La community di Tramedibeautiful.com

Pagina 3 di 5 PrimaPrima 12345 UltimaUltima
Risultati da 31 a 45 di 61

Discussione: La storia di un posto al sole

  1. #31
    Redattore L'avatar di Simone 22
    Data Registrazione
    Oct 2005
    Messaggi
    17,723

    Predefinito

    Capitolo 28

    Tancredi è sotto shock. Dopo tanti anni si trova faccia a faccia con il suo vecchio socio, Damiano Reggiani. L’uomo annuncia al conte Palladini di essere appena tornato dall’ Argentina, dove è riuscito a fare fortuna, ed ora finalmente si è preso la sua rivincita: anni fa, Tancredi lo estromise dalla società e lo ridusse sul lastrico, costringendolo ad emigrare in America. Tancredi precisa che il passo falso fu fatto da lui: si fingeva amico, ma poi si portava a letto Federica. Damiano invita Tancredi e Alberto a lasciare l’edificio, in quanto ora è lui il nuovo proprietario dei cantieri Masullo.

    Marisa viene trasportata urgentemente in ospedale. Michele giunge sul posto accompagnato da Eleonora, che accusa la madre di aver tentato di uccidere Marisa. Federica spiega che si è trattato di un incidente, ma ora non c’è tempo da perdere; Marisa ha bisogno una trasfusione di sangue e Michele è l’unico che può aiutarla. In breve il ragazzo viene adagiato su di un lettino… l’apporto di sangue viene subito portato in sala operatoria! In sala d’aspetto giunge anche Aldo, che chiede di poter vedere la donna che ama. Eleonora lo calma; bisogna aspettare il termine dell’operazione… Giunge Michele, che rassicura i presenti… l’operazione è riuscita e mamma Marisa è fuori pericolo. Federica tira un sospiro di sollievo, ma Michele non intende perdonarla per quello che ha fatto! Il giornalista preferisce tornare dalla madre. Marisa, adagiata su di un lettino, riacquista velocemente i sensi. Sorride e racconta al figlio quello che è successo; è stato un incidente, Federica l’ ha spinta e lei e scivolata sui bicchieri… Michele le sorride dolcemente; l’importante è che lei ora si rimetta, ha realmente temuto di perderla! Anche Aldo sta vicino a Marisa mentre Michele raggiunge Eleonora e si scusa con Federica: si è trattato davvero di un incidente, ma lei non deve permettersi mai più ad interferire nella sua relazione con Eleonora, mai più. Federica abbassa la testa e si allontana mentre Eleonora stringe forte Michele.

    L’addio di Claudia ha lasciato grande tristezza fra i giovani della terrazza. Ormai però loro non possono fare più nulla; Claudia ha preso la sua strada e il suo destino si compirà lontano da Napoli. Guido, assorto nei discorsi degli amici, accusa dei forti dolori al basso ventre. Per la verità è da alcuni giorni che ha delle fitte, ma non si è preoccupato più di tanto. Ora che però i dolori sono aumentati, non riesce più a nascondere la cosa. Così viene chiamato Luca che, dopo una visita dettagliata, capisce che il ragazzo ha l’appendicite infiammata: necessita un ricovero in ospedale, per vedere la gravità del malessere e per capire se sia il caso di operarlo.

    Giunge la sera e Tancredi, pieno di rabbia e rancore, torna a casa, seguito da Alberto. Federica è stranita nel vedere il marito in stato di agitazione e chiede delucidazioni. Il conte, amareggiato e ormai sul punto di una crisi di nervi, confessa che il misterioso individuo altri non era che Damiano Reggiani. Federica è sorpresa: Damiano è a Napoli? E’ lui il nuovo proprietario dei cantieri Masullo? Tancredi chiede alla moglie in cosa abbia sbagliato; che male ha fatto per meritare un tale affronto. Federica non sa cosa rispondere: sono passati tanti anni dall’ultima volta che ha visto Damiano! Alberto rivela che l’uomo ha fatto fortuna in Argentina ed è tornato per vendicarsi. Federica non riesce a crederci; si avvicina al marito e, cercando di rincuorarlo, lo abbraccia.

    La notte avanza veloce e un nuovo giorno nasce sul golfo di Napoli. Le onde del mare accarezzano gli scogli bianchi, circostanti Palazzo Palladini, che pian piano si sveglia. Per Franco inizia l’ennesima giornata alla ricerca di un lavoro stabile. Una chiamata di Carmine lo manda in crisi; l’amico gli offre l’ennesima occasione di essere suo complice per una rapina. Il giovane Boschi è titubante e alla fine rifiuta l’offerta dell’amico: ha deciso di mettere la testa a posto; lui sa cosa vuol dire stare in carcere e non vuole tornarci. Chiusa la chiamata, Franco pensa al da farsi e si reca a trovare Anna in ospedale. La ragazza sta pian piano riprendendo le forze e ben presto potrà togliere le bende. Vedendo il fratello agitato, Anna capisce che c’è qualcosa che non va; Franco confida alla sorella che ha bisogno di un lavoro, altrimenti sarà costretto a tornare alla malavita. Anna non vuole assolutamente che questo accada e, promette al fratello che ne parlerà con Alberto: solo lui potrebbe aiutarlo a trovare un lavoro perbene.

    Guido è stato ricoverato in ospedale e si è sottoposto a vari esami. Luca riaccompagna il giovane in camera: l’indomani verrà sottoposto ad un intervento, una piccola operazione, necessaria per eliminare l’infiammazione. Guido ha un po’ di paura, ma non può tirarsi indietro. Arriva un’infermiera per sistemare una flebo; molto bella, bionda e prosperosa. Guido è estasiato nel vederla e la ragazza ne approfitta per presentarsi a lui: si chiama Roberta. I due iniziano a fare conoscenza; Guido le racconta del suo lavoro di stilista, mentre lei della sua disperata ricerca di un amore. Quando la ragazza si allontana per andare da un altro paziente, Guido la fissa imbarazzato.

    L’apertura del Centro di Accoglienza all’interno di Palazzo Palladini dà l’avvio ad un progressivo viavai di donne bisognose, che chiedono conforto, sostegno e protezione. Giulia e Luca si prodigano affinché tutto proceda bene; certo l’assenza di Maria si sente: ormai sono passate settimane da quando la donna è entrata in terapia. Ma Jasmine riesce a sostituirla in modo esemplare; quella ragazza sta dimostrando di essere davvero in gamba: è altruista, buona e fondamentalmente timida. Luca ammette di amare la somala; quando è con lei si sente a sua agio; si sente importante; si sente amato.

    Alberto è in ospedale da Anna. La ragazza confida all’avvocato il timore che Franco torni sulla cattiva strada. Suo fratello ha bisogno urgente di un lavoro, altrimenti potrebbe cacciarsi nuovamente nei guai. Alberto capisce la situazione e promette ad Anna che farà di tutto per aiutarlo. Tornato a casa, il giovane Palladini ne parla con mamma Federica. La contessa, dal canto suo, non vorrebbe aiutare il Boschi ma, capendo che questo è l’unico modo per tenersi stretto il figlio, chiama la sua amica Patrizia Sciarpa e le parla di Franco, un bel ragazzo tenebroso in cerca di lavoro. Patrizia è ansiosa di conoscerlo e se è il caso lo assumerà nella sua trasmittente, Tele Baia.

    I primi di Marzo lasciano già intravedere la vicina primavera. Certo, il tempo è ancora freddino, ma inizia a riscaldarsi e quindi è possibile passare dei pomeriggi particolari in giro con amici. Ed è proprio questo che fanno Angela e Stefi. La giovane Poggi confida all’amica che da sempre ha una passione per i cavalli. Le piacerebbe tanto un giorno avere un puledro tutto suo. Le due si recano al maneggio di Napoli; qui un ragazzo si avvicina a loro e si presenta come Cristiano, l’addetto alle pulizie delle scuderie. Angela chiede se è possibile fare un giro all’interno e Cristiano si dice felice di accompagnarle. Mentre Stefi osserva il tutto con semplicità, Angela è quasi in estasi: adora quegli animali, troppo maestosi, troppo belli. Cristiano le chiede se ha mai pensato di cavalcarne uno; Angela confessa che quello sarebbe il suo sogno. Il giovane dice che può farlo e la invita a tornare al maneggio ogni volta che desidera. Entusiasta, Angela osserva le varie stalle. Un cavallo in modo particolare attira la sua attenzione. Gli si avvicina e lo accarezza: si tratta di un puledro bianco. Cristiano rivela che si tratta di un cucciolo; non ha padrone in quanto è arrivato da poco. Allontanandosi dal maneggio, Angela rivela all’amica che le piacerebbe se quel cavallo un giorno diventasse il suo.

    Federica si reca ai cantieri Masullo decisa ad affrontare Damiano Reggiani. Vuole capire che intenzioni ha l’uomo e soprattutto cosa crede di ottenere ora che ha in mano in cantieri. L’incontro fra i due è molto intenso e, ben presto, il rancore di Federica si paga. Erano anni che non incontrava Damiano e rivederlo le fa un certo effetto: è l’uomo affascinante di sempre e dimostra di essere ancora galante come un tempo. L’imprenditore infatti accoglie la contessa Palladini e la invita ad accomodarsi nel suo studio. Federica, dopo un attimo di imbarazzo, rivela di non essere lì per una visita di cortesia, ma per il bene della sua famiglia: rivuole i cantieri subito. Damiano nota con piacere che Federica non ha perso la grinta di una volta, ma non accetta nessun compromesso: la sua vendetta si deve ancora compiere e lei non potrà fare nulla per fermarlo. Federica è affranta, ma Damiano cerca di farle vedere la parte buona di tutta questa faccenda: loro si sono rincontrati e potranno recuperare tutto il tempo perso. Invita la contessa a cena: una serata tranquilla, solo per ricordare i tempi andati. Federica, seppur restia, accetta e si allontana. Damiano sorride compiaciuto.

    In ospedale, Guido è di ritorno dalla sala operatoria: l’intervento è riuscito alla perfezione, ma deve restare per qualche giorno sotto osservazione. Il ragazzo, appena svegliatosi dopo l’anestesia, è accudito da un infermiere, quando riceve la visita di mamma Lucia. La donna, premurosa come sempre, assilla il ragazzo: gli ha portato le polpette con l’uvetta dentro, la parmigiana di melanzane e due friggitelli bolliti, dopotutto Guido ha avuto sempre un problema alla pancia e quindi non può mangiare cose fritte. L’infermiere cerca di far capire all’arzilla signora che il suo “bambino” non può mangiare cibi solidi, perché deve ancora canalizzare. Donna Lucia dà poco ascolto alle parole dell’infermiere e, rivolta a Guido, esclama che la sua parmigiana di melanzane non è solida: quella si scioglie in bocca! Così depone tutto sul comodino, mentre Guido, sdraiato nel letto, non sa come liberarsi dell’invadente madre.

    Franco giunge a Tele Baia per il colloquio di lavoro. Patrizia Sciarpa è sorpresa, piacevolmente sorpresa dal giovane Boschi: tenebroso, elegante, affascinante. Lo assume subito come pubblicitario per la sua rete televisiva. Franco è titubante, in quanto non ne capisce molto di pubblicità, ma Patrizia lo rassicura: lei sarà lì ogni volta che vorrà, per aiutarlo e soprattutto per soddisfarlo in tutto. Franco è appagato da ciò; tornato a casa dà agli amici la bella notizia; tutti lo festeggiano, in modo particolare Silvia, che è felice che il suo fidanzato abbia finalmente trovato un lavoro benestante.

    E’ ormai sera. Federica esce di casa, dopo aver detto a Tancredi di dover andare ad una festa della sua associazione. In realtà si appresta ad andare a cena con Damiano. L’imprenditore si presenta all’appuntamento con un piccolo omaggio floreale, che Federica gradisce: è da molto tempo che qualcuno non le regala dei fiori. Damiano, dopo un baciamano, porta la donna in uno splendido ristorante con vista sul golfo. Durante tutta la serata fra i due si riaccende la sintonia; Federica è affascinato dall’uomo ed ammette di non averlo mai dimenticato: solo lui è riuscito a far breccia nel suo cuore; solo lui le ha davvero aperto il cuore. Al termine della cena, Damiano riaccompagna Federica nei pressi di Palazzo Palladini, non prima di averla baciata con passione; bacio che la contessa ricambia con ardore e che le fa dimenticare che l’uomo che ha dinanzi è l’attuale proprietario dei cantieri Masullo.

    Passa qualche giorno e per Guido è giunto il momento di uscire dall’ospedale. Gli esami hanno dato esiti positivi e quindi il ragazzo può tornare a casa e alla sua vita di sempre. L’infermiera Roberta lo saluta carinamente e gli promette che nei prossimi giorni passerà a trovarlo a Palazzo Palladini. Guido è entusiasta: quella ragazza gli piace e per lui sarebbe un sogno poterla frequentare anche fuori dal policlinico. I due si abbracciano e Roberta lascia chiaramente intuire di essere interessata a lui. Guido, tutto elettrizzato, torna nell’appartamento della terrazza e racconta agli amici del suo incontro con Roberta. Gli amici lo prendono in giro: avrà durante la convalescenza un’infermiera tutta per lui.

    Eleonora è al Centro Sociale. Ha appena ricevuto una telefonata di Michele; Marisa è stata dimessa dall’ospedale; certo i punti devono ancora cicatrizzarsi, ma lei può tornare tranquillamente alla sua vita! Eleonora è serena; finalmente tutto sembra essere apposto; anche al centro… la storia dello spaccio è ormai dimenticata. Una visita a sorpresa caratterizza la giornata della giovane Palladini: Adrian torna a trovarla. Il ragazzo afferma di essere stato in giro con la sua chitarra a fare provini per cercare di sfondare nel campo della musica. Eleonora avrebbe preferito non rivederlo; a causa sua a rischiato di cadere del baratro della droga e non si è ancora del tutto ripresa… Alla ragazza però basta poco per capire che Adrian deve comunicarle qualcosa di importante. Iniziandosi a preoccupare, la Palladini chiede all’amico di confidarsi con lei. Adrian così, trovando la forza, confessa che a seguito di un malore, e quindi a delle analisi, ha scoperto di essere sieropositivo. Eleonora rivive con la sua mente la notte d’amore passata con il ragazzo e, sconvolta, si rende conto che Adrian le potrebbe aver trasmesso il virus.

    Anna è in ansia: oggi finalmente toglierà le bende e potrà rivedere il suo volto. Alberto, al suo fianco, cerca di rassicurarla: tutto andrà per il verso giusto. Anche Franco e Silvia sono in ospedale, in attesa di ricevere buone notizie. Arriva Luca, seguito da un infermiere; dopo i saluti di rito, il medico inizia a liberare il volto della ragazza dalle bende. Prima il grande fascio alla testa e poi piano piano le varie bende che ricoprono il viso. Anna è tremante; Luca la rassicura che tutto sta procedendo bene. Finalmente, quando tutte le fasce sono state tolte, viene dato alla Boschi uno specchio. Lei ha paura ad alzarlo: teme di ritrovarsi sfigurata. Alberto e Luca le sorridono; così lentamente Anna inizia a sollevare lo specchio. Sul suo volto non è presente alcun tipo di ustione e le cicatrici sono scomparse; Luca sostiene che l’intervento di chirurgia è pienamente riuscito; certo ora ci vorrà un po’ di tempo per far scomparire dal volto i segni delle bende, ma Anna può stare tranquilla: il suo volto è tornato ad essere bello come prima, splendente e luminoso come il sole.

    Angela torna al maneggio; questa volta è sola: Stefi aveva da studiare e non l’ ha potuta accompagnare. Cristiano è felice di rivederla e la invita a provare il cavallo bianco. Angela ha paura: non ha mai montato un puledro. La voglia però è tanta; così si lascia convincere. Cristiano la aiuta a salire sul cavallo che, dopo un leggero nitrito, si appaga. Angela sorride e Cristiano le spiega come fare per galoppare; piano piano il cavallo inizia a muovere i primi passi. Dopo una piccola cavalcata, Angela e Cristiano riportano l’animale nella scuderia; la Poggi deve correre a casa e promette a Cristiano che tornerà l’indomani. Il giovane la osserva allontanarsi e sorride.

    Anna può finalmente ritornare a casa; a Palazzo Palladini, nella sua terrazza. Una piccola festa le dà il bentornata e la ragazza commossa abbraccia e ringrazia tutti i condomini: l’unica assente è Federica, che non vede di buon occhio il ritorno a casa della ragazza. Le sorprese per Anna però non sono finite: ecco che la porta si apre e mamma Maria fa il suo ingresso. Il ciclo di terapie è finito; ormai ha riacquistato splendidamente l’uso delle gambe. Anna e Franco abbracciano la madre: ora può ricominciare a vivere; può riprendere il suo lavoro al centro e il suo piccolo negozio di fiori può riaprire. Si brinda: questo è un nuovo inizio per la famiglia Boschi!

    Eleonora è in compagnia di Michele. Il ragazzo ha appena consegnato ad Aldo un articolo per il giornale e vorrebbe passare un po’ di tempo con la fidanzata. Notando però che la Palladini è stranamente silenziosa, capisce che è successo qualcosa di brutto e pretende di sapere cosa sia accaduto. Eleonora confida che oggi al Centro Sociale ha ricevuto la visita di Adrian, che gli ha rivelato di aver scoperto di essere sieropositivo. Michele si dice dispiaciuto per il giovane inglese e abbraccia la fidanzata, promettendole che loro gli staranno vicini in ogni passo della malattia. Eleonora inizia a piangere e rivela a Michele che c’è dell’altro. Qualche mese fa, quando faceva uso di droghe, lei ha passato una notte d’amore con Adrian. Michele è atterrito, ma lo diventa ancor di più quando collega le due cose: Eleonora ha fatto sesso con Adrian e lui è sieropositivo. Eleonora continua a piangere disperata, mentre Michele, in stato di shock, realizza che anche lui potrebbe essere stato contagiato.


  2. #32
    Redattore L'avatar di Simone 22
    Data Registrazione
    Oct 2005
    Messaggi
    17,723

    Predefinito

    Capitolo 29

    Michele non proferisce parola. Fissa Eleonora, ma non riesce a trovare la forza di parlare. La ragazza, in lacrime, supplica il fidanzato di dirle qualcosa, qualunque cosa: se la prenda con lei, urli, si ribelli. Il giornalista però è impassibile; alzatosi fa per andare via; Eleonora lo chiama e lui, guardandola dritta negli occhi, trova solo il coraggio di sussurrare un timido “perché”. Poi si ritira nella sua camera, si sdraia sul letto e inizia a piangere disperatamente. Eleonora gli si avvicina e lo abbraccia forte per tutta la notte, una lunga lunghissima notte. Al mattino, Michele non trova la forza di andare al giornale; non trova neanche il coraggio di alzarsi dal letto: nella sua mente riecheggiano le parole di Eleonora della sera prima. Ha pregato per tutta la notte, affinché al risveglio tutto fosse svanito; un brutto sogno! Purtroppo è la dura realtà e lui non riesce ad accettarla.

    Franco si reca da Patrizia. La donna lo ha convocato per illustrargli meglio il suo lavoro e per aiutarlo nei primi tempi. Il giovane Boschi si ritrova in un appartamento di lusso con Patrizia, vestita tutta chic, che lo fa accomodare nel suo soggiorno. A Franco fa strano trovarsi in quel mondo; lui è un tipo semplice, e tutto questo lusso lo fa sentire a disagio. Patrizia cerca di farlo mettere al proprio agio e gli toglie la giacca. Poi gli si siede accanto e inizia ad inserirlo nell’ambito della pubblicità. Franco dimostra di essere spigliato e apprende tutto velocemente. Patrizia lo ammalia riempiendolo di complimenti ed in breve gli si butta addosso, iniziando a baciarlo. Franco si lascia trasportare dall’eccitazione e denuda velocemente la donna. I sensi prendono il sopravento e i loro corpi si uniscono; in breve consumano e Patrizia si complimenta con il ragazzo: è un vero stallone!

    Eleonora, preoccupata per Michele, fa visita al dottor De Santis. Racconta a Luca tutto quello che è successo; dalla notte d’amore con Adrian alla sconvolgente notizia sul contagio del virus. Eleonora chiede al medico di aiutarla a scuotere Michele che, da quando ha saputo la cosa, è caduto in una crisi depressiva profonda. Luca decide di far visita all’amico per incoraggiarlo e dargli forza; non deve abbattersi ancor prima di sapere con certezza se realmente è sieropositivo. Michele però è convinto di esserlo: purtroppo sa come vanno queste cose! Luca lo rassicura: non sempre il virus si trasmette, non è detto che lui lo abbia preso; e poi per scoprirlo c’è un unico modo: il test dell’HIV. Michele non vuole farlo: la paura di ciò che potrebbe scoprire è troppo forte. Luca capisce che il ragazzo è in stato confusionale ed ha bisogno di un aiuto psicologico.

    Angela ormai passa più tempo al maneggio che in qualunque altro posto. Il legame con Cristiano cresce ogni giorno di più e la Poggi s’infatua del giovane stalliere. Ne parla anche con Stefi e con i suoi genitori. Renato, sentendo il cognome di Cristiano, capisce che il padre è Armando, un importante avvocato di Napoli, che ha commissionato ai cantieri uno yacht per la famiglia. Il dottor Poggi coglie l’occasione al volo ed organizza una cena di lavoro a casa di Cristiano; ovviamente ci saranno anche i ragazzi. Angela è entusiasta ed accetta; avvisa subito Cristiano, che però appare alquanto imbarazzato.

    Alberto ha preparato una sorpresa per Anna. Si presenta alla terrazza e, per festeggiare il suo ritorno alla vita, la invita a trascorrere il week-end con lui, nello chalet dei Palladini, in montagna. Anna accetta e ringrazia il Palladini: se non ci fosse stato lui al suo fianco, non sa come avrebbe fatto a superare questi difficili mesi. La ragazza poi corre a prepararsi e lo stesso fa Alberto, che informa anche la madre del suo breve soggiorno nella baita. Federica è preoccupata: questa storia inizia a non piacerle; ha paura che Alberto faccia qualche sciocchezza. Così telefona a Patrizia per confidarsi; la Sciarpa racconta alla contessa della sua avventura con Franco Boschi: quel ragazzo è fantastico. Federica ascolta tutto con attenzione, e sorride compiaciuta. Nel frattempo Anna ha finito di preparare il tutto, e si è spostata sulla scogliera, con indosso un capotto rosso. Guardando il mare, ripensa a quanto Alessandro le ha regalato l’anello prima del naufragio, chiedendola in moglie. In lacrime, si sfila la fedina e la getta fra le onde; deve voltare pagina, deve tornare a sorridere… questo sicuramente è quello che avrebbe voluto Alessandro!

    Franco è tornato alla terrazza. Silvia corre a baciarlo, chiedendogli come sia andata a Tele Baia. Il ragazzo, visibilmente imbarazzo, si dice soddisfatto: ha finalmente ottenuto un lavoro che lo fa sentire realizzato professionalmente. Chiusosi in camera, Franco ripensa a quello che è successo con Patrizia e i sensi di colpa lo invadono: Silvia è una brava ragazza; non meritava di essere tradita. Certo il suo è stato un vero istinto animalesco: Patrizia lo ha stuzzicato e lui non è riuscito a bloccare i suoi ormoni. Il danno ormai è fatto e Franco si ripromette di non farlo più.

    Il giorno dopo, Marisa Saviani si reca a trovare Michele. Avvisata da Luca sulla situazione del figlio, conforta il ragazzo e cerca di fargli capire che l’unica cosa da fare è sottoporsi al test dell’HIV. Michele confida alla madre le sue paure: non vuole scoprire di essere malato, non vuole morire! Solo in quel momento, il ragazzo percepisce che può aver infettato anche la madre, a seguito della trasfusione di sangue. Marisa è atterrita, ma abbraccia il figlio: non succederà nulla di tutto ciò; tutto andrà per il verso giusto. Il giornalista, con le lacrime agli occhi, accetta di sottoporsi al test. Vengono chiamati anche Eleonora e Luca, e si decide di andare il prima possibile in ospedale.

    Anna e Alberto hanno lasciato il palazzo e sono giunti alla baita dei Palladini. Il tempo è a neve e i due decidono di passare tutto il pomeriggio a sciare. Certo la Boschi non sa andarci, ma Alberto si dimostra un valido maestro. Fra i due cresce l’intesa: Anna si sente finalmente amata da qualcuno; nel suo cuore c’è sempre Alessandro, ma sente di potersi aprire ad Alberto: è dolce, romantico e soprattutto la ama. L’avvocato Palladini poi ha in serbo per Anna una romantica sorpresa: lascia la ragazza sulla pista da sci e corre alla baita, dove accende il camino e crea atmosfera con delle candele, per poi riempire i calici di champagne, mettendo un bellissimo anello di brillanti nel bicchiere di Anna. Quando la Boschi rientra in casa, tremante per il freddo, gli occhi le brillano di gioia nel vedere quello che ha preparato Alberto. Si avvicina al fuoco per riscaldarsi, e chiede al ragazzo perché fa tutto questo per lei. Lui sorride: la ama, la ama più di ogni altra cosa al mondo. Anna è imbarazzata e, guardando Alberto negli occhi, rivela di essersi innamorata di lui. L’avvocato le chiede di dimostrargli che l’ama e propone un brindisi. Anna prende il calice e, bevendo un sorso, nota subito l’anello… Incredula alza gli occhi verso Alberto, che inginocchiatosi dinnanzi a lei, le chiede di diventare sua moglie.

    I Poggi arrivano a casa di Cristiano per la cena. Armando saluta cordialmente Renato e firma il contratto per la nave. Giulia, dal canto suo, fa conoscenza con la moglie di Armando, mentre Angela e Cristiano parlano fitto fitto. Arriva il momento di mettersi a tavola e si capisce subito che i quattro genitori vogliono che i due giovani si fidanzino: formano una stupenda coppia e loro approverebbero la cosa. Angela sorride a Cristiano, che appare infastidito da questa intromissione dei genitori. Si alza da tavola ed esce in giardino, seguito da Angela, che cerca di capire cosa dia fastidio al ragazzo. Nel mentre i genitori continuano a confabulare e a fare progetti per i loro figli. Cristiano e Angela passeggiano all’esterno e in un momento di tenerezza la Poggi cerca di baciare il ragazzo, che però si ritrae. Angela è sorpresa e si scusa: non avrebbe dovuto farlo, ma credeva che… Cristiano la ferma: lei va benissimo, non ha fatto nulla di sbagliato, il problema è lui. Angela non capisce; quale problema? Cosa c’è che non va? Cristiano, guardando imbarazzato la ragazza, confessa di essere gay.

    Nella baita in montagna, Anna osserva l’anello di diamanti, imbarazzata. Alberto le ripete la domanda: vuole diventare sua moglie? Vuole passare il resto della sua vita insieme a lui? Anna lo guarda negli occhi e sorride: sì, accetta di sposarlo; lo ama e vuole essere sua moglie. Alberto si alza, sfila l’anello dalla custodia e glielo mette al dito. I due si abbracciano dolcemente e si baciano con passione, mentre all’esterno la neve candidamente si posa sul terreno. La luce del camino illumina i corpi dei due ragazzi, che si uniscono delicatamente. Si amano, si amano a lungo, in una notte di passione e speranza.

    Angela è scioccata e chiede a Cristiano di ripetere ciò che ha detto. Il ragazzo si scusa con la ragazza: avrebbe dovuto dirglielo subito; lui è omosessuale. Angela è senza parole: tutto avrebbe immaginato tranne che Cristiano fosse gay. Il ragazzo piange: i suoi genitori non lo sanno e lui ha paura di dirglielo, temendo la loro reazione. Angela, ancora sotto shock, consiglia a Cristiano di rivelare tutto ai genitori: è giusto che loro sappiano i gusti sessuali del figlio. Poi Angela lo abbraccia: non sarà mai il suo fidanzato, ma sicuramente sarà un ottimo amico. Cristiano sorride e ringrazia la ragazza per averlo ascoltato e capito. Giunge il momento di rientrare e, dopo i ringraziamenti di rito, i Poggi tornano a casa.

    Al mattino seguente, Eleonora, Michele e Marisa si recano in ospedale per sottoporsi al test dell’ HIV. Dopo i prelievi di sangue, il medico li invita ad attendere qualche ora per i risultati. Così i tre tornano a Palazzo, da Luca, il quale ha organizzato un pranzo per loro. E’ presente anche Aldo, che cerca di rincuorare la psicologa. Michele ed Eleonora poi scendono in terrazza, dove Anna e Alberto, appena tornati dalla montagna, annunciano il loro imminente matrimonio. Il brindisi e i festeggiamenti vengono interrotti da una chiamata di Luca, che informa Eleonora e Michele che in ospedale sono pronti i risultati del test. Invita i due a raggiungere subito il policlinico: è giunto il momento di conoscere la verità!

    Anna dà a mamma Maria la notizia del suo imminente matrimonio con Alberto. Maria è felice per la figlia e spera che possa essere felice accanto all’avvocato Palladini. Questi, nel frattempo sta informando anche i genitori della sua decisione di sposare Anna. Mentre Tancredi è felicissimo per la notizia, Federica spuma rabbia: quell’arrampicatrice sta cercando in tutti i modi di inserirsi nella sua famiglia, ma lei sa come impedirglielo. Si reca alla Terrazza, dove trova la ragazza e, senza mezzi termini, le rivela che suo fratello Franco ha violentato Patrizia Sciarpa. Anna è sconvolta, ma Federica la ricatta minacciandola di denunciare il ragazzo per violenza sessuale, a meno che lei non rinunci a sposare Alberto. Con il suo solito ghigno di sfida, la contessa fissa Anna che, in lacrime, supplica alla donna di non farlo. Federica però è irremovibile e, sorridendo, si allontana, mentre la ragazza piange disperata.

    Alla terrazza, Guido riceve la visita di Roberta. L’infermiera, dopo aver fatto apprezzamenti sull’appartamento, si concentra sul ragazzo, che gli parla dei suoi ultimi modelli. Roberta è affascinata da tutto ciò: da sempre ha una passione per la moda e per gli stilisti. Guido è imbarazzato e, quando la ragazza va via per prendere servizio in ospedale, si confida con Silvia, che gli suggerisce di agire in fretta, per non farsi scappare la bella Roberta. Guido così, seguendo il consiglio della cugina, si presenta in ospedale con un bel mazzo di fiori. Roberta gradisce e Guido coglie l’occasione per invitarla a cena una di queste sera. Lei accetta felice e, dopo aver ringraziato Guido, torna a lavoro.

    Eleonora e Michele sono giunti in ospedale, dove Marisa è in compagnia di Aldo. Il medico li fa accomodare nel suo studio. I tre sono ovviamente sono preoccupati e il medico cerca di rassicurarli. Davanti a sé ha tre buste… Si torna frettolosamente da Luca; Marisa è la prima ad aprire la sua busta: il responso è negativo! Il tempo di un piccolo sospiro di sollievo e Luca si prepara ad aprire la seconda busta e chiede quale deve aprire per prima: quella con i risultati di Eleonora o di Michele? Eleonora preferisce che si apra prima quella di Michele. Così il medico apre la cartella e, dopo aver letto il responso, dà al Saviani la bella notizia: non è sieropositivo. Michele riacquista il sorriso ed abbraccia forte Eleonora. La Palladini si dice preoccupata per i suoi risultati. Luca apre la sua cartella, vede il responso e fissa la ragazza, che atterrita gli chiede insistentemente di leggerle l’esito: è malata di HIV? E’ stata contagiata dal virus dell’AIDS?

    In casa Poggi è ora di pranzo. Renato insiste affinché la figlia si fidanzi con Cristiano. Angela, non sopportando le continue domande del padre, confessa che il ragazzo è gay. La notizia turba il ragioniere, ma Giulia riesce subito ad infondere tranquillità: non c’è nulla di male se Cristiano è omosessuale; è la sua natura. Angela confida di aver appena sentito Cristiano al telefono e di aver saputo che ha rivelato al padre Armando e alla madre la nuda verità. I genitori non l’ hanno presa bene, in particolare Armando che ha chiuso ogni tipo di rapporto con lui. Renato è sconvolto da tutta questa storia, mentre Giulia abbraccia la figlia: il suo principe azzurro arriverà; deve solo aspettare!

    A casa De Santis sale la tensione. Eleonora è sempre più in agitazione. Luca la fa calmare e poi le dà la bella notizia: non è stata infetta dal virus. La Palladini è felice e urla dalla gioia. Abbraccia Michele e gli promette che non lo tradirà mai più. Anche Marisa esulta e bacia il suo Aldo. Bisogna festeggiare l’esito degli esami ed una festa alla terrazza è l’ideale. Gli unici assenti sono Anna e Alberto, che si trovano nell'appartamento dell'avvocato, dove ha lo studio legale. Le mostra la loro casa, la loro dimora. Anna però non è più la stessa; è più fredda e distaccata. Alberto non capisce cosa la turbi e fa per baciarla. Lei però si ritrae e, con le lacrime agli occhi, dice ad Alberto che ha sbagliato tutto; ora lo ha capito ed ha cambiato idea: non vuole più sposarlo; non vuole più diventare sua moglie.
    Ultima modifica di Simone 22; 18-07-2008 alle 16:31


  3. #33
    Redattore L'avatar di Simone 22
    Data Registrazione
    Oct 2005
    Messaggi
    17,723

    Predefinito

    Capitolo 30

    Alberto è atterrito. Non riesce a credere che Anna non voglia più sposarlo. Chiede alla ragazza di dargli delle spiegazioni: perché? Cosa le ha fatto cambiare idea? Anna rivela di aver capito di non amarlo; non come dovrebbe. Alberto non sa cosa pensare, ma è costretto ad accettare la decisione della ragazza. Tornata alla terrazza, Anna comunica la triste notizia agli amici. Ovviamente l’improvviso rifiuto di Anna di sposare Alberto lascia tutti nel più profondo sconcerto. L’avvocato poi è disperato, mentre l’unica che gioisce, seppure segretamente, è Federica: finalmente quella poco di buono è fuori dalla sua famiglia. Riceve la telefonata di Damiano, che vuole rivederla. La contessa, scusandosi per non essersi fatta sentire in questi ultimi giorni, confida all’uomo che si sta occupando di affari di famiglia e che ha quasi risolto tutto. Damiano non le mette fretta: lui la ama e sarà qui ad aspettarla!

    Passa la notte e un nuovo sole sorge su Napoli. In casa Giordano le cose non vanno bene. La presenza di Elisa ha notevolmente aumentato le spese per i coniugi e lo stipendio da portiere di Raffaele non basta più. Rita confida i suoi problemi alla sorella Giulia, che promette di aiutarla economicamente. Nel frattempo, Elisa e Diego sono appena tornati da scuola. La Secoli, notando che il fratello è un po’ giù di morale, si offre come confidente. Diego è titubante; non se la sente di confidarsi proprio con lei, in quanto si tratta di una ragazza che gli piace. Elisa, sorridendo, lo spinge a confidarsi: è Stefi la ragazza in questione, vero? Diego annuisce e confida alla sorella che non ha il coraggio di dichiararsi, in quanto ha paura di rovinare la loro amicizia. Elisa gli consiglia di fare chiarezza nel suo cuore: se realmente prova qualcosa che va oltre l’amicizia, è giusto che parli a Stefi. Diego però non se la sente; vuole prima tastare il terreno, per capire cosa la Rovere si aspetta da lui.

    Anna, in lacrime, si confida con suo fratello Franco, raccontandogli della minaccia di Federica. Il Boschi non riesce a crederci: lui non ha violentato nessuno; sì, lui e Patrizia hanno fatto sesso, ma lui non ha abusato di lei. Anna crede al fratello, ma capisce che è difficile dimostrare il contrario; Franco vorrebbe affrontare la contessa, ma Anna riesce a fermarlo: non vuole che lui torni in carcere; non vuole più che la sua famiglia soffra. In quel momento giunge Silvia, di ritorno dal Caffè Vulcano. Franco rimasto solo con la fidanzata, le confessa tutto: dell’avventura con Patrizia e della minaccia della contessa. Silvia è sconvolta: come ha potuto tradirla, come ha potuto farle questo? In lacrime si rifugia nella sua stanza.

    Ai cantieri Masullo, Renato riceve Armando, che è lì per ritirare la barca. Il Poggi ne approfitta per parlare di Cristiano e della sua situazione. Armando ha uno scatto violento: il suo unico figlio è gay; non ama le donne e quindi non potrà continuare la casata. Renato cerca di rassicurarlo: è pur sempre suo figlio e… Armando lo blocca: per lui Cristiano è morto! Renato, capendo che ormai c’è solo rancore e odio da parte dell’uomo, evita di controbattere. Tornato a casa però si sfoga con Giulia e con Angela: bisogna fare qualcosa per aiutare Cristiano; è un bravo ragazzo… bisogna stargli vicino!

    Alberto non riesce ad accettare la fine della sua storia con Anna; è certo che la ragazza lo ami… deve essere successo qualcosa che l’abbia bloccata. Ne parla con Tancredi che promette al figlio che verranno a capo della cosa. Nel frattempo, Silvia si confida con Anna; la Graziani è distrutta dalla notizia del tradimento di Franco e non sa cosa fare! La Boschi non è nello spirito giusto per dare consigli, ma suggerisce all’amica di seguire il proprio cuore: solo così potrà fare chiarezza! Franco, dal canto suo, non accetta il fatto che per colpa di una sua mancanza, ora anche la felicità di sua sorella è in crisi. Sente di dover fare qualcosa: bisogna smascherare la contessa!

    Guido è in agitazione: questa sera vedrà Roberta e non sa come vestirsi. L’infermiera gli piace e non vuole fare brutte figure. Alla fine, consigliato dagli amici, opta per una giacca nera, con camicia azzurra, e un pantalone grigio con scarpe marroni. Si presenta da Roberta; la ragazza dai boccoli biondi indossa una giacchetta nera e minigonna rossa. La serata inizia in un ristorante molto chic di Napoli; ovviamente il conto lo paga Guido che, grazie al suo lavoro di stilista, ormai può permettersi una vita molto agiata. Roberta confida al ragazzo che vuole passare il dopo cena con lui, e Guido la invita alla terrazza. Nella sua camera, sul letto, in breve i due iniziano a baciarsi e Roberta inizia a sfilare la cravatta di Guido, lasciando chiaramente intendere le sue intenzioni. All’improvviso però Guido si ferma e Roberta, sorpresa, lo fissa in attesa di una risposta. Guido, imbarazzo, confessa che per lui questa è la prima volta; non ha mai fatto l’amore. Roberta sorride e continua a baciarlo; sarà indimenticabile! In breve i vestiti scivolano via e la passione s’impadronisce dei loro corpi: la stagione dell’amore è finalmente arrivata anche per Guido.

    Al mattino seguente, Franco si reca da Patrizia e le chiede di intervenire: non può permettere a Federica di usarla in questo modo, solo per raggiungere i suoi fini, ovvero far del male ai Boschi. Patrizia si dice dispiaciuta per Franco, ma lei non può permettersi di mettersi contro la contessa, in quanto la sua televisione va avanti anche grazie alle sue generose donazioni. Franco non sa cosa fare mentre nel frattempo Anna è alla prese proprio con la contessa, che si è recata alla terrazza per dare il suo personale addio alla ragazza. La cattiveria della donna raggiunge il culmine, ma ecco che alle sue spalle sopraggiunge Tancredi, che, per una serie di circostanze, si è trovato lì ed ha sentito tutto. Il conte si scaglia contro la moglie intimandole di ritirare le minacce contro Anna e contro suo fratello Franco. Federica capisce che ormai per lei i giochi sono finiti e, mentre Anna piange abbracciando mamma Maria, la contessa torna a casa Palladini piena di odio e rancore.

    Guido è in bagno immerso nella vasca piena di schiuma e, ripensando alla notte appena trascorsa con Roberta, urla di gioia. Non riesce a crederci: si è fidanzato; lui ha trovato l’amore. Roberta è dovuta scappare in ospedale per il turno, mentre lui ha ancora un po’ di tempo prima di recarsi a lavoro. Si reca al Caffè Vulcano dove confida alla cugina della sua notte di passione con Roberta. Silvia è felicissima per lui, e gli augura ogni bene. Guido capisce di essere stato poco delicato; lei ha appena scoperto del tradimento di Franco e non sa come comportarsi. Silvia confessa di amare tantissimo il Boschi, ma ha paura che lui possa ancora tradirla e sa che questo non potrebbe mai accettarlo. Guido le consiglia di seguire il suo cuore; solo ascoltandolo potrà realmente fare la scelta giusta.

    Per Anna è la fine di un incubo. Corre da Alberto e gli racconta del ricatto di Federica e della cattiveria che ha usato nei suoi confronti; ora che tutto è stato smascherato, lei chiede all’avvocato di perdonarla. Lo ama, lo ama tantissimo, e se non gli ha detto nulla del ricatto è solo perché temeva per le sorti del fratello. Alberto accoglie Anna a braccia aperte; i due si baciano teneramente: ora possono coronare il loro sogno d’amore e Federica non potrà più impedirglielo.

    Franco si reca al Vulcano da Silvia. La ragazza lo tratta con freddezza, ma lui si dice disposto a tutto pur di salvare il loro rapporto. La ama, ci tiene troppo a lei; vuole cercare di ricostruire il loro legame… vuole solo il suo consenso. Silvia però non è disposta a perdonare così facilmente l’infedeltà del fidanzato; è una questione di principio… lei, da sempre appassionata di film, sogna di essere Rossella O’Hara e immagina una storia d’amore come la sua. Franco le ricorda che a fine film Rossella esclama “Domani è un altro giorno!” e per loro può davvero essere un nuovo giorno, una nuova vita, un nuovo inizio. Silvia è incerta, ma Franco le promette che non la tradirà mai più; bastano un paio di occhi dolci per far crollare la ragazza che, perdonandolo, abbraccia e bacia il suo fidanzato.

    Eleonora è stata appena informata degli ennesimi imbrogli della madre Federica. Delusa e amareggiata si rifugia al Centro Sociale, dove torna a trovarla Adrian. Il ragazzo è in partenza per una tournee: è stato preso come chitarrista in una band. Eleonora è felice di rivederlo e augura ogni bene all’amico, chiedendogli di smettere di drogarsi. Adrian sorride ad Eleonora: ormai il suo destino è scritto e non sospendendo le dosi che potrà salvarsi. La Palladini lo abbraccia e si dice disposta a fare tutto per lui. Adrian la ringrazia e le fa un’allettante proposta di lavoro: potrebbe diventare la manager della band, una specie di discografica; in questo modo partirebbe in tournee con loro e potrà fare carriera nel campo musicale, che lei da sempre adora. Eleonora è sorpresa e non sa se accettare; così si prende un po’ di tempo per rifletterci.

    In casa Poggi si sta preparando la cena. Giulia è ai fornelli e Renato, conoscendo la dimestichezza della moglie con i fornelli, appare alquanto preoccupato. Torna a casa Angela: ha passato il pomeriggio al maneggio, galoppando il cavallo bianco; ha rivisto Cristiano e confida che il ragazzo è demoralizzato a causa dell’atteggiamento del padre, che non accetta il fatto che lui sia gay. Renato teme che a furia di sentirsi rifiutato da Armando, Cristiano possa commettere qualche sciocchezza. Giulia capisce che la situazione potrebbe evolversi in una tragedia e Angela è terrorizzata all’idea che questo possa accadere.

    Alla terrazza, mentre Franco e Silvia festeggiano la ritrovata armonia, Eleonora è in agitazione. Racconta a Michele della visita di Adrian e della proposta interessante che ha ricevuto. Vorrebbe un parere dal fidanzato; un consiglio che però Michele rifiuta di dargli. Questa è la sua vita e lei deve decidere in completa autonomia: lui le resterà accanto qualunque sia la sua decisione. Eleonora ringrazia il fidanzato per la comprensione: è un ragazzo d’oro e lei è fortunata dell’averlo al suo fianco. I due si baciano… la notte trascorre e un nuovo giorno si sveglia su Napoli.

    In casa Palladini ormai si respira aria di burrasca. Il conte Tancredi non riesce ad accettare che la moglie continui a macchinare contro chi gli sta intorno; ormai non prova più amore per lei, ma solo compassione, amarezza e disprezzo. Ha fatto di tutto per renderla felice in tutti questi anni, ma lei non è mai stata in grado di apprezzarlo. Non ha mai cercato di rendersi amorevole davanti ai suoi occhi; pensa solo alla bella vita e ai soldi. Il conte si confida con Maria. Da quando la donna è tornata a Napoli, non è riuscito a parlare serenamente con lei; ma ora ha bisogno di lei. Maria capisce perfettamente la situazione di Tancredi e gli sta vicina come amica; non se la sente di riprovare di nuovo ad avere una storia con lui, in quanto si creerebbero troppe tensioni ed ora che i loro figli stanno per sposarsi, vuole evitare qualsiasi tipo di problema alla coppia.

    Giulia e Rita stanno conversando da buone sorelle e la Poggi rassicura la minore: il suo piano per aiutarla economicamente sta procedendo bene. Rita ringrazia di cuore Giulia, non accorgendosi che Raffaele ha sentito tutto. Il portiere non accetta l’aiuto di Giulia e chiede a Rita di ridare i soldi a Giulia; la Poggi però insiste: potranno considerare quei soldi come un prestito. Rita alza lo sguardo verso Raffaele che, capendo che quei soldi sono indispensabili per loro, ringrazia Giulia per il prezioso gesto d’affetto.

    Angela corre dal padre preoccupata. Ha provato a chiamare Cristiano al cellulare, ma stranamente non risponde. Ha provato anche sul telefono di casa, ma risulta staccato. Renato sa che Armando e la moglie avevano intenzione di passare il week-end sulla barca; magari Cristiano è andato con loro. Angela non crede che la cosa sia possibile: dopo tutto quello che è successo non è possibile che i tre vadano in vacanza come se fossero una famiglia felice. Renato capisce che realmente Cristiano può aver commesso una sciocchezza. In quel frangente, nella villa di famiglia, il ragazzo sta ripensando a tutto quello che è successo nelle ultime settimane: Angela, la dichiarazione di omosessualità e l’incomprensione con i genitori. Si guarda intorno e, sentendosi un peso, cerca nel cassetti del padre e vi trova una pistola. Deciso a farla finita se la punta alla tempia e sta per compiere l’insano gesto, quando l’arrivo di Renato lo ferma. Il ragioniere, seguito da Angela, rassicura il giovane: non è togliendosi la vita che potrà essere felice; non è facendo soffrire chi gli vuole bene, che riuscirà ad essere libero. Cristiano scoppia in lacrime e chiede a Renato di aiutarlo; i due si abbracciano sotto lo sguardo commosso di Angela.

    Alberto passa a prendere Anna alla terrazza. Si è preso un giorno di vacanza sul lavoro, per organizzare la loro cerimonia di nozze; bisogna fissare la data. Anna sorride: per lei va bene qualunque giorno, basta che sia il più presto possibile. Alberto crede che fra 10 giorni sia l’ideale; il tempo di sistemare il tutto e di invitare amici e conoscenti e loro potranno sposarsi. I due si baciano, promettendosi amore eterno: niente e nessuno potrà ormai dividerli, e loro vivranno insieme per sempre. In quel mentre, sulle coste della Tunisia, una piccola barchetta di pescatori si avvicina alla battigia. Uno di loro scende e bagnandosi i pantaloni, si avvicina ad una ragazza, chiedendole cosa dica suo fratello. La tunisina indossa un velo che le copre capo e viso; s’intravedono solo gli occhi limpidi. Lei sa solo che si deve lavorare; chiede al ragazzo se sia stanco. Lui, sedendosi sulla sabbia e mettendosi le mani in faccia, confida che un po’ lo è. La tunisina, accovacciandosi ai suoi piedi, gli chiede se sia triste. Lui, guardandola negli occhi, le assicura che non è una bella sensazione non sapere niente del proprio passato.
    Ultima modifica di Simone 22; 04-02-2013 alle 16:12


  4. #34
    Redattore L'avatar di Simone 22
    Data Registrazione
    Oct 2005
    Messaggi
    17,723

    Predefinito

    Capitolo 31

    Il biondo ragazzo è stanco di questa situazione: vorrebbe tanto sapere il suo vero nome e ricordare la sua famiglia, ma ogni suo tentativo appare vano. La tunisina lo incoraggia: prima o poi questa amnesia scomparirà e lui riuscirà a tornare alla sua vita di sempre. Il ragazzo l’abbraccia e la ringrazia per tutto quello che sta facendo per lui. A Napoli, nel frattempo, Alberto ed Anna continuano i preparativi per il loro matrimonio. Si recano da Don Antonio per ufficializzare la data. Il prelato è felice leggendo negli occhi di Anna la serenità di una volta. Poi i due tornano a Palazzo Palladini, dove si augurano la buona notte con un tenero bacio.

    La colazione in casa Poggi ha un ospite di riguardo: Cristiano ha passato la notte nella camera degli ospiti, ma ora è giunto il momento di affrontare una volta per tutte i genitori di ritorno dalla breve vacanza. Renato parla con Armando, e gli rivela della crisi che ha colpito il figlio, che è vivo per miracolo. L’uomo accusa il colpo e Renato ne approfitta per fargli capire che un figlio gay non è peggio di un figlio etero; è un ragazzo normale come gli altri, con semplici gusti sessuali, che però non rispecchiano i canoni tradizionali. Non è un malato, non ha bisogno di cure; l’omosessualità non è un motivo di cui vergognarsi… è solo una realtà che va accettata… l’importante non è essere etero o gay, l’importante è amare. Armando è colpito dal discorso di Renato e capisce di aver sbagliato tutto; deve rimediare e deve farlo subito. Corre dal figlio e si scusa con lui per tutte le cattiverie che gli ha detto; da oggi in poi lo tratterà come sempre, e lo amerà più di prima… lui è libero di amare chiunque senza distinzione di sesso. Cristiano è sbalordito e abbraccia forte il padre, sotto lo sguardo commosso della madre e di tutta la famiglia Poggi.

    Eleonora ha preso la sua decisione: non se la sente di lasciare Napoli. Si reca da Adrian per comunicargli la cosa, ma stranamente trova la porta socchiusa. Entra all’interno e inizia a cercare il ragazzo nel piccolo appartamento. Lo chiama, ma nessuno risponde. Dopo qualche secondo, finalmente lo scorge in un angolo, sdraiato a terra circondato da siringhe, ovatta e tanto sangue. Si avvicina a lui e, temendo il peggio, cerca di farlo rinvenire, ma si accorge con orrore che Adrian è morto; sconvolta, Eleonora inizia a piangere disperata.

    In Tunisia, il biondo ragazzo dagli occhi azzurri è in riva al mare e si sforza di richiamare alla mente il suo passato. Riaffiora il volto di una ragazza, ma lui non riesce a capire se si tratta di un suo sogno o di una persona legata al suo passato. La tunisina gli è vicino e cerca di aiutarlo, ma tutto sembra vano: non ricorda assolutamente nulla della sua vita. Più passa il tempo e più quei pochi ricordi che ha, si allontanano quasi scomparendo. Kholida è dispiaciuta e torna in casa, dove da un cassetto estrae un ritaglio di un giornale italiano, dove si parla del naufragio del “Dreamer” e della ricerca dei due fratelli dispersi. Lei sa perfettamente che il ragazzo sulla spiaggia è Alessandro Palladini. Suo fratello però la costringe a non dire nulla: l’italiano verrà a sapere delle sue origini, solo dopo che loro due si saranno uniti in matrimonio. Kholida è incerta sul da farsi, ma l’uomo le intima di raggiungere Alessandro e di farsi amare da lui, dimenticando quello che ha letto sul quotidiano italiano.

    Michele raggiunge Eleonora, seguito da Vito Russo e da alcuni agenti. Il corpo di Adrian viene portato via per l’autopsia; bisogna verificare i reali motivi della morte. Eleonora continua a piangere non riuscendo a credere che Adrian sia morto: proprio ora che stava per partire in tournee; proprio ora che stava per realizzare il suo sogno. Michele abbraccia la fidanzata e cerca di confortarla: loro ora possono solo pregare per l’anima del ragazzo. Eleonora asciugandosi le lacrime si avvicina alla chitarra di Adrian: è l’unico oggetto a cui teneva; l’unico strumento da cui non si separava mai. La Palladini decide di portarla con sé; sarà come avere una parte di Adrian sempre con lei.

    Passano i giorni e una visita a sorpresa di Donna Lucia porta scompiglio alla terrazza. L’invadente signora vuole conoscere la fidanzata del “babbasone suo”. Guido vorrebbe evitare l’incontro, in quanto sa bene che Roberta non rispecchia i “canoni” di mamma Lucia. La donna però si impianta nell’appartamento e rifiuta di andare via, fino a quando non avrà conosciuto la sua futura nuora. Per evitare una rappresaglia degli amici, Guido si vede costretto a fare le presentazioni. Lucia resta di stucco nel vedere Roberta; un’altra fotomodella…no, no, non va bene! Così, appena ha l’occasione, prende da parte il figlio e si dice restia al suo rapporto con questa Roberta; non fa per lui… come sua nuora andrebbe meglio la figlia dei loro vicini di casa, i Salvetti. Guido non accetta i consigli della madre, che però insiste: Assunta ha da sempre un debole per lui e vorrebbe rincontrarlo dopo tanti anni. Guido non ha nessuna intenzione di rivedere quel boiler e chiede alla madre di non fargli brutti scherzi; Donna Lucia si allontana frustrata.

    Luca e Rita si trovano in un ufficio postale per il pagamento di alcune bollette. I due ne approfittano per fare due chiacchiere, ma all’improvviso due uomini armati fanno il loro ingresso nella posta, inscenando una rapina. Rita è terrorizzata, come del resto molte delle persone presenti nell’ufficio. All’esterno è giunto Raffaele, avvisato da Angela; sale il pathos quando uno dei delinquenti ferisce una persona con l’arma da fuoco. Luca interviene per soccorrerla e riesce ad evitare complicazioni. Finalmente i rapinatori, preso il maltolto, fuggono via e il ferito viene trasportato in ospedale. Raffaele corre ad abbracciare Rita: temeva le potesse accadere qualcosa! Luca, invece, riceve l’affetto di Jasmine, che lo considera un eroe… il suo eroe!

    Franco torna a lavoro a Tele Baia. Patrizia è felice che fra lui e Silvia si sia chiarito tutto e, coglie l’occasione, per fare al ragazzo gli auguri per l’imminente matrimonio della sorella. Franco ringrazia e si mette a lavoro. Patrizia non gli toglie gli occhi d’addosso; continua a fissarlo tant’è che lui imbarazzato evita di guardarla. La Sciarpa allora si alza e inizia a fargli un massaggio alle spalle, per poi scendere sui pettorali. Franco le chiede di smetterla, ma lei prosegue e si siede sulle sue gambe, per poi iniziare a baciarlo. Il Boschi cerca di respingerla, ricordandosi della promessa fatta a Silvia, ma l’eccitazione anche questa volta è più forte di lui. In breve denuda Patrizia e la scaraventa sulla scrivania, possedendola selvaggiamente.

    Michele ed Eleonora sono di ritorno dal funerale di Adrian. E’ stata una funzione molto semplice, con pochissime persone; difatti quasi nessuno lo conosceva a Napoli. La salma ora è in viaggio verso Londra, dove vivono i suoi familiari. Eleonora è abbattuta: ha sperato fino all’ultimo che potesse farcela, ma purtroppo il destino è stato crudele. Vito Russo comunica ai due che dall’autopsia è risultato che Adrian è morto a seguito di un’overdose; per Eleonora è solo la conferma ai suoi sospetti: Adrian amava drogarsi ed ha fatto la morte che desiderava fare. Michele l’abbraccia con dolcezza, cercando di infonderle serenità e amore.

    Federica ormai crede di non essere più amata da nessuno in famiglia. Preoccupata per il suo futuro si ritrova seduta sul divano a bere un tè. Ormai in quella casa sono rimaste solo lei e Lucina; nessuno vuole parlare più con lei, nessuno sente più bisogno dei suoi consigli. Perfino i condomini la salutano a malapena. Mentre medita sul da farsi, riceve l’ennesima telefonata da Damiano che insiste per rivederla. Questa volta la contessa accetta l’invito e corre a prepararsi. L’imprenditore è l’unico che in questo periodo le è vicina e lei sente di provare qualcosa per lui.

    Franco è al Caffè Vulcano. Margherita gli porta una birra. Lui ringrazia e inizia a berla, mentre con la mente ripensa a quello che è successo con Patrizia. Sa bene di aver tradito Silvia, ma non se la sente di darle un’altra batosta. Meglio nascondere tutto, meglio mentire che farle ancora del male. Giunge Guido che, sedendosi, inizia a raccontare a Franco della visita di mamma Lucia; Franco, scocciato, si alza e fa per andare via; non è dell’umore giusto per dare consiglio. Guido capisce che c’è qualcosa che non va, ma preferisce non insistere. Si avvicina al bancone e prende un bombolone, che addenta con gusto.

    Federica è in compagnia di Damiano. La contessa si sfoga con l’uomo: fra due giorni Alberto sposerà quella sgualdrina di Anna e lei non può far nulla per impedirlo; per colpa sua il suo matrimonio con Tancredi è a rischio e lei non sa come comportarsi. Damiano le consiglia di avere pazienza: con il tempo tutto si aggiusterà. Federica è convinta che la perdita dei cantieri è stata una forte mancanza per il marito che, non avendo più i cantieri e non amando più lei, si sta rifugiando fra le braccia di Maria. Damiano cerca di rassicurare la contessa: lui la ama e non la tradirà mai. I due si baciano e Damiano le consiglia di prendere in seria considerazione l’idea di separarsi da Tancredi per ricominciare una nuova vita al suo fianco.

    Al mattino seguente, Alberto si reca da Luca. E’ l’unico vero amico di cui si fida ed è lui che vuole al suo fianco il giorno del suo matrimonio. Il dottore è sorpreso, ma accetta di buon grado di fargli da testimone. Poco dopo l’avvocato chiede anche alla sorella di fargli da testimone; Eleonora accetta. Nello stesso momento Anna sta chiedendo la stessa cosa a Silvia e Franco. La Graziani esulta di gioia e abbraccia Anna mentre Franco si dice felice di poter essere al suo fianco nel giorno più importante della sua vita. I due si abbracciano dinnanzi ad una commossa Silvia.

    In Tunisia, Alessandro è ossessionato dalla donna che continua a vedere nei suoi pensieri. La tunisina lo aiuta a ricordare, infondendole il suo amore. In un momento di complicità i due si baciano e Kholida confessa al ragazzo di essersi innamorata di lui. Alessandro è sorpreso; accarezza il volto della ragazza, ancora coperta dal velo, ma non riesce ad andare oltre… per costruirsi un futuro, ha bisogno di conoscere il suo passato. Approfittando dell’assenza di suo fratello, che è a pesca, Kholida corre in baracca, prende il ritaglio di giornale e torna da Alessandro e glielo porge: lei ha scoperto chi è… questo articolo parla di lui! Alessandro prende il ritaglio e, vedendo la sua foto e quella di suo fratello, riconosce Alberto. Così inizia a leggere l’articolo, mentre la tunisina sgomenta capisce che, riacquistando la memoria, Alessandro tornerà a Napoli e lei lo perderà per sempre.

    Elisa e Diego, in compagnia di Dario, sono di ritorno da scuola. Il giovane Campese confida agli amici di essersi innamorati di Stefi e si dice disposto a tutto per averla. Elisa cerca di smuovere Dario: Stefi non accetterà mai la sua corte; non è il suo tipo. Dario però è irremovibile… lui sa come conquistarla! Tornati a casa, Elisa, vedendo il fratello, triste e giù di morale, lo incoraggia a fare la cosa giusta. Diego però non sa come fare: ha paura di perdere anche la sua amicizia. Elisa però gli impone di agire in fretta: Stefi è una bella ragazza e, se davvero lui è interessato, deve farglielo capire il prima possibile.

    Nell’appartamento della terrazza è appena arrivato il vestito da sposa di Anna. Mamma Maria aiuta la figlia a sistemare tutto per l’indomani. Tutto deve essere perfetto per il giorno del suo matrimonio. Anna abbraccia la madre e la ringrazia per averla fatta diventare la donna che è oggi. Giunge Silvia che preleva la Boschi; questa è la sua ultima giornata da nubile e bisogna festeggiare. Anna sorpresa guarda la madre che, sorridendo, invita la figlia a seguire Silvia.

    Alessandro è seduto in riva al mare. Grazie all’articolo ha ricordato qualcosa, ma tutto è così confuso. Kholida si scusa per averglielo nascosto, ma suo fratello la costringeva a tacere. Alessandro è un po’ intimorito da tutto ciò, ma confida alla ragazza che ora la cosa importante è che lui ricordi tutto e quindi possa tornare a Napoli, alla sua vita. Kholida sorride e lo aiuta a far chiarezza nei suoi confusi ricordi… lui è stato vittima di un terribile naufragio e a Napoli tutti lo credono morto da molti mesi. La tunisina gli parla della sua famiglia e Alessandro riesce a comporre tutti i pezzi del puzzle… passano le ore; il Palladini ringrazia Kholida, che si chiede cosa ne sarà ora di loro; lui la bacia: avrà sempre un posto nel suo cuore, ma il suo posto non è lì, ma a Napoli. Giunge il fratello, che capisce che Alessandro ha riacquistato la memoria; ormai non può più far nulla per trattenere il Palladini… gli augura ogni bene e si scusa con lui per avergli nascosto la verità. Alessandro ringrazia l’uomo per quello che ha fatto per lui: gli ha salvato la vita, lo ha curato e nutrito per tutti questi mesi. I due si abbracciano e, dopo un ultimo bacio con Kholida, Alessandro si prepara alla partenza.

    A Napoli cala la notte e iniziano le feste per Alberto ed Anna. La festa dei maschi per l’addio al celibato di Alberto si svolge al Caffè Vulcano, mentre quella per Anna alla terrazza, dove Silvia, Jasmine, e tutte le altre donne di palazzo Palladini le hanno preparato una festa indimenticabile. A fine serata, Anna torna in camera sua e si prepara per andare a letto. Il suo sguardo si posa su una foto di Alessandro, che lei ha nella sua stanza. Ad Anna viene il magone e una lacrima solca il suo viso: è lui che vorrebbe sposare… ma il destino ha deciso diversamente!

    Alessandro è sulla nave che lo sta riportando in Italia. Sa che tutti lo credono morto e quindi è consapevole dello shock che provocherà, ma questo ora non importa: sta tornando a Napoli… sta tornando dalla sua famiglia, sta tornando dalla sua Anna. Nei suoi ricordi rivive il momento in cui ha chiesto alla ragazza di sposarlo e lei ha accettato felice. Sì, intende mantenere la promessa: sposerà Anna non appena tornerà a Napoli.

    La notte scorre veloce e il sole s’innalza lentamente verso il cielo. Silvia corre a svegliare Anna: è ora di alzarsi e di prepararsi; fra poche ore coronerà il suo sogno d’amore. Anna balza dal letto e corre agitata in cucina, dove Silvia le ha preparato una colazione coi fiocchi. A casa Palladini Alberto si sta preparando con l’aiuto dei genitori. Federica è molto emozionata: si scusa con il figlio per essersi intromessa nella sua vita. Alberto abbraccia la madre: lui ama Anna e insieme saranno felici. Arriva anche Luca con le fedine; Alberto abbraccia l’amico. Quando tutti sono pronti, si scende in giardino, dove Raffaele, vestito di tutto punto, aiuta il futuro sposo a salire in auto. Luca e Eleonora lo seguono, con Federica che per l’occasione indossa un abito chiaro, con un cappello molto vistoso.

    Alessandro è al porto di Napoli in trepidazione di tornare a casa. Durante i controlli però viene trovato senza documenti e quindi viene portato in commissariato. Nel frattempo, Anna è nella sua stanza. Maria, aiutando la figlia a vestirsi, le chiede se realmente sposare Alberto la renderà felice. Un velo di tristezza si legge negli occhi della ragazza; oggi, come non mai, sente più forte la presenza di Alessandro. Maria abbraccia la figlia e le ricorda che Ale sarà sempre nel suo cuore per tutta la vita. Anna si commuove, ma è solo un secondo; Silvia le fa notare che sono in ritardo: è ora di correre in Chiesa… Alberto la sta aspettando.

    In chiesa, Alberto è trepidante e fissa di continuo il fondo della chiesa. Federica, Eleonora e Lucina lo invitano a calmarsi mentre arrivano i primi invitati. Raffaele e Rita si siedono accanto a Jasmine, mentre Diego, con la sua telecamera, immortala ogni secondo di questa giornata speciale. Anche la famiglia Poggi giunge in Chiesa, e prende posto al terzo banco. Michele, Marisa ed Aldo sono seduti al secondo banco. Finalmente arriva la sposa, che giunge all’altare al fianco di suo fratello Franco. Alberto solleva il velo di Anna e la bacia dolcemente sulla fronte. Don Antonio inizia la cerimonia.

    Alessandro è seduto nello studio del commissario Vito Russo che, riconoscendolo, si fa spiegare quello che gli è successo. Alessandro rivela di avere una grande confusione e chiede di poter fare una telefonata. Chiama a casa Palladini, ma nessuno risponde, in quanto sono tutti alla cerimonia nuziale, che procede senza impedimenti. Giunge il momento delle promesse e dello scambio delle fedi; Don Antonio dichiara Alberto ed Anna marito e moglie; ora lo sposo può baciare la sposa. Fra gli applausi generali, Alberto sorride ad una tenera Anna e la bacia con dolcezza. Passano i minuti e fra riso, confetti e quant’altro, gli sposi escono dalla chiesa e raggiungono Palazzo Palladini.

    Michele riceve una telefonata da Vito Russo e corre in commissariato, lasciando Eleonora in compagnia di Silvia. Il giornalista, scioccato, si ritrova Alessandro davanti e per poco non ha un malore. Il giovane Palladini lo rassicura: lui è vivo; ha perso la memoria e solo ora l’ ha riacquistata. I due amici si abbracciano ed Alessandro esprime il desiderio di tornare subito a Palazzo Palladini. Michele resta di sasso e spiega al ragazzo che in questi mesi in cui lui è stato creduto morto, molte cose sono cambiate. Alessandro capisce la cosa, ma preme per tornare a casa.

    Nel cortile di Palazzo Palladini Alberto e Anna, cambiati d’abito, sono pronti alla partenza per il viaggio di nozze. E’ il momento dei saluti. Anna abbraccia la madre Maria e saluta Giulia; Alberto prepara le ultime cose mentre Diego continua a riprendere tutto con la sua telecamera. Nel cortile sono presenti anche Guido, Franco, Jasmine, Luca, Angela, Renato, Raffaele, Rita, Tancredi e Federica, che è l’unica ad essere irritata da questa giornata così inutile e da dimenticare per lei. Alberto si avvicina ad Anna e le chiede se è pronta. Anna sorride felice e Alberto le apre la portiera dell’auto per farla salire. Lei dà un ultimo sguardo verso il cortile e… dall’alto del belvedere ecco giungere un trafelato Alessandro, inseguito da Michele, che cerca di fermarlo. Il ragazzo resta basito nel vedere Anna salire in macchina con Alberto e riesce solo a sussurrare il nome della ragazza. L’autista mette in moto e l’auto si allontana, mentre amici e parenti continuano ad agitare le mani in segno di saluto, augurando buon viaggio ai novelli sposi. Alessandro, da sopra l’altura, è immobile ad osservare la scena, continuando a sussurrare quel nome… Anna.
    Ultima modifica di Simone 22; 04-02-2013 alle 16:12


  5. #35
    Redattore L'avatar di Simone 22
    Data Registrazione
    Oct 2005
    Messaggi
    17,723

    Predefinito

    Capitolo 32

    Alessandro fissa il vuoto. I suoi pensieri ormai sono bloccati: Anna, la sua Anna, si è appena sposata con Alberto, suo fratello. Michele non sa cosa dire: non doveva scoprirlo in questo modo; lui avrebbe dovuto dirglielo subito. Alessandro non sa cosa fare: vorrebbe non essere mai tornato a Napoli. In quell’istante sopraggiunge Eleonora, in cerca di Michele; per poco non ha un mancamento, nel riconoscere suo fratello: come è possibile che lui sia lì; come è possibile che lui sia vivo? Alessandro corre ad abbracciare la sorella: lui è vivo ed ora è tornato a casa… Giunge anche Silvia, che ovviamente resta basita nel vedere Alessandro, credendo che si tratti di un fantasma!

    Il conte Tancredi e la contessa Federica sono tornati a casa e discutono tranquillamente del matrimonio appena svoltosi. Tancredi spera che i due possano essere felici insieme, mentre Federica è restia a tal riguardo. Lucina torna in cucina per preparare da mangiare; suonano alla porta ed Eleonora entra in casa, ed annuncia ai genitori che ha una sorpresa per loro: è avvenuto un miracolo! Così Alessandro entra nel salone sotto gli occhi scioccati di Tancredi e Federica; corre ad abbracciare i genitori: lui non è morto, lui è vivo ed ora è tornato a casa! Lacrime di gioia e di stupore solcano il viso dei presenti e anche Lucina si commuove nel rivedere Alessandro in carne ed ossa.

    Anna e Alberto, nel frattempo, sono giunti in un albergo fuori città, per trascorrere la loro prima notte di nozze: l’indomani partiranno per una crociera. L’avvocato è dolcissimo con la ragazza, che lo ringrazia per tutto quello che ha fatto per loro: non dimenticherà mai questa splendida giornata. Alberto inizia a baciarla e la adagia lentamente sul letto dove, in un turbine crescente di passione, i due fanno l’amore, ignari di ciò che sta accadendo a Palazzo Palladini.

    In casa Palladini, Alessandro sta spiegando ai familiari quello che gli è successo. Ammette di avere ancora le idee confuse, ma ovviamente dopo mesi di amnesia è normale. Il ragazzo è scioccato per ciò che ha visto: Anna, la sua Anna, ha sposato Alberto. Tancredi racconta al figlio quello che è accaduto in questi mesi, dell’incidente al Centro d’Accoglienza e della plastica facciale di Anna… Alberto gli è stato molto vicino e i due si sono innamorati. Alessandro è atterrito… sente il bisogno di riposare… troppe emozioni tutte insieme non si possono reggere. Rimasti soli, il conte chiede alla moglie cosa succederà ora; Federica è ferma: Anna ha sposato Alberto e quindi Alessandro dovrà farsene una ragione.

    Alla terrazza i ragazzi commentano il ritorno di Alessandro. Tutti sono felici che il ragazzo sia vivo, ma ognuno esprime il suo giudizio a tal riguardo. Cosa accadrà non appena Anna scoprirà che il suo grande amore è vivo? Anna resterà accanto di Alberto o tornerà da Alessandro? Questi ed altri sono i quesiti che tutti si pongono. Anche Maria, venuta a conoscenza del fatto, si interroga sul da farsi: bisogna chiamare Anna e informarla subito del ritorno di Alessandro oppure è meglio attendere il ritorno degli sposi dalla luna di miele?

    Alessandro è nella sua camera e sta cercando di riposare. Nella sua mente rivede sempre la stessa scena: Anna parte con Alberto! Si volta, si rivolta nel letto, ma non riesce a dormire… Federica è ancora in piedi; temendo che Maria possa avvertire Anna, prende il telefono e compone un numero. Chiama Alberto e lo informa del ritorno di Alessandro: è vivo, è tornato a Napoli… Alberto in un primo momento si dice felice, ma quando Federica gli dice che ora il suo matrimonio è in pericolo, Alberto accusa il colpo e chiede alla madre come deve comportarsi. La contessa suggerisce al figlio di non dire nulla ad Anna, almeno per il momento: si goda la crociera e al ritorno penserà a tutto. Detto questo chiude la conversazione ed Alberto, ancora stordito, viene raggiunto da Anna, che chiede se ci sono problemi. Alberto, dopo un attimo di imbarazzo, rivela che mamma Federica lo ha telefonato e gli ha detto che…. lei e papà Tancredi hanno avuto un ennesimo litigio. Anna è dispiaciuta e abbraccia il marito, rassicurandolo che al loro ritorno cercheranno di aggiustare le cose.

    Al mattino seguente, Lucina serve la colazione ai Palladini. Tancredi, Federica, Eleonora e Alessandro sono seduti attorno al tavolo; è da tantissimo tempo che i Palladini non si riunivano a fare colazione… i momenti di tensione sembrano scomparsi; tutto è concentrato sul ritorno di Alessandro. Il ragazzo, dal canto suo, è ancora confuso… non riesce a credere di essere di nuovo a casa; gli sembra di vivere in un sogno! Tancredi decide di prendersi un giorno di vacanza: oggi niente lavoro; bisogna festeggiar perché il figlio che credeva morto, è vivo e nulla ora è più importante di questo!

    Guido si reca a lavoro. La sua collezione di taglie forti continua ad andare alla grande e i finanziamenti vanno benissimo. Una visita improvvisa lo turba: Assunta Salvetti, la vecchia amica di infanzia, si palesa davanti a lui. Guido è sorpreso; sono anni che non vedeva la ragazza e vede constatare che è ingrassata come lui. Assunta, con fare molto sensuale, ma alquanto possessivo, dichiara di essere felice di rivederlo, e spera che fra i due possa rinascere quel qualcosa che anni fa si spense. Guido taglia corto: deve vedere la sua fidanzata Roberta! Assunta, leggermente infastidita, saluta carinamente il Del Bue, e si allontana; Guido la osserva con indifferenza e sdegno.

    Alberto e Anna sono pronti per partire in crociera. La ragazza non vede l’ora di salire sulla nave, e chiede al marito di aiutarla a controllare se hanno preso tutto. Alberto però è taciturno e la cosa non sfugge ad Anna, che gli chiede se stia ancora pensando ai suoi genitori. Alberto annuisce con la testa e confessa ad Anna che prima di partire deve dirle una cosa importantissima. La Boschi porta fretta: rischiano di perdere la nave! Alberto la bacia, ricordandole che lui la ama. Anna inizia a preoccuparsi e l’avvocato le confida che è successo qualcosa di inaspettato: Alessandro è vivo! Anna non riesce a credere alle sue orecchie e, sotto shock, chiede al marito di ripetere. Alberto rivela che è tutto vero: Alessandro è vivo ed ora è a Napoli. Anna si agita: vuole tornare subito a Palazzo Palladini; non può partire… Alberto capisce perfettamente la situazione e le promette che al più presto torneranno a casa.

    Angela, dopo un periodo di assenza, torna al maneggio, dove rincontra Cristiano. La Poggi si sincera delle sue condizioni psichiche; il ragazzo ringrazia Angela: grazie a lei e alla sua famiglia è riuscito a confessare ai genitori la verità sulla sua omosessualità ed ora potrà vivere più serenamente, senza doversi nascondere dietro mille scuse e tante altre bugie. Angela abbraccia Cristiano; poi i due entrano nella scuderia e la Poggi corre subito dal cavallo bianco; lo accarezza e lo abbraccia proprio come si fa con una persona… ormai quel puledro è parte integrante della sua vita!

    Giulia e Maria sono al Centro d’Accoglienza a svolgere le mansioni quotidiane quando entra una ragazza. Giulia la fa accomodare e la ragazza dice di chiamarsi Giusi Faiello e di avere 14 anni. Maria le chiede come possono aiutarla; cosa le è successo? La ragazza confessa di essere incinta; per lei è un trama in quanto la sua famiglia non è benestante e per di più anche numerosa… ha 3 fratellini e un padre disoccupato, mentre sua madre è morta. Giulia e Maria sono intenerita da tutta questa storia e promettono alla ragazza che faranno di tutto per aiutarla.

    Alberto ed Anna giungono a Palazzo Palladini. Alessandro è in casa con tutto il resto della famiglia, quando la porta si apre e Lucina fa accomodare i due novelli sposi. Federica è atterrita nel vederli e lancia uno sguardo di disapprovazione verso Alberto, mentre Tancredi si dice felice di rivederli. Anna è immobile a fissare Alessandro, che la guarda; ha sognato tanto questo momento, ma non avrebbe mai immaginato che la situazione potesse essere questa. Anna quasi in lacrime sussurra il nome del ragazzo, non riuscendo ancora a credere che sia davvero lì dinnanzi a lei. Dopo un iniziale imbarazzo i due si abbracciano sotto gli occhi di un preoccupato Alberto.

    Franco torna a casa dopo una giornata di lavoro. Patrizia è sempre più presente nella sua vita e il Boschi inizia a fidarsi di lei; ormai possono considerarsi amanti e a lui va bene così. Certo gli dispiace per Silvia, ma Patrizia gli piace e anche tanto. Parlando con lei, ha deciso di chiudere con Silvia per evitare di farla soffrire; deve solo trovare il momento adatto per farlo… certo non sarà facile, in fondo in fondo sente di essere legato alla ragazza: è solo grazie a lei che è riuscito a cambiare vita, uscendo dalla criminalità. Ormai però il suo cuore appartiene a Patrizia e Silvia dovrà farsene una ragione!

    Anna e Alessandro continuano ad abbracciarsi… sembra che tutti questi mesi non siamo trascorsi e che il loro amore sia ancora vivo! Basta poco però per riportare i due alla realtà; Alessandro chiede di poter restare da solo con Anna per poter parlare più tranquillamente con lei. Quando questo accade, fra i due avviene un confronto. Alessandro non riesce a credere che lei abbia sposato Alberto; Anna spiega tutto quello che è successo in questi mesi… lei credeva che lui fosse morto e, nonostante l’atroce dolore, ha cercato di andare avanti. Alessandro capisce la situazione, ma ora le cose sono diverse: lui è tornato, lui è vivo e la ama ancor più di prima. Detto questo si avvicina a lei e la bacia teneramente sulle labbra.

    In casa Poggi è ora di cenare. Mentre Angela mette a ninna il piccolo Valentino, che ormai è un anno che vive con loro, Giulia si confida con il marito a riguardo di Giusi. La storia di quella ragazza l’ ha fortemente colpita; vorrebbe risolvere i suoi problemi, ma non sa come fare per aiutarla. Renato è dispiaciuto ma, anche volendo, non sa cosa potrebbe fare lui. Stanco e affaticato decide di andare a letto, mentre Giulia decide di restare ancora un po’ sveglia per riflettere sul da farsi e capisce che la prima cosa da fare è trovare un lavoro al padre di Giusi, in modo da permettergli di mantenere i suoi figli.

    Il bacio fra Alessandro e Anna sembra riaccendere qualcosa… ma sul più bello lei si ferma e, scusandosi, si allontana. Alessandro le sorride: possono riprendere tutto da capo se solo lei volesse; Anna però è confusa: ha da poco sposato Alberto e non può fargli un torto, ma dentro di sé sente di essere fortemente legata ad Alessandro. Quasi in lacrime, fa per andare via, sussurrando che ormai è troppo tardi. Il giovane però la blocca e le dice che non sarà mai troppo tardi per loro, il loro amore ha superato mille ostacoli e sovrasterà anche quest’ultimo scoglio. Anna, ormai in lacrime, abbassa la testa, si volta e fugge via.

    Aprile avanza veloce. La Pasqua del Signore è appena passata e i ragazzi hanno trascorso il giorno di Pasquetta tutti insieme in spiaggia, cercando di dimenticare, per qualche ora, tutti i casini che sono successi in questi giorni. Stanchi, ma soddisfatti della divertente rimpatriata, tornano alla terrazza… Michele ed Eleonora si appartano nella camera del ragazzo; idem per Guido e Roberta, mentre Franco e Silvia restano in soggiorno. La Graziani vorrebbe seguire l’esempio degli amici, ma lui non se la sente; e dopo aver dato la buona notte alla ragazza, si chiude in camera, lasciando Silvia molto turbata: Franco è sempre più distante... ora non vuole neanche fare l’amore con lei!

    Sorge un nuovo sole. Federica si reca ai cantieri per vedere Damiano. Racconta a l’uomo quello che sta accadendo nella sua famiglia con il ritorno di Alessandro. Damiano si dice felice per la cosa: finalmente una bella notizia, dopo mesi di delusioni. Federica però è preoccupata; teme che Alessandro e Alberto possano litigare a causa di quella sgualdrina di Anna. Damiano la invita a mettere l’astio da parte; i suoi figli sono grandi e sapranno gestire la cosa a modo loro; lei, invece, deve pensare più a lei e alla sua vita. Federica ammette che le cose con Tancredi sembrano andare meglio, ma Damiano le fa notare che si tratta solo di un riavvicinamento dovuto alla gioia di aver riabbracciato un figlio che si credeva morto. Federica ringrazia l’imprenditore per il sostegno e l’amore che le sta dando: se non ci fosse stato lui in questo periodo, lei sarebbe rimasta sola a logorarsi per i suoi fallimenti. Damiano la bacia e le ricorda che può contare sempre su di lui, in qualunque momento; lui la ama ed è pronto a qualunque sacrificio pur di averla.

    Giusi torna al Centro d’Accoglienza e chiede a Giulia se ci sono novità: ha trovato un modo per aiutarla? La Poggi imbarazza ammette di non aver trovato ancora nulla, ma che si sta adoperando in tal senso. Giusi spera di poter tornare a sorridere nonostante tutto quello che sta accadendo; Giulia glielo promette. Tornata a casa, l’assistente sociale ne parla con il marito…. Forse una soluzione c’è: Graziano Faiello è disoccupato, e quindi senza reddito; se Renato riuscisse a farlo assumere ai cantieri Masullo, la situazione economica di questa povera famiglia almeno inizierebbe a carburare. Renato promette di recarsi al più presto da Damiano Reggiani a proporgli la cosa.

    Diego ha finalmente deciso di confessare a Stefi tutto quello che prova per lei. Anche Dario ha trovato il coraggio ed ha anticipato il Giordano; così quando Diego le dichiara il suo amore, Stefi è turbata e non sa cosa fare. Sotto consiglio di Elisa ed Angela, si decide per una sfida per disputarsi l’amore della ragazza. Da una parte l’imbranataggine di Dario e dall’altra la timidezza di Diego. Alla fine Stefi lascia che a scegliere sia il suo cuore; da sempre lei prova qualcosa per uno dei due ragazzi ed è arrivato il momento di provare a creare qualcosa insieme con lui: si tratta di Diego. I due ragazzi si ritrovano soli e teneramente si scambiano un bacio che sancisce la loro unione.

    Federica è nel soggiorno di casa Palladini; sta ripensando alle parole di Damiano e all’idea di costruirsi una vita insieme a lui. I suoi pensieri vengono interrotti dall’arrivo di Tancredi che chiede alla moglie spiegazioni sulla sua visita ai cantieri. Federica è sorpresa: tutto si sarebbe aspettata tranne di essere scoperta dal marito. Tancredi insiste e le chiede se sia tornata a sbavare dietro quel verme di Reggiani. Federica capisce che i giochi sono finiti e, non convenendole mentire, confessa la sua relazione con l’imprenditore che ha soffiato i cantieri alla sua famiglia. Il conte accusa il colpo, ma non si lascia abbattere da ciò e rivela alla moglie di essere innamorato di Maria Boschi, lasciando intendere che ben presto i due saranno una coppia a tutti gli effetti. Detto questo dà un ultimatum a Federica: può restare al suo fianco, continuando a fingersi contessa Palladini oppure può separarsi da lui, ricominciando una nuova vita con Damiano? Federica è basita da questo aut out, capendo che è giunto il momento di essere sincera con gli altri e soprattutto con se stessa.

    Silvia ha preparato per Franco un pranzetto romantico, nella speranza di riavvicinarsi a lui, chiedendo agli amici di lasciarle casa libera. Quando torna a casa, il Boschi resta molto colpito dall’atmosfera e, dentro di sé, capisce che non può continuare con questa commedia. Silvia non lo lascia parlare, continuando a baciarlo e a dirgli che questa è la loro serata e che nessuno riuscirà a rovinargliela. Franco però ha bisogno di parlare e deve farlo ora; chiede alla ragazza di ascoltarlo e si scusa con lei per non averle detto subito come stanno le cose. Silvia chiede chiarezza: perché si è freddato con lei? Franco, senza mezzi termini, confessa di non aver chiuso con Patrizia e di essere innamorato di lei. Silvia è scioccata: non riesce a crederci; lei vede in Franco il suo grande amore… piangendo gli chiede il motivo di tutto ciò; perché le sta facendo questo? Lui si scusa e le sfiora il viso, ma Silvia corre via… si rifugia nella sua stanza e, accasciandosi sul letto, inizia a versare lacrime… di amore, di sconforto e di dolore.
    Immagini allegate Immagini allegate


  6. #36
    Redattore L'avatar di Simone 22
    Data Registrazione
    Oct 2005
    Messaggi
    17,723

    Predefinito

    Capitolo 33

    Silvia, chiusa in camera, non si accorge del ritorno in casa degli amici. Tocca a Franco raccontare quello che è successo e informarli che la sua storia con Silvia è definitivamente terminata, in quanto lui ama Patrizia Sciarpa. Guido e Michele sono sorpresi dalla cosa e chiedono spiegazioni a Franco, che però vuole stare un po’ da solo. Così prende la porta, mentre Guido si dice preoccupato per la cugina; non merita di soffrire in questo modo… non è giusto! Franco, dal canto suo, raggiunge l’appartamento di Patrizia e dichiara il suo amore alla donna, che lo accoglie in casa, baciando con ardore.

    A casa Palladini, Federica non sa cosa rispondere a Tancredi. Sa bene di provare per l’uomo solo affetto legato al fatto che ha vissuto con lui per 30 anni, ma l’amore che prova per Damiano non l’ ha mai provato per nessuno. Chiede al marito un po’ di tempo per riflettere e il conte glielo concede. Nel frattempo, ai cantieri, Damiano riceve la visita di Renato, che è lì per prorogare la causa del padre di Giusi: un grande lavoratore, disoccupato, con molti figli da mantenere di cui una in dolce attesa. Damiano capisce l’urgenza e accetta di assumere l’uomo: già dall’indomani potrà lavorare con loro ai cantieri.

    Stefi e Diego si scambiano coccole e baci, per poi raggiungere gli altri. Dario capisce di aver perso Stefi, e questo sembra poter pregiudicare la sua amicizia con Diego. Il Campese si allontana mentre Angela e Elisa si congratulano con loro; era ora che si decidessero a mettersi insieme: sono mesi che loro si erano accorte del tenero che stava nascendo fra di loro. Stefi sorride imbarazzata e abbraccia Diego che, scusandosi, si allontana e raggiunge Dario. Spiega all’amico che quello che è appena successo non deve compromettere la loro amicizia, ma il Campese appare restio: come può fidarsi di colui che gli ha soffiato la ragazza? Diego però sa usare le parole giuste per far breccia nel cuore dell’amico e, in breve, i due si abbracciano: la loro amicizia è più forte di qualunque cosa!

    Anna è corsa alla terrazza, dove sta cercando di consolare Silvia, che non riesce ad accettare il fatto che Franco l’abbia lasciata. Piange, piange disperata mentre Anna cerca di farle coraggio. Anche la Boschi non sta passando un bel periodo. Con Alberto infatti le cose non vanno molto bene: il ritorno di Alessandro ha creato dissapori all’interno della coppia; l’avvocato, dal canto suo, capisce che la presenza di un bambino potrebbe salvare il suo matrimonio che, appena iniziato, è già vacillante. Così si mette alla ricerca del piccolo Gianluca, suo unico figlio.

    Federica è in compagnia di Damiano. L’uomo le confida che ci sono stati dei piccoli problemi con le sue fabbriche in Argentina e che lui deve lasciare Napoli per tornare ad occuparsi dei suoi affari oltre oceano. La contessa è stupita e crede che si tratti sono di una breve assenza, ma Damiano la informa di aver deciso di tornare a vivere in Argentina; ormai a Napoli non si sente più a casa. Federica comprende la situazione e resta basita quando l’imprenditore la invita a seguirlo, per ricominciare una vita nuova con lui, allontanando da sé tutte le discussioni e i litigi che ogni giorno ha con Tancredi e con il resto della famiglia. Federica non sa cosa risponde: ama l’uomo, ma l’idea di andar via da Napoli, le mette paura e tristezza. La sua vita è con la sua famiglia, coni i suoi figli… Damiano però le fa notare che ormai Alberto, Alessandro ed Eleonora sono grandi e possono cavarsela benissimo da soli e poi lei ci sarà sempre in caso di bisogno. Federica è frastornata e chiede un po’ di tempo a Damiano: ha bisogno di riflettere.

    Stefi e Diego trascorrono l’intero pomeriggio insieme; un pomeriggio elettrizzante. Si coccolano, si baciano e lasciano che il loro amore sia visibile a tutti. Anche i Giordano vengono a sapere della cosa e sono felici per il figlio: Stefi è davvero una brava ragazza e per loro è già come una figlia. Raffaele spera che anche Elisa trovi presto un fidanzato, ma la ragazza sostiene di volersi godere la sua gioventù senza ulteriori complicazioni. Rita la capisce, ma sa bene che non appena la ragazza troverà il ragazzo giusto, tutte le difficoltà scompariranno all’istante.

    Passa qualche giorno e ai cantieri vi è tensione fra gli operai. Il nuovo arrivato, Graziano Faiello, disturba il normale proseguimento del lavoro, accendendo litigi e discussioni. Renato ne parla con Giulia, che però invita il marito a pazientare: è normale che trovandosi in un ambiente lavorativo nuovo ci siano alcuni problemi di adattamento; bisogna perseverare per il bene di Giusi e dei suoi fratellini. Renato promette alla moglie che farà il possibile per aiutare l’uomo. Quando nel pomeriggio torna ai cantieri, il Poggi parla con Graziano, invitandolo ad evitate litigi per non cimentare risse e disguidi sul lavoro.

    Federica ha preso la sua decisione: partirà con Damiano per l’Argentina, separandosi definitivamente da Tancredi. Comunica la cosa ai figli e allo stesso conte; tutti sono increduli e non vogliono accettare la cosa: nonostante tutto quello che è successo, il suo posto è lì, con loro. Federica sostiene di essere arrivata a questa decisione dopo averci riflettuto molto; lei ha bisogno di rifarsi una vita… lontano da Napoli! Alessandro è spiazzato: lui è tornato da poco e già si ritrova senza madre! Alberto ed Eleonora insistono affinché Federica resti, ma la contessa ha ormai fatto la sua scelta.

    Giusi è al Centro e sta ringraziando Giulia per quello che sta facendo per lei. Grazie al lavoro ai cantieri la sua famiglia riuscirà pian piano ad andare avanti. Maria spera che realmente le cose vadano per il verso giusto; tutto si risolverà col passare del tempo. Quando Giusi va via, Giulia riceve una telefonata da Renato, che la informa che ai cantieri vi è stato un ennesimo litigio sempre causato da Graziano. Sfortunatamente Damiano era presente ai cantieri, e quindi ora prenderà una decisione in tal senso. Giulia, sgomenta, confida a Maria che la situazione di Giusi non è affatto risolta.

    Passano i giorni e Alberto, nonostante l’imminente partenza della madre, continua la disperata ricerca del figlio, ma nulla sembra aiutarlo: il bambino sembra scomparso! Decide di tentare un’ultima carta; ha sentito parlare del programma televisivo di Rai Tre “Scomparsi”… molti bambini scomparsi sono stati ritrovati grazie alla rete di agganci di questa trasmissione e Alberto spera che anche il suo Gianluca possa essere riportato a casa. Così telefona alla redazione, che accetta di ospitarlo nella prossima diretta di Lunedì 20 Aprile!

    Federica s’incontra con Damiano. Ormai tutto è pronto per la partenza; la contessa chiede all’imprenditore di fare un’ultima cosa per lei: deve rivendere i cantieri a Tancredi. Damiano è incredulo, ma Federica gli fa notare che ormai la sua vendetta è compiuta. Tancredi ha perso tutto: i cantieri ed ora anche la famiglia; con loro in Argentina sarà difficile gestire le imprese ed è meglio affidarle a qualcuno capace di guidarle nel miglior modo possibile. Damiano è colpito dalle parole della donna e capisce che ormai non ha senso continuare con questa guerra. I due così si recano a casa Palladini e, sotto lo stupore generale, Damiano ridona a Tancredi i cantieri navali e tutto ciò che concerne con essi. Il conte abbraccia Federica: è il più bel regalo che avrebbe potuto fargli.

    Al mattino seguente, in casa Poggi si fa colazione. Angela è in ritardo; prende un cornetto al volo e esce di casa per correre a scuola. Renato resta solo con la moglie: la notizia del licenziamento di Graziano Faiello ha lasciato frastornati tutti. Damiano è stato categorico: chi sbaglia, paga…e dato che l’uomo era ancora in prova, non è ammissibile un comportamento del genere. Giulia però ha una speranza: ha saputo che la contessa e Damiano sono in procinto di partire per l’Argentina e i cantieri sono tornati nelle mani dei Palladini… forse si potrebbe chiedere a Tancredi di riassumere l’uomo! Renato frena l’entusiasmo della moglie: il conte e i suoi figli hanno cose più importanti da sistemare e poi sono stati gli stessi operai a chiedere l’allontanamento di Graziano, quindi ai cantieri non potrà più tornarci.

    Anche nell’appartamento della terrazza si sta facendo colazione. Michele e Guido cercano di risollevare un po’ il morale di Silvia, che però non riesce a superare il fatto che la sua storia con Franco sia finita. Nonostante tutto si reca al Caffè Vulcano; magari lavorando evita di pensare! Guido, dal canto suo, si reca in boutique; le cose continuano ad ingranare bene e lui ormai non ha problemi a svolgere le operazioni di vendita, i vari contratti con i fornitori e i rapporti con le banche. Non si accorge che Assunta continua a seguirlo, per scoprire tutti i suoi movimenti.

    E’ arrivato il momento di un triste addio per la famiglia Palladini: Federica sta per lasciare Palazzo Palladini per partire assieme a Damiano per l’Argentina. L’addio in cortile è molto commovente: la donna saluta i suoi tre figli Alberto, Alessandro ed Eleonora, promettendo loro che tornerà un giorno a Napoli. Tancredi abbraccia forte la moglie; nonostante tutto sente di volerle bene… certo ora avranno vite separate, ma avranno sempre un legame che va oltre la vita! Giunge il taxi… Damiano è di ritorno dai cantieri dove ha salutato gli operai. Saluta Tancredi e i figli e, baciando Federica, la invita a salire a bordo del taxi: devono correre in aeroporto. Un ultimo sguardo alla sua famiglia e al Palazzo e… via per il viale alberato del giardino mentre una lacrima solca il suo viso.

    Passa il week-end e per Alberto giunge il momento di partecipare alla trasmissione televisiva “Scomparsi”. Nonostante il suo carattere duro, l’avvocato è preso da agitazione; Anna gli è vicino e lo rassicura: tutto andrà bene… lui deve solo parlare del figlio! Arriva la presentatrice Marcella della Palma che invita Alberto ad accomodarsi nello studio. Dopo pochi minuti parte la sigla e quindi inizia la diretta. Marcella invita l’avvocato a parlare apertamente del figlio, mostrando sul display una foto di Gianluca. Alberto racconta per filo e per segno tutto quello che è accaduto, dalla nascita del piccolo fino allo scambio avvenuto nel parco. Tutti gli abitanti del Palazzo seguono la trasmissione; i Poggi, sorpresi, iniziano a sospettare che Valentino, il loro bimbo adottivo, possa essere proprio il figlio di Alberto. Giulia però convince Renato che è impossibile, in quanto Valentino è stato adottato da loro legalmente, e con un bambino scomparso ciò non può accadere. Renato, seppure dubbioso, si fida della moglie.

    Per Tancredi è tempo di rinascita. Ritornare ai cantieri per lui è un toccasana; il contatto con gli operai, le navi e tutto ciò che ne concerne gli ha ridonato la gioia di vivere. Certo la presenza di Maria nella sua vita è l’apice di tutto; ama la donna e sente di poter costruire con lei un rapporto sano basato sul rispetto e l’amore. Ormai la notizia della loro unione sta girando velocemente, e il conte chiede a Maria di trasferirsi a casa sua; così potrà anche stare vicina ad Anna. La Boschi è in imbarazzo e non sa cosa rispondere… le brillano gli occhi: finalmente si sente amata da qualcuno. Tancredi la abbraccia e le dà un tenero bacio sulle labbra; così Maria accetta di trasferirsi a casa Palladini.

    Silvia sta passando un brutto periodo. La rottura con Franco è un dolore troppo forte per lei che sperava di poter costruire qualcosa di duraturo con il giovane Boschi. E’ in subbuglio: la colpa è sua; c’è qualcosa in lei di sbagliato… prima Michele, poi Noah e Luca, ed ora anche Franco. Anna le è vicina e cerca di farle capire che l’amore finisce: basta pensare a lei e Alessandro; sembrava che sarebbero stati insieme per tutta la vita ed invece è andata a finire in modo totalmente diverso. Le due ragazze si abbracciano: l’importante è che loro non si dividano mai; nulla potrà interferire nella loro amicizia. Scesa in cortile, Silvia nota la moto di Franco parcheggiata nel viale… si allontana frustrata per poi tornare dopo qualche minuto con una tanica di benzina fra le mani. Versa il tutto sulla moto e con un fiammifero appicca il fuoco… la moto salta in aria! Il boato spaventa gli abitanti di Palazzo che accorrono in giardino. Franco è sconvolto: la sua moto, la sua passione! E’ chiaro che la responsabile sia Silvia, che si è voluta vendicare! Lui però non se la sente di infierire contro di lei… è solo a causa sua se la ragazza sta soffrendo!

    Assunta Salvetti torna a farsi viva con Guido e questa volta mette in chiaro i suoi sentimenti per lui, dicendosi disposta a tutto pur di averlo. Il Del Bue le spiega che lui è fidanzato, felicemente fidanzato, ma Assunta non dà molta importanza alla cosa e continua con le sue avanches. Roberta, spaventata all’idea di poter perdere il suo fidanzato, ha un teso confronto con la Salvetti, intimandole di stare alla larga da Guido. La Salvetti abbozza e si allontana, mentre Roberta torna dal ragazzo, lo bacia e fa l’amore con lui.

    Al mattino seguente, il conte Tancredi aiuta Maria a trasferire le sue cose a casa Palladini. Lucina accoglie la donna, dandole il benvenuto e si mette a sua disposizione. Maria ringrazia la governante, ma le prega di non darle troppo attenzioni, per evitare di farla sentire a disagio. Tancredi saluta la donna e si reca ai cantieri: le cose stanno pian piano ingranando e c’è bisogno di lui. Maria lo bacia e si accomoda nel soggiorno: finalmente ha la vita che sognava da anni, anche se qualcosa la turba… non si sente adeguata a tutto questo e si rende conto che forse la vita di coppia con Tancredi potrebbe risultare più complicata del previsto.

    Franco è al lavoro a Tele Baia; Patrizia gli ha dato una promozione e quindi ora lui svolge completamente il suo compito di responsabile della pubblicità dall’alto; il compenso è molto alto e quindi il Boschi può finalmente farsi un regalo e acquistare una nuova moto! Giunge a Palazzo Palladini rombando con il motore e attirando l’attenzione di Raffaele, che ammira con stupore la bellissima motocicletta del Boschi; Franco sorride e invita il portiere a fare un giro con lui sulla moto. Raffaele non se lo fa ripetere due volte e sale a bordo della moto, dietro a Franco. Dopo un giro per Napoli, i due tornano a Palazzo e Renato, nelle vesti di amministratore, sgrida il cognato: il suo compito è di vigilare sul Palazzo, non di andare in giro a divertirsi!

    Giulia è al Centro d’Accoglienza e cerca una soluzione per Giusi. Si confida con Luca e Jasmine: non riesce a sopportare il fatto di non poter essere d’aiuto alla giovane ragazza che ormai è prossima al parto. Certo il carattere del padre non è d’aiuto, ed ora la Poggi capisce come mai l’uomo non riesce ad avere un lavoro stabile; a questo si aggiunge il fatto che spesso e volentieri si ubriaca, rincasando agitato e di malumore, addossando tutte le colpe su Giusi e i suoi fratelli minori. Luca consiglia a Giulia di stare vicino alla ragazza, facendole sentire tutto il suo affetto. La Poggi è preoccupata: l’evoluzione di questa brutta faccenda sta mettendo seriamente in crisi la sua vita; sente di dover agire in fretta per trovare una degna soluzione a questa situazione, dando a questa famiglia una sistemazione adeguata.

    Eleonora è colta da un momento di nostalgia. Ripensa al suo recente passato, a Londra, a Adrian e alla loro storia d’amore. Il dolore per la morte del ragazzo è ancora forte in Eleonora che, d’impulso, prende la chitarra che il ragazzo gli ha “lasciato in eredità” e inizia a suonare. Curiosando dentro il fodero, scopre la musica ed i testi di una canzone che Adrian stava scrivendo negli ultimi giorni della sua vita. Il titolo è “Se questo è amore…” e il testo colpisce molto Eleonora: “Se questo amore non ha tempo per noi non posso darti tutto quello che vuoi…. E adesso vita, quanto tempo mi dai, un'altra vita forse non basterà... questa notte mi sveglierà, ma con te non ho più paura...”. Così prende gli accordi e inizia a suonare la chitarra, provando a cantarla.

    A seguito della trasmissione, Alberto riceve alcune telefonate da persone che sostengono di aver visto il piccolo Gianluca. L’avvocato comincia ad intravedere la possibilità di trovare il figlio scomparso, ma purtroppo si tratta solo di segnalazioni sbagliate. Alberto è preso dallo sconforto ed Anna si riavvicina a lui, offrendole il suo appoggio. La crisi fra i due sembra attenuarsi e la giovane Boschi promette al marito che gli sarà sempre vicina. I due si baciano mentre il sole tramonta sul golfo di Napoli.

    In casa Giordano si sta consumando la cena. E’ ormai tarda sera, ma Elisa, che è uscita con amici, ancora non rincasa. Raffaele, preoccupato, con l’aiuto di Diego, fa un giro di chiamate per vedere che fine abbia fatto la ragazza, e scopre che in realtà Elisa non è uscita con gli amici, perché aveva qualcosa di importante da fare. Raffaele teme che la figlia possa essersi cacciata in qualche guaio, e quando finalmente rincasa, la mette alle strette, chiedendole come mai gli ha mentito. Elisa, imbarazza, confessa di aver ricevuto una telefona da mamma Manuela che, tornata a Napoli, le ha chiesto di vederla in segreto. Raffaele è stupito, non capendo il motivo di tale segretezza; così impone alla figlia di metterlo subito in contatto con la donna.

    Un nuovo giorno sorge su Palazzo Palladini e Guido, stregato dall’aria primaverile, non va a lavoro e trascorre l’intera mattinata con Roberta. In spiaggia, i due fanno progetti per il futuro; la linea di biancheria va bene e anche la carriera infermieristica di Roberta procede bene. Dopo un veloce pranzo-spuntino, Guido si reca alla sua boutique, ma ad attenderlo c’è una brutta notizia: la finanza ha scoperto molte irregolarità fiscali e previdenziali. Guido è atterrito: non è possibile… lui ha sempre pagato! Le carte però parlano chiaro: lui sono mesi che evade il fisco. Guido, incredulo, cerca di spiegare che lui è all’oscuro di tutto, ma la situazione è tale che gli agenti non hanno pietà; mettono il negozio sotto sequestro e consegnano al ragazzo una multa di svariati milioni di lire.
    Immagini allegate Immagini allegate
    Ultima modifica di Simone 22; 04-02-2013 alle 16:13


  7. #37
    Redattore L'avatar di Simone 22
    Data Registrazione
    Oct 2005
    Messaggi
    17,723

    Predefinito

    Capitolo 34

    Guido supplica gli agenti di non fargli questo: perdendo il lavoro, non riuscirà mai a pagare l’enorme multa. Questo però non è un problema per la finanza, in quanto sarà il suo garante, Renato Poggi, a pagare tutto! Guido è sgomento ed è preso da una crisi di pianto. Torna a Palazzo Palladini e trova il coraggio di recarsi da Renato. Il commercialista accusa il giovane di essere un idiota; Guido cerca di spiegargli che è colpa della sua ingenuità, ma Renato è adirato: ora toccherà a lui sborsate tutti i soldi della multa. Guido promette che gli restituirà tutto… sperando che al processo fallimentare, il giudice gli faccia uno sconto della pena.

    Eleonora ha passato tutta la notte a cantare e suonare la canzone di Adrian. Entusiasta si reca da Michele e gli confida i suoi propositi di realizzare un disco. Michele è scettico ma, dopo aver ascoltato la canzone, rimane basito: è bellissima! Eleonora vorrebbe cantarla lei: sarebbe il suo modo per salutare e ringraziare Adrian. Michele è d’accordo e, insieme ad Eleonora, si reca in un vecchio appartamento del Palazzo che viene trasformato in uno studio di registrazione. Michele ascolta la Palladini che canta e ricanta la canzone, ma purtroppo i risultato sono deludenti.

    Raffaele riesce a mettersi in contatto con Manuela, che giunge a Palazzo Palladini con il suo nuovo compagno, Adolfo. Dopo l’iniziale benvenuto, il portiere chiede alla donna il motivo del suo nascondimento: come mai ha imposto ad Elisa di non dire nulla del suo ritorno a Napoli? Manuela, evidentemente imbarazzata, non sa cosa rispondere, ed inventa su due piedi una scusa. Rita però non ci casca e chiede a Manuela cosa stia nascondendo; la Secoli così rivela che sta per trasferirsi in America e di essere tornata a Napoli per prendere Elisa e portarla con sé. Raffaele è atterrito: come può pretendere questo? Come può togliergli di nuovo la figlia? Manuela si scusa con il portiere, ma Elisa interviene e confida al padre che lei vuole partire per l’America.

    Guido è disperato per il fallimento della sua ditta. Roberta si reca da lui per trascorrere la serata insieme e, vedendolo giù di morale, si fa raccontare ciò che è successo. La ragazza impallidisce e in un attimo vede sfumare davanti a sé la bella vita che si era immaginata. Guido cerca un sostegno dalla fidanzata, ma Roberta si tira indietro: tutto è diverso ora, non ha più senso continuare a stare insieme a lui. Guido non capisce e chiede spiegazioni. Roberta allora confessa che da qualche tempo frequenta un altro ragazzo di cui è follemente innamorata, ma di essere rimasta con lui solo perché gli assicurava un benessere finanziario che però ora non c’è più. Guido è sconvolto; Roberta l’ ha solo usato ed ora lo sta lasciando perché è un miserabile. La ragazza confida di volergli realmente bene, ma l’amore è un’altra cosa; rivela che andrà via da Napoli: ha chiesto il trasferimento in un ospedale del nord. Dopo un ultimo abbraccio, Roberta si scusa e va via. Guido non sa cosa pensare: la sua vita va a rotoli… tutto sembra accanirsi contro di lui!

    Raffaele non riesce a credere che Elisa, la sua “bambina”, stia per lasciare la sua casa per volare in America. Non può perderla di nuovo, non può essere! Elisa rassicura il padre; saranno sempre in contatto tramite telefono. Raffaele abbraccia la figlia ed, in lacrime, non può fare altro che augurarle di essere felice. Anche Rita abbraccia la ragazza, che ormai considera come sua figlia. Diego chiede alla sorella il giorno della partenza ed Elisa rivela che partiranno non appena avranno sistemato i bagagli.

    Passa qualche giorno e la fine del mese di Aprile fa intravedere l’arrivo della calda stagione. Alla terrazza si sta facendo colazione. Guido racconta agli amici la fine della sua storia con Roberta: ormai non gli resta più nulla! Michele cerca di confortarlo: quando si arriva in fondo non si può fare altro che risalire, e lui ha sempre lottato e queste sconfitte lo aiuteranno solo ad essere più forte. Guido ringrazia l’amico per le belle parole; Michele dal canto suo, corre al giornale. Eleonora, nel frattempo, capendo che lei non ha le potenziali per cantare la canzone di Adrian, inizia a ricercare una voce adatta per tale ruolo, ma la ricerca sembra essere più ardua del previsto.

    Alessandro è seduto ad un tavolino del Caffè Vulcano. Continua a girare il cucchiaino nella tazzina di caffè che Margherita gli ha portato. Ripensa agli ultimi eventi: il suo ritorno a Napoli, la scoperta del matrimonio di Anna e Alberto, la partenza di mamma Federica. La vita di tutti procede velocemente, mentre lui è immobile; non ha voglia di far nulla… sente di aver sbagliato: non doveva tornare a Napoli, doveva restare in Tunisia; avrebbe evitato tutta questa sofferenza. Silvia gli si avvicina e lo saluta cordialmente. Anche per lei non è un bel periodo: la fine della sua storia con Franco l’ ha devastata e ancora non riesce a farsene una ragione. Alessandro, sorseggiando il caffè, esclama che loro due sono proprio una bella coppia di sfigati.

    E’ arrivato il momento per Manuela ed Elisa di partire da Napoli. Nel giardino di Palazzo Palladini avviene il rito dei saluti. Raffaele abbraccia la figlia e le chiede se è davvero questo che vuole. Elisa, sorridendo, afferma che ha da sempre una passione per gli USA ed è felice di andarci. Rita ha un piccolo pensiero per la ragazza; le due si abbracciano forte! Poi è il turno di Diego che, con le lacrime agli occhi, ringrazia la sorella per i consigli che gli ha dato; l’abbraccio che ne sussegue commuove i presenti, compresi Angela, Stefi e Dario. Manuela promette a Raffaele che un giorno torneranno a Napoli: questa è solo una lunga vacanza. Mentre Adolfo carica le valige nel bagagliaio del taxi, un ultimo abbraccio fra padre e figlia sigilla questa giornata di fine Aprile. Poi, Manuela ed Elisa salgono sul taxi, che si allontana lentamente, mentre Rita e Raffaele si abbracciano.

    E’ ormai sera tarda quando Michele esce dalla redazione del “La Notizia”. Quella di oggi è stata una giornata lunga e faticosa e lui non vede l’ora di tornare a casa per riposare. Costeggiando il porto di Napoli, è al telefono con la sua Eleonora. Distrattamente fa per attraversare la strada senza guardare e rischia di essere investito, ma una mano lo tira da dietro e lo butta a terra. Una piccola borsetta cade e si rovesciano a terra tante monetine, mentre una bionda ragazza cade di fianco a lui. Lei si volta e, guardandolo, esclama che se questa è solo una tecnica per rimorchiare, è un po’ rischiosa. Michele apre gli occhi e, fissando la ragazza dagli occhi verdi, le chiede cosa succede. Lei, con accento napoletano, gli rivela che stava per finire sotto ad una macchina. Michele si alza, si ricompone e, ringraziandola, si presenta; lei fa lo stesso: si chiama Sara. Dopo un breve dialogo, Michele si allontana, mentre la ragazza, avvicinandosi ad un suo amico, continua ad osservare il giornalista, incuriosita.

    Il sole torna ad illuminare Palazzo Palladini. Per i Poggi è un giorno di festa: oggi Angela compie 17 anni e i suoi genitori le hanno preparato una sorpresa, che non dimenticherà per il resto della sua vita. La ragazza viene portata al maneggio, dove Cristiano accoglie l’amica e la porta dal suo regalo: il cavallo bianco! Angela non riesce a crederci: Cristiano le aveva detto che il puledro era stato venduto, ma non immaginava che fossero stati i Poggi a comprarlo. Renato sorride alla figlia, che corre ad abbracciare i genitori: questo è il più bel regalo che potesse ricevere. Detto questo, sale in groppa al cavallo bianco e, dopo una veloce e liberatoria corsa intorno all’ippodromo, torna dai genitori. Cristiano le dice che è ora di dare un nome all’animale ed Angela non ha dubbi: data la sua velocità, il puledro si chiamerà Fulmine! Con le lacrime agli occhi, la giovane Poggi abbraccia l’animale mentre Renato, Giulia e Cristiano assistono commossi alla scena.

    Michele, ancora rintronato per la botta della sera prima, racconta ad Eleonora quello che gli è accaduto. La Palladini è premurosa e si dice preoccupata: lui ha bisogno di riposarsi; non può passare tutto il giorno al giornale! Michele promette alla fidanzata che cercherà di regolare meglio le sue ore di lavoro. I due di abbracciano ed Eleonora confida al ragazzo che la sua ricerca di una cantante non ha dato ancora nessun frutto. Michele rassicura con un bacio la fidanzata: alla fine troverà quello che cerca!

    Franco è al lavoro a Tele Baia. Patrizia Sciarpa ormai gli ha lasciato campo libero e lui si ritrova immerso fra i fogli. Per una svista compie un grave sbaglio, che procura gravi danni alla televisione. Patrizia si altera con lui in modo sproporzionato e lo licenzia in tronco: ha bisogno di gente in gamba e non di un incompetente. Demoralizzato, Franco torna a casa e si confida con Guido; ora anche lui è senza lavoro. Guido è dispiaciuto, ma ricorda a Franco che almeno lui ha ancora una donna che lo ama, anche se poi è la stessa che lo ha licenziato. Sorridendo, i due si abbracciano.

    Jasmine è in agitazione: Luca le ha promesso di farle trascorrere una serata indimenticabile, ma lei non si sente all’altezza. Corre da Rita e le chiede consigli sull’abbigliamento e su come comportarsi. Rita cerca di indagare: cosa le ha detto di preciso Luca? Jasmine sa solo che sarà una serata particolare: lo ha letto negli occhi di Luca… ha in mente qualcosa. Raffaele giunge in quel momento e si scambia uno sguardo di intesa con Rita. E’ il momento di agire: ci penseranno loro a trasformarla in una principessa.

    Fra Alberto ed Anna ormai è tornato il sereno. Lo shock per il ritorno di Alessandro sembra ormai acqua passata; Anna ha capito che vuole vivere il resto dei suoi giorni con Alberto; forse anche a causa della disperata ricerca del figlio da parte del marito, sente che il suo posto è al suo fianco. La ragazza ha ripreso l’università e cerca di recuperare il tempo perduto, preparandosi su un esame molto faticoso. Dal canto suo, Alberto si concentra sul lavoro ai cantieri navali, ma qui non mancano gli scontri con Alessandro, che ha un modo del tutto differente dal suo di gestire gli affari. Tancredi cerca inutilmente di fare da mediatore fra i figli, ma ogni occasione è buona per iniziare una discussione.

    Tutto è pronto per la serata speciale di Luca e Jasmine. Lui torna dall’ospedale e si prepara: indossa il vestito delle feste e mette in tasca un misterioso oggetto. Arriva Jasmine, una principessa, con un vestito lungo di seta e con un leggero trucco che mette in evidenzia i suoi bei lineamenti. La ragazza si avvicina al suo uomo e lo bacia. Luca, già di per sé emozionato, invita Jasmine a seguirlo: questa è la loro serata. Giungono al planetario di Napoli! La somala è stregata da tutto quel panorama: le sembra di vivere in un sogno. Luca, guardandola negli occhi, le confida che i sogni diventano sempre realtà; detto questo estrae una scatolina e, inginocchiandosi dinnanzi a lei, la apre mostrando un prezioso anello. Jasmine è senza parole mentre Luca le chiede di diventare sua moglie. Dopo un attimo di incredulità, la ragazza accetta, abbraccia e bacia il dottore: lo ama e vuole trascorrere con lui il resto della sua vita. Luca le dice che sposandosi risolveranno anche i problemi legati alla sua cittadinanza. Jasmine piange di gioia e Luca l’abbraccia mentre la luna e le stelle sorridono dal cielo.

    Al mattino seguente, Diego fa velocemente colazione. Oggi ha il compito di matematica e deve andare tutto per il verso giusto; ha programmato un week-end in costiera con Stefi e la riuscita del compito è fondamentale per convincere i suoi genitori. Passa a prendere Dario e corre a scuola, in classe. Il professore consegna le tracce e si siede dietro la cattedra per controllare che nessuno commetta irregolarità. Per Diego non ci sono problemi e in pochi muniti si mette all’opera e riesce a risolvere i vari quesiti. Dario invece è in difficoltà ed ha ancora il foglio bianco; chiede, supplica l’amico di aiutarlo! Diego, finito il suo compito, lo passa a Dario, ma il professore intercetta il foglietto e dà un voto negativo sia a Diego e sia a Dario. Poi telefona ai Giordano per informarli del comportamento scorretto del figlio.

    La notizia del fidanzamento di Luca e Jasmine fa in breve il giro del Palazzo. Alberto ed Anna augurano a Luca ogni bene, mentre Giulia e Maria sono al Centro in compagnia di Jasmine, che non riesce a credere che tutto ciò sia vero! Maria si congratula con lei, e lo stesso fa Giulia, che però è presa da un pizzico di invidia. Giunge Giusi, seguita dal fidanzato. La ragazza, rimasta sola con Giulia, rivela di aver fatto pace con il ragazzo, che ha deciso di aiutarla. Giulia è felice e si congratula con i due, quando Giusi ha un forte malore e in pochi secondi rompe le acque: è giunto il momento di partorire. Giulia manda a chiamare sua sorella Rita, che giunge assieme ad Angela. Tutte e tre, assieme al ragazzo, aiutano Giusi a partorire… è femmina! La ragazza, in lacrime, abbraccia la piccolina ed annuncia il nome della figlia; si chiamerà Giulia, in onore della Poggi. Commossa l’assistente sociale ringrazia Giusi, che viene subito accompagnata in ospedale con la piccola per accertamenti.

    Franco si reca da Patrizia. La donna appare scocciata dalla visita del ragazzo; ha fretta e non ha tempo da perdere. Franco vorrebbe capire cosa stia succedendo e lei, per tutta risposta, si dice stufata di lui; non lo vuole più come amante, non lo vuole più come altro. Il Boschi è incredulo: ha lasciato Silvia per lei ed ora capisce di essere stato solo usato. In quel momento dalla camera da letto sopraggiunge un aiutante ragazzo, che bacia Patrizia. La donna presenta il giovane come il suo massaggiatore di fiducia, lasciando intendere che è il suo nuovo “amante”. Franco, schifato, dà della prostituta a Patrizia e si allontana, mentre lei, sorridendo, bacia e abbraccia il suo massaggiatore.

    Diego torna a casa. Raffaele è nero con lui: perché ha passato il suo compito a Dario? Il giovane cerca una timida difesa: Dario è il suo migliore amico e lui si è sentito in dovere di aiutarlo. Raffaele è categorico: a causa del brutto voto, Diego può dimenticarsi la sua vacanza con Stefi. Il ragazzo supplica il padre di fargli qualsiasi cosa, ma non questo. Interviene Rita a favore del figlio: dopotutto lui ha agito così solo per aiutare un amico; chiunque lo avrebbe fatto! Le parole della moglie fanno breccia nel cuore di Raffaele, che consente al figlio di partire per il week-end con Stefi, ma al suo ritorno avrà la punizione che merita: niente paghetta per alcune settimane. Diego accusa il colpo, ma non può che ringraziare il padre, abbracciandolo. Corre a preparare lo zaino: Stefi lo sta già aspettando sotto casa sua!

    Franco rincasa distrutto; alla terrazza vi è solo Silvia. Sono settimane che i due ragazzi si evitano e si rivolgono a malapena il saluto. Franco rompe il ghiaccio, si avvicina a lei e le chiede scusa: Patrizia l’ ha solo usato per fini sessuali e lui ci è cascato in pieno; lei ha fatto più che bene ad appiccare fuoco alla sua moto: era il minimo che meritava un uomo come lui! Silvia non sa cosa dire e in un primo momento si allontana: come può dopo tutto quello che le ha fatto, tornare indietro come se niente fosse? Franco però è uno straccio: ha perso tutto, non ha più nulla; supplica il suo perdono! Silvia, commossa, lo abbraccia e gli offre la sua amicizia… solo quella però: non potrà mai esserci di nuovo una storia d’amore fra di loro, mai più!

    Giulia giunge a casa Faiello: ha saputo che Giusi è stata appena dimessa e quindi è lì per controllare come procede il tutto. Ad aprirle la porta è Graziano che, felice per la visita, la fa accomodare in casa, dove Giulia viene accolta dai giovani Faiello. Giusi però non c’è: è uscita con la piccola e il fidanzato. Graziano ringrazia Giulia per quello che ha fatto per loro e le fa capire che è interessato a lei. La Poggi, imbarazzata, ringrazia ma si dice felicemente sposata. Graziano manda i figli a giocare in camera e inizia lentamente a stuzzicare la donna, dicendole che sono settimane che la desidera. Giulia, intimorita, si alza e fa per andarsene, ma Graziano l’afferra e la ferisce con un coltello; poi inizia a toccarla e a strapparle i vestiti. Giulia si dimena terrorizzata, ma in breve Graziano è sopra di lei; picchiandola, la possiede con forza, minacciandola di morte se solo provasse ad urlare. Finito il suo “lavoro”, l’uomo lascia andare Giulia, che corre via terrorizzata, e si sdraia sul divano. All’esterno, Giulia fa pochi metri e poi si accascia a terra, piangendo disperata; la luna piena illumina il suo volto solcato dalle lacrime.
    Immagini allegate Immagini allegate


  8. #38
    Redattore L'avatar di Simone 22
    Data Registrazione
    Oct 2005
    Messaggi
    17,723

    Predefinito

    Capitolo 35

    Giulia torna a casa; in lacrime corre in bagno e, sconvolta, corre in doccia. L’acqua scivola veloce sul suo corpo e lei si accascia a terra, sentendosi sporca. Poi indossa l’accappatoio e torna in cucina. Giunge Renato dalla camera da letto, che le chiede come mai abbia fatto così tardi; le si avvicina e le sfiora il braccio, ma Giulia lo allontana bruscamente: non deve toccarla mai più! Renato capisce che è successo qualcosa e invita la moglie a raccontargli tutto; Giulia, in lacrime, ripercorre l’intera serata fino allo stupro. Renato è scioccato e vorrebbe subito portare la moglie in caserma. Lei però è ancora sotto shock: ora ha solo bisogno di riposare e di dimenticare tutto.

    Luca ha organizzato una cena per presentare la sua futura moglie all’amico primario. Jasmine è in agitazione; è una cena importante e deve essere tutto perfetto. Giungono gli ospiti e Luca presenta Jasmine al professor Croce e a sua moglie. La somala resta basita come del resto anche il luminare… è lampante che i due si conoscono già! Per tutta la serata i due fingono di non conoscersi, ma a Luca non sfugge lo strano atteggiamento della fidanzata. La moglie di Croce indaga sul passato di Jasmine, che però riesce a sfuggire alle domande imbarazzanti, rifugiandosi in cucina. Al termine della cena, il professor Croce ringrazia Luca e gli augura un felice matrimonio. Jasmine, ancora scossa, è seduta sul divano, quando Luca le si avvicina e le chiede di raccontargli tutto; così la somala confessa che il professor Croce era un suo assiduo cliente. Luca è sconvolto, e si scusa con Jasmine per averla messa in imbarazzo. I due si abbracciano, giurandosi amore eterno.

    Il giorno dopo, Eleonora in cerca della sua cantante, sta passeggiando nei pressi della stazione di Napoli. Vede una ragazza dai capelli biondi che, accompagnata da un chitarrista, canta per strada, chiedendo l’elemosina. Incuriosita, si avvicina… ha una voce dolce, grintosa e molto bella. Eleonora capisce che ha trovato la voce che cercava; chiede alla ragazza di seguirla a Palazzo Palladini per farle un’audizione. La ragazza è stranita; questo è il sogno che ha sempre desiderato… solo che l’indomani ha un treno per Roma! Eleonora le chiede di fidarsi di lei: la farà diventare una cantante famosissima!

    Giulia, accompagnata da Renato, si reca in commissariato. Vito Russo accoglie i due nel suo ufficio e si fa raccontare quello che è successo. Giulia, in lacrime, rivive quello che le è successo e denuncia Graziano Faiello per violenza sessuale. Chiede a Vito di salvare Giusi e la sua famiglia dalle mani di quel bruto; ieri ha abusato di lei, ma potrebbe toccare anche la figlia. Il commissario rassicura la Poggi e poco dopo si reca in casa Faiello per consegnare la denuncia all’uomo, invitandolo a non allontanarsi da Napoli nei prossimi giorni. L’uomo cerca di scolparsi: lui non ha fatto nulla a Giulia Poggi; non oserebbe mai fare del male ad una donna. Vito non si impietosisce: sarà solo il giudice a condannare il vero responsabile dello stupro.

    Diego e Stefi tornano dalla breve vacanza, la loro piccola “fuga” in costiera. Raffaele e Rita sono felici di riabbracciare il figlio e lo informano che Elisa ha telefonato dagli Stati Uniti. Si è sistemata nella sua nuova casa: tutto è splendido, anche se sente già la loro mancanza. Diego è sereno: la sua sorellina se la caverà benissimo anche oltre oceano; è una tosta! Rita sorride e spera di poter rivedere al più presto la bella Elisa. Raffaele abbraccia la moglie: certo che la rivedrà; prima o poi tornerà a Napoli. E poi potranno sempre andare loro a trovarla: hanno ancora una lunga vita davanti!

    Eleonora giunge a Palazzo Palladini con la giovane cantante e il suo chitarrista. Entra nell’appartamento della terrazza e annuncia agli amici che ha finalmente trovato la cantante per la canzone di Adrian. Tutti sono curiosi di conoscere la ragazza, in modo particolare Michele, che resta di sasso, riconoscendo in lei la ragazza che qualche sera prima gli ha salvato la vita. La ragazza sorride e conferma di essere proprio lei: Sara De Vito! Michele rivela la cosa ad Eleonora che, sorpresa, invita la giovane cantante nella sua “sala d’audizione”. Le mostra il testo della canzone che l’indomani dovrà cantare! Sara non sta nelle pelle e ringrazia calorosamente la Palladini. Non avendo un luogo stabile dove passare la notte, Sara e il suo amico vengono ospitati alla terrazza.

    Al mattino seguente, Luca e Jasmine stanno facendo colazione e il De Santis racconta a Jasmine del suo incontro col professor Croce; è venuta fuori la faccenda della prostituzione e il primario si è scusato per aver messo in imbarazzo Jasmine; i due hanno deciso di metterci una pietra sopra, per evitare scandali. Luca poi si prepara per recarsi a lavoro mentre la TV è accesa sul Tg regione, dove un giornalista sta annunciando dell’evasione di un capo del racket napoletano, arrestato pochi mesi prima. Jasmine, sgomenta, apprende che si tratta proprio del suo ex protettore. La sua serenità è messa in discussione e anche Luca sente di non poter far molto per rassicurarla. C’è solo un’unica cosa da fare e va fatta subito: recarsi al commissariato per avere informazioni più dettagliate da Vito Russo.

    Giulia è in casa con Angela che, con semplici e dolci parole, cerca di confortare la madre. La ragazza ha da poco appreso la triste vicenda e non sa come comportarsi. Uno guardo all’orologio la fa sobbalzare: deve correre a scuola! Giulia resta sola in casa con il piccolo Valentino; con la mente continua a vivere e rivivere lo stupro subito. Il suono del citofono la fa sobbalzare. Si tratta di Giusi che, saputo della violenza, è corsa subito da lei. Giulia racconta tutto alla ragazza, che non riesce a credere che il padre abbia fatto una cosa del genere. Giulia le chiede di trovare una prova della violenza, ma Giusi non ne vuole sapere: non vuole che il padre torni in carcere e per di più non vuole essere lei la causa. Giulia supplica Giusi di aiutarla, ma la ragazza va via.

    Sara è seduta sul divano della terrazza. Legge e rilegge il testo della canzone; ha paura: sa che da questa audizione dipende il resto della sua vita… è a un bivio della sua carriera! Giunge Eleonora che serenamente invita Sara a seguirla nella sua “sala di incisione”. Con un po’ di paura, Sara entra nella stanza e si avvicina al microfono. Eleonora e Michele la osservano… pochi secondi e parte la base di “Se questo amore”. Sara prende il microfono fra le mani e canta: Se questo amore non ha tempo per noi non posso darti tutto quello che vuoi… sembra di sabbia, ma di sabbia non sei, avevo gli occhi, ma non erano i miei, come è tardi my love…. Com’è tardi!! E adesso vita quanto tempo mi dai, un’altra vita forse non basterà, questa notte mi prenderà, ma con te non ho più paura… Eleonora sorride e abbraccia Michele: Sara ha una voce stupenda ed è adatta per la canzone di Adrian. La Palladini chiama la giovane e le fa i complimenti: lei è proprio quello che stava cercando! Sara abbraccia forte Eleonora: sta realizzando un sogno!

    Jasmine e Luca sono giunti al commissariato di Napoli. Vito Russo li riceve subito, e il medico gli chiede delucidazioni sulla notizia che hanno appreso al Tg. Il commissario purtroppo è costretto a confermare tutto: quella notte dal carcere di Poggioreale è evaso uno degli sfruttatori di Jasmine, mentre l’altro, quello che aveva deciso di collaborare con la polizia, è stato appena trovato morto all’interno della sua cella. Jasmine è angosciata per il suo futuro: teme per la sua vita. Luca chiede a Vito come intende comportarsi; loro sono in pericolo? Il commissario non sa cosa rispondere: nessuno conosce le intenzioni dell’uomo, ma le sue pattuglie sono già in movimento per catturarlo di nuovo.

    Fra i fratelli Palladini continuano i litigi. Alessandro non accetta che Alberto abbia sposato Anna mentre Alberto lo istiga mettendolo in difficoltà anche ai cantieri. La tensione ormai in casa Palladini è ad un livello smisurato e, nonostante gli interventi di Eleonora e di Tancredi volti a far tornare la tranquillità in casa, i due fratelli continuano la loro battaglia fra dispetti e offese. La situazione è insostenibile; il conte riunisce l’intera famiglia per cercare un accordo, ma ben presto la riunione diventa un nuovo spunto per litigare. Tancredi inizia ad urlare, chiedendo tranquillità, ma un forte dolore al petto, gli blocca il respiro e lo fa cadere lentamente al suolo.

    Sara è alla terrazza; non riesce a credere che le stia accadendo davvero! Con la mente viaggia e si vede cantante famosa circondata di guardie del corpo; un palco enorme e milioni di fan pronti per sentirla cantare. E’ riportata alla realtà dal suo amico musicista, che la informa che va a stare da un amico. Lei ha trovato la sua strada, ma lui non può restare alla terrazza! Sara abbraccia l’amico e gli promette che farà parte della sua band, quando un giorno diventerà famosa. Rimasta sola con Michele e Guido, il giornalista la informa che potrà restare alla terrazza per tutto il tempo che desidera: i ragazzi si sono detti felici di poterla ospitare. Sara ringrazia e Michele le chiede di parlargli della sua famiglia. La ragazza rivela che i suoi genitori sono morti: erano dei bravi trapezisti in un circo ma, durante uno spettacolo, sono precipitati. Guido e Michele sono atterriti, ma Sara è serena: sono passati tanti anni, ormai il dolore è passato!

    Giulia si è fatta forza ed è uscita di casa da sola. Si è recata in un supermercato a comprare alcune cose per la famiglia. Velocemente torna all’auto ed apre il bagagliaio per caricare la spesa, ma da una busta le cade un’arancia, che scivola verso la scarpa di un uomo, che la raccoglie e la porge a Giulia. Alzando lo sguardo, la donna si accorge che si tratta di Graziano Faiello. Giulia, terrorizzata, lo caccia via, ma lui inizia a minacciarla e in breve trasforma la minaccia in ricatto: se non si recherà alla polizia a ritirare la denuncia, la ucciderà con le sue mani. Giulia scoppia in lacrime e, frettolosamente, torna a casa e racconta tutto a Renato!

    Nel salotto di casa Palladini, si sta compiendo la tragedia. Luca, appena accorso, presta i primi soccorsi a Tancredi. Le condizioni sono davvero disperate e il conte ha perso conoscenza; non c’è tempo da perdere… bisogna correre in ospedale: l’infarto che lo ha colpito, può portarlo in pochissimo tempo alla morte. Anna e Maria sono sconvolte e pregano Luca di salvarlo, mentre Eleonora scioccata guarda Alberto e Alessandro: ecco dove hanno portano i loro assurdi e inutili litigi. Giungono i paramedici e Tancredi viene adagiato sulla barella e quindi in autoambulanza. La sirena spiegata ha riunito nel cortile diversi condomini, che preoccupati e atterriti, assistono alla triste scena.

    Al mattino seguente, Jasmine è sola in casa. Luca è uscito di buon mattino per recarsi a lavoro e sembra che le condizioni del conte siano molto gravi. Lei, dal canto suo, è angosciata: l’idea che il suo ex protettore possa rifarsi vivo, non le ha fatto chiudere occhio per tutta la notte. Si reca da Rita per non rimanere sola in casa. Le due sono diventate molto amiche e si confidano tutto. Jasmine racconta alla Giordano dell’evasione del suo sfruttatore e confida le sue paure. Rita cerca di tirarle su il morale e decide di leggerle le carte, che sicuramente saranno positive. Jasmine, un po’ titubante, accetta e spezza il mazzo. In breve Rita poggia le carte sul tavolo e espone il tutto. Le carte dicono che tutto andrà per il meglio e che per Jasmine ci saranno giorni sereni. La somala ringrazia Rita e si allontana mentre la Giordano riordinando le carte scopre “La Morte”. Inquieta, rimette tutto a posto, mentre un brutto presagio s’insinua in lei. Sente che sta per succedere qualcosa… qualcosa di tragico!

    In ospedale ci sono Maria, Eleonora, Alessandro, Alberto e Anna. I medici hanno tenuto in osservazione per tutta la notte Tancredi, ma non vi è stato nessun miglioramento, anzi se le condizioni continuano a restare tali, il conte potrebbe non superare le 48 ore. L’infarto è stato di notevoli dimensioni e Alberto accusa Alessandro di essere il solo responsabile di ciò. Il senso di colpa del giovane si contrappone all’orgoglio dell’avvocato. Alessandro comunque non si lascia accusare e riversa su Alberto le colpe: se lui non gli avesse rubato la fidanzata, tutto il resto non sarebbe accaduto. Fra i due sta per nascere l’ennesimo litigio, ma Eleonora riesce a bloccarli: non c’è bisogno di discutere; l’unica cosa che conta è che il loro padre riesca a sopravvivere! Arriva il dottore che ha in cura il conte e informa la famiglia che bisogna sottoporre il paziente ad un delicato intervento chirurgico a cuore aperto; intervento che può avere esito positivo o negativo e che quindi richiede il concesso dei figli dell’uomo.

    Sara è al telefono con un uomo. E’ agitata, e taglia corto: ormai ha la sua vita e non vuole sentirlo mai più; deve smettere di chiamarla: per lei è morto, morto! Chiuso il telefono, si butta sul divano, nell’istante in cui entra Michele. Il giornalista le chiede chi fosse al telefono e Sara, turbata, afferma che si trattava di uno scocciatore che continua a telefonarla. Michele è un po’ stranito, in quanto Sara aveva una certa confidenza con il suo interlocutore ma, vedendo che lei taglia corto, preferisce non insistere. Si chiude nella sua stanza per mettersi a lavoro su un articolo che parla del caso del “protettore” evaso e dell’altro che è stato trovato ucciso nella sua cella. Lui è deciso ad andare in fondo a questa storia: la gente deve smetterla di far vincere il racket; bisogna aiutare le povere ragazze che vengono ingannate e costrette a prostituirsi.

    Rita si reca al Caffè Vulcano per prendere il latte e ne approfitta per scambiare due chiacchiere con Silvia. Si parla di cucina e dell’esperienza culinaria di Rita. Silvia suggerisce alla Giordano di cercare lavoro in un ristorante; sarebbe ideale come chef! Rita abbozza un sorriso: è sempre stato un suo sogno, che non si realizzerà mai! Silvia però gli fa notare che i sogni diventano realtà sono se noi lo vogliamo realmente! Rita guarda l’ora: è tardi. Deve correre a preparare la cena: il suo “ristoratore” l’attende.

    Eleonora, Alberto e Alessandro non sanno cosa fare. I medici vogliono sapere entro breve se possono sottoporre Tancredi al delicato intervento. E’ una decisione difficile, dato che in ogni caso c’è il rischio che il conte muoia. Bisogna avere il coraggio di rischiare, ma nessuno sembra prendersi la responsabilità. Alberto ne parla con Anna, mentre Maria si confida con Alessandro ed Eleonora! Alla fine i due giovani eredi non hanno la forza di decidere; così tocca ad Eleonora prendersi la responsabilità: sì, concede lei ai medici il benestare di sottoporre il padre all’intervento a cuore aperto.

    Silvia è di ritorno dal Caffè Vulcano e sta entrando nell’atrio del Palazzo. Per la fretta si scontra con Angela, che sta uscendo in quel momento. Il diario della giovane Poggi cade a terra e ne fuoriesce una foto. Silvia scusandosi si abbassa a raccogliere il tutto ed è sorpresa scoprendo che la foto ritrae Franco. Angela è imbarazzata, ma Silvia le dice che non c’è nulla di male; e poi lei e Franco non stanno più insieme, quindi non le riguarda. Angela non sa cosa rispondere a Silvia, che le dà il permesso di tenere la foto; anzi, se davvero le piace perché non glielo fa capire? Quando la Graziani si allontana su per le scale, Angela osserva la foto del giovane Boschi e sorride…

    Sara è in camera e ripensa alle parole di Eleonora. “La sua voce è stupenda, ma va un po’ lavorata, per far scomparire quei piccoli problemi di dizione legati al dialetto.” Deve impegnarsi per riuscire a dare il massimo. Nel frattempo, in soggiorno Michele e Guido ricevono la visita dell’amico di colore di Sara; il musicista è lì per vedere come vanno le cose, ma dato che Sara è in prova, ne approfitta per scambiare due chiacchiere con loro. Parlando, Michele si dice dispiaciuto per la tragica morte dei genitori di Sara; il musicista sorpreso chiede ai due se anche a loro è stata detta la storia del circo! Michele e Guido annuiscono e lui confessa che si tratta di una frottola: i genitori non sono dei trapezisti e il padre è vivo, solo che non sono in buoni rapporti. Guido è atterrito, mentre Michele si chiede il motivo di queste bugie. Sopraggiunge in quel mentre Sara, che è sorpresa di trovare l’amico alla terrazza. Dalle facce, capisce subito che c’è qualcosa che non va e sbianca in volto quando Michele le chiede come mai stia mentendo a tutti: perché inventa la storia del circo e soprattutto perché dice che suo padre è morto?

    Giunta a casa, Rita trova Raffaele già a tavola e lei si scusa per aver fatto ritardo… al Vulcano ha fatto due chiacchiere con Silvia! Raffaele sorride e chiede alla moglie cosa ha preparato per cena. Rita confessa che ancora non ha fatto nulla, e Raffaele si dice felice: questa sera si andrà al ristorante; loro si meritano una bella serata rilassante! Gli occhi di Rita brillano di gioia; dà un bacio al marito e corre a prepararsi. Passano solo pochi minuti, e Rita è pronta: un bel vestito da sera che non indossava da anni! I due escono di corsa di casa, non prima di aver avvisato Diego che quella sera saranno loro a fare tardi.

    Michele e Guido chiedono a Sara spiegazioni sulle sue bugie: perché dice che suo padre è morto? La giovane cantante è basita, e lancia uno sguardo di rancore verso l’amico, ma capisce che è arrivato il momento di dire la verità. I suoi genitori non erano dei trapezisti, e non sono morti! Sua madre è una famosa clarinettista; ma non è in buoni rapporti con suo padre, per fatti risalenti alla sua infanzia! Michele è dispiaciuto e si scusa per essere stato indelicato; lo stesso fa Guido. Sara però ringrazia i due ragazzi; è da pochi giorni che vive con loro e già si sente di casa.

    Rita e Raffaele sono giungi al ristorante “La Sirena”. Dopo aver ordinato, il portiere non può fare a meno che constatare che la moglie è bellissima. Rita sorride imbarazzata e, cambiando discorso, racconta del dialogo che ha avuto con Silvia, e del sogno di diventare chef. Raffaele capisce perfettamente la moglie: anche lui, in gioventù, voleva essere calciatore, ma il destino lo ha messo come portiere di Palazzo Palladini. Un piccolo velo di tristezza appare sul viso di Rita; alzando lo sguardo scorge un piccolo cartello con scritto “Cercasi aiuto chef. Chiedere in direzione”. Gli occhi le brillano: magari lei potesse lavorare in un ristorante incantevole come questo!

    Passa la notte. Nei corridoi dell’ospedale Maria, Alessandro, Alberto e Anna, Eleonora e Michele attendono con ansia notizia di Tancredi. Sono passate molte ore ed il conte è ancora in sala operatoria; nessuno sa dire nulla circa le condizioni dell’uomo. Si teme il peggio; solo un Crocefisso appeso alla parete riesce a dare speranza ai presenti, che chiedono a Gesù di salvare la vita di Tancredi. Finalmente un medico si avvicina a loro: l’operazione è perfettamente riuscita e il paziente non ha subito danni di alcun genere. Ovviamente bisogna aspettare qualche giorno prima di poter assicurare che l’uomo sia fuori pericolo! Lacrime di gioia e abbracci circondano il dottore che si allontana, dopo aver acconsentito alla visita di un parente per volta. La precedenza si dà ai figli e quindi Eleonora, Alessandro e Alberto si recano a turno al capezzale del padre, che riprende conoscenza. Il Signore ha ascoltato le loro preghiere e loro dovranno cercare di andare d’accordo e di evitare litigi inutili. Alberto dà un ultimatum al fratello: lui smetterà di mettergli i bastoni fra le ruote ai cantieri, solo se Alessandro si farà da parte e non gli toglierà Anna. L’ingegnere, con dolore, è costretto ad accettare; il conte abbozza un piccolo sorriso.

    Di ritorno dall’ospedale, Alessandro incontra Silvia nel giardino di Palazzo Palladini. Alessandro, pur sereno per il padre, sente un grande vuoto interiore. Silvia gli chiede se tutto ciò non ha a che fare con la sua paura per il mare. Alessandro annuisce; da quando è tornato a Napoli ha il terrore dell’acqua: il naufragio l’ ha segnato in maniera indelebile, e lui non sa come fare per ristabilirsi. Silvia allora lo convince a seguirla sulla scogliera per un pic-nic. Fra chiacchiere e sorrisi passano le ore e, nonostante il tempo non sia dei migliori, Silvia decide di gettarsi in mare, nonostante Alessandro cerchi di fermarla. Lei, però, invitandolo a seguirla, si tuffa. Passano i minuti, ma stranamente non riemerge. Alessandro, preoccupato, inizia a chiamarla, urlando il suo nome. Non ricevendo risposta, trova coraggio e si tuffa in mare, cercando Silvia disperatamente.

    Giulia ripensa alle minacce di Graziano e non si dà pace che quell’uomo sia ancora in libertà. Maria si reca a trovarla; ora che le condizioni di Tancredi stanno migliorando, lei può tornare ad occuparsi del Centro di Accoglienza. A tal proposito, Giulia non sa se e quando tornerà a lavoro; è ancora troppo provata psicologicamente per aiutare gli altri. Maria la capisce e non le porta fretta; Giulia spera solo che quel bruto paghi per quello che le ha fatto. Nel frattempo, in casa Faiello, Giusi si prende cura della piccola Giulia e, dato che Graziano è uscito, lei può svolgere le faccende domestiche. Cercando del riso, ritrova per caso il coltello col il quale suo padre aveva minacciato Giulia prima di abusare di lei. Questa è la prova che cercava, ma ora non sa cosa fare; presa tra l’affetto che, nonostante tutto, prova per il padre e l’attaccamento che ha nei confronti di Giulia, non sa se portare o no l’oggetto alla polizia.

    Alessandro, bagnato fradicio, s’incammina verso Palazzo Palladini; Silvia è fra le sue braccia… era rimasta incastrata in una rete in mare ed Alessandro l’ ha salvata. Silvia si scusa: voleva solo aiutarlo, ma ha messo la propria vita in pericolo ed ha rischiato anche quella di Alessandro. Lui però la ringrazia: se non fosse stato per lei, non si sarebbe mai gettato in mare. Silvia non sa cosa rispondere e lo abbraccia forte. Un veloce scambio di sguardi innesca qualcosa… qualcosa di imprevisto, ma tenero! Un bacio… un bacio particolare, un bacio di un sapore strano, un bacio che risveglia in entrambi il desiderio di amare e di essere amati…
    Immagini allegate Immagini allegate


  9. #39
    Redattore L'avatar di Simone 22
    Data Registrazione
    Oct 2005
    Messaggi
    17,723

    Predefinito

    Capitolo 36

    Alessandro e Silvia sono seduti sulla scalinata del palazzo e parlano del bacio che si sono appena scambiati. Entrambi sono d’accordo nel definirlo un bacio particolare, in quanto loro sono amici da anni, e quindi non era certo pensabile che si potessero baciare. Silvia si chiede cosa accadrà ora; Alessandro non lo sa: è tutto così confuso. Una cosa però è certa: il bacio è scaturito da un sentimento profondo interno; un bisogno vitale di amare! Poche parole e i due si ritrovano di nuovo uno nelle braccia dell’altro. Certo, sarà difficile gestire questa situazione, e Alessandro chiede a Silvia di non parlarne con nessuno!

    Giusi sta ancora pensando al da farsi, quando torna Graziano. La ragazza riesce velocemente a nascondere l’arma, per poi, con una scusa, uscire di casa. Trovata la forza, si reca da Vito Russo, in commissariato, e consegna il coltello che ha ritrovato. Vito Russo decide di agire immediatamente e invia una pattuglia a casa Faiello per arrestare Graziano con l’accusa di violenza sessuale ai danni di Giulia Poggi. La notizia giunge anche a Palazzo Palladini e Renato informa la moglie che il peggio è passato; per Giulia però non è così; oltre al processo legale, lei resterà per sempre macchiata da questa violenza.

    Jasmine si reca da Rita e le mostra un nuovo braccialetto, regalatole da una sua amica, Roxanne, che ha deciso di uscire dal giro della prostituzione: è ora di vivere, è ora di ritrovare se stessa. Rita è serena; finalmente tutto sta andando bene: per sua sorella Giulia è finito un incubo e lo stesso vale per Roxanne. Jasmine, osservando il bracciale, si dice felice; lei e Luca hanno fissato la data del matrimonio e nulla potrà rovinarle quel giorno. Rita abbraccia forte Jasmine, cercando di dimenticare il brutto presagio de “La Morte”.

    Tancredi è nel suo letto d’ospedale. Stranamente chiede di Federica; la vuole al suo fianco! Alberto però gli fa notare che la madre ormai vive da mesi in Argentina con Damiano e sta per sposarlo. Il conte realizza di essere ancora innamorato dell’ex moglie. Alberto lo lascia solo per permettergli di riposare. Tancredi però non riesce a chiudere occhio; deve prendere una decisione e deve farlo subito! La paura di non poter più rivedere Federica, gli ha fatto capire che lei è l’unico vero amore della sua vita. Stando così le cose, a lui non rimane che una cosa da fare: deve chiudere con Maria!

    Passa qualche giorno e alla terrazza Michele, Sara e Guido parlano in cucina. Guido è alla ricerca di un lavoro; ovviamente si accontenta di qualunque cosa e sa bene di aver chiuso con il campo della moda. Giungono anche Alessandro e Silvia; il Palladini promette a Guido che farà il possibile per aiutarlo. Sara si alza per andare in bagno, mentre gli altri continuano amabilmente a chiacchierare. All’improvviso si odono delle urla: Sara è rimasta chiusa in bagno e, atterrita, chiede aiuto! I ragazzi, in particolare Michele, l’aiuta ad uscire e le spiega che la porta è difettosa e va al più presto riparata. In ogni caso, tutti sono sorpresi dall’esagerata reazione della ragazza e lei confida di aver paura di restare chiusa da qualche parte; è una fobia che ha da sempre, fin da piccola!

    Angela e Stefi, con la scusa di studiare, si sono chiuse in camera della Poggi. Le due parlano di uomini; Stefi racconta della sua splendida storia d’amore con Diego: dolce, tenero, romantico! La Rovere non riesce a credere che nessun ragazzo faccia breccia nel cuore dell’amica e alla fine la spinge a confessare il suo interesse per Franco Boschi. Angela si dice affascinata dal centauro; dal suo sguardo tenebroso, dal suo essere un duro, dalla sua moto e dal velo di mistero che c’è intorno a lui. La ragazza continua a fantasticare, ma Stefi le ricorda che queste sono favole: Franco è troppo grande per lei; è inutile perdere tempo, tanto non riuscirà mai a conquistarlo!

    Vito Russo si reca a casa De Santis. Luca è sorpreso della visita e chiede se ci sono delle novità riguardo al fuggitivo. Purtroppo non ci sono buone notizie; del malavitoso non c’è nessuna traccia, ma ha colpito di nuovo! Questa volta a farne le spese è stata una ragazza, una sua protetta, che aveva deciso di uscire dal racket. Jasmine interviene e chiede insistentemente il nome della ragazza, restando scioccata scoprendo che si tratta di Roxanne. Vito, scusandosi per l’indelicatezza, le chiede se di recente ha avuto rapporti con lei! Jasmine annuisce; pochi giorni fa si erano incontrate e Roxanne le aveva parlato della sua decisione di lasciare il giro della prostituzione! Vito insiste: le ha detto qualcosa oppure le ha dato qualche oggetto? Jasmine, toccandosi il braccialetto, nega… No, Roxanne non le ha dato nulla!

    Silvia è al Caffè Vulcano e sta osservando suo cugino Guido, che è in compagnia di Assunta. La Salvetti si dice dispiaciuta per la situazione economica di Guido, ma si mette lo stesso a sua disposizione per ogni cosa; il Del Bue appare scocciato dalla morbosità della ragazza e ci tiene a precisare che lui la considera solo un’amica. Vedendo l’imbarazzo del cugino, Silvia sorride e, in un momento di calma, ripensa al bacio con Alessandro. Non riesce a credere di avere una relazione, seppure segreta, con il giovane Palladini. Ha sempre apprezzato il suo modo di essere: bello, bravo e intelligente; ma non ha mai pensato a lui come fidanzato, in quanto era di “proprietà” della sua migliore amica, Anna. Ora però che Anna è sposata, lei può finalmente vivere la sua storia con il suo principe azzurro! I suoi pensieri vengono interrotti proprio dall’arrivo di Alessandro, che è di ritorno dall’ospedale; papà Tancredi si sta riprendendo velocemente e per i medici è ormai fuori pericolo! Silvia è felice e abbraccia Alessandro: finalmente tutto si sta aggiustando! Lei però vorrebbe rendere pubblica la loro relazione, ma il Palladini prende tempo: bisogna aspettare il momento giusto per farlo!

    Jasmine, sconvolta per la morte di Roxanne, si reca da Rita. La Giordano consola la giovane somala; deve avere solo tanta forza, non deve mai smettere di sperare. Jasmine però torna ad avere paura: perché hanno ucciso Roxanne, mentre a lei la lasciano vivere serenamente? Rita non sa che pensare: magari Roxanne era immischiata nel racket ed era a conoscenza di qualche informazione pericolosa. Jasmine non ne sa nulla; ha solo un grande vuoto dentro: Roxanne era come una sorella per lei! Perché è successo questo? Perché nelle sue “carte” non è risultato? Rita la rincuora e l’abbraccia: le “carte” non possono sapere tutto, altrimenti non avrebbe senso vivere. Jasmine piange, mentre Rita vede ben impressa nella sua mente la carta de “La Morte”.

    La notte scorre veloce e il caldo sole del mattino inizia ad illuminare il golfo di Napoli. Giugno è entrato da qualche giorno, ma già si sente l’aria estiva invadere i muri delle case. Lentamente la terrazza si sveglia… Michele prende un caffè al volo e corre in redazione; Silvia si fionda al Caffè Vulcano; Sara raggiunge Eleonora in sala registrazione per riprovare il pezzo; in casa restano solo Franco e Guido. Il Del Bue cerca di iniziare un dialogo con l’amico, ma questi è sfuggente e, dopo avergli augurato buona giornata, esce di casa, lasciandolo solo nella solitudine di casa.

    In casa Palladini è momento di festeggiare. Tancredi è finalmente tornato a casa; i medici hanno dato il permesso, tanto ormai le sue condizioni sono migliorate. Il conte può così riabbracciare Lucina, e tutti gli amici di palazzo. Certo, da oggi in poi, per tutta la vita, dovrà prendere delle pillole per il cuore, e dovrà fare spesso visite mediche, ma tutto sommato gli è andata bene! Sedutosi sul divano del salone, riceve l’affetto di tutti i suoi cari, confidando di voler riprendere al più presto il suo lavoro ai cantieri navali: il suo “quarto figlio” ha bisogno di lui! Rimasto solo con Maria, però, parla chiaro con lei, rivelandole di essere ancora innamorato di Federica e di non sentirsi più bene accanto a lei. Per Maria è l’ennesima delusione da parte di un uomo; quasi in lacrime, raccoglie le sue cose e si allontana.

    Rita, spinta da Jasmine e soprattutto dalla voglia di realizzare un sogno, si reca dal titolare de “La Sirena”, e chiede informazioni sul tipo di lavoro. L’uomo cerca qualcuno che abbia già esperienza nel campo, in quanto l’aiuto chef è una figura molto importante, dato il suo diretto rapporto con la clientela. Rita ammette di non avere esperienza, ma di una cosa è certa: sa cucinare e anche molto bene, soprattutto i dolci! L’uomo sembra fidarsi degli occhi dolci della Giordano e decide di metterla subito in prova per verificare le sua qualità. Ovviamente Rita dà il massimo e in breve dimostra di essere ideale per quel lavoro. Il titolare decide di prenderla, ma per il momento è solo in prova. Rita ringrazia e promette all’uomo che non se ne pentirà.

    Maria è corsa da Anna per informarla della fine della sua storia con Tancredi. La donna ha deciso di tornare nella sua vecchia casa. Alberto, saputa la triste notizia, si precipita dal padre e infierisce contro di lui; come ha potuto trattare Maria in questo modo? Lei che è stata sempre al suo fianco, lei che davvero lo avrebbe reso felice; deve chiederle scusa e tornare con lei! Tancredi però non cambia idea; ama ancora Federica e non se la sente di illudere ancora Maria. Nonostante tutto si reca a parlarle; un chiarimento che mette in luce il sentimento profondo che lega i due, ma che non è definibile “amore” da parte del conte. I due si abbracciano e si salutano carinamente; per Maria ci sarà sempre un posto speciale in casa Palladini, e lo stesso vale per Tancredi in casa Boschi.

    Rita torna a casa, si mette ai fornelli tutta entusiasta, pensando alla grande cucina del ristorante! Giunge Raffaele con i suoi problemi da portiere, che annuncia alla moglie il ritorno a casa di Tancredi. Rita esulta di gioia e bacia il Giordano che, sorpreso, chiede alla moglie cosa stia succedendo. In casa entra anche Diego, di ritorno da una pesante giornata scolastica. Ora che la famiglia è riunita, Rita è pronta per comunicare la bella notizia: ha trovato un lavoro; al ristorante “La Sirena” come aiuto chef, nella preparazione dei dolci. Diego corre a complimentarsi con la madre, e anche Raffaele subito dopo fa lo stesso, anche se non proprio al settimo cielo…

    Tancredi e Alessandro parlano amabilmente sul divano di casa. Il conte confida al figlio le sue paure di morire; temeva realmente di non farcela ed ha lottato con tutte le forze, proprio perché desiderava tornare a fare quello che ama, ovvero dirigere i cantieri. Grazie a questa brutta esperienza ha capito di non amare Maria e, seppur mettendosi contro Alberto, crede di aver fatto la scelta giusta. Il conte però percepisce un velo di tristezza negli occhi di Alessandro e gli chiede se ci siamo problemi con Alberto. Il giovane rassicura il padre; stava pensando al mare… lui era un abile skipper; possibile che ora tutto gli sembra così lontano e sperduto! Tancredi chiede al figlio di lottare; se vuole tornare a gareggiare per prima cosa deve iscriversi subito alle imminenti competizioni di regata… Alessandro è dubbioso, ma il conte non perde tempo e, preso il telefono, chiama l’associazione e iscrive il figlio!

    Angela e Stefi sono di ritorno da una passeggiata. Si avviano nel viale alberato di Palazzo Palladini quando il rombo di una moto le manda in subbuglio. Franco Boschi le costeggia e giunto davanti il portone d’ingresso, scende dalla moto e fa per togliersi il casco. Angela si avvicina per entrare e lo saluta timidamente; Franco ricambia il saluto chiamandola per nome! Angela non sta nella pelle e rimasta sola con Stefi esulta di gioia: Franco sa come si chiama, Franco l’ ha chiamata per nome! Stefi sorride, ma invita l’amica a stare con i piedi per terra; è normale che lui sappia come si chiama; vivono o no nello stesso palazzo?

    Alessandro ha ripreso gli allenamenti in vista della regata. Con la borsa a tracollo, entra al Caffè Vulcano e saluta Silvia, che corre ad abbracciarlo: è orgogliosa di lui ed è certa che riuscirà a vincere le sue paure ed a portare a casa la coppa! Alessandro lo spera e, in un momento di gioia, bacia Silvia! La ragazza ne approfitta per comunicargli la sua decisione di dire tutto ad Anna, che proprio in quel momento fa il suo ingresso nel bar. Silvia incrocia lo sguardo dell’amica e si allontana da Alessandro mentre Anna si avvicina a loro. Le due si salutano carinamente e Silvia le confida che ci sono stati negli ultimi giorni alcuni cambiamenti nella sua vita sentimentale. Alessandro osserva la scena immobile mentre Anna vuole sapere chi è il fortunato! Silvia, con la voce tremante, confessa che è Alessandro. Anna rimane immobile e le chiede da quando tempo va avanti questa storia. Silvia le spiega che da dopo del naufragio lei e Alessandro si sono avvicinati e una settimana fa si sono baciati! Anna non riesce a crederci: come ha potuto Silvia, la sua migliore amica, tradirla in questo modo? Alessandro si avvicina, cercando di difendere la fidanzata, ma Anna lo zittisce e, rivolgendosi a Silvia, esclama che mai avrebbe immaginato una cosa del genere; da chiunque ma non da lei! Silvia cerca di calmarla: lei è sposata con Alberto e non ha nessun diritto di interferire in questo modo; non può pretendere che Alessandro fosse lì ad aspettarla in eterno! Anna, trattenendo le lacrime, urla a Silvia che non vuole vederla mai più, ed esce dal locale! Alessandro abbraccia la fidanzata, assicurandole che tutto si aggiusterà!

    Il sole sta tramontando sulla costiera. Luca e Jasmine si apprestano a rientrare in casa. Sono di ritorno dall’esequie di Roxanne; una cerimonia semplice, con pochi intimi… la povera ragazza non aveva molte conoscenze qui in Italia! Jasmine ricorda i consigli che le dava Roxanne, una vera amica, una ragazza davvero speciale, con tanta voglia di vivere! Luca l’abbraccia e Jasmine accarezza il bracciale che ha al polso…. L’unico ricordo che le resta di Roxanne! Mentre si avviano verso il portone di palazzo, attraversando il viale alberato, non si accorgono che qualcuno da dietro ad un cespuglio li sta spiando. Un uomo muove lentamente le foglie e osserva attentamente ogni loro mossa…

    Anna, tornata a casa, racconta ad Alberto della relazione fra Silvia e Alessandro. La Boschi è basita: come può Silvia baciare il ragazzo che per tanto tempo è stato il suo fidanzato; come può farle questo? Alberto ascolta in silenzio, ma poi interviene e ricorda alla moglie che ormai lei è sposata e quindi ciò che fa Alessandro non le deve riguardare; Silvia, poi, è libera di stare con chiunque voglia… non deve certo essere lei a giudicarla! Anna capisce di aver sbagliato a parlare con Alberto in questo modo, e si scusa. L’avvocato l’abbraccia e le dice che la ama, più di qualunque altra cosa al mondo ma, dentro di sé capisce che la moglie è ancora innamorata di suo fratello.

    Al mattino seguente, Alessandro, che ha passato la notte con Silvia in camera sua, cerca di uscire silenziosamente dalla terrazza, ma viene sorpreso da Michele. Al Palladini non resta altro che rendere pubblica la sua relazione con Silvia, che può abbracciarlo davanti a tutti. Non manca qualche commento negativo, ma tutti si dicono felici, specie Guido che augura alla cugina ogni bene. Alessandro ne approfitta per dare al giovane una bella notizia. Si è messo un po’ a fare qualche telefonata ed è riuscito ad ottenere un brevetto da tassista per lui. Guido non riesce a credere alle sue orecchie, ma Silvia, sorridendo, gli fa capire che non si tratta di uno scherzo. Il Del Bue abbraccia Alessandro, ringraziando vivamente: finalmente ora ha un lavoro!

    Per Rita è il primo giorno di lavoro. E’ orgogliosa della sua nuova carriera di aiuto chef; le sue torte sembrano riscuotere subito un gran successo fra i clienti! Il suo entusiasmo però non è condiviso da Raffaele, che si trova improvvisamente a doversi occupare della casa, scoprendo il difficile lavoro della casalinga. In più c’è sempre la portineria di palazzo Palladini e per completare il tutto anche il figlio Diego, con i suoi problemi adolescenziali. Raffaele però preferisce non dire nulla alla moglie; è giusto che Rita abbia la sua vita e lui deve adeguarsi!

    Anna è china sui libri, cercando di studiare. La sua mente però è occupata da altro. Non le rode tanto la separazione di sua madre e Tancredi, ma il bacio fra Alessandro e Silvia. Non riesce ad accettare un simile tradimento. Certo, Alberto ha ragione quando le dice che lei non deve interferire nelle vite degli altri, ma qui non si tratta di persone qualunque. Si tratta della sua migliore amica, e del suo grande amore! Sì, il suo amore… Anna ripensa al primo bacio dato ad Alessandro e a tutti i bei momenti trascorsi con lui, e finalmente ammette a se stessa di amare ancora il giovane Palladini.

    Guido è in agitazione. Domani inizierà la sua carriera di tassista, e le prime paure lo assalgono. Michele cerca di rassicurarlo; questo è un nuovo inizio per lui e vedrà che tutto andrà per il meglio. Guido si dice soddisfatto del nuovo lavoro, ma non può non pensare che lo aspetta un processo per il fallimento della sua ditta; ormai ci mancano pochi giorni e lui teme il peggio. Dopotutto lui ha sbagliato ed è giusto che paghi. Michele lo incoraggia; quello ormai è il passato… davanti a sé ha uno splendido futuro, pieno di soddisfazioni. Sarà anche vero, ma Guido non riesce a non essere preoccupato!

    Anna continua a pensare ad Alessandro; finalmente ha capito che il suo cuore non ha mai smesso di cercarlo, anche se alla fine ha sposato Alberto. L’avvocato torna a casa e le chiede se tutto vada bene, e se ci siano novità su Silvia e Alessandro. Anna si finge serena; la notte le ha fatto inquadrare la situazione, ma non riuscirà lo stesso a perdonare Silvia. Alberto non capisce il motivo ed Anna sta sul punto di confessare di amare ancora Alessandro, ma poi si ferma. Non se la sente di dare questo dolore al marito; è stato così buono con lei e non merita di essere abbandonato in questo modo. Anna poi scende alla terrazza per parlare con Franco e vi trova Silvia. Le due non si rivolgono nemmeno una parola; ormai la situazione è glaciale e la Graziani prende ciò come una dichiarazione di guerra… per contendersi il bel Palladini. Silvia è disposta a tutto pur di tener legato a sé Alessandro; sente di amarlo e dentro di sé è convinta che riuscirà a fargli dimenticare una volta per sempre Anna Boschi.

    Un forte temporale imperversa su Napoli. In casa Poggi si vivono ore di angoscia. L’indomani inizia il processo contro Graziano Faiello e Giulia teme l’incontro in aula con l’uomo. Renato cerca di rassicurarla; non c’è nulla da temere… quel bruto sarà condannato e pagherà per quello che le ha fatto. Giulia non riesce a dimenticare quella maledetta notte, e capisce di essere sola ad affrontare tutto; sì, Renato e gli altri le sono vicino, ma solo lei sa quello che realmente ha dentro: rancore, paura, vuoto!

    Alla terrazza è ormai ora di riposare, ma qualcuno non riesce a dormire. Il nubifragio non sembra placarsi e Sara, rannicchiata nel suo letto, mette la testa sotto il cuscino e con la mente torna bambina. E’ nella sua camera, nel suo lettino, con la testa sotto il cuscino; ascolta una discussione accesa dei genitori, al termine della quale la madre urla in modo atroce. Spaventata dall’ennesimo tuono, Sara si alza di scatto e, presa dal terrore, corre nella stanza di Michele e, con una candela fra le mani, gli chiede di poter dormire con lui. Il giornalista è basito, ma non può fare altro che accettare.

    Finalmente sorge il sole. La tempesta si è placata e alla terrazza i ragazzi si riuniscono per la colazione. Guido è in agitazione; il suo primo giorno da tassista è arrivato e lui non sta più nella pelle. Franco cerca di rassicurarlo, per poi fuggire non appena suona il campanello. Eleonora entra in casa e, salutato Guido, irrompe subito nella stanza di Michele, contenta di salutare il suo uomo appena sveglio e rimane di sasso nel vedere Sara ancora rannicchiata nel suo letto. Sconvolta, corre via, mentre Michele le urla che non è come sembra… non è successo nulla!

    Luca e Jasmine sono in casa quando squilla il telefono. Il medico risponde tranquillamente, ma dall’altra parte della cornetta si sente il vuoto… nessuno parla, per poi all’improvviso chiudere la chiamata. Jasmine non ci dà molto peso: qualcuno avrà sbagliato numero! Luca le chiede se sia successo già nei giorni scorsi e Jasmine asserisce, specificando che sono stati episodi isolati fra loro. Mentre ancora parlano, il telefono torna a squillare e Luca prende la cornetta; nuovamente sente il nulla! Atterrito, capisce che si tratta del racket, che dà ancora la caccia a Jasmine. Corre subito in commissariato, dove Vito Russo decide di mettere subito il telefono sotto controllo.

    Guido ha iniziato il suo primo giorno da tassista. Subito lega con i colleghi e i primi passeggeri non mancano. Nel suo girovagare in taxi, incontra Assunta, alle prese con alcune buste. Lui si offre di aiutarla, ma lei rifiuta, in quanto sta aspettando Giangi, un caro amico che sta frequentando da qualche giorno. Guido è sorpreso e vorrebbe saperne di più, ma Assunta sembra ormai presa da questo ragazzo, a tal punto che quella sera uscirà sola con lui. Il tarlo della gelosia s’insinua in Guido, che non può fare altro che augurare ad Assunta di trascorrere una bella serata.

    Michele, vestitosi di fretta, corre da Eleonora: deve spiegarle tutto! La Palladini non vuole sentire ragioni… le basta ciò che ha visto. Michele le spiega che si tratta di un equivoco; Sara aveva paura del temporale e gli ha chiesto di dormire con lui. Eleonora non gli crede e si maledice, in quanto è stata lei stessa a portare Sara in quella casa. In quel preciso momento giunge la ragazza che, capendo la situazione, chiede ad Eleonora di crederle; fra lei e Michele non c’è stato nulla… lei ha paura dei temporali e ha chiesto a Michele di farle compagnia! La Palladini inizia a calmarsi solo quando Sara le assicura che lei non farebbe mai questo ad un’amica, a maggior ragione a lei che, come manager, la sta aiutando a fare carriera. Eleonora sembra capire il ginepraio e si scusa con i due per aver tirato conclusioni affrettare. La pace è fatta e lei e Michele sigillano il loro amore con un bacio.

    Giulia e Renato, accompagnati da Alberto Palladini, giungono in tribunale per il processo Faiello. In aula sono presenti anche Giusi, Angela, Rita e Raffaele. Il giudice presiede l’udienza e Graziano fa il suo ingresso in aula. L’avvocato Palladini chiama a testimoniare Giulia che, dopo un attimo di timore, rivive il suo trauma, raccontando tutto nei minimi dettagli. Ovviamente lo shock è ancora evidente e la donna scoppia in lacrime. Tocca poi a Graziano Faiello, che nega tutto: lui non ha violentato nessuno; anzi è stata la stessa Giulia a provocarlo: fra loro c’è stata una notte d’amore! Giulia, sconvolta, urla che l’uomo sta mentendo, ma il giudice le chiede di fare silenzio: lui è lì per analizzare i fatti! Detto questo sul banco dei testimoni giunge la giovane Giusi; a lei il compito più brutto: accusare pubblicamente il padre; lei ha trovato il coltello che ne è la prova! Fra lacrime e speranza, il giudice sospende l’udienza.

    Giunge la sera. Guido ha terminato il suo turno in taxi ma, prima di tornare a casa, decide di passare dinnanzi al ristorante che gli ha indicato Assunta. Effettivamente la Salvetti si trova a cena con Giangi e fra i due sembra esserci un certo affiatamento. Guido non può fare a meno di essere geloso del fatto che Assunta sembra preferire Giangi a lui e, tornato a casa, si confida con gli amici, che gli suggeriscono di far chiarezza nel suo cuore; se davvero è geloso di Assunta, in fondo vuol dire che lei non gli è del tutto indifferente!

    Luca, per cercare di stemperare un po’ la tensione a causa delle strane telefonate e di tutto ciò che sta accadendo negli ultimi giorni, ha portato Jasmine a cena fuori. I due riescono a passare una serata tranquilla, e le paure che fino a poche ore prima li tormentavano sembrano svanite. Dopo una passeggiata in spiaggia al chiaro di luna, giunge il momento di rientrare in casa. La serratura stranamente si apre al primo scatto… Luca e Jasmine entrano nel soggiorno e accendono la luce; quello che vi trovano, li lascia senza parole. L’intera stanza è devastata; tutto è stato messo a soqquadro: divano, poltrone, mobili, suppellettili… la casa è stata svaligiata.
    Ultima modifica di Simone 22; 04-02-2013 alle 16:13


  10. #40
    Redattore L'avatar di Simone 22
    Data Registrazione
    Oct 2005
    Messaggi
    17,723

    Predefinito

    Capitolo 37

    Luca e Jasmine si guardano intorno e la somala teme che possa essere stato il racket a ridurle la casa in quel modo. Luca non sa che pensare; potrebbero essere stati dei ladri, ma non sembri manchi qualcosa… difatti sembra più un avvertimento. Viene chiamato Vito Russo, che giunge con l’ispettore Caravello. Dopo un breve sopraluogo si giunge alla conclusione che in effetti vi possa essere il racket dietro il saccheggio dell’appartamento; è immediata la denuncia contro ignoti! Vito, prima di andare via, consiglia a Luca di fare molta attenzione e di comunicargli ogni minima cosa sospetta.

    Passa qualche giorno e Guido è in servizio con il suo taxi. Con la mente ripensa ad Assunta a cena con Giangi; non riesce a credere che i due stiano insieme! Un volto familiare lo riporta alla realtà: si tratta proprio di Giangi, seduto con una ragazza su una panchina, in teneri atteggiamenti. Preso dalla rabbia mista a gelosia, Guido si scaglia contro di lui, accusandolo di tradire Assunta. In breve, Giangi confessa che fra lui e questa Assunta non vi è assolutamente nulla; Guido è sorpreso e non sa cosa dire. Così Giangi gli consiglia di andare da lei, invece di perdere tempo ad importunarlo. Guido non può fare altro che scusarsi e, mestamente, rientrare in taxi e andare via.

    Sara è sempre più misteriosa; spesso esce di casa silenziosamente, nascondendo a tutti i suoi spostamenti. Eleonora, fra un misto di gelosia e curiosità, decide di seguirla, per scoprire cosa realmente nasconde. La sorpresa è grande quando vede la giovane cantante recarsi in una casa di cura; la voglia di sapere è tanta e così attende Sara all’uscita e le chiede cosa diavolo ci vada a fare in un posto del genere. Sara attacca Eleonora: come si permette a spiarla in questo modo?

    I Poggi tornano in aula per la seconda udienza del processo. C’è una certa tensione fra i presenti; si spera in una condanna esemplare! Graziano Faiello viene fatto alzare e il giudice emana la sentenza: l’uomo è condannato a 10 anni di carcere per violenza su Giulia Poggi e per sfruttamento minorile nei confronti dei figli, che vengono consegnati ad un orfanotrofio, dove potranno crescere e giocare come tutti i bimbi della loro età. La gioia echeggia nell’aula, mentre il condannato urla a Giulia Poggi che un giorno pagherà per questo! Giulia dà poca importanza a queste minacce; tutta la famiglia la festeggia; un abbraccio fra lei e Giusi sancisce la fine di questa brutta storia, anche se il trauma subito non può essere dimenticato, in quanto ha mutato le loro vite.

    Tornata alla terrazza con Sara, Eleonora racconta a Michele quello che ha scoperto. Il giornalista non riesce a collegare la cosa e chiede a Sara cosa ci vada a fare in quel posto: ha per caso a che fare con il suo misterioso passato? La cantante, rendendosi conto che la verità sta venendo a galla da sola, confessa che in quella casa di cura si trova sua madre da qualche anno per colpa di suo padre. Michele e Eleonora sono atterriti e invitano Sara ad aprirsi con loro; vogliono solo aiutarla, sono amici! Così la ragazza riesce finalmente a parlare con franchezza del suo passato e racconta che da bambina veniva rinchiusa in camera da suo padre; lei si metteva a letto e, per non sentire le urla dei genitori, metteva la testa sotto al cuscino. Michele le chiede se il padre la picchiasse, ma Sara nega: lui colpiva solo la madre, e alla fine, per liberarsene, l’ ha fatta rinchiudere in una casa di cura per malati di schizofrenia. In lacrime Sara urla che per lei il padre è morto, morto! Eleonora l’abbraccia, dicendole che ora ci sono loro e quindi suo padre non potrà farle altro male.

    E’ arrivato il fatidico giorno della regata. Alessandro è stranamente tranquillo; i pochi giorni di allenamento gli sembrano sufficienti per poter affrontare la difficile scommessa di vincere la gara. Con Silvia e Tancredi, il giovane skipper arriva al porto, dove incontra e saluta il rivale di sempre, che in passato ha sempre battuto. Anche Alberto ed Anna arrivano sul luogo della gara per tifare per Alessandro. La tensione fra Silvia ed Anna è molto evidente e le due si salutano appena. Inizia la regata e la barca di Alessandro è subito in testa… tutti urlano il nome del ragazzo ma, ad un certo punto, dei flash back del naufragio irrompono nella sua mente. E’ la prima volta che gli capita; l’ansia lo assale e, per l’agitazione, vira male e sbaglia. Il rivale, con la sua barca, arriva a superarlo e Alessandro, amareggiato perde! Tornato a terra, riceve il calore di Tancredi e di Silvia, ma Alberto non riesce a capire il suo disagio e, cinicamente, sostiene che lui ha fatto una manovra che nemmeno un principiante avrebbe fatto. Anna non può fare a meno di contraddire il marito, difendendo Alessandro che, ancora più demoralizzato si allontana, seguito da Silvia.

    Con l’assenza di Rita in casa, Raffaele e Diego non riescono a far fronte a tutte le pulizie e in breve mettono in atto una vera e propria rivoluzione domestica. Rita, dal canto suo, continua il suo lavoro al ristorante; le piace e non ha nessuna intenzione di lasciarlo. Nel frattempo, per Guido è giunto il giorno del processo fallimentare per la sua attività di moda. Timoroso si reca in tribunale con Renato, e ascolta la sentenza del giudice. Per la legge deve pagare tutti i danni procurati, dato che non ha nessun attenuante. Al Poggi spetta pagare tutto e subito, mentre Guido, triste ed abbattuto, deve promettere a Renato di pagargli tutto, con quote mensili. Il Del Bue cerca un accordo con il Poggi che però è categorico: lui, facendogli da garante, si fidò di lui ed ora ci sta rimettendo di tasca sua tanti milioni di lire; rivuole tutto fino all’ultimo centesimo.

    Luca e Jasmine con impegno e determinazione sono riusciti a risistemare la casa. Ormai sono passati alcuni giorni e dato che non vi è stata nessuna rivendicazione da parte del racket, i due iniziano realmente a credere che possa essersi trattato di un tentativo di rapina. Luca torna a lavoro all’ospedale Cardarelli; Jasmine si occupa delle faccende di casa, e ovviamente, esce per fare compere. Camminando lungo le vie del centro, ha l’improvvisa sensazione di essere seguita. Si volta, ma non c’è nessuno dietro di lei; con un po’ di agitazione, inizia ad accelerare il passo, ma sente passi sempre più veloci dietro di sé. Si volta di nuovo, ma tutto sembra tranquillo! Con le buste fra le mani, scende nel garage pubblico e raggiunge l’auto. Fa per aprire, ma si sente osservata. Alza lo sguardo e, atterrita, si trova dinnanzi il suo ex protettore.

    Alessandro, dopo aver accompagnato Silvia al Caffè Vulcano, si ferma a pensare. Nella sua mente echeggiano come tuoni le parole dure di Alberto. Dentro di sé sente che c’è qualcosa che non va, sente che deve liberarsi da questo peso. Ne parla con papà Tancredi; le crisi di panico sono sempre più frequenti e lui ha capito di aver bisogno di uno specialista. Il conte gli consiglia di rivolgersi a Marisa Saviani, la madre di Michele. E’ una psicologa e potrebbe realmente aiutarlo. Alessandro accetta il consiglio del padre e corre subito dall’amico per mettersi in contatto con Marisa.

    Nel garage pubblico, Jasmine è spaventata. L’uomo che si trova dinnanzi non sembra aver intenzione di farle del male; certo, i suoi baffi incutono un certo timore e Jasmine sa bene quanto lui possa essere pericoloso. L’uomo cerca di calmarla, ma Jasmine tremante gli chiede cosa voglia! Ma lui con voce pagata la rassicura: non è lì per farle del male… ha bisogno di aiuto! Qualcuno vuole ucciderlo e poi farà lo stesso con lei; ha bisogno di dirle alcune cose molto importanti, ma non può farlo lì. Jasmine è titubante e allo stesso tempo impaurita; il protettore le dà appuntamento quella sera, verso il tardi, sulla spiaggia… poi si allontana. Jasmine entra in auto e, tremando, mette in moto ed esce dal garage.

    Nel cortile del palazzo, Angela è alle prese con il suo motorino che fa le bizze. Cerca in tutti i modi di farlo partire, ma tutto è inutile: il ciclomotore è ingolfato. Franco passa in quel mentre e la saluta carinamente; Angela ne approfitta per chiedergli un aiuto e lui, vedendola in difficoltà, decide di fermarsi. Angela al settimo cielo si sposta per fargli posto e Franco si mette subito a lavoro. Prova a riaccendere il motorino, ma nulla; così si china per vedere cosa c’è che non va! Angela di fianco a lui lo osserva e inizia a muovere la gonna, mostrando le gambe. Franco è imbarazzato mentre lei ride, stuzzicandolo. Finalmente il motorino si riaccende e il Boschi può allontanarsi, mentre Angela continua ad osservarlo… sorridendo!

    Marisa, conoscendo Alessandro e sapendo quello che ha passato a seguito del naufragio, decide di sottoporlo subito ad una seduta di analisi. Fa accomodare il giovane nel suo studio e lo fa sdraiare sul lettino; inizia a fargli alcune domande a carattere generale per poi entrare nel vivo del problema: le sue crisi di panico. Alessandro ripercorre con la memoria il tragico naufragio e, sotto ipnosi, ricorda che, a causa della tempesta, lui cadde in mare, urlando a suo fratello di salvarlo. Ora ricorda perfettamente. Sul Dreamer, Alberto non fece nulla per tirarlo fuori dalle acque, e non tentò nemmeno di prendere la scialuppa. Scioccato da questa rivelazione, Alessandro interrompe la seduta ed esce dallo studio, infuriato.

    Raffaele è nei giardini di Palazzo Palladini; le sue piante lo aiutano a combattere la solitudine. Ed è proprio per prendersi cura di esse che, distratto, non fa caso al ritorno al palazzo di Jasmine. La ragazza scende dall’auto e corre velocemente in casa. Tremante, abbraccia e racconta a Luca di essere stata aggredita dal suo ex protettore, che le ha dato un appuntamento per quella sera. Luca cerca di calmarla e si fa spiegare tutto nei minimi dettagli. Viene chiamato Michele; Luca vorrebbe andare subito alla polizia, ma il giornalista gli consiglia di non mettere in mezzo le forze dell’ordine e di recarsi lui stesso sulla spiaggia all’appuntamento col malavitoso. Luca si lascia convincere e, assieme a Michele, esce di casa, barricando all’interno Jasmine, che non deve aprire a nessuno.

    Alessandro irrompe in casa di Alberto e lo aggredisce verbalmente. Ora ricorda tutto del naufragio e si chiede come ha potuto suo fratello fargli questo; perché non ha cercato di salvarlo dalle acque? Perché ha preferito vederlo scomparire fra gli abissi, invece di aiutarlo? L’avvocato non sa cosa rispondergli: la tempesta era forte e riusciva a malapena a vederlo… ma non ha fatto nulla; non ha cercato neanche di prendere la scialuppa! Alberto chiede perdono ad Alessandro che, però, glielo nega e, deluso e amareggiato, si allontana, dando al fratello del bastardo!

    E’ ormai sera inoltrata; Luca e Michele passeggiano sulla spiaggia, in attesa dell’arrivo del protettore. Nel frattempo, Jasmine cerca di rilassarsi, ma quanto sente bussare alla porta, è presa dal panico e, tremante, si reca allo spioncino, temendo il peggio… pochi istanti è la porta viene aperta: si tratta di Rita! La somala fa accomodare l’amica, a cui racconta quello che le è successo. Rita sofferma il suo sguardo sul nuovo braccialetto di Jasmine; solo ora nota che c’è una piccola chiave di un materiale differente al resto del monile. Chiede spiegazioni a Jasmine, che però non sa darle una risposta precisa. Rita, nel toccarlo, ha strani presentimenti… quel braccialetto le trasmette sensazioni negative! Sulla riva, Michele e Luca parlano sottovoce, quando all’improvviso il giornalista sente dei rumori fra i cespugli. Cerca subito di capire di cosa si tratta, ma non vedendo nulla, lui e Luca decidono di tornarsene a casa: il malavitoso non si è fatto vivo!

    Alessandro ha raggiunto Anna e, rompendo il patto che fece con Alberto di farsi da parte e lasciargli la moglie, le rivela ogni cosa: la notte del naufragio, Alberto non gli ha lanciato neppure una corda nella speranza di salvarlo. Anna non appare sorpresa, anzi, dà fiducia al marito, in quanto, all’epoca del naufragio, lui le raccontò tutto, anche di non aver fatto nulla per salvare il fratello. Queste parole sono per Alessandro peggio di una pugnalata; dopo Alberto, ora anche Anna, lo delude: come ha potuto sposare suo fratello, nonostante sapesse che lui non fece niente per aiutarlo in mare? Alessandro trova sostegno solo in Silvia. Lei lo appoggia in tutto e lui si chiede perché debba soffrire in questo modo! Silvia lo abbraccia, promettendogli che non lo farà mai soffrire come ha fatto Anna! Alessandro la ringrazia e la bacia con passione.

    Il sole torna ad illuminare il golfo! In casa De Santis, Jasmine e Luca stanno parlando con Michele dello strano atteggiamento del protettore, quando suonano alla porta! Vito Russo, seguito da Caravello, informa i presenti che all’alba, su una spiaggia di Posillipo è stato trovato il corpo senza vita del protettore di Jasmine. La sorpresa è palese nei volti di Luca e Michele; allora, i rumori che hanno sentito l’altra notte, erano fondati? Il giornalista, rimasto solo con Vito, è preso da spavento e gli confida ogni cosa. Il commissario chiede cosa gli sia saltato in mente! Si rende conto del pericolo che ha corso! Vito poi invita Michele e Luca a smetterla di fare gli eroi; così facendo si cacciano in guai seri con la legge… spetta solo alla polizia indagare! In ogni caso, con la morte del malavitoso, le indagini possono ritenersi chiuse, ovvero Jasmine non è più in pericolo di vita. Ora, spetta loro di capire chi ha ammazzato l’uomo, ma si pensa a qualche regolamento di conti! Luca abbraccia Jasmine: finalmente è tutto finito!

    Eleonora e Sara hanno terminato la registrazione della canzone; ora bisogna trovare una casa discografica per incidere il pezzo! La Palladini ne conosce alcune e, assieme a Sara, si presenta alla “Frontiera Record” di Ferdinando Luglio. Dopo l’ascolto del brano, il discografico è piacevolmente sorpreso ed espone le sue condizioni, ma Eleonora non ci sta e, da buon manager, ne mette delle sue! Ferdinando però non ci sta e rifiuta di scritturare Sara; così le due si allontanano. Fuori dagli uffici, Sara si dice in disaccordo con Eleonora: avrebbe dovuto accettare le sue condizioni! La Palladini però sa il fatto suo e, difatti, pochi minuti dopo, la segretaria di Luglio le manda a chiamare e loro rientrano nell’ufficio. Il discografico ha cambiato idea: accetta le loro condizioni! Viene stipulato il contratto e sia Eleonora che Sara firmano: finalmente è giunta la tanto attesa svolta nella loro vita.

    Grazie ai primi incassi, Guido è riuscito a mettere qualcosa da parte e ne approfitta subito per pagare la prima mensilità a Renato! Il Poggi apprezza l’impegno di Del Bue e lo ringrazia per la puntualità di pagamento. Guido poi torna alla terrazza, dove riceve la visita di Assunta. Fra i due si è istaurato un rapporto di amicizia e la ragazza ha iniziato a frequentare gli abitanti di palazzo Palladini! Lei e Silvia in realtà si conoscono fin dall’infanzia, e la Graziani ha più di una volta consigliato ad Assunta di non mollare Guido: suo cugino è testardo, ma alla fine cederà! Rassicurata da queste parole, Assunta stuzzica il Del Bue e i due arrivano quasi a baciarsi; il ragazzo però si tira indietro e, impacciato, si scusa, per poi tornare al suo taxi.

    Giulia ha deciso di tornare al Centro d’Accoglienza; ormai il peggio è passato e lei sente di poter riprendere il suo lavoro con tranquillità! A sostituire Maria, che si è presa un periodo di pausa per poter far visita a parenti sulla costiera, vi è Benedetta, un’assistente sociale amica di Giulia. Le due iniziano a chiacchierare, quando fa il suo ingresso una ragazza; Giulia la fa accomodare, pronta per ascoltarla. Benedetta, però, ha un sesto senso e vorrebbe parlarci lei, ma Giulia però insiste, restando impietrita quando la giovane confessa di aver subito una violenza sessuale.

    Renato si affretta ad uscire da Palazzo Palladini per recarsi al cantieri. Raffaele, dalla sua guardiola, osserva il cognato; si avvicina e cerca di iniziare un dialogo con lui, chiedendogli come vada con Giulia. Renato però taglia corto e invita il portiere a trovarsi un passatempo migliore di questo: non può ogni volta che lo vede passare, infastidirlo con le sue manie! Raffaele accusa il colpo e si ritira nella sua solitudine; non riesce a stare così… ha bisogno di compagnia! Renato lo ha trattato male, ma il portiere non demorde e cerca di attaccare discorso con chiunque attraversi l’atrio, ma i risultati sono sempre deludenti.

    Eleonora e Sara tornano alla terrazza. La cantante, entusiasta, mostra a Michele e agli altri amici il suo primo contratto discografico. Per lei è un sogno che si avvera, tutto questo grazie ad Eleonora! E’ giusto festeggiare l’evento e, fra musica, spumante e stuzzichini, giunge la sera. Franco saluta tutti ed esce di casa. Scende in cortile, sale a bordo della sua moto e si allontana da Palazzo Palladini! Giunge alla periferia di Napoli, in una statale chiusa al traffico… arresta la moto e si sfila il casco! Una piccola folla lo acclama, quasi come se fosse una star! Beh… dopotutto può ritenersi tale, almeno lì, sulla strada. Ma ecco che qualcuno gli viene incontro e gli stringe la mano in segno di sfida; sì, proprio di sfida si tratta… Franco sta per partecipare ad un’impegnativa corsa clandestina.

    Al Centro d’Accoglienza, Giulia si dimostra forte e coraggiosa, ed invita la ragazza a confidarsi con lei; timidamente, la giovane inizia a raccontare la sua storia e pian piano inizia ad entrare nei particolari. Giulia rivive la sua violenza e, scioccata, abbandona il centro, lasciando Benedetta a risolvere la questione. Tornata a casa, si confida con Renato; in lacrime, racconta quello che è successo ed è costretta a mettere in discussione il suo futuro professionale: come può assistere una donna, se lei in primis non riesce a rassicurare se stessa? Renato le si avvicina per abbracciarla, ma Giulia si scansa velocemente e si reca in camera per riposare.

    Sta per iniziare la gara. Franco ringrazia i ragazzi che hanno puntato su di lui, e augura a Gualco, il suo rivale, una buona sfida! Indossati i caschi, i due corridori sono pronti per la partenza; una bandierina si alza e velocemente scompare, dando inizio alla competizione. Le moto rumoreggiano e il loro rimbombo risuona per centinaia di metri! Franco è subito in testa; Gualco però, non è un tipo che molla facilmente, accelera e raggiunge il centauro… La sfida è molto impegnativa e il continuo testa a testa dei due non lascia intravedere uno spiraglio premonitore…. Tutto si decide degli ultimi metri! Gualco è sicuro di farcela, ma Franco è un duro; supera il rivale e corre al traguardo! La vittoria è sua… può ricevere la ricompensa in denaro, mentre viene osannato dai presenti: è un campione, un vero fuoriclasse!

    Al mattino seguente, al Caffè Vulcano, Silvia è alle prese con i clienti, quando fa il suo ingresso Anna. Le due amiche, ormai sono settimane che si evitano e si salutano appena; ma Anna è stufa di tutto ciò! Fra le due vi è un chiarimento! La barman si scusa per non averle detto subito della sua relazione con Alessandro, mentre Anna ha compreso che l’ingegnere è libero di fare ciò che vuole della sua vita. Dopo un sincero abbraccio, Anna torna a casa e scrive una lettera ad Alessandro, in cui spiega le ragioni del suo matrimonio con Alberto e cosa prova per lui; dopo il naufragio è stato l’unico a starle vicino, permettendole di continuare a vivere, sotto quel mare che gli aveva portato via il suo grande amore; amore che ancora oggi è vivo e palpita, ma che deve mettersi da parte perché Alberto non merita di soffrire per causa sua. Con le lacrime agli occhi, chiude la busta; esce di casa per consegnarla ad Alessandro.

    Rita si è resa conto che la solitudine sta divorando Raffaele; lui non se la sente di addossare la colpa alla lontananza della moglie, e ridimensiona il tutto, invitandola a non preoccuparsi: capita a tutti un periodo solitario! Rita finge di stare al suo gioco, ma si reca subito da Giulia, che le racconta quello che le è successo al Centro. Rita rammaricata cerca di far sorride la sorella, chiedendole se sappia qualcosa di Raffaele. Giulia sostiene che Renato ha avuto un piccolo diverbio con lui a causa della sua insistenza di istaurare per forza un dialogo ogni giorno! Rita comprende la situazione e, con complice Giulia, fa incontrare Renato e Raffaele. I due cognati, all’inizio indignati, chiariscono la questione e si scusano: il primo per non avergli dato retta e per averlo trattato male; il secondo per essere stato invadente e pressante. La pace è sancita da un abbraccio, sotto gli sguardi felici di Rita e Giulia.

    Alessandro è seduto alla scrivania di Tancredi. Fra le mani ha la lettera di Anna; la legge e le parole di Anna rimbombano nella sua testa come tuoni! Euforico, prende il telefono… In quel mentre a casa di Alberto, lui e Silvia stanno parlando di alcuni progetti per il Caffè Vulcano. Squilla il telefono e l’avvocato fa rispondere a Silvia, sicuro che sia Anna. La Graziani risponde con un semplice “Pronto”. Alessandro la interrompe e le chiede di starlo a sentire. Lui ha finalmente capito tutto; quello che è successo negli ultimi giorni è stato decisivo… lui la ama e la amerà per sempre… “Anna ti amo e non voglio perderti!”. Silvia, all’udire il nome dell’amica, impietrisce…
    Ultima modifica di Simone 22; 25-07-2008 alle 18:21


  11. #41
    Redattore L'avatar di Simone 22
    Data Registrazione
    Oct 2005
    Messaggi
    17,723

    Predefinito

    Capitolo 38

    Silvia, allibita, ascolta in silenzio la dichiarazione d’amore di Alessandro ad Anna. Non sa come rispondere e, d’istinto, aggancia la cornetta, fingendo che abbiano sbagliato numero. Al termine della “riunione” torna a casa e si barrica in camera! Nella sua testa sente e risente le parole di Alessandro “Anna ti amo e ti amerò per sempre”. Distrutta, crolla sul letto in lacrime. Rivive la sua storia con Alessandro…il tuffo in mare, il primo bacio, il litigio con Anna, la regata! Come è possibile che non si sia accorta di niente?

    Tramonta il sole su Napoli. Per Sara ed Eleonora è la vigilia di un giorno importante; l’indomani ci sarà l’incisione della canzone di Adrian e tutto deve essere perfetto. Sara prepara una delle sue tisane e la offre agli amici; tutti gradiscono, specie l’effetto afrodisiaco della bevanda! La ragazza confida le sue paure per l’indomani; il suo sogno sta per avverarsi, ma tutto le sembra così strano! Non le sembra vero che tutto ciò stia accadendo sul serio. Rimasta sola con il suo amico chitarrista, inizia a sorseggiare birra e in breve si ritrova completamente ubriaca; inizia a ballare sul tavolo, fino a notte fonda. Sembra che sia l’unica a restare sveglia in casa, ma in realtà anche Michele non dorme. Il Saviani è uscito con la sua auto per proseguire la sua inchiesta su un giro di prostituzione; le indagini si fanno sempre più complicate e Michele scopre che i protettori non sono altro che una pedina nelle mani di qualcuno più potente.

    I gabbiani sulla scogliera svegliano gli abitanti di Palazzo Palladini. Le prime giornale estive non aiutano però Silvia, che non è riuscita a riposare; la sua mente era affollata di pensieri. Anche ora che la sveglia le annuncia che deve muoversi per iniziare il turno al Caffè Vulcano, non riesce a non pensare alla dichiarazione d’amore di Alessandro ad Anna. I suoi pensieri sono interrotti proprio dall’arrivo di Alessandro. Il ragazzo ha atteso tutta la notte una risposta da Anna, ma non ricevendola, ha deciso di recarsi alla terrazza da Silvia. Questa è offesa con lui; non avrebbe mai immagino che la stesse usando! Alessandro casca dalla nuvole e rimane di sasso nello scoprire che c’era Silvia dall’altra parte della cornetta e non Anna. Lui prova a scusarsi, ma Silvia, in lacrime, gli urla di andare via: tra loro è finita!

    Ferdinando Luglio è seduto nel suo ufficio, in compagnia di Eleonora. Fra pochi minuti la sala incisione sarà libera e si potrà procedere alla registrazione del brano. Stranamente Sara è in ritardo ed Eleonora prova a chiamarla al cellulare, che però risulta staccato. In preda al panico, la manager rassicura il discografico: ci deve essere stato qualche problema, ma ora cercherà di risolvere il tutto. Luglio però le dice di affrettarsi: non può certo perdere tutta la mattinata dietro a loro! Eleonora gli promette che Sara sarà lì fra pochi minuti. Prova a richiamare, ma il cellulare è sempre staccato! Inquieta, chiama Michele, pregandolo di trovare Sara e di portarla immediatamente alla casa discografica.

    Jasmine è finalmente tornata a sorridere. La brutta storia delle minacce sembra ormai lontana e lei può dedicarsi esclusivamente all’imminente matrimonio con Luca. Esce di casa per recarsi a fare qualche compra, ma ecco che qualcuno da dietro ad un cespuglio, la spia. L’uomo, però, viene subito fuori dal nascondiglio e si palesa dinnanzi la ragazza, che resta di sasso, nel rivedere, dopo tanto tempo, suo fratello Amir. Dopo un caloroso abbraccio, Jasmine porta Amir in casa e le mostra la sua nuova vita. Il ragazzo appare felice per lei, ma in realtà c’è qualcosa che lo turba.

    Michele torna frettolosamente a casa e, stupefatto, scopre che Sara sta ancora dormendo. La scuote e la sveglia: è tardi; la stanno aspettando alla casa discografica! Sara corre in bagno, si veste e si lava in un lampo, maledicendosi: non doveva bere; ora rischia di aver rovinato il momento più importante della sua carriera! Con Michele giunge alla casa discografica, giusto in tempo per entrare in sala d’incisione. Eleonora rassicura Ferdinando; ora che è arrivata, si può iniziare con la registrazione. Sara impugna il microfono ed esegue perfettamente “Se questo amore”, ricevendo i complimenti da parte del discografico e dei presenti; con questa voce sfonderà sicuramente… deve solo imparare ad essere più puntuale!

    Silvia torna a casa al termine del suo turno al Vulcano. Ripensa alla conversazione con Alessandro e si chiede dove abbia sbagliato; in cosa si sia lasciata trasportare e soprattutto perché Alessandro le abbia fatto questo! Capisce di aver commesso degli enormi sbagli nel suo rapporto con il Palladini; non doveva innamorarsi del grande amore della sua migliore amica; non doveva immaginarsi principessa, mettendo in discussione la sua amicizia con Anna; non doveva approfittare del momento di confusione di Alessandro, per spingerlo nelle proprie braccia! Ora però tutto le è chiaro; finalmente affronta la realtà: Alessandro non l’ ha mai amata e lei si è solo illusa di aver trovato il suo principe azzurro.

    Luca ha terminato il suo turno in ospedale ed è tornato a casa. Jasmine fa le presentazioni e il dottore si dice felice di poter conoscere finalmente un parente della sua futura moglie. Amir appare titubante circa il matrimonio, ritenendolo un passo troppo affrettato, ma Luca e Jasmine sono convinti della loro decisione: fra pochi giorni saranno marito e moglie. Dopo pranzo, Luca si mette a lavoro nel suo studio, visitando i numerosi pazienti, mentre Jasmine ed Amir hanno l’occasione di parlare a lungo. Amir si dice contrario al matrimonio; non crede nell’amore di Luca e incute nella sorella il timore che, sposando il dottore, il racket potrebbe tornare a farle del male. Jasmine però è serena; ormai quella faccenda è chiusa! Amir le ricorda che le cosche si vendicano sempre per gli oltraggi subiti e la invita a seguirla in Somalia, dove potrà tornare realmente a vivere! Jasmine non sa cosa rispondere e si prende un po’ di tempo per pensarci.

    Silvia, Anna e Alessandro si trovano inesorabilmente a confronto. Prima che i due inizino a parlare, Silvia ci tiene a scusarsi con Alessandro; non doveva cacciarlo in quel modo. Lui, giustamente ha sempre amato Anna, e lei che non se ne mai resa conto! Dal canto suo, Anna non ha colpa e Silvia chiede all’amica di perdonarla per le discussioni che ci sono state tra di loro negli ultimi tempi: rivuole l’amicizia di sempre, rivuole la sua Anna! Con le lacrime agli occhi, le due ragazze si riappacificano abbracciandosi forte. Alessandro, da parte sua, si prende la sua responsabilità; si scusa con Silvia, che però ammette di aver sbagliato tutto con lui. La Graziani consiglia ai due di seguire il loro cuore, senza nascondere il vero sentimento che li unisce.

    Sara, raggiante per l’imminente uscita del suo singolo, decide di condividere la sua gioia con la madre. Così, si reca alla casa di cura, in compagnia di Eleonora, con la quale ha preparato una sorpresa per la donna. Con il permesso dei dirigenti, le due la portano fuori dalle mura della casa, per regalarle una serata particolare: un concerto di musica classica! Le tre si accomodano e inizia lo spettacolo. La madre di Sara però si trova subito in disaccordo sul modo di suonare degli artisti e, come impazzita, si ribella iniziando ad urlare. Sara ed Eleonora per farla tacere la portano immediatamente via, e la riportano alla casa di cura. Qui la cantante realizza una sconvolgente verità: la madre soffre realmente di schizofrenia e, quindi, suo padre non l’ ha rinchiusa in quel posto per liberarsene, ma bensì per aiutarla! Eleonora invita Sara a rintracciare subito il padre: solo così potrà scoprire tutta la verità.

    Quella mattina il cielo è terso e una timida aria permea la città. Jasmine non ha chiuso occhio per tutta la notte. Le parole del fratello sono state come una doccia fredda per lei; come può scegliere fra Amir e Luca; come può prendere una decisione così difficile, senza ferire nessuno dei due? Jasmine però di una cosa è sicura: ama Luca e vuole passare tutto il resto della sua vita con lui; per questo si ritrova costretta a rifiutare la richiesta del fratello che, deluso, l’abbraccia forte e le augura ogni bene. Poi Amir prende le sue cose e fa per allontanarsi mentre Jasmine gli assicura che verrà presto a fargli visita in Somalia. Amir però è triste: in cuor suo sente che non rivedrà mai più la sua dolce sorellina!

    Assunta, nonostante i diversi fallimenti, torna alla carica con Guido. Sa di aver fatto colpo sul ragazzo per la sua schiettezza e il suo modo di essere, ma ora è il momento di finirla con questi giochetti; Guido deve decidere se vuole o non vuole stare con lei! Per questo inscena una vera e propria trappola sentimentale per il tassista, che si ritrova con le spalle al muro; consigliato dagli amici, che sono anche stufi di tutta questa commedia, decide di provare a costruire qualcosa con Assunta. La ragazza, entusiasta, abbraccia forte il suo Guido, e un bacio sancisce l’inizio della loro storia d’amore.

    Per scuotersi dall’apatia che lo tormenta, Raffaele fa grandi preparativi per l’anniversario del suo matrimonio con Rita; Diego, nel suo piccolo, lo aiuta, appagato dall’idea di rivedere il padre sorridente. Gli imprevisti però non mancano e, Rita, seppur apprezzando l’immenso lavoro del marito, si ritrova costretta a correre a “La Sirena” per un’urgenza. Raffaele ci rimane malissimo; ormai da quando lavora, Rita ha occhi solo per il ristorante; deluso e amareggiato si rifugia al Caffè Vulcano, dove attira l’attenzione di una donna, che lo riconosce quasi subito come suo compagno di scuola ai tempi del liceo. Raffaele, dopo pochi secondi, riconosce Giovanna e l’abbraccia! I due si siedono ad un tavolino e iniziano a parlare; lei rivela di non essersi sposata, e Raffaele le confida che giusto oggi ricorre il suo anniversario di matrimonio, ma sua moglie Rita purtroppo è impegnata con il lavoro. Giovanna si dispiace, ma si dice ben disposta a rivederlo nei prossimi giorni!

    Un uomo entra nell’atrio di Palazzo Palladini e si dirige verso l’appartamento della terrazza. Suona il campanello e Sara corre ad aprire, trovandosi faccia a faccia con suo padre. Il gelo scende sul pianerottolo, fino a quando la cantante non lo invita ad accomodarsi in casa, dicendosi sorpresa della velocità con la quale l’uomo l’abbia trovata. Il signor De Vito confida alla figlia che attendeva da anni questo momento ed ora quasi non riesce a crederci. Sara racconta ciò che ha scoperto su sua madre e gli chiede di spiegarle come sono andate realmente le cose; cosa erano quelle urla che udiva da bambina e perché lui la chiudeva in camera prima di ogni litigio con la madre? L’uomo prende parola e svela che lui non ha mai maltrattato sua moglie, ma semplicemente era lei che soffriva di schizofrenia; era sempre lei che, nei momenti di pazzia, non rendendosene conto, la rinchiudeva in camera, per poi iniziare ad urlare! Sara, in lacrime, ascolta il padre e capisce di aver sbagliato in tutti questi anni a prendersela con lui! Un sincero abbraccio riunisce padre e figlia, e Sara gli fa ascoltare il suo disco, per poi presentarlo ad Eleonora e Michele!

    Raffaele sembra come rinato; rivedere una compagna di scuola, gli ha fatto capire che non deve abbandonarsi alla solitudine, ma che deve tornare a divertirsi come quando era un ragazzo. Il portiere nasconde alla moglie il suo incontro con Giovanna, e cerca di ritrovare l’equilibrio familiare. Rita però capisce che c’è qualcosa di strano nell’atteggiamento del marito e, quasi subito, scopre di questa compagna, con cui Raffaele ha ripreso a sentirsi. Gelosa, Rita fa una scenata al marito, cercando di fargli capire che la strategia migliore per andare d’accordo con lei è dire sempre la verità! I due vengono interrotti dall’arrivo di Luca e Jasmine, che chiedono ai portieri di essere i loro testimoni di nozze. Rita e Raffaele si dicono entusiasti; tutti insieme brindano al matrimonio.

    Passa la notte e Alessandro, per cercare di risollevarsi il morale dopo la fine della sua storia con Silvia, si dedica ai cantieri. Qui, con Renato, riceve la visita di un certo Artusi, uomo facoltoso, che porta il progetto di una barca. Viene analizzato il tutto, e preparato il contratto, ma Artusi pretende l’aggiunta di una clausola che Alessandro è dovuto ad inserire. In ogni caso, grazie al lavoro, l’ingegnere ritrova il sorriso, anche se la sua mente continua ad essere tormentata da Anna. Capisce che deve prendere una decisione in merito al suo rapporto con la ragazza… una difficile decisione! Nonostante abbia promesso ad Alberto di non minare il suo matrimonio, Alessandro ama Anna ed è deciso a riprendersela: è lei l’unica sua ragione di vita! Lo stesso Alberto, non visto, assiste all’incontro con Artusi con interesse. Qualcosa sembra muoversi per lui che è già alle prese con il suo traballante matrimonio, che solo l’arrivo di un bimbo potrebbe salvare. Le indagini degli ultimi mesi, per ritrovare il piccolo Gianluca, purtroppo non hanno ottenuto nessun risultato ed Alberto inizia a temere il peggio, in quanto ogni suo piano giunge ad un punto morto. E’ ignaro che il piccolo “Valentino” cresce circondato dall’affetto dei Poggi; ha iniziato a muovere i primi passi ed a pronunciare le sue prime parole! L’armonia di casa però non è delle migliori. Il forte trauma di Giulia, fatica ad essere superato, ma qualcosa inizia a muoversi quando lei, pur non tornando al Centro d’Accoglienza, sembra cominciare a ritrovare la sua vocazione: aiutare gli altri!

    Angela è sempre più incuriosita dalla vita misteriosa di Franco. Ne parla con Diego e Stefi che, seppure restii, decidono di aiutarla! Così, non appena Franco esce da palazzo e sale a bordo della sua moto, i tre iniziano a seguirlo, fino a raggiungere il luogo delle corse clandestine. Franco è accolto con entusiasmo dalla folla di tifosi, fra i quali vi è anche Guido. Il Del Bue, infatti, ha scoperto delle gare e vuole assistere con i suoi occhi al trionfo dell’amico. Angela lo riconosce e corre al suo fianco, seguita da Stefi e Diego. Guido, dopo la sorpresa iniziale, saluta i tre giovani mentre la corsa sta per iniziare! Franco e il rivale si schierano sull’improvvisata linea di partenza; una ragazza sorride al giovane Boschi ed abbassa la bandierina dando inizio alla competizione.

    Michele continua le sue indagini sul mondo della prostituzione. Vuole scoprire chi si nasconde dietro i protettori, prima dell’imminente matrimonio di Jasmine e Luca. Per scoprirlo si insinua nel racket e tutto quello che scopre lo scrive sul giornale “La notizia”. Le cosche però non stanno a guardare e Michele è ormai diventato il centro del loro mirino; si preparano ad una rappresaglia, una vendetta atroce, con l’intento di mettergli paura per indurlo a smetterla di ficcare il naso in affari che non gli riguardano.

    Alberto e Anna devono recarsi ad una festa, ma l’avvocato, avendo un importante impegno di lavoro, chiede alla moglie di avviarsi da sola: la raggiungerà appena possibile. Alberto si reca ai cantieri e, nell’ufficio di Alessandro, ruba dal contratto di Artusi l’importante clausola, attuando il suo piano di sabotare il fratello, facendogli rimettere soldi e materiale, al fine di dimostrare a papà Tancredi di essere il migliore in quel campo. Il suono dell’antifurto, appena istallato, richiama il guardiano, il quale sorprende l’avvocato, che chiarisce di essere passato in ufficio a prendere un documento. Anna nel frattempo è stata raggiunta alla festa da Alessandro. Dopo un piccolo momento di imbarazzo, ai due non resta altro che godersi la festa; ballano e si divertono per tutta la serata!

    Sulla tangenziale di Napoli è in corso la gara clandestina in motociclette. Franco è in vantaggio e ormai sembra avere la vittoria in pugno; pochi metri lo allontano dal traguardo, quando improvvisamente la sua moto ha un guasto e si ferma. Guido, Angela e gli altri iniziano ad urlare il suo nome, avvertendolo che il rivale lo sta raggiungendo. Franco prende forza e inizia a correre a piedi con tutta la moto; raggiunge il traguardo e vince! Una vittoria diversa dalle altre, in quanto Franco ha realizzato un tempo incredibile, battendo il record di uno dei più famosi centauri napoletano, ovvero Tonino ‘O Schizzato! Angela si avvicina a Franco per congratularsi, ma lui la ignora e si allontana con la ragazza della bandierina, lasciandola quasi in lacrime. Guido l’abbraccia e la consola, per poi riaccompagnarla a casa, assieme a Diego e Stefi.

    A Palazzo Palladini è tempo di festeggiamenti. Tutti i ragazzi si sono riuniti a casa di Luca per la festa di addio al celibato; Raffaele ha organizzato alcuni scherzetti tipici per quella sera e il malcapitato di turno è come sempre Renato. Il siparietto riesce a far divertire tutti, tranne Michele, che appare alquanto preoccupato dalle minacce ricevute. Le ragazze, invece, si sono riunite a Caffè Vulcano. Fra balli e canti, Jasmine è trattata come una vera principessa e la sua gioia è visibile a tutti. Al termine della festa, le ragazze escono dal locale e si avviano verso casa, mentre qualcuno le osserva da lontano…

    E’ finalmente arrivato il gran giorno. Tutti i condomini si stanno preparando per partecipare al matrimonio di Luca e Jasmine. I Giordano vivono con trepidanza l’attesa; Raffaele è corso da Luca per aiutarlo a prepararsi, mentre Rita ha raggiunto Jasmine alla terrazza. I ragazzi vengono fatti uscire; Franco si allontana con la ragazza che aveva portato la sera prima, mentre anche Guido raggiunge Luca. Michele invece si allontana da palazzo, asserendo di dover sistemare urgentemente una questione importante!

    Alessandro è ai cantieri navali. Sta controllando la commessa Artusi. I lavori sembrano procedere con la massima cura, ma i problemi sono dietro l’angolo. Nel rivedere il contratto, Artusi si accorge della mancanza della sua clausola e chiede spiegazioni ad Alessandro. Ovviamente l’ingegnere cade dalle nuvole; lui stesso ha appurato la presenza di tale clausola e gli sembra impossibile che ora non sia presente. Artusi però è indignato; si rifiuta di pagare i materiali e tutto ciò che ne concerne. Il piano di Alberto viene coronato da successo e, soddisfatto, torna a casa; ora non gli resta che aspettare che il tempo faccia il suo corso.

    Luca è pronto per andare al Comune, dove verrà celebrato il matrimonio alla presenza del sindaco di Napoli. In giardino vi è l’auto della contessa Palladini, messa a disposizione da Eleonora. Raffaele e Renato sono al suo fianco; il dottore è in agitazione: pur avendo già provato questa sensazione il giorno che sposò Giovanna, ora gli sembra tutto così nuovo e sente il cuore battergli forte! Alla terrazza, Jasmine è quasi pronta! Rita, Giulia, Silvia e le altre, l’aiutano a prepararsi… La somala ha scelto un vestito bianco, molto puro, perfino senza velo; anche l’acconciatura è semplice: i capelli vengono arrotolati in una crocchia dietro la testa! L’unico gioiello che indossa è il bracciale di Roxanne, sul polso destro! Emozionata, Jasmine non riesce a nascondere la commozione e trattiene a stento le lacrime; scende le scale di Palazzo Palladini e, fra gli applausi generali, incontra il suo Luca. Insieme, si posizionano sulla scalinata del palazzo con gli abitanti per fare alcune foto, al termine delle quali, i due salgono a bordo dell’auto della contessa.

    Angela non ha ancora superato la delusione per lo smacco subito da Franco. Nonostante tutto, lei non è la tipa che si arrende alla prima sconfitta. Così, non appena incontra Franco, gli lancia una sfida. Lui è scattante sulla moto, ma lei è molto più agile sul suo cavallo. Che ne dice di una competizione al maneggio per dimostrare di essere un vero campione? Franco, pur non avendo mai montato un cavallo, accetta la provocazione, invitando Angela a montare con lui sulla moto. In pochi secondi la motocicletta sfreccia nei viali di Palazzo Palladini, in mezzo al traffico di una caotica Napoli. Angela non sta nella pelle… sente la voce del vento, le sembra di volare… si stringe forte a Franco che la tranquillizza. Lei però sorride: con lui non ha mai paura!

    Michele incontra Vito Russo; insieme vanno a Caffè Vulcano per incontrare Salima, un’amica di Roxanne, nella speranza di ricevere notizie sulle intenzioni del racket. Salima però, non vuole svelare nulla per paura. Così, Michele e Vito, avviliti, tornano a palazzo Palladini per andare in comune con la macchina di Luca. Qui incontrano l’ispettore Caravello, che li avvisa di una bomba sotto l’auto. Atterrito, Vito gli chiede come abbia fatto a trovarla, e lui dice che gli è caduto l’accendino ed ha visto il lampeggiante… Michele e Vito ragionano sulla bomba; inizialmente pensano che sia per il giornalista, ma poi si rendono conto che non può essere, dato che l’auto è di Luca; così capiscono che era per Jasmine! Non c’è tempo da perdere… bisogna correre subito al comune, dove Luca e Jasmine si stanno scambiando le promesse, sotto gli occhi commossi di Rita e Raffaele e di tutti gli amici presenti. Dopo lo scambio degli anelli, giunge il momento delle firme…

    Angela e Franco raggiungono il maneggio, dove la Poggi ormai è di casa; a breve inizieranno anche le gare e lei si sta già allenando. Franco si trova in un ambiente del tutto nuovo, del quale resta affascinato. Angela però gli ricorda il reale motivo del loro incontro: la competizione! La Poggi sale in sella al suo cavallo bianco, mentre a Franco viene affidato un cavallo scuro. La sfida parte subito con Angela in testa e Franco a seguito che, con difficoltà, monta il puledro. I due iniziano a galoppare ed Angela prende in giro Franco, dato che non riesce a raggiungerla. Il Boschi, che non è il tipo da lasciarsi superare da una ragazza, aumenta l’andatura e la supera, ma è solo un attimo; perde l’equilibrio e ruzzola a terra. Angela, impaurita, lo raggiunge; Franco accusa alcuni dolori alle ossa e Angela, premurosa e allo stesso tempo divertita, chiede dove gli faccia male! Franco indica il braccio e si alza la manica; Angela, si china e bacia la ferita, chiedendo maliziosamente “E poi?” Franco indica la spalla e Angela bacia anche questa volta… Si crea una certa complicità, e lei, timidamente, chiede ancora una volta “E poi?” Franco, guardandola negli occhi, fa segno sulle labbra, ma Angela sorridendo, gli fa notare che lì non ci sono ossa. Franco annuisce, ma aggiunge che un bacio mette in circolazione tutti i muscoli e quindi bisogna vedere se sono rotti. Un attimo, un sorriso e… bacio dolce, delicato, puro, ma intenso…

    In Comune la cerimonia si conclude. Luca e Jasmine vengono dichiarati marito e moglie; gli amici e gli invitati applaudono i due giovani sposi che si scambiano un tenero bacio. Giunge il momento di uscire. Luca e Jasmine, al settimo cielo, iniziano la loro corsa verso l’esterno; Giulia, Renato, Raffaele e Rita lanciano riso e confetti! Le urla di gioia e gli scatti del fotografo, nascondono il frastuono dell’auto di Vito che giunge a tutta velocità nella piazza. Michele scende dall’auto, iniziando una disperata corsa verso gli sposi, ma è troppo tardi… uno sparo echeggia nell’aria! Il sorriso di Jasmine si smorza; un leggero sbandamento e si accascia lentamente fra le braccia di Luca stringendo nel palmo della mano destra il bouquet… Michele termina la sua corsa ai loro piedi; Raffaele sorregge un disperato Luca che, in lacrime, urla il nome della moglie; Giulia, Rita e Renato, frastornati, si prostrano verso Jasmine che giace priva di sensi, con una sanguinosa ferita a destra della tempia…
    Ultima modifica di Simone 22; 31-07-2008 alle 17:36


  12. #42
    Redattore L'avatar di Simone 22
    Data Registrazione
    Oct 2005
    Messaggi
    17,723

    Predefinito

    Capitolo 39

    La tragedia si sta compiendo; i pochi invitati osservano l’ambulanza allontanarsi a sirene spiegate, mentre Michele e Vito cercano di raggiungere il terrazzo dal quale sembra essere partito lo sparo. Luca assiste la moglie durante il tragitto: il battito è lento, la ferita continua a perdere sangue in quanto il proiettile le ha perforato il cranio. Si giunge in ospedale e Jasmine viene trasportata urgentemente in sala operatoria. Luca vorrebbe assistere, ma gli viene vietato: non è nelle condizioni per farlo! Arrivano Rita e Raffaele, seguiti da Michele e Vito, che però hanno delle brutte notizie: il criminale non ha lasciato nessuna traccia e sembra sparito nel nulla.

    Angela torna a casa dove viene raggiunta da Stefi, alla quale racconta del bacio che si è scambiata con Franco. La Rovere, all’inizio incredula, si congratula con Angela e le chiede cosa intende fare ora; si fidanzerà con il bel tenebroso? Angela, sorridendo, rassicura l’amica: è presto per parlare di relazione, ma se le cose vanno come lei crede, potrebbe accadere presto. Le due vengono interrotte dall’arrivo di Giulia e Renato che, rammaricati, raccontano ciò che è accaduto a Jasmine! Angela e Stefi sono atterrite; Giulia spera che i medici riescano a salvarle la vita…

    Le ore passano lente in ospedale. Luca non riesce a capacitarsi di ciò che è successo e si addossa tutta la colpa; Raffaele cerca di fargli forza: vedrà, tutto andrà bene e Jasmine tornerà a casa sana e salva. L’intervento chirurgico difatti continua senza sosta; il professor Croce riesce ad estrarre il proiettile, ma la situazione è ancora critica. Luca prega dinnanzi ad un Crocifisso; Giulia e Renato giungono in ospedale, dove Rita è ormai allo stremo delle forze. Tutti cercano di farsi forza a vicenda! Finalmente il professor Croce esce dalla sala operatoria; si avvicina al gruppetto pronto per illustrare l’esito dell’operazione. Luca supplica l’amico di dirgli che Jasmine è viva…

    La notizia del ferimento di Jasmine fa velocemente il giro di Napoli. Al Caffè Vulcano, Silvia ne parla con Guido in attesa di ricevere notizie confortanti dall’ospedale. Anche Anna ha saputo della tragedia e vorrebbe correre in ospedale; Alessandro però la raggiunge chiedendole due minuti: ha bisogno di parlarle… Il giovane vuole capire cosa lei realmente desidera; dopo la sera della festa, sembrano tornati stranamente ad essere distanti. Alessandro le chiede se sia successo qualcosa; Anna lo rassicura: non è successo nulla, ha trascorso una serata stupenda in sua compagnia. Alessandro le ricorda che se solo volesse potrebbero trascorrere l’intera vita insieme. Anna è pensierosa, ma poi sorride e abbraccia Alessandro. Sono sempre più vicini…

    In ospedale, Luca chiede insistente all’amico notizie di Jasmine. Croce abbassa la testa e rivela che Jasmine ha avuto un’emorragia e, purtroppo, non ce l’ ha fatta. Luca inveisce contro l’amico, accusandolo di non aver salvato la moglie, ma il primario gli fa notare che le condizioni di Jasmine erano davvero disperate. Poi Croce gli chiede se acconsente alla donazione degli organi. Luca si ritrova costretto a prendere una decisione importante e molto dolorosa; firma subito il documento per l’espianto, per poi fuggire via, nonostante Raffaele e Michele cerchino di fermarlo.

    Giulia e Renato sono tornati a casa. La morte di Jasmine è un duro colpo, che però non sembra scuotere più di tanto la loro crisi matrimoniale. Giulia non se la sente di fare l’amore con Renato e lo rifiuta, in quanto sente su di sé ancora la violenza sessuale che ha subito. Per salvare il suo matrimonio, rivolge al marito una proposta alquanto sconcertante: può andare a letto con qualcuna, chiunque essa sia, pur di soddisfare i suoi istinti. Renato è allibito, e cerca di controbattere, ma Giulia lo rassicura… è realmente questo quello che vuole!

    La notizia della morte di Jasmine è giunta al Caffè Vulcano e anche agli abitanti di Palazzo Palladini. Tutti sono amareggiati da questa brutta storia, in modo particolare Rita e Raffaele, che si chiedono come Luca possa superare questo dolore. Il dottore, nel frattempo, è rientrato a casa. L’appartamento è allestito per il dopo-matrimonio; fiori, petali, spumante… per Luca è l’ennesima batosta! Per rabbia, smantella e distrugge l’intero appartamento, facendo cadere anche una foto della sua Jasmine. La raccoglie e la osserva, in lacrime… un urlo straziante si ode sulla scogliera!

    Al mattino seguente, Michele prova a scrivere un articolo su Jasmine e la sua assurda morte, ma non gli riesce, essendo troppo coinvolto; Sara lo conforta: non deve rammaricarsi; è normale che abbia difficoltà a scrivere un articolo sulla morte di un amica! Così Michele, con Silvia e Guido, si reca dai Giordano per parlare con Rita e Raffaele; bisogna organizzare un funerale a Jasmine, qualcosa di diverso del solito. Raffaele si mette subito all’opera mentre Michele sale a casa di Luca, trovando il dottore ubriaco e in preda ad una crisi di pianto. Il giornalista gli sta accanto e, nel rimettere a posto ciò che ha distrutto Luca, trova un microfono per le intercettazioni: qualcuno ascoltava le conversazioni fra Luca e Jasmine… Ora però non c’è tempo per indagare… è giunto il momento di dare l’ultimo saluto alla ragazza. Don Antonio celebra la Messa Esequiale fra la disperazione di Luca, il pianto di Rita e degli altri amici della povera ragazza. Poi la salma viene trasportata al cimitero di Napoli… Luca è disperato e vuole farla pagare a chi ha ucciso Jasmine; Michele è al suo fianco, non solo per espiare alla morte dell’amica, ma anche per vendicare suo padre, ucciso anch’egli dalla mafia.

    Alessandro indirizza un volontario di “Lega Ambiente” da Anna, che la reputa la candidata perfetta per ripulire la spiaggia! La Boschi accetta l’incarico e, armata di guanti e busta, si reca sulla battigia, dove vi trova Alessandro! Insieme puliscono la spiaggia dalle varie sporcizie, per poi occuparsi del fondale marino! Prima che Ale si tuffi, Anna gli chiede del problema Artusi, asserendo di aver già sentito quel nome; Alessandro però non ne vuole parlare e si tuffa in mare… Ripulendo intorno alla scogliera, qualcosa di luminoso risalta ai suoi occhi; lo riconosce subito: è l’anello che regalò ad Anna prima del naufragio, chiedendola in moglie.

    Eleonora e Sara lavorano ad una nuova canzone, ma non riescono a trovare l’ispirazione, forse a causa del caldo estivo. In un momento di pausa, accendono la radio e sono emozionate nel sentire la loro canzone “Se questo amore”. Eleonora ha finalmente realizzato il suo sogno: far vivere Adrian grazie a quella canzone! Sara invece esulta di gioia; la sua voce in radio… e tutto questo grazie ad Eleonora e Michele. La Palladini ne approfitta per chiedere a Sara del suo rapporto con il ragazzo. Lei ammette di essere attratta da Michele, ma non oserebbe mai intromettersi fra lui ed Eleonora.

    Alessandro riemerge dal mare con l’anello fra le mani e, furioso, aggredisce verbalmente Anna: come ha potuto gettarlo in mare; come ha fatto a liberarsi dell’oggetto simbolo del loro amore? Anna, intimorita, prova a giustificarsi: credeva fosse morto ed una sera, in lacrime, si è recata sulla scogliera per liberarsi dell’anello. Alessandro non riesce a crederle: dove è finita la sua Anna; quella ragazza dolce, che avrebbe fatto di tutto pur di sposarlo? Anna si scusa: non doveva farlo… ma era l’unico modo per cercare di continuare a vivere. Alessandro si calma ed Anna decide di tenere l’anello, simbolo di quell’amore che il mare ha portato via.

    Michele e Luca mostrano a Vito la microspia; il commissario promette a Luca che scoprirà la verità ed arresterà l’assassino. Poi vengono restituiti al dottore gli effetti personali di Jasmine e ai tre risalta subito il braccialetto, ma non ne capiscono il senso. Nel tornare a Palazzo Palladini, trovano Rita che riconoscere il monile: fu Roxanne a regalarlo a Jasmine, che lo considerava come un portafortuna. Osservandolo, Rita nota che manca la piccola chiave, quella fatta con pezzi non simili al bracciale… Luca e Michele sono straniti, ma lo sono ancor di più quando Raffaele consegna a Luca le foto che il fotografo ha scattato durante il matrimonio. In una foto si vede chiaramente che dal braccialetto pende la chiave… Il mistero s’infittisce e Michele riesce a fare un ingrandimento della chiave, e quindi a farne un calco… Luca prende la piccola chiave fra le mani, chiedendosi cosa possa aprire… Raffaele distoglie i suoi pensieri e lo porta in giardino, dove ha fatto innalzare un gazebo in onore di Jasmine. Tutti gli abitanti del palazzo si riuniscono per dare il loro speciale saluto alla somala; Sara canta per lei e alcune lacrime scendono dagli occhi dei presenti…

    Scende la sera e Raffaele riceve la visita di Giovanna, la sua vecchia amica di scuola. Trovandolo giù di morale gli chiede di uscire con lei, per passare una serata diversa. Raffaele, un po’ restio, finisce per accettare, dato che Rita è di turno al ristorante. Il caso vuole che Giovanna scelga proprio “La Sirena” per l’uscita serale, nonostante Raffaele tenti di convincerla ad andare altrove, non trovando però il coraggio di dirle che la sua Rita lavora proprio lì. Sedutisi ad un tavolino, i due iniziano a conversare, mentre Raffaele spera che Rita non esca dalla cucina! Purtroppo per lui, Rita deve portare una torta ad un tavolo e quindi lo riconosce… Sbigottita e, allo stesso tempo incredula, si avvicina al marito e, augurandogli buona serata, gli getta la torta in faccia. Raffaele si ritrova in una situazione molto imbarazzante a causa della figuraccia; Giovanna lo pianta in asso mentre Rita viene licenziata dal direttore del ristorante!

    Al mattino seguente, Guido viene raggiunto alla terrazza da Assunta. La ragazza ha con sé un paio di valige e comunica al fidanzato di aver deciso di trasferirsi da lui per la stagione estiva, così che potranno stare più tempo insieme. Guido è contrariato, ed inizia a malincuore la convivenza con la Salvetti. I ragazzi della terrazza però sono felici di averla lì perché lei è molto simpatica e, soprattutto, cucina per loro! Guido però trova soffocante la sua relazione e inizia a cercare un modo per porvi rimedio.

    Raffaele è giù di morale. L’ ha combinata davvero grossa ed ora deve assolutamente farsi perdonare da Rita. La donna però non accetta le scuse; a causa della sua bravata, lei ha perso il lavoro! Raffaele decide di andare a parlare con il direttore de “La Sirena” per sistemare la situazione. L’uomo appare favorevole e si dice pronto a reintegrare la Giordano, ma questa volta è lei che non ci sta! Ha capito che è anche colpa sua se Raffaele si è comportato così; se lei fosse stata più presente negli ultimi mesi, lui non avrebbe mai pensato di uscire a cena con un’altra donna. Raffaele non sa cosa dire e Rita ribatte tristemente che lei ha sempre saputo che il suo posto è a casa, con la sua famiglia.

    Alessandro e Alberto sono ai cantieri. Come al solito stanno litigando sulla gestione di essi. Alberto accusa Alessandro di aver procurato un danno consistente alle imprese a causa della sua mancanza con Artusi. L’ingegnere ci tiene a precisare che lui ha inserito la clausola nel contratto, ma che è stranamente scomparso l’allegato! Alberto gli chiede se stia insinuando che qualcuno gliel’abbia sottratta, ma Alessandro precisa che sta solo cercando di fargli capire che lui non è il responsabile della perdita di capitali. Alberto però non ci sta e dichiara che lui avrebbe sicuramente evitato una situazione del genere. Nel frattempo, Anna scopre casualmente che è stato Alberto a rubare la clausola e non sa che fare. Da una parte vorrebbe confessare tutto ad Alessandro, ma dall’altra non vuole fare un torto al marito. La sua vita sta diventando sempre più complicata a causa dei suoi profondi sentimenti per entrambi i due giovani.

    Luca non fa altro che pensare al giorno in cui verrà fatta giustizia. Michele gli è vicino in questa battaglia, e il dottore gli chiede di lasciarlo solo con l’assassino di Jasmine, quando riusciranno a prenderlo. Michele, seppur restio, acconsente alla cosa, anche se capisce che Luca vuole vendicarsi e che quindi potrebbe commettere qualche sciocchezza. Anche Anna è vicina al dottore; certo neanche lei sta attraversando un bel periodo. La storia di Artusi la sta logorando; deve o non deve confessare ad Alessandro che c’è Alberto dietro a tutto? Non volendo però creare nuovi litigi fra i due fratelli, decide di nascondere la cosa, sicura che la verità verrà a galla da sola…

    Eleonora ripensa alla confessione di Sara riguardo ai suoi sentimenti per Michele. La gelosia le rode dentro in quanto Sara abita nello stesso appartamento del giornalista. Così si reca alla terrazza, dove trova sul tavolo il portatile di Michele, ma non lui. Dei rumori strani provengono dalla sua camera e lei crede che i due stiamo insieme. Scioccata, Eleonora prende il pc di Michele e lo butta nell’acquario. In realtà Sara è in compagnia del suo amico chitarrista, che è tornato a farle visita. Eleonora si rende conto del malinteso, ma ormai il danno è fatto: ora deve assolutamente rimediare alla cosa, informando immediatamente Michele del “piccolo” dispetto. Il giornalista è però risentito: vorrebbe più fiducia da parte sua… Eleonora si scusa, assicurando di avergli già ordinato un altro portatile.

    Sonia Campo torna a farsi viva con Alberto; in carcere è stata accoltellata e teme per la sua vita. L’avvocato la raggiunge in carcere, cercando di sfruttare a suo vantaggio l’incontro, per carpire informazioni su Gianluca. Sonia, beffarda, immagina che non sia servito molto per Alberto andare in televisione, dato che ora è lì da lei. Alberto la prega di non scherzare, questa è una questione importante, lei è l’unica che potrebbe dargli una mano: sarebbe capace di riconoscerlo? Sonia può fare molto di più; non c’è bisogno che Alberto si danni l’animo per cercarlo, perché lei sa dove si trova Gianluca! L’avvocato, innervosendosi, chiede a Sonia di non dire sciocchezze, ma lei rivela di averlo visto! Alberto le chiede dove, ma la Campo asserisce che non dirà una parola se prima lui non la tirerà fuori di lì! Alberto non le crede e ribatte che con lui quel gioco non funziona; ne ha fin sopra i capelli delle sue stronzate. Per tutta risposta, Sonia si alza e, prima di tornare in cella, guarda Alberto negli occhi ribadendo la sua proposta: prendere o lasciare!
    Ultima modifica di Simone 22; 04-02-2013 alle 16:14


  13. #43
    Redattore L'avatar di Simone 22
    Data Registrazione
    Oct 2005
    Messaggi
    17,723

    Predefinito

    Capitolo 40

    Alberto torna a casa pieno di rancore. La visita a Sonia non ha risolto le cose; lei avrà sicuramente inventato tutto: non può aver visto Gianluca, non può essere! Un tarlo però gli batte nella testa, dal momento in cui ha lasciato il carcere. E se Sonia avesse detto il vero? Come può lui scoprirlo? Deve confidarsi con qualcuno… Anna torna a casa e vede il marito battere furiosamente un pugno sulla scrivania. Ascolta il suo sfogo e gli dà sostegno; certo, se davvero Sonia asserisse il vero, a lui non resta altro che accontentarla e farla uscire di prigione! Così Alberto si reca al Centro d’Accoglienza per parlare con Giulia: solo lei può dargli una mano… Per aiutare Sonia, l’avvocato ha pensato di farle ottenere dei permessi di lavoro volontariato presso il Centro. Giulia però non è convinta: Sonia è pericolosa e potrebbe essere un rischio per il Palazzo; Alberto le assicura che ciò non accadrà; si tratta di semi-libertà e Sonia non può permettersi di violarla, pena il ritorno in carcere in pianta stabile. Giulia, capendo che per Alberto è molto importante, decide di accontentarlo: già da domani Sonia potrà lavorare al Centro.

    Al Caffè Vulcano, Luca, Vito e Michele parlano della chiave misteriosa. Cosa può aprire? Raffaele entra in quel mentre e si avvicina ai tre, che gli chiedono un parere; il portiere ci pensa un po’… le poste, potrebbe essere una chiave di una cassetta postale! Luca ringrazia l’amico e, assieme agli altri due, si dirige agli uffici. Non resta che controllare… dopo qualche tentativo, finalmente la chiave apre una cassetta; all’interno vengono trovati passaporti falsi fra cui quelli di Jasmine, di Roxanne e di Salima. Il mistero sembra avviarsi alla conclusione, e Luca rimane sconcertato nello scoprire che la cassetta appartiene ad un poliziotto.

    Renato ripensa all’ultima conversazione avuta con Giulia. Come può chiederle di tradirla? Lei però gli ribadisce la cosa; solo così il loro matrimonio potrà andare avanti. Renato fa notare alla moglie che la loro unione è già in crisi; crisi non solo per la mancanza di rapporti sessuali, ma soprattutto per l’assenza di dialogo. Neanche Angela riesce ad unirli; la ragazza difatti continua a pensare a Franco, che gli ha anche relegato un ciondolo a forma di moto. Il Boschi, nel frattempo, riceve l’inaspettata visita di Antonio O’Schizzato, che si complimenta con lui per aver battuto il suo record. Franco è lusingato, ma capisce che questo non è il solo motivo della visita del corridore. Antonio difatti lo sfida in una corsa, per eleggere realmente il numero uno… Franco accetta entusiasta e i due si stringono la mano.

    Luca è silenzioso; sapere che Jasmine sia stata uccisa da un poliziotto è sconvolgente. Lui che contava sulla polizia per scoprire la verità, ora non sa più a cosa credere. Vito cerca di rassicurarlo; ora che sanno che il colpevole è un poliziotto, sarà più facile scoprire il tutto; il cerchio si è notevolmente ristretto. Luca però è sgomento e preferisce mettersi sulle tracce dell’uomo da solo… Michele riesce a seguirlo, mentre Vito torna in commissariato per alcune indagini.

    Alberto, per chiedere la semi-libertà a Sonia, si è recato dal giudice. Questi si è detto ben disposto verso la Campo a causa della sua buona condotta. Così l’avvocato si porta velocemente in carcere, dove Sonia appare un po’ delusa: lei vuole essere libera e non vuole tornare tutti le sere in carcere. Alberto dice che farà il possibile per tirarla fuori, ma che per ora deve accontentarsi di questo. Sonia vorrebbe rifiutare ma, quando capisce che dovrà lavorare al Centro di Giulia Poggi, accetta: in questo modo lei starà tutti i giorni al fianco del suo piccolo Gianluca. In ogni caso Sonia precisa ad Alberto che non gli dirà nulla, fino a quando non sarà completamente libera.

    Franco non sta nella pelle… O’Schizzato l’ ha sfidato in una corsa clandestina; lui correrà contro il grande Tonino! Esaltato, comunica la notizia a Guido, che rimane di sasso. Una sfida del genere non si vedeva da anni; sarà una serata indimenticabile e il Del Bue promette di essere in prima fila a tifare per Franco. Guido però ha un enorme problema: Assunta! La ragazza si è innamorata di lui in modo alquanto asfissiante, ed ora lo controlla in ogni movimento. Da quando poi si è trasferita alla terrazza la situazione è notevolmente peggiorata e lui, non sapendo cosa fare, tende a sottovalutare il problema.

    Anche il mese di Luglio sta passando e le giornate sono sempre più afose. Nonostante ciò Luca e Michele non interrompono le loro ricerche, come del resto anche Vito che ha un appuntamento con Caravello al porto. Vito informa l’ispettore che il cerchio si è quasi chiuso e quindi il responsabile della morte di Jasmine verrà presto preso. Caravello è stranito e, in un momento di distrazione del commissario, estrae una pistola e la punta contro di lui. Vito capisce che ha di fronte l’assassino, ma non fa in tempo a controbattere, in quanto Caravello lo spara. Vito Russo cade a terra e l’ispettore si allontana velocemente.

    Le porte di Poggioreale si aprono e Sonia può finalmente tornare a respirare. Passeggia sul lungomare; il sole la riscalda e il leggero venticello le fa ricordare il piccolo Gianluca. Giunge a Palazzo Palladini e scende al Centro, dove Giulia l’accoglie serenamente. Le mostra il lavoro da fare, per di più pulizie, e le ricorda che la semi-libertà le potrebbe essere rievocata nel caso in cui compia qualche azione illegale. Sonia promette che da oggi in poi sarà buona e ringrazia la Poggi per l’opportunità che le sta dando. L’arrivo di Sonia ovviamente crea un clima denso di tensioni, soprattutto in Alberto, ma anche il rapporto tra Anna e Alessandro subisce alcune complicazioni; dopotutto Anna è la moglie di Alberto e quindi deve restar vicina al marito; questo non fa altro che allontanarla da Alessandro, che però non accetta questa situazione e pressa la ragazza: deve prendere una decisione, deve scegliere fra lui e Alberto! La situazione diventa sempre più drammatica.

    L’ispettore Caravello va a casa di Luca, dove c’è anche Michele, rivelando di non avere più notizie di Vito. Il giornalista, temendo che l’amico possa essere ferito, racconta a Caravello della cassetta postale appartenente ad un poliziotto. L’ispettore è sorpreso da questa rivelazione, ma sente di essere al sicuro: l’unico che poteva incastrarlo è al molo in fin di vita. Caravello si sposta in cucina, proprio quando Luca riceve una telefonata… Vito gli rivela che l’assassino di Jasmine è l’ispettore Caravello. Luca accusa il colpo, ma non dice nulla a Michele… Caravello torna da loro e infanga Vito Russo, facendolo passare per il colpevole, ma Michele non gli crede… Luca allora manda via il giornalista in quanto vuole restare da solo con Caravello per parlargli.

    Guido è ormai esasperato da Assunta; vuole liberasene ed escogita un piano apparentemente infallibile: vuole fingersi rozzo per far sì che la ragazza lo molli. Per questo chiede l’aiuto a Sara ed Eleonora, che si offrono di sostenerlo in questo folle piano. Le cose però non vanno come previste e Assunta rimane perfino entusiasta del “nuovo” Guido. Ci voleva un po’ di movimento nella loro storia; bacia il suo amore che, sgomento, non sa più cosa fare per liberarsi di lei.

    Luca e Caravello sono soli in casa De Santis. Il dottore viene allo scoperto e rivela all’ispettore di sapere che è lui il responsabile della morte di Jasmine. Caravello cerca la via di fuga, ma Luca lo tramortisce per poi sdraiarlo sul lettino del suo ambulatorio. Con del nastro adesivo immobilizza al lettino Caravello che, rinvenuto, cerca invano di liberarsi. Luca confessa di aver atteso questo momento dall’istante in cui Jasmine è morta ed ora finalmente può compiere la sua vendetta. L’ispettore atterrito gli chiede cosa abbia intenzione di fare, mentre Luca prende una siringa, la riempie di veleno e si dice pronto ad iniettarlo nel suo sangue.

    Michele, nel frattempo, è sceso in cortile, dove fa due chiacchiere con Raffaele. Il portiere si confida con l’amico; nonostante le sue scuse, il suo rapporto con Rita ha subito una notevole frattura, a seguito della sua uscita serale. Michele gli consiglia di chiarirsi con la moglie; in fondo si amano e questa sciocchezza non può mettere a rischio la loro unione. Poi i due parlano di Luca e Raffaele confida a Michele che l’ispettore Caravello si trova ancora a casa De Santis… Michele inizia a dubitare dell’atteggiamento del dottore e decide di correre subito da lui. Qui trova Caravello legato ad un lettino; l’ispettore è stato drogato e Michele cerca di liberarlo. Luca però estrae una pistola e minaccia l’amico: Caravello è l’assassino di sua moglie ed è giunto per lui il momento di pagare per quello che ha fatto.

    Sonia è pronta a ritornare in carcere per la notte. La Campo ringrazia nuovamente Giulia; se non fosse stato per lei, ora starebbe marcendo in prigione. In quel mentre giunge Angela, con il piccolo Valentino, e Sonia rimane scioccata nel rivedere il suo bambino. Si avvicina a lui, ma il piccolo non la riconosce e corre da Giulia, chiamandola “mamma”. Sonia osserva indignata la scena e si allontana in silenzio.

    In casa De Santis, Luca continua ad impugnare la pistola, minacciando Caravello di sparargli. L’ispettore è costretto a confessare tutto: sì, è stato lui ad uccidere Jasmine, lui ha ucciso anche Roxanne e il protettore. Luca è sconvolto e vorrebbe ammazzarlo, ma Michele lo fa ragionare: non spetta a lui fare giustizia… Così Michele libera Caravello, che rimane sconcertato nel vedere aprire la porta dell’ambulatorio da Vito, con il braccio fasciato, e da un altro ispettore. Caravello viene arrestato; Luca e Michele nascondono la verità a Vito su ciò che è accaduto in casa De Santis. Subito dopo Luca si reca al gazebo per stare un po’ da solo, ma Michele lo raggiunge. Luca confida all’amico che ora che ha trovato l’assassino di Jasmine si sente vuoto e stanco; credeva che così potesse ricominciare a vivere, ma ancora non riesce a riprendersi. Michele lo abbraccia; solo il tempo potrà curare queste ferite.

    Raffaele trova il coraggio di parlare con Rita. Gli dispiace un sacco per quello che è successo; non voleva tradirla e soprattutto non voleva farle perdere il lavoro. Rita lo sa bene; difatti ha gradito molto il gesto del marito, ma ha anche capito che il ristorante l’allontanava dalla famiglia. La donna così chiede al marito di non scusarsi con lei; ormai quel che è accaduto fa parte del passato. Raffaele le chiede cosa intende fare: vuole lasciarlo? Rita sorride… come può separarsi dall’unico uomo che ama e che riesce a renderla felice! Raffaele abbraccia la moglie, facendosi promettere che nel giro di pochi giorni tornerà a lavorare al “La Sirena”… un bacio sancisce la ritrovata armonia della famiglia Jurdan.

    Renato è di ritorno dal funerale di Rosario Tarchetti, un suo ex collega di banca. Il Poggi non riesce a credere che l’uomo possa essere morto così all’improvviso e, a causa di ciò entra un uno stato di profonda crisi. Neanche Giulia riesce ed aiutarlo, tant’è che Renato le chiede di lasciarlo solo. Lo squillo del telefono però lo rianima; si tratta della vedova Tarchetti, che gli chiede di esaminare i libri contabili del marito. Renato, sentendosi in dovere di farlo, accetta e promette a Fosca Tarchetti che nei prossimi giorni passerà dalla sua villa per ritirare i documenti.

    Franco è in agitazione; domani sera ci sarà la sfida con O’Schizzato e lui non sta nella pelle. Si confida nuovamente con Guido, che cerca di rassicurarlo. Tutto andrà bene e lui porterà a casa il trofeo. Non vista, Silvia ascolta tutta la conversazione e rimane basita: Franco partecipa a gare clandestine! Interviene nella discussione, chiedendo al Boschi di non commettere questo errore: potrebbe rischiare grosso sia in termini di salute sia in termini di libertà. Franco però non vuole ascoltarla e va via. Silvia, rimasta sola con Guido, lo rimprovera; come può incoraggiare Franco in un follia simile! Guido prova a difendersi, ma Silvia lo zittisce: se a Franco accadesse qualcosa di brutto, sarà anche colpa sua!

    In casa Palladini il conte Tancredi sta pranzando in compagnia di Eleonora. Lucina si avvicina a loro e, imbarazzata, rivela di dover lasciare il lavoro di domestica, per trasferirsi da sua figlia. Tancredi è interdetto e chiede a Lucina fra quando tempo intende andare via, restando basito nell’apprendere che la domestica vorrebbe andar via il prima possibile. Per il conte è un duro colpo; si ritrova costretto ad affrontare un problema inaspettato e alquanto bizzarro. Lucina è dispiaciuta, ma sua figlia ha bisogno di lei. Tancredi la capisce e, nel ringraziarla per tutto quello che ha fatto per loro in questi anni, la conceda… sarà difficile, ma troverà qualcuno che la sostituirà.

    Anna non sa cosa fare. Alessandro continua a portarle fretta, ma lei non sa quale sia la scelta giusta, dopotutto Alberto come marito è perfetto; dentro di sé, però, sente di appartenere ad Alessandro e lo segue in spiaggia… Lui parla col cuore: la ama e sa che il loro destino è stare assieme; capisce che lei ha bisogno di tempo per rifletterci, e non gliene fa una colpa, ma il loro amore merita di essere vissuto alla luce del sole. Anna è commossa da queste parole… il sole scompare dietro l’orizzonte e le onde del mare si infrangono sulla scogliera; tutto è perfetto e per Anna sembra di vivere in un sogno… sì, uno sogno che la porta lentamente ad avvicinarsi ad Alessandro; sentire il suo profumo, accarezzare la sua pelle, ed ecco che una piccola fiammella del cuore esplode e si ritrova nel cuore di colui che ama… Amore, questo prova per lui; semplice e puro amore… Dolcemente un piccolo gioco di sguardi li unisce in un bacio passionale, dando il via ad un pirotecnico valzer di emozioni, delicato ma pieno di vita… quella vita che da mesi sembrava finita! I vestiti scivolano velocemente e l’amore mai sopito tra Anna ed Alessandro prende il sopravvento su tutto, proprio lì in riva al mare, sotto lo sguardo luminoso della luna e delle stelle.
    Ultima modifica di Simone 22; 04-02-2013 alle 16:14


  14. #44
    Redattore L'avatar di Simone 22
    Data Registrazione
    Oct 2005
    Messaggi
    17,723

    Predefinito

    Capitolo 41

    Il risveglio porta con sé tanta amarezza. Anna si ritrova stretta fra le braccia di Alessandro mentre il vento dirada le nuvole che oscuravano il sole appena sorto. Apre gli occhi e, turbata dal risvegliarsi della sua passione per Alessandro, si allontana silenziosamente e torna a casa; Alberto ancora non si è svegliato e quindi non si è accorto della sua assenza. In ogni caso lei non riesce a chiudere occhio, in quanto sente il bisogno di sfogarsi con qualcuno. Così, lascia Alberto solo a colazione e si rifugia alla terrazza, dove si confida con Silvia, che non appare molto meravigliata da ciò che è accaduto; era certa che sarebbe successo prima o poi… Anna non sa cosa fare e Silvia le consiglia di lasciare per un po’ Napoli per far chiarezza nel suo cuore; solo così potrà prendere la decisione più giusta! Anna è certa che questa sia la soluzione migliore. Alessandro ormai è sempre più presente nella sua mente, ma sa che Alberto non merita un torto simile. Ha bisogno di solitudine per riflettere…

    Sara entra al Caffè Vulcano e distrattamente si scontra con un ragazzo, che la De Vito riconosce subito come Tony Esposito, un famoso cantante napoletano. I due si siedono ad un tavolino e Sara gli parla della sua canzone e del suo sogno di diventare una cantante famosa quanto lui. Tony, per tutta risposta, la invita al concerto di Piazza del Plebiscito per quella sera, facendole avere 2 pass. Sara corre da Eleonora, che ne è entusiasta: potrebbe essere l’occasione buona per farsi conoscere nell’ambiente; viene informato anche Michele del concerto, che consiglia alle due di fare il possibile per farsi notare.

    Per Franco è il giorno della gara con O’Schizzato. Il ragazzo non sta più nella pelle e, incontrando Angela nel cortile del Palazzo, la invita alla corsa. La Poggi accetta subito ed indossa il casco, salendo a bordo della moto, che in pochi secondi sfreccia via e percorre le vie del centro di Napoli per giungere alla periferia, sul luogo della sfida. Si tratta di un tratto della superstrada al momento chiuso al traffico; un tratto di piena velocità, che dimostrerà realmente chi è il più forte sulla strada. Franco parla con Tonino, che le presenta sua moglie Petra, la quale stringe subito amicizia con Angela. Nessuno però si accorge che qualcuno mette mano alla sua moto per far sì che perda la gara.

    Alberto scopre che Anna è andata via da Napoli e chiede spiegazioni a Silvia, che inventa una scusa riuscendo ad allontanare dall’avvocato ogni sospetto: Anna tornerà fra qualche giorno, non c’è nulla di preoccupante; aveva bisogno di restare un po’ sola. Anche ad Alessandro, Silvia racconta la stessa versione, ma il ragazzo non la beve; capisce che Anna è scappata a causa di quello che è successo quella notte fra di loro… Silvia gli consiglia di non cercare Anna, permettendole di riflettere su ciò che realmente desidera.

    Eleonora e Sara giungono in Piazza del Plebiscito. La folla è piena di giovani pronti a cantare a squarciagola per tutta la notte con i loro cantanti preferiti. Tramite i pass, le due entrano nella zona del famosi, dove Tony le accoglie e si confida con loro; una cantante ha avuto un malore e quindi ha un buco nel programma. Eleonora propone Sara, ma lei non se la sente; Tony però sarebbe favorevole e la Palladini insiste, convincendo Sara a cantare: è giunto il momento di fare il grande salto! Il concerto inizia e la folla è in delirio; Tony presenta le star e chiama sul palco la prossima cantante: Sara De Vito…

    La gara sta per iniziare. Franco e Tonino sono già sulle loro moto pronti per la partenza, ma gli spettatori propongono uno scambio di moto; Franco rifiuta ma, vedendo che O’Schizzato non avrebbe problemi a fare cambio, si ritrova costretto ad accettare. La competizione può finalmente avere inizio; la bandierina si alza e le moto sfregiano lungo il rettilineo. Franco è in testa, ma Tonino lo segue a vista d’occhio, aspettando il momento giusto per accelerare e superare il Boschi. Il tifo aumenta e Angela è un po’ preoccupata, ma Petra la rassicura: lei sono anni che assiste alle gare del marito e non le è mai capitato di assistere ad un incidente. All’improvviso si ode il rumore di uno schianto e una delle due moto balza in aria e cade qualche metro più in là. Tutti accorrono nel luogo dell’incidente e Angela, temendo che sia Franco, urla il nome del ragazzo. Ma sembra ormai troppo tardi, in quanto il motociclista balzato in aria non dà più segni di vita.

    In piazza del Plebiscito, Sara ha iniziato la sua esibizione. Le note di “Se questo amore” risuonano fra la folla, che urla il nome della ragazza. Eleonora non riesce a credere ai suoi occhi… il pubblico è in delirio! Al termine del concerto, Sara firma i suoi primi autografi e, a sorpresa, gli si avvicina un’agente discografico, che le propone di lavorare per lui. Sara si ritrova costretta a rifiutare l’offerta, in quanto ha già un contratto con la “Frontiera Record” di Ferdinando Luglio. Sara poi torna a palazzo con Eleonora. I Palladini hanno preparato una piccola festa; Alessandro, Alberto, Tancredi e anche Michele si congratulano con le due per il traguardo raggiunto.

    Sul luogo dell’incidente, Angela teme che sia Franco il motociclista balzato in aria, ma ecco che il ragazzo la raggiunge alle spalle. E’ Tonino ad essere ferito; bisogna subito portarlo in ospedale. All’improvviso arrivano degli elicotteri della polizia e, mentre tutti fuggono via, Franco non vuole lasciare Tonino da solo. Angela viene portata via da un amico di Franco. Il ragazzo, rimasto solo, capisce che deve scappare altrimenti lo arresteranno di nuovo; così sale a bordo della moto di Tonino e fugge nel buio della notte.

    Maria Boschi è tornata a Napoli, ma non riesce a rintracciare sua figlia Anna. Al Caffè Vulcano, Silvia gli racconta gli ultimi avvenimenti; dalla notte di passione fra Alessandro ed Anna alla fuga della ragazza per riflettere sulla sua vita. Maria è in pensiero e confida a Silvia di essere contraria ad Alessandro che rivuole Anna, in quanto la figlia è sposata con Alberto. In realtà Maria non ha ancora superato la fine della sua storia con Tancredi e teme che anche Anna possa soffrire a causa dei Palladini.

    Sara, dopo aver brindato dai Palladini, torno alla terrazza con Michele e, insieme, si siedono sul divano. Si crea una certa complicità e Michele confida a Sara che per lui è molto importante. I loro volti si avvicinano e stanno per baciarsi, ma lo squillo del telefono li distoglie. Sara risponde al cellulare; una voce maschile chiede di lei e vuole rivederla. Sara però gli chiede di non chiamarla più. Michele le chiede spiegazioni e Sara mente: hanno solo sbagliato numero!

    Passa la notte e Angela è in pensiero per Franco non avendo più sue notizie dalla sera prima. Spera che lui la chiami e continua a fissare il telefono. Giunge Alberto, che le porta notizie di Franco. Il ragazzo è stato fermato dalla polizia per aver tentato di uccidere Tonino, che ora si trova in ospedale in gravi condizioni. L’accusa è di aver danneggiato la moto per vincere la gara. Angela è sconvolta, ma Alberto la rassicura: curerà lui la difesa del cognato, in quanto crede che qualcuno l’abbia incastrato. Rimasta sola, Angela riceve proprio la telefona di Franco, il quale le dice di stare fuori dalla sua vita perché lui rischia la galera e non vuole che anche lei rischi di finire dentro. Angela non può fare altro che assecondare il suo volere.

    Alessandro è al lavoro ai cantieri. La commessa Artusi gli sta creando molteplici problemi; ha dovuto pagare le spese e i materiali, ma lui è convinto che qualcuno ha appositamente rubato la clausola dal contratto. Ne parla con il guardiano dei cantieri navali, che rivela che il nuovo antifurto ha funzionato con Alberto. D’un tratto Alessandro capisce tutto: è stato suo fratello ad architettare l’intrigo contro di lui, solo per vendicarsi di ciò che sta accadendo con Anna.

    Guido non sa più cosa inventarsi. Assunta è sempre più invadente e controlla ogni suo spostamento. La situazione rischia di peggiorare sempre più e Guido decide di correre ai ripari. In suo aiuto viene Raffaele, che viene commissionato dal ragazzo per distogliere Assunta dallo stare con lui. L’unica soluzione sono le carte… sì, proprio le carte di Rita. Assunta, dal canto suo, crede ciecamente ai tarocchi e quindi il piano appare semplice. Diego indossa i vestiti della madre e fa accomodare la Salvetti, iniziando a leggerle le carte, ovviamente a favore di Guido. La sfortuna vuole che Rita entri in quel momento in casa e, scoprendo Diego con indosso i suoi abiti, manda a monte il loro piano.

    Alberto ha portato a termine le sue indagini sull’incidente motociclistico. La moto di Franco, con la quale ha corso Tonino, è stata manomessa da Santo, amico di Petra, moglie dello stesso Tonino. Ovviamente il tutto è stato fatto per danneggiare Franco, che però ora viene scagionato, in quanto non colpevole! Alberto lo porta a casa sua e gli chiede, in cambio della sua libertà, ti tener d’occhio Sonia Campo, per scoprire dove si trova il piccolo Gianluca. Franco promette e ringrazia Alberto, per poi riabbracciare Angela che, tutta felice, torna a casa e trova sua madre con il brigadiere Bevilacqua. Giulia le chiede dove sia stata e Angela evita di rispondere, ma il brigadiere le consegna il suo portafoglio, che è stato trovato nel luogo delle gare clandestine. Giunge anche Renato che capisce che la figlia frequenta Franco Boschi. Angela, rimasta sola con i genitori, cerca di difendersi, ma Renato non ammette giustificazioni: vuole che lei smetta di frequentare quel poco di buono.

    Assunta è tornata alla terrazza. La storia del trucco dei tarocchi è un’evidente mossa di Guido per liberarsi di lei. E’ finalmente ora di essere sinceri e il Del Bue, seppur rammaricato e dispiaciuto, confessa alla ragazza di non amarla e che quindi la loro storia è meglio che finisca! Assunta ci rimane male, ma non può fare altro che prendere le sue cose e andare via, tornando a casa dei suoi genitori. Dal canto suo, Guido non è del tutto sicuro della decisione che ha preso, e anche i ragazzi sono in disaccordo con lui, in quanto ora alla terrazza viene a mancare qualcuno che sappia cucinare.

    Giunge la sera. Alessandro ritorna dai cantieri e si precipita da Alberto. Ha scoperto tutto: sa che ci sta lui dietro alla vicenda di Artusi. Alberto nega, ma Alessandro sa che c’è lui dietro tutto: il guardiano lo ha visto uscire di notte dai cantieri, lo stesso giorno in cui è scomparsa la clausola. Alberto, ormai alle strette, conferma ogni cosa. Il duro scontro fra fratelli culmina con l’intenzione di Alessandro di dimostrare al padre che razza di persona sia Alberto. Questi da parte sua teme che Alessandro voglia raccontare a Tancredi dei suoi loschi traffici.

    In casa Poggi, il menage familiare è sempre più in crisi. Dopo Giulia, ora anche Angela sembra girare le spalle a Renato. La ragazza non accetta le restrizioni del padre: come può impedirgli di vedere Franco? Come si permette ad interferire nella sua vita? Lei ormai ha quasi 18 anni ed è libera di costruirsi la vita che preferisce. Renato s’infuria e, dopo aver ribadito alla figlia di non permettersi più ad avvicinarsi a Franco, esce di casa per recarsi a villa Tarchetti per conferire con Fosca per la questione dei libri contabili. La donna lo accoglie in camicia da notte e Renato, un po’ imbarazzato, la saluta carinamente, rinnovando le sue più sentite condoglianze. Fosca ringrazia e chiede notizie sui libri esaminati dal Poggi. Renato rivela che la situazione di Rosario era molto buona e che quindi lei ha ereditato un cospicuo patrimonio, inclusa la stessa villