggi però è lacerata da un dilemma: non sa se rinunciare alla famiglia oppure all’uomo che ama.

    Federica, spaventata all’idea di perdere tutto quello per cui ha lottato da una vita, è decisa ad evitare la separazione con Tancredi. Vuole, deve riconquistare il conte: non può ritrovarsi all’improvviso per strada senza nemmeno un soldo: che figura farebbe con l’alta borghesia napoletana. Per questo chiede aiuto ai figli. Alberto non ne vuole sapere di aiutarla, mentre Alessandro ed Eleonora capisco che non possono permettere al padre di cacciare così la contessa. Certo, ne ha di difetti, ne ha fatti di sbagli, ma resta sempre la loro madre e la donna che Tancredi ama. Da tutto ciò ne consegue un duro scontro che Federica ha con tutta la sua famiglia. Vengono rinfacciate tutte le sue malefatte e la donna, difendendosi, chiede perdono. Il conte, per il bene dei figli, decide di concedere un’ennesima possibilità alla moglie, anche se per lui ormai le cose sono diverse. Certo Federica potrà continuare a vivere a Palazzo e fare la signora, ma per lui resterà sempre una poco di buono.

    Agnese e Gregorio trascorrono una giornata particolare insieme. La cosa è inaspettata per Agnese, che ritrova nell’uomo, tutti i tratti e gli atteggiamenti di cui si era innamorata anni prima. Ovviamente Gregorio vorrebbe riunirsi a lei, e la donna si ritrova costretta a prendere una decisione importante, che sarà definitiva per il resto della sua vita. Certo sarà dura, ma ne vale la pena: decide di dare una possibilità a Gregorio. Lo ama, lo ha sempre amato ed ora che lui è tornato, lei non può fare altro che perdonarlo. I due si baciano teneramente.

    Eleonora continua ad avere problemi con la commedia. Si reca da Adrian e assieme a lui cerca una soluzione. Il ragazzo però ora non ha testa: è in astinenza da qualche giorno ed ora ha bisogno di farlo: prende una siringa e, sotto lo sguardo di Eleonora, si inietta cocaina nelle vene. La Palladini osserva la scena quasi estasiata ed Adrian le chiede di farlo anche lei: in Inghilterra lo facevano insieme ed ora possono rifarlo. Detto questo porge ad Eleonora la stessa siringa. La ragazza non ci pensa molto: prende un laccio emostatico e lo stringe al braccio; poi prende la siringa e fa defluire nel suo sangue, tutto il contenuto. Passano solo pochi minuti e la droga inizia a fare effetto. I due iniziano a scatenarsi; lui suona con la sua chitarra, mentre lei balla e canta. In breve finiscono uno nelle braccia dell’altra; tornano ad amarsi come lo facevano a Londra, in un vortice di cocaina e sesso.

    Anna, credendo che Alessandro e Claudia hanno fatto l’amore, si concentra nella sua storia con Alberto. Però avverte una certa indecisione da parte del ragazzo, che appare quasi turbato all’idea di poter istaurare un rapporto sentimentale con la Boschi. Il motivo è presto svelato: l’avvocato ha scoperto che Fulvio Spataro, suo amico e marito di Chiara Donati, sta lavorando ad un progetto per il finanziamento di un grande centro residenziale. L’investimento è davvero interessante, e lui non vuole farsi scappare l’occasione. Per far ciò però deve carpire informazioni e l’unica che può aiutarlo in questo è proprio Chiara. Ovviamente non dice nulla ad Anna, ma il suo piano è chiaro: corteggiare la Donati per carpire informazioni sul marito.

    Passa la notte. Eleonora si risveglia accanto ad Adrian e per un attimo le sembra di essere tornata in Inghilterra: lo stesso ambiente, lo stesso odore… Alla sua mente arrivano ricordi annebbiati della nottata appena trascorsa. No, non può essere: ha tradito Michele e, come se non bastasse, ha ripreso a drogarsi. Come destatasi da un sogno, si alza di soprassalto, saluta Adrian e corre via. Tornando a Palazzo Palladini incontra Michele, che la bacia. Lei è impacciata; sente di dovergli una spiegazione, ma non ne trova il coraggio. Il giornalista corre a lavoro, ed Eleonora, dopo essersi cambiata riprende il lavoro alla commedia, con Adrian e gli altri ragazzi.

    Il ritorno sui banchi di scuola ha uno strano effetto su Diego; per lui infatti è iniziata la stagione dell’amore. Da qualche giorno si frequenta con una ragazza molto carina, Elisa, da poco arrivata a Napoli: prima abitava a Sperlonga. Fra i due c’è feeling e Diego si prende una vera e propria cotta per lei, che non disdegna le sue attenzioni. Nel frattempo, una donna sta cercando Raffaele. Sembra agitata, quasi impaurita; come se avesse timore di farsi riconoscere. Quando finalmente il portiere riesce ad incontrarla, rimane sconcertato: si tratta di Manuela Secoli, suo grande amore di gioventù, quando ancora non conosceva la sua dolce Rita.

    Agnese e Gregorio annunciano alle figlie di essere tornati insieme. L’unico problema è che Gregorio, a causa del suo lavoro, non può avere fissa dimora; Agnese decide di restare a Palazzo Palladini. La gioia di Rita si contrappone all’angoscia di Giulia. La Poggi è felice per i genitori, ma dentro di sé sente il peso di quello che le sta accadendo. Ama Luca, ma ama anche la sua famiglia: Renato, Angela e il piccolo Valentino hanno bisogno di lei. La donna si trova di fronte ad un terribile dilemma, quando Renato riceve un’allettante proposta di lavoro, che però costringerebbe la famiglia a trasferirsi altrove. Fortunatamente il ragioniere, dopo averci pensato, decide di rifiutare la proposta e di restare a Palazzo Palladini. Questo permette a Giulia di prendersi un po’ più di tempo per decidere.

    Dopo un momento di esitazione, Raffaele abbraccia Manuela. I due iniziano a ricordare la loro gioventù; erano al liceo insieme. Al termine lei intraprese la carriera universitaria, che però non ha mai terminato, mentre lui iniziò a lavorare. In questo periodo hanno avuto una storia d’amore, molto intensa; Raffaele le aveva perfino chiesto di sposarlo, ma lei, pur essendo innamorata, non accettò, perché sperava in un futuro migliore con un uomo più ricco. Quando riuscì a trovarlo, seppure con dieci anni più di lei, lasciò Raffaele, anche se in cuor suo soffrì tanto. Raffaele chiede alla donna il motivo del suo ritorno: cosa ha fatto in tutti questi anni; e la sua storia d’amore con il riccone? Manuela scoppia in lacrime e Raffaele le chiede cosa le sia successo. La Secoli, singhiozzando, racconta al portiere di essere gravemente ammalata e di avere pochi mesi di vita. Raffaele cerca di farle coraggio, ma Manuela rivela che non è la morte a metterle paura, ma il fatto di aver nascosto per quindici anni un atroce segreto.
    Ultima modifica di Simone 22; 04-02-2013 alle 15:10


  7. #22
    Redattore L'avatar di Simone 22
    Data Registrazione
    Oct 2005
    Messaggi
    17,728

    Predefinito

    Capitolo 20

    Raffaele non riesce a seguire il discorso di Manuela ed invita la donna a raccontargli tutto con calma. La Secoli continua il suo racconto: la scoperta di essere incinta fu un trauma per lei; cercò di nascondere la gravidanza per mesi al suo uomo che, però, quando la gravidanza diventò evidente, la lasciò. Raffaele, finora silenzioso, chiede a Manuela cosa sta cercando di dirgli. La donna, ormai in lacrime, gli rivela che è lui il vero padre del bambino. Raffaele è sconvolto: lui ha un altro figlio! Manuela lo corregge: si tratta di una bambina, ora un’adolescente, e si chiama Elisa. Nel frattempo Diego ed Elisa stanno trascorrendo insieme una stupenda giornata. Sentono di provare un forte sentimento, stanno bene insieme, sembra come se si conoscessero da una vita. Mentre il sole tramonta, i volti dei due giovani si avvicinano dolcemente in un tenero bacio.

    Per Anna finalmente un momento di gioia: mamma Maria torna da Milano. Franco è ancora in carcere, ma grazie all’aiuto di Alberto dovrebbe uscire entro breve tempo. Anna abbraccia la madre, e le racconta che lei e Alberto si stanno frequentando. Maria è sorpresa: è Alessandro? Anna confessa che la cattiveria della contessa ha vinto! Maria abbraccia la figlia e la spinge ad andare da Alessandro per un chiarimento. Poi Maria incontra Tancredi, che la saluta carinamente. Il conte le racconta della sua situazione familiare. Non ama più Federica, ma per il bene dei figli ha deciso di non separarsi da lei. Maria non lo capisce: non deve anteporre la sua felicità per i suoi figli. Ormai sono grandi e capiranno. Non deve fare come lei, che per proteggere Anna e Franco, ha passato anni di fianco ad un uomo che non amava. Tancredi ringrazia Maria per le belle parole e l’abbraccia.

    Anna, seguendo il consiglio della madre, decide di provare a riavvicinarsi ad Alessandro. Claudia, però capendo l’intenzione della ragazza, gioca d’astuzia e preleva il Palladini, poco prima che Anna riesca a parlargli. Nel frattempo Alberto ha invitato Chiara Donati a cena con lui. La ragazza è scettica: non ne vede il motivo e poi suo marito si insospettirebbe. Alberto però riesce ad essere molto convincente: è solo un modo per sdebitarsi del processo Masullo; una cena di lavoro. Così la ragazza accetta.

    Raffaele è solo in casa. Manuela è appena andata via, promettendogli che gli presenterà quanto prima la figlia. Rita rincasa e comunica a Raffaele che i suoi genitori sono tornati insieme. Raffaele, in modo apatico, dice di essere felice per loro. Poi si alza e va a letto: ha bisogno di riposare. Rincasa anche Diego, che rivela alla madre di esserci fidanzato con una splendida ragazza. Rita è felice per lui: non vede l’ora di conoscerla.

    Per Eleonora è arrivato un momento importante: è la sera della prima dello spettacolo. La tensione e la paura di sbagliare è grande, ma i ragazzi riescono a dare il meglio e la commedia ha successo. Eleonora è felice e festeggia con Adrian; abbraccia anche Michele, anche se da quando l’ ha tradito non riesce più ad essere sincera con lui. Nel frattempo Alberto è a cena con Chiara. Quella che doveva essere una cena di lavoro, si trasforma in un vero e proprio corteggiamento! Alberto non fa altro che stuzzicarla e Chiara non disdegna affatto della cosa. A fine serata l’avvocato propone alla PM di concludere la serata in bellezza. La ragazza accetta e i due giungono in camera, dove fanno sesso. Alberto è soddisfatto: i suoi problemi di impotenza sono definitivamente scomparsi. Al termine dell’atto l'avvocato inizia ad indagare sugli affari di Fulvio Spataro. Chiara ormai presa da lui, fra un bacio e una carezza, rivela preziose informazioni sul progetto del centro residenziale.

    Un nuovo giorno sorge su Napoli. Guido propone alla cugina un grande affare riguardante la sua biancheria. Silvia però è scettica. Nel frattempo del giardino di Palazzo Palladini arriva, a bordo di una moto, uno splendido ragazzo. Moro, carnagione scura, sguardo intenso. Sta cercando una ragazza, Anna Boschi. Viene indirizzato alla Terrazza, dove Guido e Silvia lo accolgono. La Graziani, da sempre affascinata dal giovane, fa gli onori di casa. Poco dopo arriva Anna, che resta felicemente sorpresa di trovarsi di fronte Franco, suo fratello. I due si abbracciano e il ragazzo rivela di essere appena giunto a Napoli, dopo che l’avvocato Palladini è riuscito a tirarlo fuori dal carcere di Milano. Franco chiede alla sorella ospitalità: non sa dove andare e non gli va di tornare nella casa paterna. Anna è ben felice di accoglierlo alla Terrazza, e informa i suoi coinquilini; Silvia ne è entusiasta.

    La scoperta di avere una figlia è un forte trauma per Raffaele, che non trova il coraggio di parlarne con sua moglie Rita. Diego è pronto per uscire con la sua fidanzatina, ma Raffaele lo ferma e gli chiede notizie su questa ragazza, scoprendo che si è appena trasferita a Napoli e che il suo nome è Elisa. Raffaele resta di sasso e capisce che si tratta di sua figlia. Chiede al figlio fino a che punto si sono spinti. Diego, imbarazzo, confessa che si sono scambiati solo qualche bacio. Raffaele chiede al figlio di non andare oltre, anzi non deve neanche più baciarla. Diego non capisce il motivo di questo astio; Raffaele impone al figlio di chiudere con Elisa, ma lui, infuriato, si allontana: non lascerà mai la ragazza di cui si è innamorato. Raffaele, sconvolto, convoca subito Manuela, che rimane scioccata nell’apprendere il dubbio del portiere. Rita, dal canto suo, inizia ad essere sospettosa: suo marito si comporta in modo strano; le sta nascondendo qualcosa, ne è certa!

    Finalmente il “Dreamer” viene varato. La nuova imbarcazione, ideata da Sergio Masullo, diventa il vanto dei cantieri Palladini. Alessandro usa belle parole in ricordo dell’amico defunto e Tancredi propone al figlio di iscrivere il mostro marino ad una regata, una regata oceanica, a cui parteciperanno tutte le più importanti imbarcazioni del mondo. Alessandro accetta e si mette subito a lavoro per rendere il “Dreamer” perfetto. La gioia di Alessandro, si contrappone alla sofferenza di Eleonora, che ha ormai ripreso a drogarsi con Adrian. E’ sempre in escandescenza e Michele se ne accorge. Dopo una veloce indagine, scopre che Adrian è un tossico-dipendente e che anche Eleonora, a Londra, faceva uso di droga. Controllando le braccia della ragazza, scopre che ha ripreso a bucarsi. Inquietato, cerca di far capire alla fidanzata del male che si sta facendo, ma la Palladini, in preda alla follia, si allontana, urlando che questa è la sua vita e può farne ciò che vuole.

    Franco Boschi riabbraccia la madre Maria. Parlando con lei, scopre che il padre è in carcere a Napoli, per aver sparato ad un benzinaio. Franco vorrebbe saperne di più, ma Maria preferisce non parlarne. Così il ragazzo decide di far visita al padre in galera. Pietro è felice di rivedere il figlio: rivela che in carcere sta vivendo l’inferno; ha bisogno di tornare in libertà, altrimenti rischia di impazzire. Franco rassicura il padre: ha un piano! Dà all’uomo delle pasticche e gli spiega tutto nei minimi dettagli. Poi lo saluta: la prossima volta che si vedranno Pietro sarà un uomo libero.

    Elisa ha portato segretamente Diego a casa sua per trascorrere alcune ore con lui. Mettono su un po’ di musica e iniziano a ballare. I due si avvicinano teneramente e Diego sta per baciare la ragazza. In quel momento rincasa Manuela, che assistendo alla scena, resta sconvolta. Si scaglia contro Diego e, dopo avergli detto di non avvicinarsi mai più a sua figlia, lo caccia di casa. Elisa scoppia in lacrime e, dopo aver detto alla madre che la odia, si rifugia in camera. Diego, nel frattempo, è tornato a Palazzo Palladini. Vedendo il figlio scioccato, Raffaele riesce a farsi raccontare quello che è successo, e si schiera dalla parte di Manuela: lui ed Elisa devono smettere di frequentarsi. Il ragazzo non accetta la cosa; lui ed Elisa stanno bene insieme: perché devono mettere a freno i loro sentimenti? Perché non devono essere felici? Diego si dice disposto a tutto pur di non perdere la fidanzatina, e si rifugia in camera. Raffaele, rimasto solo, viene raggiunto da Rita. La donna è sempre più preoccupata; mette il marito alle strette: deve dirle ora cosa le sta nascondendo! Raffaele non sa da dove cominciare, ma capisce che è giusto che la moglie sappia tutto. Cercando di non essere brusco, spiega a Rita chi è Manuela, per poi confessarle che Elisa è sua figlia. Rita è giustamente sconvolta; non riesce a credere alle sue orecchie: Raffaele ha una figlia e questa ha una storia con Diego. Le sembra tutto un incubo, ma purtroppo è la dura realtà.! !

    Franco torna alla terrazza, ma nasconde a Maria ed Anna la sua visita a Pietro. Nel frattempo in carcere tutto è pronto per la fuga. Pietro ingurgita le pillole che gli ha passato Franco. Durante la notte finge di star male: ha bisogno di cure immediate. Arriva un’ambulanza che lo carica per portarlo all’ospedale. Durante il tragitto, Pietro prende una pistola e uccide l’infermiere; poi ordina all’altro di lasciare l’ambulanza. Quando questo avviene, si mette alla guida e si allontana nella notte, mentre un sorriso beffardo gli spunta sul viso.

    Al mattino seguente, Michele, ancora scosso per la scoperta che Eleonora si droga, torna a lavoro, in redazione. Casualmente scopre che in città si è sparsa una partita di eroina killer. Il suo pensiero corre subito ad Eleonora, temendo che la ragazza possa essere in pericolo. Difatti l’eroina è già nelle mani della Palladini, che ha acquistato una dose. Eleonora viene avvicinata da una ragazza che le chiede soldi per comprare l’eroina tagliata male, e la Palladini glieli dà e va via. Michele la raggiungere e riesce ad evitare che Eleonora prenda quella robaccia.

    Diego ed Elisa si incontrano di nascosto. Entrambi sono stufi dell’atteggiamento dei genitori e non capiscono perché vogliano dividerli. Loro si vogliono bene, e vogliono vivere la loro storia in completa libertà. Elisa si chiede cosa possono fare e Diego, senza pensarci troppo, capisce che c’è un’unica soluzione: fuggire insieme. Elisa è un po’ frastornata, ma accetta. Così, prendono i pochi soldi che hanno, e si allontano. Manuela preoccupata perché Elisa non rincasa per il pranzo si reca a casa Giordano, dove scopre che anche Diego non è tornato a casa. Raffaele confessa a Manuela che Rita sa di Elisa e che ovviamente è ancora sotto choc. Passa il tempo e dei due giovani nessuna traccia. L’ansia, la preoccupazione sale alle stelle, mentre una forte angoscia si impadronisce di loro. Diego ed Elisa, invece, gironzolano felici. Hanno fatto bene a scappare ed ora si godono appieno il piacere della fuga.

    Giulia è sempre più in crisi. Ormai vivere con Renato sta diventando una tortura. Sta riempiendo il marito di bugie, per nascondergli la sua relazione con Luca. Ma Renato non è un idiota ed ha capito tutto. Così mette la moglie davanti ad una scelta definitiva: o Luca o la sua famiglia, e per famiglia intende anche Angela e il piccolo Valentino. Giulia è confusa e non sa cosa fare. Spiega a Renato che in tutti questi mesi ha cercato di reprimere i suoi sentimenti per il dottore, ma ora sono rispuntati e lei non vuole nasconderli. Il Poggi chiede alla moglie se davvero è disposta a mandare all’aria il loro matrimonio, per un’infatuazione. Giulia non risponde: ha bisogno di restare sola per riflettere.

    Tancredi e Maria tornano a vedersi. Fra i due sta nascendo un sentimento, che va ben oltre la semplice amicizia. Insieme si sentono appagati, e capiscono che è giunto il momento di dare una svolta alla loro vita. Teneramente si scambiano un dolce bacio. Nel frattempo, Pina chiede aiuto alla sorella Federica. E’ in difficoltà: sta per essere cacciata da casa sua; le servono i soldi per pagare l’affitto e le varie tasse. La contessa mostra di avere un cuore e dona a Pina un’ingente somma di denaro, che le permette di pagare i debiti e di condurre anche una vita più agiata rispetto a prima. Pina ringrazia Federica: lei sa che in fondo in fondo non è cattiva; le vuole bene, tanto bene. Le due donne si abbracciano commosse.

    A casa Palladini, sul divano, ci sono Alberto ed Eleonora. Stanno guardando un telegiornale in tv. All’improvviso l’attenzione dei due si posa su una notizia di cronaca: a Napoli è stata ritrovata una ragazza morta di overdose, dopo aver ingerito una dose potente di eroina. Mentre Alberto commenta la notizia, Eleonora è atterrita: vedendo le scene al Tg, si rende conto che è proprio la ragazza che le ha chiesto i soldi. Saluta Alberto e corre da Michele, l’unico in grado di consolarla. Eleonora si lacera dal dolore, ritenendosi responsabile: è colpa sua se quella ragazza è morta, lei non doveva darle i soldi per comprarsi quella dose potente. Michele l’abbraccia forte: non è colpa sua; sicuramente se lei non le avesse dato quei soldi, quella ragazza avrebbe trovato qualcun altro che gliele avrebbe dati. Eleonora però continua a piangere disperata.

    Passa la notte e di Diego ed Elisa ancora nessuna notizia. Rita vuole sporgere denuncia, mentre Raffaele è convinto che i ragazzi torneranno. Diego, dal canto suo, è contento di essere scappato con la fidanzatina, anche se non riesce a smettere di pensare a Raffaele: conosce il padre e se si è opposto così tanto alla loro storia ci sarà sicuramente un motivo valido. Elisa chiede al ragazzo se intende tornare a Palazzo Palladini e affrontare i genitori. Diego riflette e capisce che è inutile continuare a scappare: loro si vogliono bene e devono dimostrarlo a tutti. Così i due ragazzi tornano a casa. Rita corre ad abbracciare il figlio, e lo stesso fa Manuela con Elisa. Raffaele fa sedere i due ragazzi: è ora che si parli chiaramente; è ora che tutta la verità venga a galla.

    Claudia, per paura di un riavvicinamento fra Anna e Alessandro, confida al fidanzato che lei è pronta a trasferirsi a casa dei Palladini. Il giovane però non è entusiasta dell’idea, capendo che è ora di mettere le cose in chiaro con la ragazza. Lui non la ama, non la mai amata e non l’amerà mai. Claudia inorridisce: in un secondo tutto il suo castello crolla miseramente. Alessandro si scusa per averla “usata”, ma nel suo cuore c’è solo Anna. Claudia non capisce: cosa ha Anna più di lei? In lacrime, si allontana. Nel frattempo Alberto continua a vedersi con Chiara e a portarsela a letto. Il suo piano ha funzionato: tutte le informazione ricevute, gli hanno permesso di soffiare a Fulvio l’affare del centro residenziale. Chiara, capendo tutto, mette in guardia Alberto: suo marito è un duro, e questo affronto glielo farà pagare caro. Poi la ragazza si allontana mentre l’avvocato sorride beffardo.

    A casa Giordano si vivono minuti di trepidazione. Per Elisa e Diego è il momento di ricevere spiegazioni; è il momento di scoprire perché i genitori sono contrari alla loro unione. Raffaele rivela che lui e Manuela si conoscono da tempo e che andavano al liceo insieme. Erano anche fidanzati solo che poi lei lo lasciò per un altro uomo. Interviene Elisa, che chiede se si riferisca a suo padre. La ragazza è confusa e non capisce come mai Raffaele le sta facendo questo discorso: lei sa che suo padre l’ ha abbandonata quando era ancora in fasce. Manuela però interviene e continua il racconto. Quando ha scoperto di essere incinta, ha cercato di nascondere la gravidanza, in quanto il padre della sua bambina non era il suo compagno, ma bensì l’uomo che lei aveva lasciato mesi prima. Raffaele rivela così ad Elisa di essere il suo vero padre. La ragazza è sconvolta, mentre Diego capisce che Elisa è sua sorella. La terribile verità si abbatte suoi due ragazzi; Raffaele confessa di aver scoperto la cosa da pochi giorni. Elisa, in lacrime, esce di casa, seguita da Manuela.

    Per Eleonora è un momento drammatico. La morte dell’amica le ha fatto aprire gli occhi: deve smettere di drogarsi; certo sarà difficile, ma deve provarci. Adrian, invece, non ne vuole sapere di smetterla: questa è la sua vita e lui si sente appagato. Eleonora torna a casa, e sente di doverne parlare con qualcuno, di doversi sfogare con qualcuno. L’amore materno in questo caso è la miglior cura ed Eleonora, in lacrime, confessa a Federica il suo problema di droga. La contessa è ovviamente atterrita e chiede alla figlia da quando fa uso di sostante stupefacenti. Eleonora racconta tutto, dall’Inghilterra ad Adrian, fino alla recente morte dell’amica. Federica rassicura la figlia: ora che lei sa tutto, farà del suo meglio per aiutarla. Per prima cosa deve iniziare a frequentare un Centro Sociale per tossico dipendenti. Eleonora accetta: è decisa più che mai a riprendere in mano la sua vita.

    Pietro si mette in contatto con Franco e inizia a dare del filo da torcere al ragazzo. Non ha intenzione di andare via da Napoli; la sua vita è qui e Franco deve aiutarlo. Il giovane è stranito: la notizia della sua evasione si sta diffondendo, la polizia è sulle sue tracce e, restando a Napoli, non ci metterà molto a trovarlo. Pietro però rivela al figlio che, prima di abbandonare la città, deve fare delle cose importanti. Ignara di tutto, Maria vive con gioia la sua relazione, seppure segreta, con Tancredi. Fra due cresce la complicità e, fra coccole e smancerie varie, si baciano inconsapevoli che qualcuno lì sta osservando di nascosto: si tratta di Pietro Boschi.

    Elisa e Manuela sono tornate a casa. La Secoli racconta alla figlia tutta la verità. Dal giorno in cui scoprì di essere incinta, fino alla decisione di confessare tutto a Raffaele. Anche a casa Giordano, Raffaele e Rita stanno facendo forza a Diego, ma la cosa sembra difficile; il ragazzo non riesca ad accettare che Elisa sia sua sorella. Lui le vuole bene: come può continuare ad amarla… di amore fraterno?

    Settembre sta passando velocemente. Claudia, dopo la rottura con Alessandro, cerca sostegno negli amici della Terrazza. Tutti però sono freddi con lei, e offrono il loro appoggio solo ad Anna. La Costa così si convince che nessuno in quella casa le voglia più bene, ma ben presto scopre che non è così: certo, lei ha fatto i suoi sbagli, ma ormai per Michele, Guido e Silvia è come una sorella. I tre ragazzi le hanno preparato una piccola sorpresa per farla tornare a sorridere. Claudia, dal canto suo, sente di doversi scusare con Anna. Confessa alla ragazza di non aver mai fatto sesso con Alessandro, dato che lui ama solo lei. Spinge l’amica a farsi avanti prima che sia troppo tardi: fra pochi giorni Alessandro partirà per la traversata oceanica.

    In casa Poggi ormai la situazione è insostenibile. Renato scopre che Giulia continua a mettergli le corna e lo fa sempre più spesso. Il ragioniere si dice stufo; stufo di essere tradito dalla moglie sotto lo sguardo di tutti; stufo di cercare di convincerla che il loro matrimonio è più importante di tutto il resto! La tensione tra i due raggiunge il culmine e Renato urla a Giulia di prendere una decisione subito. Giulia, sconvolta, fugge in lacrime. In cerca della donna, Luca e Renato parlano civilmente: è giusto che sia lei a decidere con chi vuole passare il resto della sua vita.

    La notizia dell’imminente partenza di Alessandro manda in subbuglio Anna. La ragazza si trova costretta a leggere in fondo al suo cuore. Deve ricercare i suoi veri sentimenti e trovare il coraggio di confessarli. Si reca dal giovane Palladini per augurargli buona fortuna per la regata e per salutarlo. Alessandro la ringrazia e la guarda mestamente, sperando che lei faccia il primo passo. Anna capisce che deve parlare chiaro con Alessandro, altrimenti rischia di perderlo per sempre. Così prende forza e gli confessa di amarlo; lei ama solo lui, lo ha sempre amato e solo ora che, a causa di una regata, sta per perderlo seppure per poche settimane, ha capito che non può vivere senza di lui. Gli occhi di Alessandro brillano di gioia. Anche per lui è lo stesso; la ama più di qualunque cosa al mondo. I loro sentimenti sono sinceri, pieni di speranza, pieni di desiderio, pieni di amore, di amore vero! I loro sguardi si incontrano e, in una salente spirale di emozione, si scambiano un dolce e tenero bacio, pieno di passione, che sancisce il loro ritrovato amore.
    Immagini allegate Immagini allegate
    Ultima modifica di Simone 22; 04-02-2013 alle 15:11


  8. #23
    Redattore L'avatar di Simone 22
    Data Registrazione
    Oct 2005
    Messaggi
    17,728

    Predefinito

    Capitolo 21

    Alessandro e Anna continuano a baciarsi. Non hanno paura di essere visti; si amano e tutti devono saperlo. Alessandro promette alla ragazza che non appena tornerà dalla regata, inizieranno ad organizzare il loro matrimonio. Anna è emozionata: finalmente il suo sogno d’amore si sta realizzando. Poco dopo tornano insieme a Palazzo Palladini e annunciano agli amici del loro ricongiungimento. Silvia è felicissima per l’amica, e anche Claudia, seppur delusa, capisce che è giusto che le cose siano andate in questo modo.

    Il giorno dopo finalmente Giulia prende la sua decisione: partirà con Luca. I due preparano tutto, ma proprio al momento della partenza, la Poggi si blocca: sta facendo uno sbaglio. Non può abbandonare Angela e Valentino. Così, scusandosi con il dottore, decide di restare con Renato: è ormai troppo tardi per cambiare vita. Luca cerca di farle capire che la sua felicità è importante, ma Giulia non torna indietro. Si allontana e torna a casa. Renato è felice di riabbracciarla, ma per Angela non è così: non basta un sorriso per far tornare tutto come prima: questa è già la seconda volta che i suoi la deludono; ma in che razza di famiglia è cresciuta in tutti questi anni?

    Fulvio Spataro è furioso per la perdita dell’affare del centro residenziale e si chiede come possa essere accaduto. I suoi uomini gli confessano che il suo amico Alberto Palladini si portava a letto sua moglie Chiara Donati. Fulvio capisce tutto e decide di vendicarsi. Ordina ai suoi uomini di trovare Alberto e di dargli una bella lezione. Alberto, intanto, ignaro di tutto, è tornato a lavoro ai cantieri per aiutare il padre e il fratello con il “Dreamer”. Gli uomini arrivano ai cantieri, ma sbagliano fratello e iniziano a seguire il più giovane dei Palladini. Alessandro accortosene cerca di fuggire, ma viene presto raggiunto dai due energumeni; picchiato a sangue e lasciato a terra dolorante: questo è un messaggio da Fulvio Spataro.

    L’assenza per alcuni giorni di Federica da Palazzo Palladini ha creato l’atmosfera giusta per un ulteriore avvicinamento tra Tancredi e Maria. I due trascorrono l’intera giornata insieme; una giornata romantica; una giornata di sfogo; una giornata che Maria desiderava da tempo. I due si baciano e si chiedono come affronteranno la loro relazione con i loro figli. Tancredi non vuole pensarci ora; vuole goderci questi giorni speciali, poi si vedrà il da farsi. Il conte riaccompagna Maria a casa. La Boschi entra in casa e, felice, ripensa ai momenti passati con Tancredi: si è davvero innamorata di lui. I suoi pensieri vengono dissolti da una voce familiare che fa sobbalzare la donna. Suo marito Pietro è di fronte a lei. Maria è spaventata: come è possibile? Lui dovrebbe trovarsi in carcere. Pietro confessa di essere evaso con l’aiuto di Franco. Maria è sconvolta e chiede all’uomo cosa voglia. La risposta è semplice: soldi, tanti soldi. Lei ormai ha una relazione con Tancredi e quindi può darle tanto denaro. Maria non sa cosa fare; terrorizzata offre a Pietro dei soldi, ma all’uomo non bastano. Tornerà presto e lei deve fargli trovare gli altri, altrimenti lui sa come fare per convincerla. Detto questo va via, lasciando Maria in lacrime: l’incubo è ricominciato.

    Alessandro è appena stato in ospedale: a causa dell’aggressione ricevuta, una mano si è fratturata! Il ragazzo è triste: teme di non poter più intraprendere la traversata oceanica. Racconta al padre e al fratello quello che le è successo, facendo il nome di Fulvio Spataro. Alberto capisce tutto al volo: Chiara aveva ragione su suo marito! Sentendosi responsabile per l’accaduto e, sentendo che Alessandro non può partire da solo in quanto non può manovrare la barca, decide di accompagnarlo. Certo lui non è un lupo di mare, ma con Alessandro al suo fianco tutto andrà bene. Il conte accoglie con entusiasmo la notizia; la regata inizierà in Spagna e quindi i suoi due figli devono recarsi lì con la barca. Tancredi spera che la vicinanza obbligata, spinga i due ragazzi a ritrovare l’armonia di una volta, lontani da tutto ciò che in questi mesi ha causato il loro allontanamento, non ultimo l’amore di entrambi per Anna Boschi.

    Ottobre. Le temperature scendono vertiginosamente, facendo strada ai primi freddi. In casa Poggi si respira proprio questo freddo, ma non a causa del maltempo! Angela non riesce ad accettare il fatto che la madre era pronta ad abbandonare tutta la famiglia per seguire l’amante. Accusa la madre di essere una poco di buono, un’egoista che pensa solo a sé e non al bene delle persone che le sono accanto. Giulia cerca di recuperare il rapporto con la figlia: sì, lei ha sbagliato, ma ha capito in tempo che stava commettendo un errore. Angela però non ci sta: lei non è più una bambina e sa bene che ormai fra i suoi genitori non c’è più amore. Interviene nonna Agnese, che portando come esempio la sua storia con Gregorio, cerca di far capire alla nipote che a volte, anche se si commettono errori, non è detto che si smetta di amare le persone più care. Alla fine Angela crolla e, in lacrime, abbraccia la madre.

    Mentre Anna è al fianco di Alessandro, la cui partenza è ormai imminente, Maria corre da Tancredi e, atterrita, racconta della visita di Pietro: è evaso di carcere ed ora vuole soldi. Maria piange: ha paura; non vuole essere più picchiata, non vuole più soffrire a causa del marito. Il conte le assicura che non accadrà nulla di questo: ora c’è lui al suo fianco e tutto andrà bene. I due mettono a punto un piano per prendere in trappola Pietro, che l’indomani tornerà da Maria per riscuotere. Per prima cosa però Maria quella notte resterà a Palazzo Palladini.

    Passa la notte. Al mattino Federica torna a palazzo e scopre che Maria ha trascorso l’intera notte in casa sua. Inalberata chiede spiegazioni a Lucina, la governante. Arriva però Tancredi che comunica alla moglie che Maria è una sua ospite e, dato che sta passando un brutto periodo, si è fermata da loro per la notte. Federica cerca di ribattere in quanto al piano di sopra vive sua figlia e che quindi poteva fermarsi da lei, ma il conte invita Federica a non creare ulteriori problemi. La contessa però continua ad indagare e, suo malgrado, scopre che Alessandro è tornato con Anna. La notizia sconvolge la donna, che però ha le mani legate.

    Guido è alle prese con la sua collezione: ormai la sfilata è sempre più vicina. Preso dall’enfasi mostra a Silvia e Franco i suoi nuovi modelli, chiedendo loro consiglio. I ragazzi ovviamente apprezzano il lavoro del Del Bue e lo invitano a proseguire in questa direzione: sicuramente la sua linea di biancheria sarà un successo. Questo espediente serve anche per avvicinare Silvia a Franco. I due iniziano a conoscersi meglio e Silvia nota che Franco ha un tatuaggio a forma di rosa. Con la mente torna a qualche mese fa, quando Rita leggendole le carte le aveva detto che il suo grande amore avrebbe avuto una rosa tatuata. Silvia, sognatrice e amante di film romantici, vede questo come un segno del destino: è Franco il ragazzo di cui le parlava Rita.

    Per Alessandro e Alberto è giunto il momento di partire per la regata oceanica. Il saluto avviene al porto di Napoli. L’intera famiglia Palladini fa ai due marinai il classico “in bocca al lupo”. A salutare i due vi è anche Anna, che bacia con amore Alessandro, sotto gli occhi di tutti. Il giovane regala alla fidanzata un anello, promettendole di sposarla al ritorno: Federica è schifata dalla cosa. Alberto invita il fratello a salire sul “Dreamer”: devono arrivare entro il mattino seguente in Spagna. La vela è spiegata, i motori si mettono in funzione e i due ragazzi prendono il mare. Mentre tutti si voltato per tornare a casa, Anna rimane ad osservare la barca allontanarsi dalla costa ed ha un brutto presagio, una strana sensazione, come se qualcosa di tragico stia per accadere.

    E’ arrivato il momento dell’attuazione del piano di Tancredi e Maria. La donna è in casa sua e riceve la visita di Pietro, che chiede insistentemente i soldi. Maria cerca di prendere tempo in attesa dall’arrivo di Tancredi, ma il Boschi è frettoloso: la polizia è sulle sue tracce e lui non può restare in uno stesso luogo per troppo tempo. Vedendo che Maria non gli dà quello che desidera, infierisce su di lei e inizia a picchiarla. Maria cade a terra in lacrime, supplicando all’uomo di smetterla, dato che da lì a breve arriverà Tancredi e la polizia. Pietro capisce che Maria le ha teso una trappola, ma non fugge. Continua a malmenare la donna con calci sempre più violenti, fino a farle perdere i sensi. Vedendo che la donna non rinviene, crede di averla uccisa. Dopo un attimo di esitazione, fugge via: finalmente la sua vendetta è compiuta.

    Eleonora ce la sta mettendo tutta per uscire dal tunnel della droga. Ad aiutarla in questo difficile cammino c’è Michele con il suo amore. I due trascorrono la giornata al Caffè Vulcano, dove Don Antonio ha organizzato una giornata con i ragazzini della parrocchia. Eleonora si lascia prendere dalla cosa e si dà molto da fare affinché tutto vada bene. Soddisfatto di lei, Don Antonio la invita ad aiutarlo al Centro Sociale: lì ci sono tanti ragazzi che hanno bisogno di cure e di amore ed Eleonora sarebbe perfetta come volontaria. La ragazza è sorpresa; Michele le propone di provare: nel caso non si trovasse bene può sempre ritornare sui suoi passi.

    Tancredi giunge a casa di Maria, ma è ormai tardi. La donna è a terra in fin di vita, circondata da tantissimo sangue. Chiama subito i soccorsi, e poi in lacrime supplica Maria di non abbandonarlo: è tutta colpa sua; non doveva permetterle di andare da sola all’appuntamento con Pietro. Pochi minuti dopo Maria è caricata sull’ambulanza che, a sirene spiegate, la porta urgentemente in ospedale. Tancredi informa Anna e Franco, che corrono al capezzale della madre. Maria riceve le cure del caso e i medici riescono a salvarle la vita: se fossero passati solo pochi minuti sarebbe morta dissanguata. Franco, sconvolto per quello che è successo alla madre, pretende dal conte di sapere tutta la verità: chi e perché ha ridotto Maria in quello stato?

    Manuela torna a casa Giordano. Ora che finalmente Elisa sa che Raffaele è suo padre, lei può dedicare il poco tempo che le rimane per far capire alla figlia che bella persona sia il Giordano. Raffaele abbraccia Manuela, invitandola a non mollare: c’è sempre la possibilità dell’operazione. Manuela però non è convinta: ci vogliono tanti soldi e poi non è neanche sicuro il risultato. Raffaele, rimasto solo, pensa al da farsi. Arriva Rita, di ritorno da alcune spese, e vedendo il marito silenzioso, si domanda cosa lo turbi. Raffaele sente il bisogno di sfogarsi con qualcuno; così confessa alla moglie tutta la verità su Manuela: è in fin di vita e vuole che lui si prenda cura di Elisa. Per Rita è l’ennesima batosta: sapere che il marito per tutto questo tempo le ha nascosto tutto è davvero inacetibile. Come può continuare a vivere con un uomo che le nasconde cose così importanti. Raffaele cerca di spiegarsi, ma Rita, delusa, si allontana.

    Il conte Tancredi racconta a Franco ed Anna del ritorno di Pietro. L’uomo è evaso dal carcere ed è tornato a minacciare Maria, a picchiarla violentemente fino quasi ad ucciderla. Anna è sconvolta: ecco il perché del brutto presagio. In lacrime si chiede quando tutta questa storia finirà! Franco, sbiancato in volto, confessa di aver aiutato Pietro ad evadere dal carcere. Non sapeva nulla delle violenze su Maria: è tutta colpa sua. Anna chiede al fratello come abbia potuto aiutare quella bestia: per colpa di quell’uomo la loro madre Maria sta lottando in un letto d’ospedale. Franco trova solo il coraggio di scappare via. Il conte abbraccia Anna, mentre il giovane Boschi è determinato a vendicarsi: quella bestia di suo padre pagherà amaramente per quello che ha fatto.

    Il “Dreamer”, con a bordo Alessandro e Alberto, è in rotta verso la Spagna. Le ore trascorse insieme hanno fatto ritrovare ai due fratelli l’alchimia di quanto erano più piccoli. Si vogliono bene e si promettono di aiutarsi in qualunque cosa accada: nulla potrà dividerli di nuovo. All’improvviso una fortissima tempesta si abbatte sul “Dreamer”. Mentre Alberto resta al timone cercando di non abbattersi sugli scogli, Alessandro corre in cabina a chiedere aiuto. Telefono al padre: Alberto è al timone e la barca ha preso qualcosa che galleggiava. Tancredi cerca di aiutare il figlio dandogli indicazione, ma la linea viene interrotta dal maltempo. Il conte, preso da timore, chiama subito la capitaneria di porto e comunica la posizione della barca con a bordo i suoi figli. Alessandro, nel frattempo ha raggiunto Alberto in poppa. Insieme cercano di cavalcare le onde, ma una forte ondata di acqua e vento colpisce la barca. I due giovani, sbalzati in aria, vengono risucchiati dal mare, mentre il “Dreamer” inizia ad affondare.
    Immagini allegate Immagini allegate
    Ultima modifica di Simone 22; 04-02-2013 alle 15:11


  9. #24
    Redattore L'avatar di Simone 22
    Data Registrazione
    Oct 2005
    Messaggi
    17,728

    Predefinito

    Capitolo 22

    Il mare è ancora in tempesta. I soccorsi giungono sul luogo della tragedia, ma dei due fratelli non vi è traccia. Iniziano le ricerche in mare, ma la burrasca non permette di poter controllare bene il fondo. A Napoli, il conte informa il resto della famiglia del naufragio. Federica ed Eleonora sono sconvolte e, mentre Tancredi corre ad informare Anna della tragedia, le due cercano di ricevere notizie dalla capitaneria di porto, ma purtroppo non ci sono notizie confortanti: il “Dreamer” sta per essere riportato sulla terraferma, ma purtroppo Alessandro e Alberto sembrano scomparsi nel nulla.

    Al mattino seguente, la notizia del naufragio fa il giro di Palazzo Palladini. Si fanno congetture sulla sciagura, chiedendosi come possa essere accaduta; tutti però si dicono tristi e sperano che arrivino presto buone notizie. Alla terrazza si vivono veri momenti di panico. Anna non riesce a credere che il destino le stia togliendo i due uomini più importanti per lei. Poi giusto ora che aveva ritrovato l’amore di Alessandro. No, non può essere. In lacrime il suo pensiero vola anche alla madre, che è in un letto immobilizzata: la violenza subita è stata devastante e Maria ha seri problemi fisici.

    Anche in casa Poggi è giunta la notizia. Renato, lavorando a stretto contatto con i Palladini, è realmente dispiaciuto. Alessandro e Alberto sono come dei parenti stretti per lui. Anche Giulia è rattristata e cerca di far forza al marito. Fra i due c’è un momento di tenerezza, in cui scatta un bacio; bacio che viene visto da Angela, Agnese e Raffaele. In breve la notizia fa il giro dei parenti stretti e ciò crea l’imbarazzo dei coniugi Poggi. Raffaele poi coglie l’occasione per prendere in giro il cognato.

    Maria ha denunciato Pietro per la violenza subita, ma Franco non è appagato dalla cosa. Sa bene che la polizia non troverà mai il padre, a meno che qualcuno lo tradisca. Il Boschi è solo in casa e pensa al da farsi. Suonano alla porta e con grande sorpresa si trova dinanzi proprio Pietro che, avendo saputo che il figlio lo cercava, ha raggiunto Palazzo Palladini. Franco infierisce contro l’uomo e fra i due inizia una furibonda discussione. Pietro si dice dispiaciuto per Maria, ma Franco lo accusa di essere un assassino e di essere un pazzo. Pietro, capendo che ormai il figlio è contro di lui, cerca la fuga in terrazza, ma Franco lo raggiunge. Fra i due inizia una violenta colluttazione. Pietro inizia a picchiare il figlio, accusandolo di tradimento. Franco cerca di divincolarsi e, per difendersi, spinge l’uomo che, perdendo l’equilibrio, supera la balaustra e precipita nel vuoto. Franco si rialza velocemente e corre ad affacciarsi. Quello che vede è agghiacciante: Pietro è caduto sugli scogli bianchi della costiera ed è circondato da tantissimo sangue. Franco corre subito in spiaggia, seguito da Raffaele. Pietro è agonizzante; viene chiama l’ambulanza: è però inutile, in quanto l’uomo chiude gli occhi per sempre. Franco resta immobile, sconvolto, incredulo: ha ucciso suo padre. Pochi muniti dopo arrivano i soccorsi e i paramedici prendono il corpo senza vita di Pietro per portarlo in ospedale per l’autopsia. Ovviamente arriva anche la polizia che preleva Franco e lo porta subito in commissariato per l’interrogatorio. Il giovane, atterrito, racconta tutto quello che è successo, ma Vito Russo non sembra credere molto alla legittima difesa. Tancredi e Anna, nel frattempo, sono corsi in ospedale ad informare Maria del tragico evento.

    La notizia della morte di Pietro fa il giro dell’intero condominio, già scosso per la scomparsa in mare di Alessandro e Alberto. Alla Terrazza c’è molta tensione; i ragazzi sono costretti a chiedersi che cosa ne sarà ora di Franco: finirà in carcere oppure sarà dichiarato innocente? Qualunque sia il suo destino, la cosa certa è che questo tragico evento segnerà la vita del giovane Boschi.

    Palazzo Palladini si risveglia. Rita ha preparato la colazione per Raffaele e Diego. Il più giovane corre a scuola: da qualche giorno sono iniziate le interrogazioni e lui deve mettersi sotto per non rischiare nuovamente la bocciatura. Il portiere invece è pensieroso. Da quando ha confessato ad Elisa di essere suo padre, non ha avuto più notizie di lei. Manuela ha preferito mantenere per qualche tempo le distanze e forse ha fatto bene: il tempo è l’unico medicina in questi casi. Il problema è che lei non ha molto tempo. Quindi deve approfittare di quel poco che le rimane per riunire Raffaele e Elisa. Diego dal canto suo è combattuto: vedere il padre così sofferente gli fa male, ma non ha la forza di confortarlo, in quanto lui in primis sta soffrendo per Elisa.

    Tancredi non riceve notizie confortanti dalla capitaneria di porto: dei due naufraghi non ci sono notizie. Federica, informata delle novità, cerca di approfittare dello sconforto del conte, per tentare un avvicinamento. Nonostante gli sforzi, la contessa si ritrova a piangere da sola disperata: i pensieri di suo marito sono da tutt’altra parte. Il conte è preoccupato per Maria: le ultime analisi non sono confortati e la donna ha molte costole fratturate ed in più il femore rotto, che le impedisce di compiere movimenti con le gambe.

    Dopo un’intera notte e un’intera mattinata trascorsa in commissariato, Franco è ormai demoralizzato. Vito Russo riceve i risultati dell’autopsia sul corpo di Pietro: la morte dell’uomo è stata accidentale, e Franco ha agito per legittima difesa. Il giovane è sorpreso quando Vito gli comunica che è libero. Può ricominciare la sua vita da capo. Incredulo torna alla Terrazza, dove riabbraccia Anna e gli amici. Silvia in particolare conforta il ragazzo e gli è vicina. Bisogna pensare alle esequie di Pietro. Don Antonio decide di occuparsi di tutto in forma riservata: certo Pietro non era uno stinco di santo, ma merita una giusta sepoltura.

    Guido è in crisi: la sua numerosa famiglia sta per fargli visita e lui non sa come comportarsi. Certo ora può vantarsi di avere un’attività avviata nel campo della moda, ma sa bene che quello che preme di più a sua madre è conoscere la sua fidanzata. Guido non vuole deludere i suoi cari, e quindi Claudia si offre di fingere per un giorno di essere la sua ragazza. Per la Costa si tratta solo di sano divertimento, mentre per Guido è un vero problema. In breve l’appartamento della Terrazza è invaso dai fratelli Del Bue e dalla famigerata Donna Lucia. Guido, alquanto perplesso mostra alla madre il suo appartamento e i suoi amici. L’arzilla signora osserva tutto con attenzione, per poi fare al suo “babbasone” la fatidica domanda: dove sta la sua fidanzata?

    In casa Poggi sembra tornato il sereno. Giulia e Renato stanno provando a ricominciare una vita di coppia, basata sulla fiducia e sulla fedeltà. La presenza del piccolo Valentino è fondamentale: certo, il bimbo non è realmente loro figlio, ma è come se lo fosse. Agnese è felice, vedendo la figlia di nuovo sorridente. Una visita a sorpresa però crea scompiglio alla donna: Gregorio torna a trovarla. Il loro amore è ormai rifiorito, ma l’uomo ha preso una decisione importante e pone la moglie di fronte ad una difficile scelta. Lui ha deciso di smettere di fare il venditore ambulante; vuole godersi gli ultimi che anni di vita che gli restano ed ha deciso di partire per le Haweii; con la sua pensione potrà vivere agiatamente con la sua compagna. Chiede quindi ad Agnese di seguirlo in questa folle avventura.

    Alla Terrazza è in corso la commedia Del Bue. Guido presenta alla madre e ai fratelli Claudia come fidanzata. Donna Lucia osserva con circospezione la ragazza, ma non appare convinta. C’è qualcosa che non le torna: cosa ci trova il suo Guidone in una sciacquetta simile? Claudia inizia ad innervosirsi e Guido, capendo la situazione, cerca di far capire alla madre che lui e Claudia si amano. Donna Lucia non ci sta e continua ad infierire contro la ragazza, tant’è che Guido e Claudia realizzano che la parte dei fidanzati è un ruolo difficile da sostenere con lei. Così il giovane trova il coraggio e confessa alla madre la verità. Donna Lucia è felice: una del genere accanto al suo “babbasone” non ce la vede proprio. Quando la signora Caccia, seguita dai figli, si allontana, Guido può tirare un respiro si sollievo.

    Agnese è sorpresa dalla richiesta di Gregorio. La sua vita ormai è Napoli; non se la sente di lasciare tutto e tutti per partire alla volta di un isola. Alla discussione si aggiungono anche Renato e Giulia. I coniugi capisco che la partenza di Agnese sarebbe un bene per tutti: sia per lei, che ritroverebbe la serenità di una volta, sia per loro, che tornerebbe ad avere una casa tuta per loro. Decidono di intervenire con un semplice piano per convincere la donna a partire per le Haweii. Alla fine Agnese prende la sua decisione e la comunica: seguirà Gregorio; poi se non le piacesse l’isola, potrà sempre tornare a Napoli.

    Le speranze di ritrovare Alessandro e Alberto sani e salvi sono ormai poche. Le ricerche continuano senza sosta, mentre a Napoli Federica, Eleonora e Tancredi sono in ansia. Sono trascorsi ormai troppi giorni e la capitaneria di porto continua a contattarli solo per brutte notizie. Finalmente viene avvistata una sottospecie di scialuppa, sulla quale viene trovano un uomo ormai disidratato: è un Palladini. Subito la notizia arriva a casa Palladini, ma non si sa ancora quale dei due fratelli si sia salvato. Anche alla Terrazza arriva la notizia: Anna è in trepidazione.

    Al mattino seguente, Diego incontra Elisa. Da quella fatidica sera non si erano più incontrati. L’imbarazzo è evidente; è difficile accettare di essere fratelli, dato che fra i due c’è un sentimento che va ben oltre il legame di sangue. In un momento di tenerezza si avvicinano e sono sul punto di baciarsi sulle labbra, ma Diego si ferma in tempo e, dopo aver chiesto scusa alla sorella, si allontana. Tornato a casa, trova il padre in compagnia di Manuela. Il ragazzo ha una brutta reazione nei confronti della donna e Raffaele capisce che il suo rapporto con Manuela rischia di intaccare in maniera irreversibile il suo legame con Diego.

    E’ giunto il momento della partenza di Agnese. Gregorio ha preparato tutto alla perfezione: i biglietti, i passaporti. Giulia e Rita abbracciano forte la madre; anche se saranno lontane, potranno sempre sentirsi telefonicamente o via posta. Renato a dolci parole per Agnese, mentre Angela ringrazia la nonna per i preziosi consigli che le ha dato in questi mesi. Il saluto avviene nel cortile del Palazzo. Gregorio carica i bagagli sul taxi, mentre anche Raffaele e Diego raggiungono nonna Agnese per salutarla. Rita e Giulia abbracciano forte anche papà Gregorio, chiedendogli di prendersi cura della mamma! Le Haweii sono lontane e, vedendo il taxi allontanarsi, Rita ha la sensazione che non rivedrà mai più i genitori. Una lacrima solca il suo viso, mentre Giulia l’abbraccia: potranno sempre andarli a trovare loro per una vacanza.

    I Palladini e Anna sono al porto di Napoli. E’ in arrivo la motovedetta con in naufrago che è stato ritrovato la notte scorsa in mare. La capitaneria di porto ha assicurato che il ragazzo non ha subito gravi danni; l’unico problema è lo stato mentale: è in stato di choc. Tutti sono in attesa, in agitazione. Mentre Federica spera si tratti di Alberto, Anna prega che sia Alessandro. La motovedetta giunge finalmente a riva e dei paramedici trasportano una barella con il sopravvissuto: si tratta di Alberto. Federica e Tancredi corrono ad abbracciare il figlio, mentre Anna resta in disparte in lacrime.

    Claudia non sta passando un bel periodo. E’ da tempo senza un lavoro e la fine della sua storia con Alessandro le ha fatto capire che non basta la bellezza per far colpo su qualcuno. Mentre riflette sulla sua difficile situazione, riceve la visita di suo cugino Gabriele Perna, il carabiniere che tempo fa si finse suo fidanzato per far ingelosire Alberto. Claudia e Gabriele parlano a lungo e si confidano sull’amore. Lei racconta dei suoi fallimenti, mentre lui inneggia la dolce storia d’amore con Diana, la sua fidanzata storica.

    Alberto è portato all’ospedale di Napoli. Le sue condizioni sono stazionarie; ovviamente è disidratato, ma basteranno alcune flebo e alcune cure per farlo riprendere. I Palladini sono tutti attorno a lui, che racconta in lacrime i momenti drammatici del naufragio. La paura di non farcela; lui e Alessandro hanno cercato in tutti i modi di mettersi in salvo, ma poi una forte ondata lì ha divisi. Alessandro è stato scaraventato in mare, mentre lui è rimasto sulla barca, sino alla fine, fino all’affondamento. L’avvocato chiede come stia suo fratello e Tancredi è costretto a confessargli che di Alessandro ancora non ci sono notizie: è ancora disperso in mare.

    La piacevole visita di Gabriele ha ridato il sorriso a Claudia. La ragazza è in giro per Napoli, quando viene avvicinata da uno sconosciuto, che si presenta a lei come un manager, Lorenzo Macchia. Claudia è incuriosita, ma ben preso scopre che l’uomo sa troppe cose di lei. E’ a conoscenza della sua carriera nel campo della moda, della sua relazione con Alberto Palladini e di tanti altri aneddoti che Claudia preferirebbe tralasciare. La ragazza chiede a Lorenzo come faccia a sapere tutte queste cose di lei e soprattutto cosa voglia. Lorenzo sorridendo dichiara di essere semplicemente affascinato da una bella ragazza, che lui vorrebbe lanciare nel mondo dello spettacolo.

    Un nuovo giorno sorge su Napoli. Il sole illumina la lunga scogliera che circonda Palazzo Palladini. Seppure sia ormai giunto l'autunno le temperature sono di nuovo in salita. Michele si reca come tutti i giorni al giornale. Aldo ha un nuovo incarico da affidargli; questa volta si tratta di un caso scottante: deve indagare su un giro di prostituzione alla periferia di Napoli. Michele capisce che il compito è davvero arduo, ed è soddisfatto: finalmente qualcosa che fa al caso suo. Nel frattempo, Luca ripensa alla sua storia d’amore con Giulia. Ora che tutto è finito, cerca di farsi forza per andare avanti. Vagando per strada, passa di fianco ad alcuni bidoni della spazzatura. Ode dei piccoli guaiti e, incuriosito, trova all’interno di un frigorifero, un cucciolo di pastore tedesco. Luca s’innamora subito dell’animale dagli occhi teneri. E’ in buono stato, ma una visita veterinaria è d’obbligo. Lo accoglie poi in casa: finalmente ha un coinquilino! Bisogna solo trovargli un nome. Beh… nulla di più semplice: si è fatto trovare in un frigo, quindi si chiamerà Frigo!

    Franco e Silvia passano sempre più tempo insieme. La ragazza è ormai presa dal giovane Boschi, che però è ancora scosso per le ultime vicende accadute in seno alla sua famiglia. Al funerale del padre vi erano pochissime persone e mamma Maria è ancora in ospedale. Silvia lo conforma: lei ci sarà sempre per qualsiasi cosa. Si crea una tenera atmosfera; fra carezze e smancerie varie, le loro labbra si avvicinano, si sfiorano e poi si perdono una dentro l’altra. Franco inizia delicatamente a svestire la ragazza, che chiede solo amore e delicatezza: per lei si tratta della prima volta. I loro corpi si strusciano sul letto e, mentre un insieme di odori riempie la stanza, lei si perde negli occhi grandi di un bambino, di quel bambino che, con la sua dolcezza, le svela che non è impossibile amare veramente.

    A casa Palladini si vivono momenti di tensione. Alberto si sta riprendendo, e ben presto tornerà alla sua vita di sempre. I pensieri dei cari però sono tutti rivolti al più giovane dei Palladini, del quale ancora non ci sono notizie. Ormai sono passati troppi giorni dal naufragio; Eleonora cerca di far forza a mamma Federica, che non riesce ad accettare l’idea di non vedere mai più il suo dolce ragazzo. Tancredi, nel frattanto, è nel suo ufficio, a telefono. Il volto dell’uomo si rattrista all’improvviso; giunge Eleonora, che timorosamente chiede al padre se ci sono novità. Il conte abbassa lo sguardo: al telefono era la capitaneria di porto; gli hanno detto che le possibilità di ritrovare Alessandro sono praticamente nulle. Alza la testa e, incrociando lo sguardo di Eleonora, rivela che le ricerche sono stare sospese ed Alessandro è stato dato ufficialmente come morto.
    Ultima modifica di Simone 22; 04-02-2013 alle 15:11


  10. #25
    Redattore L'avatar di Simone 22
    Data Registrazione
    Oct 2005
    Messaggi
    17,728

    Predefinito

    FINE PRIMA STAGIONE

    PAUSA DI OLTRE UN MESE E SI RIPRENDE A NOVEMBRE CON LA NUOVA SERIE

    Nella seconda serie l'ordine di uscita dei personaggi in sigla era:
    Anna Boschi, Maria Boschi, Luca De Santis, Silvia Graziani, Guido Del Bue, Raffaele Giordano, Rita Giordano, Diego Giordano, Michele Saviani, Claudia Costa, Franco Boschi, Renato Poggi, Giulia Poggi, Angela Poggi, Eleonora Palladini, Alessandro Palladini, Alberto Palladini, Tancredi Palladini, Federica Palladini.

    Quindi è uscita di scena Tiziana Torrisi e al suo posto sono entrati Eleonora Palladini e Franco Boschi.
    Ultima modifica di Simone 22; 04-02-2013 alle 15:11


  11. #26
    Redattore L'avatar di Simone 22
    Data Registrazione
    Oct 2005
    Messaggi
    17,728

    Predefinito

    Capitolo 23

    La famiglia Palladini vive ore di disperazione. La morte di Alessandro è difficile da accettare. Federica non riesce a credere che abbiamo interrotto le ricerche. Tancredi giustifica la capitaneria di porti, ma non si arrende all’idea di aver perso il figlio minore. Eleonora piange, mentre anche Alberto in ospedale riceve la terribile notizia. Il ragazzo è atterrito: no, non è giusto che lui si sia salvato, mentre Alessandro è morto.

    Silvia e Franco si godono gli attimi che seguono la passione. La ragazza si sente appagata; abbraccia il ragazzo e sogna una vita con lui. Franco è dolcissimo; sente di provare qualcosa di forte per Silvia e non se ne vergogna. Entrambi sanno che saranno molti gli ostacoli che incontreranno sul loro cammino, ma ora non ci vogliono pensare: sono felici; finalmente nelle loro vite è arrivato un po’ di sole. Per Franco si tratta di quel posto al sole che cercava da anni, mentre per Silvia è il traguardo della sua ricerca amorosa.

    Dicembre è alle porte ed il freddo è sempre più forte, ma Luca riesce a riscaldarsi con Frigo. Certo, le difficoltà di avere un cucciolo di pastore tedesco in casa sono tante, ma Luca adora gli animali e poi finalmente ha un essere vivente per casa. Frattanto, alla terrazza, Claudia riceve uno strano invito per un viaggio. Il misterioso Lorenzo Macchia vuole portarla in un posto speciale, per dimostrarle il suo reale interesse nei suoi confronti. Claudia, da sempre amante della bella vita, accetta entusiasta e si prepara a partire con un perfetto sconosciuto.

    La tragica notizia della morte di Alessandro si diffonde in un lampo fra i condomini. Tutti hanno parole dolci per il giovane Palladini: un ragazzo gentile, educato, che non meritava questa brutta fine. Alla terrazza i ragazzi cercano di rassegnarsi all’idea di aver persona per sempre un grande amico. Anna guarda la sua mano, quell’anello che Alessandro le ha donato, promettendole di sposarla al suo ritorno; no, Alessandro non può essere morto, non può essere vero. Gli amici cercano di farle capire che purtroppo Ale non tornerà più, ama Anna in lacrime, non si arrende: è sicura che il suo fidanzato è vivo! La Boschi trova conforto anche nella madre, ancora in ospedale. Maria però sprona la figlia affinché accetti la dura realtà. Anna piange disperata, rifugiandosi nelle braccia materne.

    L’aria in casa Palladini è ormai irrespirabile. Continuano ad arrivare messaggi di cordoglio da parte di tutta l’alta borghesia napoletana e non. Federica non riesce a soffrire in silenzio, anche perché non crede assolutamente che Alessandro sia morto. Il ritorno a casa di Alberto non riesce a sollevare il morale della contessa. Certo è felice che il figlio maggiore sia sano e salvo, ma non può accettare di aver perso il piccolo di casa. Alberto non ha ancora superato lo shock e trova conforto in Eleonora. Tancredi è silenzioso: non riesce a concentrarsi sul lavoro e non ha voglia di preparare una commemorazione religiosa per Alessandro. A tal proposito Federica ha un’idea: lei non crede assolutamente che suo figlio sia annegato; il suo cuore di mamma le dice di non arrendersi. Dato che però sono state sospese le ricerche, l’unica cosa che lei viene in mente è di proseguire le ricerche in modo autonomo. Tutti sono sorpresi e turbati dall’iniziativa di Federica, che rivela ai familiari che, all’indomani, prenderà il mare e non tornerà fino a quanto non avrà ritrovare Alessandro. Il conte Tancredi, dopo un attimo di esitazione, decide di accompagnare la moglie in questa disperata ricerca.

    Claudia parte con Lorenzo per un week-end. L’uomo è molto galante nei modi: sembra il classico principe azzurro che tutte le donne sognano. Non nasconde l’attrazione che ha per la ragazza e, approfittando di un momento di tenerezza, la bacia dolcemente. Claudia è affascinata; Lorenzo la fa sentire importante, riesce a darle tutto quello che lei ha sempre desiderato. Lui poi le parla del suo lavoro: ha sotto mano un grande affare con un cliente, con il quale però ha alcuni problemi. Chiede alla ragazza di aiutarlo con questo acquirente. Claudia non capisce in cosa lei potrebbe essere utile, ma Lorenzo le chiede di fidarsi: lei deve solo presentarsi all’appuntamento con l’uomo; tutto il resto verrà da sé. Claudia è restia: la proposta è molto ambigua! Lorenzo però riesce a convincerla, iniziando a baciarla: lei è proprio il tipo di ragazza che stava cercando.

    Passano i giorni. Michele ha iniziato la sua inchiesta sulla prostituzione. Il compito è arduo; bisogna entrare nel giro e scoprire cosa c’è dietro ogni ragazza che battona la strada. Il giornalista si confida con l’amico Luca, che resta piacevolmente colpito da questa iniziativa del “La Notizia”: Napoli è piana di ragazze che mettono in vendita la propria purezza. Il dottore è così preso dalla cosa che decide di accompagnare Michele a fare un sopraluogo nella periferia del capoluogo campano, dove ogni notte le strade si riempiono di belle gambe e di fari abbaglianti.

    Alberto si è recato da Anna per informarla della decisione dei suoi di prendere il mare nella speranza di ritrovare Alessandro. La ragazza scoppia in lacrime e Alberto le confida di sentirsi responsabile, in quanto non ha fatto nulla per salvare il fratello, caduto in mare. Fra lacrime e disperazione, Anna perdona Alberto: non è colpa sua; la tempesta era troppo forte e lui non può certo addossarsi tutta la colpa. I due si stringono forte e piangono insieme, sperando che il mare restituisca loro Alessandro.

    Per Guido è finalmente giunto il momento di dimostrare a tutti le sue capacità: il giorno della sua sfilata. Germani si complimenta con lui: i modelli sono fantastici; sarà un successone. Nel salone prendono posto tutti gli amici e parenti del Del Bue, fra la stampa e critici del settore. La presentazione dalla sua collezione, come pronosticato, va alla grande e Guido riceve autorevoli valutazioni positive: per lui è la realizzazione di un sogno, quel sogno nel quale ha sempre sperato. Claudia lo abbraccia: finalmente è uno stilista!

    Federica e Tancredi hanno preso il loro yacht e si stanno allontanando dalla costa. Sono in contatto radiofonico con la capitaneria di porto e con i loro familiari a Napoli. Perlustrano con la torcia ogni angolo di mare, nella speranza di avvistare qualcosa: una scialuppa, un pezzo di legno, qualunque cosa che possa essere simile ad una zattera! Purtroppo la prima giornata di ricerca non va a buon fine: di Alessandro non c’è nessuna traccia. Il tramonto avvisa che la notte sta per giungere e che quindi bisogna fermarsi e riposare. Federica però con la torcia continua ad illuminare l’acqua; Tancredi la abbraccia e i due cercano di farsi forza insieme.

    Anche su Napoli è calata l’oscurità. Per Michele e Luca è l’ora di iniziare le loro indagini. Con l’auto inizia a percorrere tutte le vie periferiche, dove ogni notte centinaia di ragazze si prostituiscono. Michele, con l’automobile, procede molto lentamente per cercare di scorgere situazioni particolari. Ad un certo punto Luca vede in lontananza dei giovani che picchiano una ragazza; impone a Michele di raggiungere la zona e di fermarsi. E’ una piazzola quasi del tutto al buio, illuminata solo da un focolare, che dato il freddo di Dicembre, viene utilizzato per il riscaldamento. Dei piccoli materassi fanno da sedie, mentre tutto intorno è sporcizia varia. Luca corre a difendere la ragazza, mettendo in fuga i malviventi; poi la rassicura: lui è un medico. Michele giunge in quel mentre e, vedendo che la giovane è ferita, vorrebbe portarla in ospedale. La ragazza di carnagione scusa, indossa una giacca bluastra fosforescente e una minigonna rossa; un paio di calze nere con degli stivali. Appare spaventata, infreddolita ma, nonostante, le lacrime e il dolore, rifiuta l’ospedale. Luca non se al sente di abbandonarla in quelle condizioni: lui conosce un posto sicuro dove portarla. La ragazza decide di fidarsi di lui e sale in auto.

    Come ogni anno Raffaele prepara il suo presepe nell’atrio di Palazzo Palladini. E’ tornato il presepe tradizionale, quello con San Giuseppe, la Madonna e il piccolo Gesù. Un velo di tristezza però copre il volto del Giordano: Elisa non si è fatta più vedere. Rita gli consiglia di non accelerare i tempi, ma Raffaele ha paura di poter perdere per sempre la figlia. Giunge Manuela che confessa al Giordano che ha una sorpresa per lui: Elisa è lì con lei. Raffaele non riesce a crederci e abbraccia forte la ragazza. Fra i due vi è un intenso confronto, al termine del quale Elisa si dice pronta ad istaurare con lui un rapporto di padre e figlia; certo, sarà dura, ma devono farcela. Raffaele si commuove e abbraccia Elisa. Diego torna a casa e resta quasi in disparte: è dura per lui accettare tutto questo.

    Luca porta la giovane somala al Centro di Accoglienza di Via Posillipo. Giulia accoglie la ragazza e con l’aiuto di Anna, che sostituisce Maria ancora in ospedale, soccorre la ragazza. Per prima cosa si fa raccontare da Luca dove l’abbia trovata, mentre Anna aiuta la somala ad indossare abiti più consoni e più comodi. Con molta paura, la giovane rivela di chiamarsi Jasmine, di non avere la cittadinanza italiana e di essere venuta in Italia per lavorare; ma poi si è ritrovata sulla strada, costretta dal racket. Erano appunto i suoi aguzzini che la stavano picchiando, perché lei voleva uscire dal giro. Giulia è colpita dalla sua drammatica storia e vuole aiutarla: c’è un’unica cosa da fare… recarsi alla polizia e denunciare tutto. Jasmine però è categorica: non può farlo, il racket si vendicherebbe di lei. Luca cerca di spiegarle che è l’unica soluzione: loro vogliono aiutarla ad abbandonare quella vita; lei merita di ricominciare a vivere, merita di essere felice. Jasmine però non è convinta; il medico decide di ospitarla a casa sua per quella notte. La ragazza, seppure turbata, accetta.

    Al mattino seguente, Federica e Tancredi riprendono le ricerche con la barca. Con un binocolo il conte scruta in lontananza, ma nulla: solo pescherecci! Federica non vuole arrendersi: non può essere scomparso Alessandro… se fosse morto il suo corpo sarebbe venuto a galla e invece nulla! Tancredi però sa di dover tornare a Napoli: ora ci sono le feste, e lui deve rimettersi a capofitto nel lavoro. Sono settimane che trascura i cantieri; certo c’è Renato ed ora è tornato anche Alberto, ma la mancanza di Alessandro ha creato dei disagi notevoli che deve cercare di sistemare. Federica è contrariata, ma capisce che non c’è altra soluzione: devono tornare a Palazzo Palladini.

    Jasmine ha appena fatto colazione. Non riesce a credere di essere libera; di non dover più prostituirsi. Però ha paura: è sicura che il racket non la lascerà in pace; verranno a riprenderla ne è certa. Mentre Frigo, il cucciolo di pastore tedesco, cerca coccole in Jasmine, Luca cerca di rassicurare la ragazza: fino a quando resterà da lui, nessuno potrà farle del male. Il dottore insiste sulla denuncia, ma la notte non ha fatto cambiare idea a Jasmine che, pur ringraziando Luca, ha deciso di non andare alla polizia. Giulia si reca a trovarla per accertarsi delle sue condizioni; Luca confida alla Poggi che ha deciso di ospitare la somala in casa sua fino a quando non avranno trovato una soluzione. Secondo Giulia è una pazzia: così mette a rischio la sua vita e quella di tutti gli abitanti del palazzo. Luca però non cambia idea: non può abbandonare Jasmine al suo destino.

    Per Claudia è arrivato il giorno di aiutare Lorenzo. Il ragazzo passa a prenderla con la sua autovettura. La ragazza si è fatta bella per lui; un vestito splendido con un trucco leggero che la rende ancora più affascinante. Lorenzo bacia con passione la ragazza e la fa accomodare nella sua macchina. Durante il tragitto spiega poche cose a Claudia: deve vedere un cliente e deve semplicemente assecondarlo in tutto. Così la giovane si presenta all’appuntamento ignara di ciò che le stesse per accadere. Si trova dinnanzi un uomo, che la invita a seguirlo nella sua camera d’albergo. In breve l’uomo inizia a baciarla e a metterle le mani addosso; Claudia è atterrita, ma non può rifiutarsi; ha promesso e non può tirarsi indietro. Così finisce per andare a letto con questo cliente, che si complimenta con lei: è davvero deliziosa!

    Federica e Tancredi sono tornati a casa. Il conte corre in ufficio per controllare la situazione finanziaria delle imprese: vi sono numerose perdite. Alberto confida al padre di aver fatto di tutto per riportare la situazione in stabilità, ma l’assenza di Alessandro ha rallentato il lavori ai cantieri e quindi le consegne sono state ritardate di molte settimane. Molti clienti si sono ritirati e si sono rivolti alla concorrenza. Nel frattempo, la morte di Alessandro, ha avuto effetti anche su Eleonora. Effetti però positivi, in quanto la ragazza è più che mai decisa a salvare più vite possibili. Si prodiga per il centro sociale, dove cerca di aiutare tanti ragazzi ad uscire dal tunnel della droga.

    Dopo essersi rivestita, Claudia saluta il cliente ed esce dall’albergo. Si reca da Lorenzo; è incavolata, una belva: si è preso gioco di lei; l’ ha fatta prostituire. Lorenzo cerca di difendersi: aveva bisogno di quel cliente, e l’unica che poteva aiutarlo era lei. Claudia si sente usata, si sente sporca; urla al Macchia che quella è l’ultima volta che si vedranno. Lorenzo, per tutta risposta, mette nelle mani di Claudia dei soldi, pagandola per la sua prestazione. Claudia, prese le banconote, si allontana. Lorenzo rimasto solo, sorride: non è affatto finita; per lui e Claudia è solo l’inizio… lui sa come farsi perdonare!

    Passano i giorni e per Palazzo Palladini è giunto il momento di festeggiare il Natale. Anna trascorre la festività in ospedale con mamma Maria. Giulia e Renato, più uniti che mai, anche grazie alla presenza del piccolo Valentino, trascorrono il pranzo di Natale in famiglia con Raffaele, Rita e Diego. Dalle Haweii telefonano Gregorio ed Agnese; i due si dicono sereni: hanno deciso di restare insieme in giro per le isole a godersi gli anni della pensione.

    Nei giorni seguenti, il Palazzo si prepara a festeggiare il 1998. Raffaele prepara una cena con tutta la sua famiglia e i Poggi; Manuela ed Elisa, invece, sono a Sperlonga dai parenti. I ragazzi della terrazza hanno deciso di aspettare il nuovo anno in spiaggia, mentre Anna non se le sentita di festeggiare: nei suoi pensieri vi è solo Alessandro. Suonano alla porta e la ragazza, credendo che si tratti degli amici, corre ad aprire. Ha la sorpresa di trovarsi sul pianerottolo Alberto, che le chiede di uscire con lui quella sera. Anna rifiuta, ma Alberto cerca di farla ragionare: non può abbattersi così. Alessandro è morto e lei non può fare niente per farlo tornare indietro. Anna, seppure restia, si lascia convincere, e corre a prepararsi; Alberto le promette che quella sarà una delle sere più belle di tutta la sua vita.

    In spiaggia, Eleonora e Michele, Franco e Silvia, Guido e Claudia, brindano al nuovo anno, cantando e suonando. Sul belvedere Raffaele, Diego e Renato sparano dei fuochi pirotecnici, mentre Giulia e Rita parlano ed Angela osserva i ragazzi della terrazza con un pizzico d’invidia. Si brinda: il nuovo anno deve essere migliore del ’97. Deve essere un anno di serenità e di amore! Jasmine e Luca cenano insieme a casa del dottore; la somala lo ringrazia per tutto quello che sta facendo per lei.

    Alberto ha portato Anna ad un festa: certo, non è facile divertirsi, ma almeno la confusione può aiutare a non pensare. Anna però non ci riesce: Alessandro continua a tormentare i suoi pensieri! L’avvocato le accarezza dolcemente il viso: prima o poi troverà un altro uomo che la amerà. Anna risponde che nessuno riuscirà mai a farle dimenticare Alessandro. Arriva il momento del brindisi; con due calici di spumante, i due salutano il vecchio anno: anno da dimenticare, anno di sofferenza e di dolore. Alberto spera che il 1998 sia un anno di rinascita; prende delicatamente i polsi della ragazza, e sorridendo, la bacia. Anna chiude gli occhi; immobile, si lascia sfiorare dalle labbra di Alberto, in uno sfondo di colori che illuminano il golfo di Napoli.
    Immagini allegate Immagini allegate


  12. #27
    Redattore L'avatar di Simone 22
    Data Registrazione
    Oct 2005
    Messaggi
    17,728

    Predefinito

    Capitolo 24

    Alberto e Anna continuano a baciarsi, ma all’improvviso la ragazza si ritrae. L’avvocato si scusa ed Anna spiega che per lei è troppo presto per iniziare una nuova storia. Alberto l’abbraccia: lui non ha fretta; è disposto ad aspettarla anche per tutta la vita. La ama e le sarà sempre vicino, come amico, come compagno, come uomo! Anna lo ringrazia e si fa accompagnare a casa. Qui, i ragazzi sono appena tornati e Silvia si confida con Silvia. L’amica le consiglia di seguire il cuore: solo così potrà fare chiarezza dentro di sé.

    L’alba del nuovo anno è stato motivo di grandi festeggiamenti per gli abitanti di Palazzo Palladini. Ora però è il momento di rimboccarsi le maniche; le feste sono finite e tutto è tornato come prima. I problemi, le speranze… tutto riaffiora. Anche per i Palladini; certo il dolore per la perdita di Alessandro è forte, ma per Federica l’importante è che sia vivo il figlio prediletto, ovvero Alberto. Per Tancredi, invece, è il momento di riprendere in mano le sorti dei cantieri Palladini. A malincuore, analizzando le ultime stime, nota che le cose continuano ad andare male. Le richieste sono sempre di meno e gli operai iniziano a temere il peggio.

    Sonia Campo torna a Napoli con il suo complice, Angelo. I soldi ricevuti mesi fa, a seguito dello scambio nel parco, sono ormai finiti e lei ha bisogno di liquidi. L’unico che può aiutarla è Alberto Palladini. Angelo le chiede cosa intende fare: come può presentarsi dall’avvocato senza il piccolo Gianluca. Sonia sorride beffarda: per Alberto un bimbo vale l’altro; e lei gliene porterà uno. Angelo è sorpreso dalla geniale idea di Sonia: rapire un bambino e farlo passare per Gianluca, per poi venderlo ad Alberto. La donna è certa che nessuno sospetterà che quel bimbo non sia davvero Gianluca; così, mentre tutti crederanno al suo ritorno, lei potrà liberamente vagare per Napoli, alla ricerca del suo vero figlio.

    Nell’appartamento della terrazza, sul tavolo, fa bella mostra un mazzo di fiori. Claudia lo osserva; ansiosa prende il bigliettino e lo legge. “Perdonami. Ti aspetto questa sera da me. Ti amo. Lorenzo.” Claudia legge e rilegge il messaggio; poi con uno scatto, straccia il biglietto… e sorride! Lorenzo le è entrato nel cuore: lo ama e sente di potersi fidare di lui; certo l’ ha messa in una situazione imbarazzante, ma lei poteva benissimo rifiutarci e andare via, invece è rimasta ed ha consumato la serata con il cliente. E’ la sua la colpa; non certo di Lorenzo. Sì, andrà da lui questa sera; deve solo farsi bella e tutto sarà perfetto.

    Michele riceve una notizia inattesa: sua madre Marisa ha deciso di lasciare Milano e di tornare a Napoli. Il giornalista è sorpreso e non ne capisce il motivo. La donna imputa il trasferimento a cause lavorative. Lei è una psicologa ed ha trovato un buon impiego nel capoluogo campano. Michele continua ad essere scettico, tant’é che Marisa sospetta di non essere gradita, “madre scomoda”. Al Saviani tocca scusarsi e si organizza una serata per presentare la sua Eleonora a mamma Marisa. Michele, già di per sé scocciato, si ritrova costretto ad invitare anche il suo caporedattore Aldo, in quanto Marisa è ansiosa di conoscerlo.

    Claudia giunge a casa di Lorenzo. Ambiente elegante, ma non troppo; una soave musica echeggia nell’aria, mentre le candele creano un effetto particolare, romantico! Lorenzo fa accomodare Claudia a tavola… una cena molto fine e delicata! Parlano a lungo e l’uomo si scusa per quello che è successo l’altra sera: le cose non dovevano andare in questo modo. Claudia sembra capire e, poi, la colpa è sua: lei ha fatto sesso con quell’uomo liberamente, senza nessuna costrizione. Lorenzo la guarda dolcemente negli occhi e le dice che ora non c’è nessuno uomo, a parte lui nella casa; le si avvicina e inizia a baciarla con passione. In breve i vestiti scompaiono e i sensi prendono il sopravento. Si amano, si amano per tutta la notte… notte di luna piena, notte di stelle cadenti, notte di amore proibito!

    A casa Saviani si svolge la cena. Michele presenta alla madre la sua fidanzata, Eleonora; Marisa resta piacevolmente colpita da Eleonora: una ragazza di classe, una ragazza elegante, la donna giusta per suo figlio. Mentre Marisa mostra al figlio la casa, suonano alla porta e Michele fa gli onori di casa. Aldo fa il suo ingresso, portando come dono una bottiglia di vino bianco; e fa la conoscenza di Marisa. Durante la cena si parla spesso del giornale e del ruolo importante che ha Aldo. Quando arriva il momento dei saluti, Aldo fa il baciamano a Marisa: è stato un vero piacere conoscerla. Eleonora osserva la scena divertita e Michele, non appena Aldo è uscito, si scusa con la madre: doveva avvisarla che il suo caporedattore è un vecchio marpione. Marisa però non è dello stesso parere: Aldo è un uomo molto gentile, garbato ed educato.

    Al mattino seguente, Claudia si sveglia nel letto di Lorenzo. L’uomo le porta la colazione a letto e le dice di prepararsi in fretta, in quanto lui deve correre a lavoro. Claudia capisce e si riveste. Fra un bacio e l’altro, Lorenzo si dice disposto a fare qualsiasi cosa per lei: la ama non permetterà a nessuno di dividerli. Claudia risponde che anche per lei è così: farebbe di tutto per lei! Lorenzo le chiede cosa intende per tutto e la ragazza, sorridendo, esclama, “tutto”. I due si baciano e poi si allontanano. Lui va a lavoro mentre Claudia torna alla terrazza, elogiando la sua storia d’amore agli amici.

    Sonia, con la collaborazione di Angelo, ha appena rapito un bimbo. Si mette in contatto con Alberto che, sorpreso di risentirla, le intima di portargli Gianluca. Sonia accetta: è proprio questo il motivo della sua ricomparsa. Si è resa conto di non poter badare al piccolo e quindi ha deciso di darlo al padre; in cambio però vuole una vita agiata e benestante. Alberto è disposto ad accettare l’offerta: le darà tutto quello che vuole, ma questa volta i soldi gli avrà soltanto dopo aver preso Gianluca. Sonia accetta; così i due si accordano per lo scambio.

    Silvia è finalmente serena: la sua storia con Franco va a gonfie vele e lei sente di potersi fidare ciecamente del ragazzo. Il Boschi però non ha un lavoro e, ovviamente, trovarlo non è semplice; così si reca a trovare mamma Maria in ospedale. Le sue condizioni sembrano migliorare, anche se ancora non riesce a recuperare l’uso delle gambe. I dottori sono stati categorici: lei tornerà a camminare solo dopo un’intensa terapia riabilitativa. Il problema è sempre lo stesso: i soldi. Tancredi, però, ormai innamorato della donna, si offre di pagare tutte le spese. Maria è in imbarazzo, ma non è nelle condizioni per rifiutare. Un bacio sancisce il loro amore.

    Marisa è al telefono. Sembra agitata, preoccupata: certo, dirà tutto a Michele; deve solo trovare il momento e le parole giuste. Una volta riattaccato, la donna riceve proprio la visita del figlio. Imbarazzata, inizia a fargli domande sul lavoro. Il giornalista le parla della sua indagine sulla prostituzione e la donna elogia Aldo in quanto riesce a trattare temi così scottanti senza paura di niente; con lo stesso temperamento di suo marito Ettore. Sentendo il nome del padre, Michele ha un sussulto: vorrebbe essere come lui; uomo forte, tutto d’un pezzo e attaccato alla famiglia. Marisa sorride compiaciuta.

    Alberto s’incontra con Sonia. La Campo ha fra le braccia un bimbo, che presenta ad Alberto come suo figlio Gianluca. L’avvocato prende il piccolo fra le mani: finalmente, ormai ha quasi un anno! Sonia chiede ad Alberto di prendersi cura del bimbo; lei non tornerà più, ma lui per ogni cosa sa come rintracciarla. Alberto, stringendo forte il piccolo, come pattuito, dà a Sonia i soldi richiesti. Poi si allontana e torna a casa, dopo presenta alla famiglia il figlio. Federica abbraccia il piccolino, commossa, e Tancredi sorride: ecco il suo piccolo erede. Nel frattempo, in un’auto, Sonia e Angelo festeggiano: tutto è andato secondo i piani, e nessuno scoprirà mai che quel bimbo non è Gianluca.

    Il freddo di Gennaio penetra negli appartamenti di Palazzo Palladini e i giorni passano lenti, scandendo lentamente ogni ora, ogni movimento, ogni spostamento degli abitanti. Michele continua le sue indagine e, per sincerarsi delle condizioni di Jasmine, si reca da Luca. Il dottore gli confida che la somala non ha ancora superato il trauma: ha paura, la notte è disturbata dagli incubi, teme che il racket venga a riprenderla per riportarla in strada. Michele confida che intende scovare i responsabili di tale giro, anche se sa bene che è un giro molto pericoloso. Luca lo sostiene: per ogni cosa può contare su di lui.

    Manuela e Raffaele si incontrano. La donna sente che il suo male sta avanzando ed ha paura della reazione che potrebbe avere Elisa nello scoprire che sua madre sta per morire. Raffaele non accetta questa rassegnazione: lei non morirà, si opererà e tutto andrà bene. Manuela ringrazia il portiere, e insieme a lui, decide di convocare Elisa e Diego per raccontare tutta la verità. Quando i due ragazzi giungono in casa Giordano capiscono subito che qualcosa di grave è successa. Raffaele prende la parola: è arrivato il momento di conoscere il reale motivo del ritorno a Napoli di Manuela. Rita, presente alla scena, osserva tutto, non nascondendo la sua preoccupazione: è delusa da tutta questa faccenda. Manuela si avvicina alla figlia e le confessa di essere molto malata e di avere i giorni contatti: è a causa della sua malattia che ha trovato il coraggio di portarla dal vero padre. Elisa scoppia a piangere: no, non può essere! Raffaele interviene: c’è sempre la possibile di un intervento chirurgico, anche se la lista di attesa è lunga e quindi ci sono poche speranze. Manuela abbraccia forte Elisa e lo stesso fa Rita con Diego, che è stordito da questa ennesima confessione.

    Claudia torna a vedersi con Lorenzo. I due si amano per ora, ma lui appare preoccupato: qualcosa lo turba. Claudia teme che sia successo qualcosa; Lorenzo però la rassicura: è solo preoccupato, in quanto un cliente ha saputo di lei, e gli ha chiesto di poter trascorrere una serata in sua compagnia: è disposto a pagare tantissimo pur di averla per una notte. Claudia è atterrita; Lorenzo, baciandola, confessa di essere il curatore di un clan di squillo di alto borgo. Se lei entrasse a far parte del giro, potranno vedersi tutti i giorni; e poi lei sarebbe sempre la donna del capo. Ormai plagiata e innamorata dell’uomo, Claudia accetta: per Lorenzo è disposta a fare di tutto.

    A casa Saviani, Marisa riceve la visita di Aldo. L’uomo, visibilmente in imbarazzo, le chiede se Michele è in casa. A risposta negativa, il caporedattore si avvicina alla donna e le sussurra che quindi sono soli. Marisa annuisce e inizia a baciarlo. Aldo però insiste: devono dirlo a Michele; non possono andare avanti così. Proprio in quel mentre la porta si apre e giunge Michele che, sorpreso, si chiede cosa ci faccia Aldo a casa della madre. A questo punto i giochi vengono svelati e Marisa confessa al figlio che lei ed Aldo stanno insieme. Michele è basito, incredulo mentre la madre rivela di aver conosciuto mesi fa Aldo ad un convegno a Milano e, stanchi della distanza, hanno deciso di comune accordo, il trasferimento di Marisa a Napoli. Michele non accetta la cosa e va via, sbattendo la porta.

    Al mattino seguente, Alberto ed Anna giocano con il piccolo “Gianluca”. La Boschi ha messo le cose in chiaro con Alberto: sì, con lui si trova bene, ma ora come ora non se la sente di impegnarsi con qualcuno. La ragazza si dice preoccupata per la madre, che è in procinto di partire da Napoli. In breve raggiungono l’ospedale, dove ci sono anche Franco e Tancredi. Tutti hanno parole dolci per Maria; fra qualche mese tornerà a Napoli, con le sue gambe. La donna è serena: finalmente intorno a lei vede serenità. Abbraccia Anna e le suggerisce di guardare avanti: ormai Alessandro è morto e deve farsene una ragione. Tancredi bacia la donna e le promette che al suo ritorno, la loro relazione diventerà pubblico. Così, dopo gli ultimi saluti a Franco, Maria parte per la clinica, dove potrà svolgere la sua terapia riabilitativa.

    Claudia riceve la visita di suo cugino Gabriele. Con lui c’è anche Diana, la fidanzata; lei e Claudia sono vecchia amiche. Gabriele, scorgendo negli occhi di Claudia uno strano fulgore, le chiede se sia dovuto al suo nuovo amore. Claudia inizia a parlare, entusiasta, del suo Lorenzo; un ragazzo dolcissimo, romantico che la ama e non la lascerà mai. Diana si dice felice per lei: finalmente si è innamorata di un bravo ragazzo. Gabriele s’infila nel sottile e chiede a Claudia il cognome del fidanzato e il tipo di attività che svolge. Claudia risponde a tutto con tranquillità, tant’è che Diana blocca il fidanzato: sarà anche un carabiniere, ma non può fare il terzo grado ogni volta che ha un dialogo con una persona. I tre sorridono e Claudia abbraccia Gabriele.

    Michele è al giornale. Lo scontro con Aldo è inevitabile, tant’è che l’uomo lo richiama nel suo ufficio: è ora di mettere in chiaro alcune cose; ama Marisa e non la lascerà mai, quindi è meglio che lui se ne faccia una ragione. Michele replica che non accetterà mai Aldo come suo patrigno. In quel mentre arriva Marisa, che chiede al figlio di abbassare la voce: lei, per anni, dopo la morte di Ettore, è stata sola. Ora finalmente ha riscoperto l’amore in Aldo, un sentimento profondo, di fiducia e di sincerità. Marisa capisce che è difficile da accettare, ma chiede al figlio di farlo. Michele, capendo di aver esagerato, chiede scusa, e abbraccia la madre: non ostacolerà in nessuno modo la sua storia con Aldo.

    In casa De Santis è ora di pranzo. Frigo divora velocemente il suo cibo, mentre Luca, vedendo Jasmine finalmente più serena, le chiede se finalmente si fosse decisa a denunciare i suoi aggressori. Jasmine è titubante, la Luca cerca di convincerla: lei ora è salva, ma ci sono tante altre ragazze che vengono sfruttate allo stesso modo e lei, volendo, può mettere fine a tutto questo. Jasmine, in lacrime, capisce che Luca ha ragione. E’ giunto il momento di mettere la parola fine a questa storia: denuncerà tutto alla polizia. Luca, commosso, l’abbraccia: ha fatto la scelta giusta. I due, guardandosi negli occhi, si scambiano un tenero bacio. Jasmine sente di potersi fidare di lui; non è come tutti gli altri uomini che ha conosciuto: non cerca sesso; vuole solo essere amato, nello stesso modo in cui lo desidera lei.

    Guido è ormai avviato alla via del successo. Renato, facendogli da garante, lo aiuta ad aprire una propria attività commerciale, nella quale riesce a vendere le sue collezioni in completa autonomia. Anche Silvia, vedendo il successo economico del cugino, sogna di poter intraprendere una carriera come modella, ma ben presto i suoi propositi vengono meno: lei ha il Caffè Vulcano da gestire! Franco, dal canto suo, viene contattato da una sua vecchia conoscenza, Carmine, che gli propone di prendere parte con lui ad una rapina. Franco decide di prendersi qualche giorno per pensarci. Carmine gli concede una settimana: se per allora non si sarà fatto vivo, lui si troverà un altro complice.

    Al commissariato di polizia, Luca dà forza a Jasmine! La ragazza, con una drammatica confessione, sporge denuncia contro i suoi aguzzini; il nuovo commissario, Vito Russo, promette che farà di tutto per arrestare quei delinquenti. Rassicurati tornano a Palazzo Palladini e Luca si reca a dare la bella notizia a Giulia. La Poggi gioisce, ma poi si ferma: ovviamente ora che Jasmine ha raccontato tutto, non è sicuro averla in casa. La sua presenza a casa De Santis potrebbe mettere in pericolo tutti i condomini. Luca non ne vuole sapere di lasciare Jasmine, ma Giulia controbatte che, lei, da assistente sociale, deve garantire che la ragazza trovi sistemazione in un centro sociale. Luca non accetta la cosa e fra lui e Giulia si crea un certo attrito: lui si sta innamorando di Jasmine, ed è certo di essere in grado di proteggerla.

    Giunge il mattino. Tancredi riunisce tutti i suoi familiari: ha preso importante decisioni sul futuro dei cantieri Palladini. Eleonora, Alberto e Federica ascoltano il conte con interesse e curiosità. Tancredi vuole consolidare la famiglia e, data la dipartita di Alessandro, ridivide il suo patrimonio. Le quote di Alessandro passano ad Alberto, che diviene il nuovo responsabile dei cantieri navali. Federica ne è felice e si congratula con il figlio. Eleonora, invece, torna al centro sociale, dove riceve una proposta interessante: dato il suo impegno e la sua dedizione, Don Antonio ha deciso di affidarle l’incarico di gestire il centro. La Palladini è lusingata; entusiasta corre da Michele a dargli la bella notizia. Il Saviani però non sembra molto felice della cosa; è geloso… teme che Eleonora, passando troppo tempo in compagnia di baldi giovane, possa allontanarsi da lui.

    A seguito della procedura iniziata da Giulia, Luca e Jasmine sono costretti a separarsi: la somala deve recarsi in un centro sociale. Il De Santis, seppure a malincuore si prepara a salutare la ragazza, che ormai le è entrata nel cuore. Ignora però di essere finito nel mirino del racket della prostituzione, che ha iniziato a pedinarlo, cercando il momento adatto per agire. Difatti la denuncia di Jasmine ha indispettito ancora di più i malviventi. E’ arrivato il momento di intervenire, di zittire quel medico e quella ******* parlante. Il Centro d’Accoglienza di Posillipo: sì, il bersaglio sarà proprio quello! Presto Jasmine e chi la sta aiutando non saranno più un problema per loro.

    Lorenzo porta Claudia nel suo clan di squillo. Qui la ragazza fa la conoscenza di Amanda, una giovane prostituta di alto borgo. Le due stringono amicizia; Claudia parla del suo amore per Lorenzo, ed Amanda le risponde che tutte il quel luogo adorano quell’uomo. La conversazione fra le due viene interrotta dall’arrivo di due signori, che si dicono pronti per trascorrere una serata con loro. Al minimo cenno di Lorenzo, Amanda si allontana con il primo; Claudia, in breve, fa lo stesso con l’altro. Al termine della prestazione, Claudia si appresta ad uscire dall’albergo con l’uomo, che la ringrazia per tutto il tempo dedicatogli. Claudia sorride, ma alzando lo sguardo, resta impietrita; davanti ai suoi occhi c’è Renato Poggi, che atterrito e sgomento, esclama: “O mio Dio, Claudia: sei una squillo!”

    A casa Giordano c’è tensione: Rita è sempre fredda con Raffaele: le premure che l’uomo ha nei confronti di Manuela non fanno altro che aumentare i dissapori fra di loro. Raffaele viene preso dallo sconforto: non è un buon marito, non è un buon padre e, a suo tempo, non fu in grado di essere un buon figlio! Ricorda le discussioni con i genitori; lui desiderava essere un calciatore, il nuovo Maratona, ma papà Patrizio era contrario. Raffaele si sente un fallito: non riuscì a coronare il suo sogno, ed ora non riesce a mandare avanti una famiglia.

    Michele ossessiona Eleonora con la sua gelosia. Decide di seguirla al centro sociale, per tenerla meglio sotto controllo. La Palladini appare seccata da tutto ciò: possibile che non si fidi di lei! Michele fa la conoscenza con Oreste, un ex tossicodipendente, che lo rassicura su Eleonora. E’ una brava ragazza e lui non ha motivo di preoccuparsi: svolge il suo lavoro con passione e, con fermezza, allontana tutti coloro che provano ad avvicinarla. Michele appare rincuorato e, dopo essersi scusato con Eleonora, la lascia lavorare in pace e si allontana.

    Claudia è basita; non sa cosa rispondere a Renato. Il silenzio vale più di ogni altra parola. Il cliente si allontana e Claudia cerca di divincolarsi, ma Renato la ferma: lei non andrà da nessuna parte, fino a quando non gli racconterà cosa diavolo sta facendo. Claudia, ormai alle strette, confessa tutto: sì, è una squillo; lo fa per amore di Lorenzo, lo fa per sua scelta. Renato non riesce a riconoscerla: ma cosa le sta succedendo? Claudia assicura di stare benissimo; supplica solo Renato di mantenere il suo segreto, e di non raccontare a nessuno ciò che ha visto. Il Poggi tenta una timida difesa, ma Claudia lo zittisce: se davvero le vuole bene, non deve farne parola con nessuno.

    Alberto, in compagnia del piccolo “Gianluca”, si reca da Anna. Informa la ragazza dell’incarico che le è stato affidato dal padre: sarà lui il nuovo responsabile dei cantieri. Anna si congratula con lui e il suo atteggiamento si fa meno intransigente; ha capito che è ora di riprendere la sua vita in mano: Alessandro sicuramente avrebbe desiderarlo vederla felice e lei cercherà di farlo. In quel mentre arriva Guido, che chiede ad Alberto chi sia quel bimbo. L’avvocato orgoglioso lo presenta come suo figlio: Sonia si è decisa a riportaglielo. Guido si dice felice per lui e si reca nella sua camera. Sconcertato, ripensa alla sua storia con Sonia; ricorda tutto perfettamente e, sconvolto, capisce che quel bimbo non è Gianluca.

    Gli uomini del racket mettono appunto gli ultimi preparativi per un attacco incendiario al Centro d’Accoglienza. S’introducono al suo interno, piazzano una bomba e attivano il timer: fra pochi minuti tutto salterà in aria. Mentre i malviventi si dileguano, Luca e Jasmine arrivano al centro: l’indomani la somala dovrà recarsi al centro sociale. Decidono di cenare con una pizza. All’ultimo momento ai due si aggiunge anche Anna, che è lì per sostituire mamma Maria. Luca e Jasmine decidono di andare a prendere le pizze, mentre Anna riscalda l’ambiente, accendendo la stufa a gas. Il tempo passa inesorabile e il conto alla rovescia sta per terminare: mancano 15 secondi allo scoppio. Luca e Jasmine, sorridendo, salgano in macchina; pochi attimi dopo, un boato rimbomba alle loro spalle: una forte esplosione ha colpito il Centro! Al suo interno, Anna giace a terra priva di sensi. Le fiamme iniziano a moltiplicarsi; riempiono tutto il locale, avvicinandosi pericolosamente alla stufa a gas e alla giovane Boschi.
    Immagini allegate Immagini allegate
    Ultima modifica di Simone 22; 12-07-2008 alle 16:22


  13. #28
    Redattore L'avatar di Simone 22
    Data Registrazione
    Oct 2005
    Messaggi
    17,728

    Predefinito

    Capitolo 25

    Il Centro di Accoglienza si è ormai trasformato in un rogo. Luca e Jasmine, sentendo il boato, tornano indietro; vengono subito chiamati i soccorsi. Arrivano i pompieri e istituiscono un blocco di protezione intorno al Centro. Un’ennesima esplosione devasta il locale; l’aria è sempre più irrespirabile: Luca capisce che la stufa a gas è scoppiata; Jasmine teme il peggio. I pompieri iniziano a pompare i getti d’acqua. Giunge in quel mentre Alberto, che è passato a prendere Anna per accompagnarla a Palazzo Palladini. Vedendo la pira, si avvicina a Luca e Jasmine e chiede cosa sia successo e dove sia Anna. Luca confessa che la ragazza è all’interno del Centro; Alberto, sconvolto, senza pensarci troppo, corre verso il rogo; Luca cerca di fermarlo, ma l’avvocato, con coraggio, sfonda il blocco di protezione istituito dai pompieri e entra nel locale. Passano i minuti… la tensione sale! I pompieri continua a domare l’incendio, anche se ormai danno per morti i due ragazzi. Ma ecco che, all’improvviso, Alberto esce tra le fiamme, con in braccio Anna. La Boschi è subito caricata sull’ambulanza e Luca, dopo una veloce analisi, capisce che la ragazza è in gravissime condizioni: ha numerosi ustioni e respira a fatica. Alberto, in lacrime, lo supplica di salvarla.

    Al mattino seguente, Raffaele, per distrarsi un po’, esce in barca con Diego. I due trascorrono del tempo insieme e fra i due vi è un colloquio chiarificatore. Raffaele si scusa con il figlio se ultimamente non è stato molto presente; sa di aver sbagliato e cercherà di rimediare. Diego è colpito dalle parole del padre e gli chiede di parlargli di nonno Patrizio; per Raffaele si riapre una ferita… si confida con il figlio, e racconta molti aneddoti legati al padre, fino a giungere al giorno della sua morte. Diego ascolta con interesse la storia e poi promette al padre che non interferirà più nel suo rapporto con Elisa e con Manuela. Raffaele abbraccia il figlio con amore.

    In ospedale si attendono notizie di Anna. Dopo un’intera notte in osservazione, i medici finalmente acconsentono alle visite. A turno, Franco, Alberto, Silvia e gli altri si recano nella camera della ragazza. Anna ha il viso completamente ricoperto dalle bende; anche le altri parti del corpo sono bendate: solo gli occhi e la bocca sono visibili. Tutti hanno parole dolci per lei e cercano di farle coraggio: quando le fasciature scompariranno, tornerà ad essere bella e sorridente come sempre. Anna però non ha paura: è certa che tutto andrà per il meglio.

    Guido ripensa alla sera prima; al piccolo “Gianluca”. No, no, non può essere: quel bimbo non è il figlio di Alberto. Si confida con Michele, che però è perplesso: sono passati tanti mesi e si sa i bambini crescendo, cambiano aspetto e fisionomia. Guido però è certo ed è determinato a dimostrarlo a tutti i costi. Nel frattempo Michele si reca da mamma Marisa, per chiederle qualche consiglio su Aldo. Lei lo conosce sicuramente meglio e potrà rivelarle qualche piccolo segreto del suo caporedattore, in modo che poi lui possa conoscerlo meglio. Marisa un po’ scettica, alla fine, incoraggiata dal figlio, rivela alcuni aneddoti e vizi dell’uomo. Michele sorride: saprà utilizzarli nel momento giusto.

    Giunge la sera. Vito Russo si reca a Palazzo Palladini per indagare sull’incendio. Bisogna verificare se si tratta di un semplice incidente o di un dolo. Ne parla con Giulia e Luca, che però non hanno idea di cosa possa essere accaduto al Centro, in quanto non hanno ricevuto in passato nessuna minaccia di alcun tipo. Jasmine, presente alla conversazione, ascolta tutto in silenzio. Il commissario, prima di andare via, ricorda ai tre che qualunque cosa che venga loro alla mente potrà essere utile per l’indagine. Giulia rassicura Vito Russo: se ricorderanno qualcosa correranno subito alla polizia. Salutato il commissario, i tre si avviano per tornare a casa, quando Jasmine scorge dietro una siepe uno dei suoi aguzzini: scioccata, capisce che è stato il racket ad incendiare il Centro d’Accoglienza.

    Un nuovo giorno sorge su Napoli. A casa Palladini, il conte Tancredi gioca con il piccolo “Gianluca”. Alberto, seduto sul divano, lì guarda divertito. Padre e figlio iniziano a parlare; si confidano a vicenda e l’avvocato trova il coraggio di confessare al conte tutta la verità su Sonia Campo: lo scambio con i soldi nel parco e tutto quello che ne è susseguito. Tancredi è visibilmente sconvolto, ma Alberto sorride: ormai questo fa parte del passato; ora Gianluca è lì, con loro, finalmente a casa. Tancredi abbraccia Alberto, che confida al padre che ha paura per Anna; i medici non si sono ancora esposti e secondo lui questo è un segno negativo.

    Giulia, certa che l’incendio del Centro di Accoglienza sia un avvertimento del racket della prostituzione, decide di recarsi in commissariato. Jasmine la raggiunge e le confessa di aver visto un suo aguzzino la sera prima nel palazzo: è la conferma ai loro dubbi. La somala è decisa come non mai a farla pagare ai malviventi. Le due si recano dal commissario Vito Russo e raccontano tutto. Mostra a Jasmine le foto dei pregiudicati, nella speranza che lei possa riconoscere qualcuno; purtroppo, però, la ragazza non riesce ad identificare nessuno.

    Claudia, seppur preoccupata per le condizioni di Anna, continua il suo “lavoro”. Sempre più immersa nel mondo di Lorenzo, decide di fargli una sorpresa. Si reca da lui, ma una brutta verità l’attende: Lorenzo si sta baciando con Amanda. Claudia, sconvolto, accusa l’uomo di essere uno bastardo. Amanda si allontana, mentre Lorenzo spiega a Claudia che ha frainteso la scena: sì, certo… si stavano baciando, ma non è come pensa! Amanda è innamorata di lui, e prova da sempre a sedurlo, nonostante gli abbia detto più volte di non amarla. Claudia si calma all’istante, anche perché Lorenzo è molto bravo con le parole e quindi riesce a convincerla che è solo lei la donna che ama. Claudia torna a sorridere e si reca al clan, mentre Lorenzo telefona ad Amanda. Chiamandola amore, le confida che tutto è apposto e che Claudia non sospetta nulla: la Costa gli ha anche promesso che non le farà scenate di gelosia. Amanda ne è felice: è l’unica vera fidanzata di Lorenzo Macchia; riattacca e corre da un cliente.

    In ospedale, Anna attende trepidante notizie dai medici. Gli amici cercano di farle forza; anche Alberto è giunto nel reparto e si avvicina alla ragazza. Giunge Luca che ha terribili notizie per Anna: purtroppo l’ustione provocata al volto è davvero molto estesa e purtroppo rimarrà sfigurata per il resto della sua vita. Anna inizia a piangere, non accettando questa cosa: piuttosto preferirebbe morire! Luca ci tiene a dire che c’è sempre la speranza di sottoporsi ad un intervento chirurgico, di ricomposizione delle parti ustionare dall’incendio. Certo, è un’operazione molto delicata che non garantisce la riuscita, e che potrebbe lasciare gravi conseguenze, ma è l’unica strada percorribile.

    A Palazzo Palladini giunge la terribile notizia. Tutti sono sconvolti e non riescono ad accettare che Anna, la bella Anna, non riavrà mai più il suo dolce viso. Silvia piange e Franco l’abbraccia forte. Il giovane decide di non avvisare la madre della tremenda tragedia: tanto dalla clinica non potrà essere d’aiuto; quando tornerà a Napoli scoprirà tutto. Jasmine e Giulia, atterrite dalla tremende condizioni di Anna, sono più che mai determinate ad incastrare i responsabili della bomba al Centro di Accoglienza. La contessa Federica, invece, è l’unica che resta indifferente: sono tragedie che possono succedere a tutti e lei non può fare nulla per evitarle. Nel frattempo, in ospedale, Anna si è calmata; più che altro rassegnata. Alberto è al suo capezzale e cerca di farle forza: c’è la possibilità dell’intervento! Anna però inizia ad urlare disperata; caccia via Alberto: non vuole in nessun modo coinvolgerlo nella sua tragedia.

    Passa la notte e un nuovo sole illumina il Palazzo. I gabbiani planano sul mare in cerca di cibo, mentre in lontananza si ode il rumore del traffico mattutino. C’è aria di festa in casa Giordano: è il giorno del sedicesimo compleanno di Diego; Raffaele e Rita hanno deciso di organizzare per la serata una festa a sorpresa per il ragazzo: un modo per farlo tornare a sorridere, dopo tutti i casini che sono successi in questi mesi. Mentre il ragazzo è a scuola, viene sistemato tutto. Raffaele contatta anche Manuela ed Elisa; le due sono felici di poter partecipare ai preparativi; in particolare Manuela, che spera che Diego ed Elisa si riavvicinino, e tornino a confidarsi come una volta, anche se ovviamente la situazione è completamente diversa.

    Guido è sempre più sospettoso: quel bimbo non è “Gianluca”. Sicuramente è il frutto di un’avventura occasionale di Sonia, si reca a casa Palladini per colloquiare con il conte Tancredi. Confida all’uomo i suoi dubbi e la sua intenzione di scavare fino in fondo per dimostrare e poi rivelare la verità sul bambino ad Alberto. Il conte decide di aiutarlo, ma per il momento non mette in allarme Alberto, già scosso per le condizioni di Anna. Così Guido e Tancredi iniziano ad indagare per far luce sulla misteriosa faccenda.

    Claudia riceve la visita di Gabriele. Il ragazzo inizia a sospettare qualcosa; ha fatto delle indagini su Lorenzo Macchia e sembra che l’uomo non sia uno stinco di santo. Claudia però chiede al cugino di smetterla con questa ossessione: lei si sa difendere da sola; Lorenzo non è pericolo. Il Tessitore cerca di farle che di lui si può fidare; lui le vuole bene più di nessun altro. Claudia resta per un momento in silenzio; poi ringrazia il cugino, ma lei non ha nessun problema con Lorenzo. Detto questo la ragazza corre a prepararsi: deve vedersi con il suo fidanzato. Gabriele è sempre più preoccupato.

    In casa Giordano è tutto pronto. Diego sta per tornare a casa; amici e parenti attendono il suo arrivo, nascosti al buio. Il giovane entra, accende la luce e… viene festeggiato! Una festa inattesa, ma che serve al ragazzo per rendersi conto di non essere solo: è circondato da tante persone che gli vogliono bene. Angela e Stefi lo abbracciano, mentre Dario combina i solito pasticci. Diego poi ha l’occasione di poter parlare con Elisa. I due parlano a lungo e si chiariscono: ormai l’amore che lì legava si è trasformato in affetto fraterno. Si abbracciano e si ripromettono di volersi sempre bene e di non litigare mai. Raffaele, Rita e Manuela sono felici: il più grande regalo, lo ha fatto Diego a tutti loro.

    E’ notte fonda quando Claudia torna a casa. Stanca si reca nella sua camera e pensa all’ennesima serata di prostituzione: sì, certo, sta guadagnando un sacco di soldi, ma è ora di finirla con questa storia. Così, al mattino seguente, si veste velocemente e fa per uscire; incrocia sul pianerottolo Renato, che le chiede come vadano le cose con Lorenzo. Claudia, velocemente, confida al Poggi che sta per sistemare tutto. Renato è basito e cerca di replicare, ma Claudia è giù uscita da Palazzo Palladini.

    Alberto si è appena svegliato. Il suo primo pensiero va ad Anna: non sopporta sapere la ragazza sola in una stanza dell’ospedale a rimuginare sul suo stato di salute. Capendo la gravità della situazione, affronta finalmente la realtà: Anna corre il rischio di rimanere sfigurata per il resto dei suoi giorni ed ha bisogno di qualcuno che le stia accanto in questo momento difficile. Così decide di andare a parlarle. Anna appena lo vede sta per cacciarlo di nuovo, ma l’avvocato questa volta non va via. Si avvicina al suo letto e si siede su una sedia al suo fianco. Le prende la mano e guardandola negli occhi le dice che lui sarà sempre lì; non sarà un graffietto sul suo bel viso a cancellare l’amore che prova per lei. Anna cerca di replicare, ma Alberto non gli dà la possibilità: lui la ama e le chiede solo di poterle stare vicino; non chiede altro. Anna è sconcertata.

    Carmine torna a farsi vivo con Franco: vuole sapere cosa ha deciso di fare; sarà suo complice nella rapina. Il Boschi, in un primo momento è restio, ma poi pensando alla sorella, e consapevole del fatto che solo un’operazione potrebbe aiutarla, si ritrova costretto ad accettare la proposta di Carmine. I due iniziano a pianificare il luogo e soprattutto il momento giusto per compiere il furto. Tornato a casa, nasconde a Silvia e agli amici le sue intenzioni malavitose.

    A casa di Lorenzo, Amanda si lamenta con il fidanzato: non vuole andare dal cliente quella sera. Si tratta di un vecchio arrapato e lei non se la sente di accontentarlo. Chiede a Lorenzo di mandarci Claudia: ormai ha esperienza nel campo. Lorenzo però è restio: Claudia è da poco nel giro; è troppo presto per mandarla da quel tipo. Amanda però è insistente e riesce a convincerlo. Claudia arriva in quel mentre e, decisa a chiudere con questa storia, informa il fidanzato della sua scelta. Lorenzo la bacia e la capisce, ma le chiede di farlo per un ultima volta: Amanda sta poco bene e non se la sente di “lavorare” quella sera. La Costa persa dell’uomo, acconsente.

    Renato è al Caffè Vulcano per il solito aperitivo. Nel locale è presente anche Gabriele, che saluta carinamente il Poggi. I due inizia a dialogare e ovviamente si parla di Claudia. Il carabiniere confida i suoi sospetti: Lorenzo Macchia nasconde qualcosa; sicuramente Claudia è in pericolo, ma lui non sa come aiutarla. Renato ascolta silenzioso; Gabriele gli chiede se lui ha visto gente sospetta intorno alla ragazza. Il ragioniere non sa cosa fare: lui conosce la verità, ma ha fatto promessa a Claudia di stare in silenzio. Gabriele capisce che Renato sa qualcosa e lo incalza: non è assecondandola che potrà proteggerla. Il Poggi allora racconta tutto quello che sa: Claudia si prostituisce per amore di Lorenzo. Gabriele è sconvolto: no, la sua Claudia, non può fare questo! Renato conferma tutto, e Gabriele esce dal bar: Lorenzo, da oggi in poi, non farà più del male a sua cugina.

    In ospedale, Anna ascolta incredula le parole di Alberto, che le ripete di amarla. Lei non sa cosa rispondere, ma non se la sente di negare al ragazzo di starle vicina. Alberto sorrise felice: affronteranno tutto insieme e, ne è convinto, alla fine tutto andrà bene, e di questa storia resterà solo un brutto ricordo. Mentre i due parlano ancora arriva Luca, per controllare le condizioni di Anna e per farle un veloce saluto. La ragazza è sorridente e ringrazia l’amico: è pronta ad affrontare tutto senza paura e senza timore.

    Claudia, poco convinta, esce da Palazzo Palladini e si reca all’appuntamento con il cliente misterioso rifiutato da Amanda. Gabriele la segue a distanza. Claudia, ignara di ciò, giunge dal suo “acquirente”. Non appena vede che si tratta di un vecchio, schifata, si rifiuta di concedersi a lui e, rifugiatasi in bagno, chiama Lorenzo, chiedendogli di aiutarla. Passa poco e Lorenzo arriva all’albergo. Gabriele, appostato lì dinnanzi, osserva tutto: ecco lo stronzo; comunica con la centrale: fra pochi minuti entrerà in azione. Lorenzo giunge nella camera e si fa aprire la porta del bagno. Claudia è in lacrime, ma Lorenzo non ha scrupoli: le ordina di andare di sopra e di fare ciò che le ha chiesto. La ragazza è sconvolta: come può l’uomo che la ama volere una cosa del genere? In ogni caso, per amore, va di sopra; Lorenzo, in agitazione, attende di sotto. Ma ecco, la porta di apre ed entra Gabriele, che ormai ha capito tutto. Il carabiniere accusa Lorenzo di essere un bruto e cerca di raggiungere le scale, capendo che Claudia si trova al piano di sopra. Lorenzo però glielo vieta e fra i due inizia una lotta, su per le scale. Ad un certo punto, Gabriele estrae la sua pistola, minacciando di sparare. Lorenzo non si lascia intimidire; inizia un duro scontro, durante il quale Lorenzo ha la meglio. Riesce ad impadronirsi dell’arma e… spara a Gabriele, che cade per le scale, in un lago di sangue. Gli spari vengono uditi anche al piano di sopra; Claudia, sconvolta, scende di sotto e corre al capezzale del cugino. Gabriele sorride a Claudia: ha fatto tutto questo per lei, perché le vuole bene! Claudia in lacrime, supplica al ragazzo di non morire… il cuore di Gabriele però smette di battere e Claudia inizia ad urlare disperata.
    Immagini allegate Immagini allegate
    Ultima modifica di Simone 22; 12-07-2008 alle 16:23


  14. #29
    Redattore L'avatar di Simone 22
    Data Registrazione
    Oct 2005
    Messaggi
    17,728

    Predefinito

    Capitolo 26

    Claudia accarezza il volto di Gabriele e urla a Lorenzo di averlo ucciso; piangendo accusa l’uomo di essere un assassino. Il Macchia, capendo la gravità della situazione, fa per fuggire ma, in quel mentre entra in casa un squadra di carabinieri armati, che bloccano Lorenzo: i giochi sono finiti ed ora per lui ci sarà il carcere. Claudia immobile continua a baciare ed accarezzare il cugino. Si avvicina a lei un carabiniere che le prega di seguirlo in caserma; Gabriele è morto e solo rendendo testimonianza potrà in qualche modo fare giustizia. Claudia continua a piangere, mentre il corpo di Gabriele, caricato su una barella, viene portato via.

    Giulia e Luca sono decisi a riaprire il Centro d’Accoglienza. Certo il vecchio locale non potrà più essere utilizzato, in quanto è ormai distrutto, ma si può trovare un’altra locazione. Sì, ma dove? Magari proprio nel Palazzo. Viene presa una cartina e viene identificato lo scantinato, la vecchia cantina dei Palladini: è da anni inutilizzata e quindi andrebbe sistemata, ma sarebbe ideale per il Centro! Bisognerà solo parlare con i proprietari e chiederla in affitto. Luca, Giulia e Jasmine sono entusiasti: il racket credeva di averli messi fuori gioco, ma loro non si arrenderanno facilmente.

    Claudia torna alla terrazza. E’ sotto shock; le sembra di vivere in un brutto incubo: Gabriele è morto ed è tutta colpa sua! Silvia, venuta a sapere della tragedia, abbraccia l’amica e cerca di confortarla. Claudia però è spenta: la sua vita ormai è finita. Suonano alla porta ed una disperata Diana entra nell’appartamento. Abbraccia forte Claudia, che continua a dichiararsi colpevole. Diana si fa spiegare come sono andati i fatti: il suo amore è scomparso, il suo Gabriele è morto da eroe. Ora bisogna pensare ai funerali, al triste addio. Diana non vuole; non riesce a pensare di averlo perso; abbraccia Claudia e le chiede di dirle che si tratta solo di un sogno… purtroppo è la realtà, la dura realtà; alle due ragazze non resta altro che piangere sempre più disperate.

    Il sole s’innalza nel cielo e nelle edicole, sui giornali è riportata la triste notizia. Anche nei telegiornali si annuncia la morte di Gabriele, un carabiniere esemplare, un bravo ragazzo, morto per salvare la cugina in balia della prostituzione. Renato legge il giornale, facendo colazione; è sconvolto… lui ha raccontato tutto al Tessitore e quindi si sente un po’ responsabile. Sente di dover fare qualcosa per Claudia, ma non sa cosa: alla fine decide di andarle a parlare. Deve togliersi questo peso: Claudia merita di sapere come si sono realmente svolti i fatti.

    Giulia si reca a casa Palladini. La contessa Federica è felice di riceverla e le chiede subito come vanno le cose: sono stati trovati i responsabili dell’incendio? Giulia rivela che purtroppo non ci sono ancora buone notizie. Le due poi parlano anche di Gabriele, per poi finalmente arrivare alla fatidica richiesta di Giulia: il vecchio locale del Centro è ormai fuori uso e a lei piacerebbe utilizzare la vecchia cantina come nuova sede. Federica è sorpresa dalla richiesta; dopo gli ultimi fatti sarebbe rischioso aprire il Centro all’interno del Palazzo. Giulia cerca una timida difesa e Federica promette che ci penserà su e poi le farà sapere. Giulia si allontana un po’ amareggiata: doveva immaginare che la contessa le avrebbe messo i bastoni fra le ruote.

    Nell’appartamento della terrazza, Claudia sta conversando con Renato. Il Poggi le ha raccontato tutto, e si dice in colpa per l’accaduto. La ragazza però si accusa di tutto: l’unica responsabile è lei; lei si prostituiva, lei ha mentito per settimane, lei ha scatenato la morte di Gabriele. Renato cerca di consolarla, ma Claudia si alza di scatto: deve fare una cosa molto importante. Detto questo esce di casa e si reca a casa di Amanda. Fra le due vi è un aspro confronto; Claudia accusa Amanda di essere una pedina nelle mani di Lorenzo, ma lei si difende: ama Lorenzo e le resterà vicino per sempre. Difende il ragazzo: lui non ha colpa; la morte di Gabriele è stata causata da un incidente… Lorenzo non è un assassino. Claudia giura sul cugino che Lorenzo pagherà per quello che ha fatto e sarà lei stessa ad assicurarsi che ciò avvenga. Detto questo Claudia si allontana, lasciando Amanda senza parole.

    Mentre Michele riesce a mettere in imbarazzo Aldo, grazie ai piccoli aneddoti che ha saputo da mamma Marisa, Eleonora si prodiga per il Centro Sociale. Il lavoro si fa sempre più duro; l’arrivo di nuovi ragazzi rende il tutto più stancante e più impegnativo, ma Eleonora crede in quello che sta facendo e non si lascia soprassedere dalle difficoltà. Difficoltà di ogni tipo che tendono ad aumentare, quando scopre che all’interno del Centro è entrata della cocaina; c’è un giro di spaccio, c’è qualcuno che importa la droga. Per Eleonora ricomincia l’incubo; si confida con Michele, che le promette che insieme incastreranno i responsabili e il Centro tornerà ad essere un punto sano di disintossicazione.

    Luca, venuto a sapere del colloquio fra Giulia e Federica, decide di intervenire e, all’ospedale coglie l’occasione per parlare con Alberto, in visita ad Anna. Il dottor De Santis espone la loro idea ed Alberto si dice subito disponibile, anche perché Anna gli è vicino. Tornato a casa, Alberto ne parla con mamma Federica, che però è in disaccordo con lui. Avere il centro all’interno del Palazzo è un pericolo per la loro incolumità; non può fare una cosa del genere. Alberto però zittisce presto la madre: quella cantina è da anni inutilizzata ed è giusto che si faccia qualcosa per il Centro. Anna ha rischiato la vita ed ora rischia di rimanere sfigurata: riaprire il Centro è un forte segno che loro continueranno a lottare. Federica è sorpresa di sentire il figlio parlare in questo modo, ma non può replicare in quanto Alberto è il proprietario dello scantinato. Così l’avvocato dà il suo consenso e consegna a Luca e Giulia le chiavi della cantina, e si dice pronto a collaborare per sistemare il tutto.

    Passano i giorni. Claudia e Diana fanno ritorno alla terrazza: si è appena celebrato il funerale di Gabriele. Le due ragazze sono affrante; ora iniziano realmente a comprendere quello che è accaduto: Gabriele non c’è più; non lo vedranno mai più sorridere, mai più scherzare, mai più vivere! Diana confessa che tornerà a casa dai suoi; le serve tranquillità e pace… restare in quel posto non le servirà a nulla: almeno Lorenzo è in carcere e, con le prove contro di lui, non tornerà in libertà molto facilmente. Claudia abbraccia l’amica; lei non sa cosa farà: ormai la sua esistenza è finita; è colpa sua se Gabriele è morto e deve trovare un modo per trasformare la sua inutile vita, in qualcosa di buono. Le due ragazze si abbracciano in lacrime; poi Diana va via mentre Claudia si accascia sul divano e, rivivendo la drammatica morte del cugino, continua a piangere disperata.

    Guido e Tancredi, continuando ad indagare su Sonia, scoprono che non ha avuto nessun parto negli ultimi mesi, quindi la teoria di Guido viene a mancare. Il Del Bue però è convinto che quel bimbo non sia Gianluca; il conte scopre che un bimbo è scomparso e sospetta che possa trattarsi proprio del piccolo che ha in casa. Nel vedere la foto, Guido capisce subito quello che è accaduto. E’ arrivato il momento di confessare ad Alberto la verità: certo sarà un duro colpo, ma è l’unica cosa da fare.

    Franco torna a casa. Si reca nella sua camera e nasconde un consistente quantitativo di soldi: è il bottino della rapina; lui e Carmine si sono divisi in parti uguali la refurtiva. Fortunatamente nessuno li ha visti e quindi il colpo è andato a segno. Franco però ha messo le cose in chiaro: questa per lui è stata l’ultima volta; quei soldi gli servivano, ma d’ora in poi, ha chiuso con questa vita. Silvia, ignara di tutto, è appena tornata dall’ospedale, da Anna. La Boschi è stata informata della tragedia di Gabriele e si è detta dispiaciuta di non poter essere vicina a Claudia. Silvia bacia il suo uomo, che le sorride: chiede alla ragazza di festeggiare. Silvia non capisce il motivo e Franco per tutta risposta inizia a baciarla, spogliarla; i due cedono alla passione e fanno l’amore.

    A casa Palladini, Tancredi è in soggiorno con Alberto e Guido. Il conte, cercando di usare le parole più adatte, mette al corrente il figlio dei dubbi di Guido e del fatto che, dopo alcune indagini, hanno scoperto che “Gianluca” non è Gianluca. Alberto è sconvolto: come può essersi fatto raggirare un’altra volta da Sonia Campo. Capisce che bisogna agire in fretta per incastrare la donna, nella speranza che sia ancora a Napoli. Viene chiamato Vito Russo e i genitori del bimbo rapito; dopo i preamboli, si decide la modalità più adatta per prendere la Campo. Alberto telefona alla donna e le chiede di raggiungerlo a Palazzo Palladini, in quanto ha un’interessante proposta da farle.

    Le condizioni di Manuela continuano a peggiorare. Ormai bisogna intervenire, prima che sia troppo tardi. Le pillole che la donna si prende per combattere la malattia, non sono più efficaci; necessita di urgente intervento chirurgico. Liberatosi un posto, Manuela è in procinto di ricoverarsi in ospedale; affida Elisa a Raffaele, facendosi promettere che le resterà vicino, qualunque cosa accada. Rita ha dolci parole per la donna e la rassicura: tutto andrà bene e lei presto tornerà da sua figlia Elisa. L’abbraccio fra madre e figlia è molto intenso e commovente. Manuela esce di casa con Raffaele che l’accompagnerà in ospedale, mentre Elisa, in lacrime, abbraccia Diego.

    Sonia giunge a casa Palladini. Alberto la fa accomodare nel soggiorno e le fa salutare “Gianluca”; lei si finge madre premurosa e ringrazia l’avvocato per averle permesso di vedere il piccolino. Alberto, a questo punto, rivela a Sonia che ha scoperto tutto: sa che quel bimbo non è suo figlio, sa che quel bimbo è stato rapito, sa che il vero Gianluca è ancora con lei. Sonia capisce che i giochi sono finiti e confessa: aveva bisogno di soldi e l’unico che avrebbe potuto aiutarla era lui. Alberto l’accusa di essere pazza e le rivela di aver chiamato la polizia. In quell’istante entra Vito Russo, accompagnato da un agente. Alberto vuole sapere dove si trova Gianluca, ma Sonia urla di non saperlo: qualcuno deve averlo preso quando ci fu lo scambio nel parco. Trascinata in giardino dall’agente, mentre viene caricata in auto, Sonia vede Renato e Giulia, con in braccio Valentino, e resta di sasso. Sconvolta, dal finestrino continua a guardare il piccolo: sì, è proprio lui; il suo Gianluca! La volante parte a sirene spiegate, mentre Giulia e Renato osservano basiti la scena.

    Raffaele torna a casa. Manuela è stata ricoverata; l’indomani verrà operata. Elisa, con l’aiuto di Diego, ha traslocato alcune sue cose a casa Giordano: libri, vestiti e la sua collezione di cappelli e bandane di ogni genere. Invade la stanza di Diego, che è felice di aver ritrovato il suo rapporto con la sorellastra. Elisa confida le sue paure di perdere la madre, ma Diego la rassicura: Manuela è forte e riuscirà a superare questo grande ostacolo. Elisa abbraccia forte Diego: gli vuole un mondo di bene.

    Al mattino seguente, Alberto si reca in ospedale da Anna e le confida le malefatte di Sonia; la Boschi è scioccata: non avrebbe mai creduto che la sua amica potesse arrivare a tanto. Alberto comunque la rassicura: ora è in carcere e non potrà più fare del male a nessuno. La sua unica preoccupazione è suo figlio: chissà dove si trova e soprattutto con chi. In quel preciso momento, in casa Poggi, si vive un momento di serenità familiare: tutti giocano con il piccolo Valentino, ignari del fatto che si tratta del figlio di Alberto Palladini.

    Claudia è sola in casa. Come un automa è sdraiata sul divano, immersa nei suoi pensieri: continua a rivedere Gabriele morente fra le sue braccia. Suonano alla porta e la ragazza è sorpresa di ritrovarsi in casa Don Antonio. Il parroco confida di essere passato per parlarle, per sostenerla, e sprona la ragazza affinché si apra con lui: solo facendo emergere tutto il suo dolore, lei potrà aiutarsi ed andare avanti. Claudia però non vuole andare avanti; lei merita di stare sola; nella sua vita ha commesso solo errori ed ora è il momento di farla finita. Don Antonio, per consolarla, le parla di Madre Teresa, la suora da pochi mesi morta in India. Nella sua modesta vita ha aiutato chiunque si rivolgesse a lei nel nome di Gesù Cristo. Povera in mezzo ai poveri, debole in mezzo ai deboli, malata in mezzo ai malati. Lei diceva sempre: “La vita è una sfida, affrontala. La vita è amore, godine. La vita è tristezza, superala. La vita è una lotta, vivila. La vita è una croce, abbracciala. La vita è un’avventura, rischiala. La vita è felicità, meritala. La vita è vita, difendila.” Ed è questo che Claudia deve fare: vivere, amare e soprattutto perdonare chi le ha fatto del male; solo così potrà superare il trauma della morte di Gabriele e far in modo che questa storia non faccia altre vittime. Claudia rimane sorpresa e turbata dalle parole del parroco, che si allontana, facendosi promettere dalla ragazza che rifletterà su tutto quello che le ha detto.

    Al Centro Sociale la situazione è bollente. Lo spaccio è sempre più frequente fra i ragazzi ed Eleonora non capisce come possa essere possibile. Con il sostegno di Michele, riunisce tutti i giovani e racconta la sua storia: cerca di far capire che non è drogandosi che si può essere felici; la felicità è amore, amore verso se stessi e verso gli altri. Tutti ascoltano ed Eleonora chiede ai ragazzi di parlare: chi è lo spacciatore? Tutti tacciono: l’omertà regna sovrana. Michele interviene, quasi minacciando: la polizia arriverà al Centro e arresterà tutti coloro che verranno trovati in possesso di eroina. Eleonora non vuole arrivare a questo punto, ma sembra ormai l’unica soluzione.

    In ospedale, Luca comunica ad Anna e Alberto, che le condizioni della ragazza sono buone e che quindi è possibile intervenire chirurgicamente. Alberto prende da parte l’amico e prende informazioni sull’operazione. L’avvocato pretende che sia il padre di Luca, famoso chirurgo, ad operare Anna. Il dottore però cerca di evitare la cosa: ci sono medici molto in gamba anche qui a Napoli. Alberto capisce che Luca sta cercando di girare il discorso, ma non gliene dà modo: vuole il meglio per Anna e se il meglio è suo padre, allora sarà lui ad intervenire sulla ragazza. Luca abbozza e si allontana turbato, mentre Alberto torna da Anna e la rassicura, accarezzandole dolcemente il viso, coperto dalle bende.

    Manuela si è appena risvegliata nella sua camera ospedaliera. L’operazione è andata bene; ora dovrà solo guarire… l’ideale è un centro di recupero; certo dovrà stare lontana da Napoli per qualche tempo, ma è un prezzo che si può pagare. Elisa abbraccia forte la madre; lei deve pensare a guarire: tutto il resto non conta! Raffaele e Rita rassicurano la donna: Elisa resterà a casa loro per tutto il tempo. Manuela non sa che dire; ringrazia commossa; ora ne è certa: ritroverà il suo posto al sole.

    Terminato il suo turno in ospedale, Luca torna a casa. Jasmine gli chiede notizie di Anna e il dottore le dà le ultime novità. Le parla dell’imminente operazione e del fatto che Alberto le abbia chiesto di chiamare suo padre. Jasmine, vedendolo turbato, chiede delucidazioni. Luca si apre con la ragazza: non ha un bel rapporto con il padre; sono anni che non si sentono, a causa di vecchi attriti mai superati. Jasmine cerca di rassicurarlo per il bene di Anna deve trovare la forza di chiamarlo. Luca prende il telefono, compone il numero e… dopo i saluti di circostanza, chiede al padre di scendere a Napoli: una ragazza, Anna Boschi, ha bisogno di lui; è l’unico che può riportare serenità nella sua vita. Il signor De Santis è colpito dalla chiamata del figlio; accetta di operare Anna! Luca, riagganciato il telefono, abbraccia Jasmine, che lo bacia: è un uomo speciale e lei è stata fortunata a trovarlo sulla sua strada.

    Passa qualche giorno e il freddo di Febbraio è sempre più intenso. Claudia trova il coraggio di uscire di casa e raggiunge la chiesa parrocchiale. Entra all’interno e si guarda intorno; poi si dirige verso l’altare, prende posto in un banco e, inginocchiatasi, inizia a pregare dinanzi al tabernacolo. Fissando una croce, chiede perdono al Signore; ora desidera solo trovare la sua nuova strada… strada di amore, di pace e di serenità. Don Antonio, vedendola così assorta, si avvicina e la saluta cordialmente. I due iniziano a dialogare; una sorta di confessione, durante la quale Claudia apre il proprio cuore e ringrazia il parroco per le belle parole usate durante la sua visita. La ragazza chiede ulteriori notizie su Madre Teresa; Don Antonio le confida che Madre Teresa ha molti seguaci a Calcutta, in India, uomini e donne che si dedicano ai poveri e ai malati, sotto il nome di “Missionari della Carità” continuando ad operare e a mettere in pratica gli insegnamenti di Gesù Cristo, sotto l’esempio di questa piccola grande donna, che aspira alla santità. Claudia è affascinata da tutto questo; aiutare gli altri, amare incondizionatamente chiunque, è quello di cui lei ha bisogno. Don Antonio ascolta attentamente la ragazza; poi dà forza a Claudia: amare è importante, fondamentale; grazie all’amore, lei riuscirà a trovare la propria strada. Claudia ringrazia il sacerdote e si allontana silenziosamente, assorta nei suoi pensieri.

    Eleonora e Michele continuano ad indagare su chi possa essere lo spacciatore. Il Centro Sociale è ormai la cosa più importante per la Palladini, che è pronta a difenderlo ad ogni costo. La polizia giunge nei locali; la perquisizione ha luogo e vengono alla luce nuove bustine di eroina. Finalmente viene smascherato il responsabile del giro, che viene consegnato alla polizia: sconterà la sua pena in carcere. Eleonora e Michele si abbracciano felici: questa ennesima prova è stata superata; insieme riusciranno a superare anche le altre. La vita al Centro riprende lentamente… pian piano tutto tornerà apposto e di tutta questa faccenda ne resterà solo un brutto ricordo.

    I Giordano, con Elisa, tornano a casa. Hanno appena salutato Manuela, che è partita per il centro di recupero. Elisa è un po’ triste e Raffaele le fa forza: non appena si sarà rimessa, la mamma tornerà a casa. La ragazza lo ringrazia per tutto quello che sta facendo per lei; trova il coraggio di manifestargli il suo bene e per la prima volta lo chiama “papà”. Raffaele si commuove e abbraccia forte la figlia, sotto lo sguardo sereno e felice di Rita e Diego: Elisa ormai fa parte della famiglia!

    Claudia è tornata a casa. Fra le mani ha una piccola coroncina del Santo Rosario. Pregando ha ritrovato la serenità, la tranquillità, la pace. Silvia l’abbraccia con affetto e le chiede dove sia stata tutto il giorno. Claudia confessa di essere stata in Chiesa: ha pregato molto per Gabriele e per lei. Guido, Franco e Michele sono sorpresi nel sentirla parlare in questo modo. Claudia confida agli amici che ha capito cosa deve fare; c’è un unico modo per espiarsi dalla colpa di aver causato la morte di Gabriele. Parla agli amici di Madre Teresa, ma Silvia la invita ad essere più chiara: cosa sta cercando di dire. Claudia prende forza e, con coraggio, confessa di aver deciso di partire per l’India: prenderà i voti; suora, “Missionaria della Carità”.
    Ultima modifica di Simone 22; 12-07-2008 alle 16:34


  15. #30
    Redattore L'avatar di Simone 22
    Data Registrazione
    Oct 2005
    Messaggi
    17,728

    Predefinito

    Capitolo 27

    La decisione di Claudia getta i ragazzi della terrazza nello sconforto. Non è certo questo il modo per superare un dolore, seppure così forte. Non possono credere che realmente Claudia voglia andare in India. Claudia ribadisce la sua volontà: prenderà i voti, è la cosa più giusta da fare. Silvia cerca di farla ragionare: non è fuggendo che si risolvono le cose; non è facendosi suora, che potrà dimostrare a suo cugino Gabriele di volergli bene. Gli amici le chiedono di riflettere bene su questa decisione: si prenda qualche giorno per pensarci. Claudia vista l’insistenza dei ragazzi, si chiude nella sua camera, dove inizia a piangere. Gli altri, rimasti in salotto, non sanno cosa pensare.

    Al mattino, il dottor De Santis giunge a Napoli. Luca lo accoglie con freddezza, e lo conduce da Anna per una visita di controllo. La ragazza è molto agitata; Luca cerca di rassicurarla: deve solo fidarsi di loro; suo padre è un ottimo chirurgo e di sicuro farà il massimo per aiutarla. Finita la visita padre e figlio si ritrovano a discutere del caso Boschi. Luca chiede al padre cosa pensa di fare; l’uomo confida che si tratta di un’operazione molto delicata, ma è speranzoso. Chiede ed ottiene una foto della ragazza per vedere i lineamenti prima del tragico incidente. Poi Luca torna da Anna e le comunica che entro brevissimo tempo sarà sottoposta all’intervento.

    Giulia, con l’aiuto di Jasmine, è alle prese con lo scantinato dei Palladini. Dopo le grandi pulizie, bisogna rendere il tutto presentabile: i bisognosi devono sentirsi al proprio agio in quel locale. Le due donne parlano del racket. Jasmine è preoccupata: la polizia ancora non è riuscita ad arrestare i malviventi e lei teme un nuovo attacco. Giulia cerca di rassicurarla: Vito Russo sta facendo il possibile per trovarli; Jasmine, realizzando gli identikit dei suoi aguzzini, è stata di grande aiuto al commissario, che sicuramente entro breve riuscirà a prenderli: questa brutta storia finirà e lei tornerà a sorridere, tornerà ad essere serena.

    Alla terrazza è ora di pranzo. Uno strano silenzio invade la stanza; nessuno sembra avere il coraggio di proferire parola. Claudia, capendo di essere la causa di ciò, rompe l’atmosfera: lei sa benissimo che nessuno la capisce e che tutti sono contro la sua scelta vocazionale; certo, è una strada difficile, piana di ostacoli, ma non per questo impossibile. Silvia le fa notare che il punto è un altro: per prendere i voti, bisogna essere predisposti a farlo; non si può decidere da un giorno all’altro di partire per l’India. Gli altri ragazzi appoggiano Silvia: è un grave sbaglio fuggire; non può e non deve farlo. Claudia, stufa di starli a sentire, esce di casa: ha bisogno di stare sola.

    Tancredi, Alberto e Renato sono ai cantieri Masullo e stanno analizzando le ultime stime. Nonostante gli sforzi delle scorse settimane, la situazione è ormai giunta ad un punto di non ritorno. L’assenza di Alessandro ai cantieri ha causato un repentina diminuzione della richiesta; e i creditori, nonostante abbiamo capito il momento difficile, ora sono stufi di attendere. Il conte non vuole arrendersi, ma Renato gli fa notare che l’unico modo per evitare il fallimento è vendere i Cantieri Masullo.

    Luca torna a casa distrutto: oggi è stata una giornata davvero dura in ospedale. Jasmine intuisce che il De Santis ha incontrato suo padre ed è questo il motivo del suo nervosismo. Luca confida che il padre non è cambiato: è il solito egoista di sempre; tutto il male che ha fatto non gli è servito a nulla. Jasmine vorrebbe capire di più: che cosa ha fatto di tanto cattivo quell’uomo? Luca, in un momento di abbandono totale, confessa che suo padre è così preso dal suo lavoro che trascura le cose importanti; non gli perdonerà mai di aver trascurato sua madre, non accorgendosi che fosse gravemente malata: è colpa sua se ora non c’è più; è colpa sua se è morta. Jasmine è atterrita e abbraccia forte Luca, cercando di confortarlo.

    Claudia torna alla terrazza e confida a Silvia di aver passato il pomeriggio in giro. Prima in Chiesa, da Don Antonio, al quale ha confessato la sua decisione di prendere i voti. Il parroco è rimasto basito, ed ha chiesto alla ragazza se ci abbia riflettuto abbastanza. Claudia si è detta convinta ed ha chiesto al prelato di prendere accordi con l’India. Poi la ragazza si è recata dai suoi genitori per salutarli; loro, sconvolti, hanno cercato di farle cambiare idea: è la loro unica figlia e non avrebbero mai immaginato che potesse prendere i voti. Claudia ha abbracciato i genitori, ma non ne ha voluto sapere. Silvia, capendo che Claudia ha ormai fatto la sua scelta, l’abbraccia sperando che realmente ritrovi la gioia di vivere.

    Il sole torna ad illuminare il Palazzo Palladini. Un sole timido, che però riscalda l’aria fredda di Febbraio. Per Anna Boschi è un giorno importantissimo: sta per essere sottoposta all’intervento chirurgico al viso. La ragazza è molto tesa ed Alberto le infonde coraggio: tutto andrà bene. Luca passa per un saluto e un’infermiera le pratica l’anestesia. Man mano che questa fa effetto, gli occhi di Anna iniziano a chiudersi e, dopo un ultimo sorriso ad Alberto, la ragazza sprofonda in un sonno profondo. Due infermieri la trasportano in sala operatoria, dove il dottor De Santis è pronto per l’operazione.

    Jasmine e Giulia hanno preferito restare al Centro per sistemare le ultime cose. Le due donne sono convinte che Anna tornerà a splendere come prima. Jasmine si dice preoccupata per Luca; quello che ha saputo sul suo rapporto col padre l’ ha turbata: vorrebbe aiutarlo ma, nonostante il suo amore, non sa cosa fare. Giulia le consiglia di stare semplicemente vicino a Luca: l’importante è fargli capire che non è solo. La somala confessa che giorno dopo giorno si sta innamorando sempre più del dottore: però ha paura che tutto questo sogno finisca da un momento all’altro. Giulia le assicura che Luca è speciale; certo, non ha avuto una vita facile, ma ha superato tutti gli ostacoli con forza e determinazione. E’ un vero uomo, che non si arrende mai e che sa amare in modo passionale e romantico. Jasmine capisce che fra Giulia e Luca c’è stato del tenero; la Poggi non nega la cosa, ma ci tiene a precisare che è una storia morta e sepolta.

    Nella sala d’attesa dell’ospedale si vivono momenti di tensione. Sono passate ormai molte ora da quando Anna è entrata in sala operatoria. Alberto è in agitazione; Franco e Silvia si tengono per mano mentre Claudia, Guido, Michele ed Eleonora pregano affinché tutto vada nel migliore dei modi. Finalmente la porta si apre e Luca, tutto sudato, raggiunge i ragazzi. L’intervento si è appena concluso; tutto è andato nel migliore dei modi, ma per essere certi del risultato bisognerà aspettare qualche giorno. Alberto e Franco ringraziano Luca, che però ci tiene a dire che il merito è di suo padre.

    Tancredi, seppure a malincuore, è costretto a mettere in vendita i cantieri. Federica sostiene il marito: purtroppo è l’unica possibilità per evitare il fallimento. Iniziano subito ad arrivare le prime offerte da vari imprenditori della zona; la più conveniente arriva da un misterioso individuo. Tancredi però è scettico, in quanto questi agisce per mezzo dei suoi avvocati, e rifiuta di avere un reale incontro con lui. Il conte ne parla con Federica,che gli suggerisce di accettare: non è nelle condizioni di poter rifiutare un’offerta così vantaggiosa. Tancredi però decide di attendere qualche altro giorno per vedere in che modo la situazione si evolve.

    Anna è stata riportata nella sua stanza. Pian piano si sta riprendendo; gli occhi lentamente le si aprono e trova dinnanzi a lei tanti volti sorridenti: suo fratello Franco, Silvia, Alberto, Claudia e tutti gli altri. Il dottor De Santis informa Anna che l’operazione è perfettamente riuscita; fra qualche giorno potrà togliere le bende. Alberto ringrazia il chirurgo, che si allontana con Luca. L’uomo sta per ripartire da Napoli e Luca accusa il colpo; non è neanche arrivato che già va via. Il chirurgo si giustifica: il lavoro lo chiama e non può fermarsi per più tempo. Luca accusa il padre: non è cambiato per nulla; è sempre il solito egoista di sempre. Il chirurgo accusa il colpo ma, dopo essersi scusato con il figlio, si allontana. Per Luca si tratta dell’ennesima delusione da parte dell’uomo più importante della sua vita.

    Passa qualche giorno. Don Antonio si reca alla terrazza per parlare con Claudia. Si è messo in contatto con Calcutta; ha spiegato la sua situazione e la madre superiore si è detta molto felice di poterla aiutare. Claudia sembra felice e chiede a Don Antonio quando potrà partire. Il sacerdote risponde che questo spetta a lei decidere; deve prenotare il volo e tutto il necessario. Claudia ringrazia il sacerdote, che chiede alla ragazza se davvero è questo quello che desidera. Claudia annuisce con la testa e Don Antonio, dopo averle augurato ogni bene, torna in parrocchia. Rimasta sola, la ragazza prende fra le mani una foto del gruppo di amici della terrazza e ripensa a tutto quello che le è successo durante la sua permanenza a Palazzo Palladini: la relazione con Renato, il sogno di diventare modella, la breve e intensa storia con Alberto, l’incontro con Lorenzo, la prostituzione e la morte di Gabriele. Scoppia a piangere e dentro di sé sente di aver fatto la scelta giusta: sacrificare la propria vita per amore del cugino; è questo il prezzo da pagare.

    Alberto è a colloquio con il padre; si discute dei probabili acquirenti dei cantieri Masullo. Anche Alberto, sotto consiglio di Federica, consiglia di venderli al misterioso individuo. I suoi legali sono tornati a farsi vivi ed hanno persino alzato il prezzo dell’offerta: rifiutare sarebbe un oltraggio. Il conte riflette attentamente; certo non sa chi sia l’ignoto imprenditore, ma arrivati a questo punto ha poca importanza. La situazione ai cantieri è insostenibile, e non si può aspettare ancora altri giorni. Così Tancredi contatta i legali dell’uomo e firma il contratto di cessione.

    Luca e Jasmine sono con Giulia nello scantinato del palazzo. Ormai tutto è pronto e il Centro di Accoglienza può essere riaperto. Giungono anche buone notizie dal commissario Vito Russo: grazie ad alcune soffiate, gli sfruttatori di Jasmine sono stati finalmente presi. L’arresto è avvenuto durante la notte e i malavitosi sono stati portati all’interno delle carceri di Napoli per scontare la pena. Il protettore non ha aperto bocca, mentre il suo complice si è detto disposto a collaborare con la polizia. Per Jasmine è una notizia fantastica: finalmente è una donna libera; l’incubo è terminato e tutto questo grazie a Luca. La ragazza abbraccia il medico e, baciandolo, gli rivela di amarlo tantissimo.

    Alberto si reca in ospedale da Anna e la informa della vendita dei cantieri Masullo. La ragazza è dispiaciuta; ha sperato fino all’ultimo che si potesse trovare una soluzione per evitare il peggio. Alberto ringrazia Anna per le belle parole; la morte di Alessandro ha innescato reazioni a catena su tutti i campi. Gli occhi di Anna luccicano; è sul punto di piangere: Alessandro, il suo amore! Alberto si scusa: non voleva rattristarla; Anna sorride e Alberto le confida che ora la cosa più importane è la sua guarigione. I due si abbracciano.

    Marisa Saviani si presenta alla terrazza. Michele è felice di vederla e le parla di Eleonora; la ama, la ama tanto, anche se la presenza di Federica è sempre un problema per loro. La contessa, nonostante siano passati dei mesi, non ha ancora accettato la relazione dei due. Marisa decide di andare a parlare con Federica per cercare di farle cambiare idea. Il confronto fra le due è molto duro tanto che la contessa inizia ad infierire pesantemente su Marisa, offendendo Michele, a suo dire, buon solo a letto, ma non a compiere il suo lavoro. Marisa non ci sta e pretende le scuse da parte di Federica che, però, stufa di sentire le sue polemiche, la spinge per cacciarla via… Marisa perde l’equilibrio e scivola su bicchieri di cristallo che poggiano sul tavolino. Inevitabilmente la mano inizia a sanguinare e diversi detriti di vetro sono visibili sulla ferita. Federica terrorizzata chiama Lucina, che sopraggiunge immediatamente e soccorre Marisa, che però perde i sensi.

    Per Claudia è arrivato il momento di lasciare Palazzo Palladini. L’addio avviene in cortile; Michele, Eleonora, Guido, Franco e Silvia abbracciano forte l’amica e le augurano ogni bene. Al commiato sono presenti anche Rita, Raffaele, Diego, Elisa, Angela e Renato; negli occhi di tutti si legge tristezza. La ragazza confida di essere passata in ospedale a salutare Anna e Alberto; il tempo delle ultime raccomandazioni ed ecco il taxi bianco, che la porterà all’aeroporto, giunge nel cortile del palazzo. I bagagli sono caricati nel cofano; Claudia sorride a tutti: l’India l’aspetta, una nuova vita da “Missionaria della Carità” l’attende. Prima di salire sul taxi, la ragazza promette che non dimenticherà mai quello che ha vissuto a Palazzo Palladini; porterà tutto nel cuore. Mentre i ragazzi capiscono che non rivedranno mai più la bella Costa, il taxi si mette in moto e si allontana. Claudia, dal finestrino, saluta tutti, mentre una lacrima solca il suo dolce viso: addio Palazzo Palladini, addio Napoli!

    Negli uffici dei cantieri Masullo, il conte Tancredi, con l’aiuto di Alberto e Renato, sta impacchettando le sue cose; fra non molto arriverà il nuovo proprietario e tutto deve essere in ordine. Per Tancredi è difficile dire addio al suo lavoro; addio alle nave; addio agli operai che tanto lo stimano e lo rispettano. Ma è anche per loro che ha dovuto vendere, evitando così di licenziare tutti. Alberto fa forza al padre, mentre Renato assicura al conte che lo terrà informato sulle strategie e sul commercio del nuovo proprietario. Il conte ringrazia Renato, e confida di essere curioso di sapere chi sia il misterioso imprenditore. Una voce alle sue spalle lo fa sobbalzare; un uomo entra nella stanza e, salutando in tono di sfida Tancredi, rivela di essere lui il nuovo proprietario dei cantieri. Il conte, voltandosi, riconosce l’individuo e, sconvolto, capisce di aver commesso il più grande sbaglio della sua vita.
    Ultima modifica di Simone 22; 04-02-2013 alle 15:12


Tag per Questa Discussione

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •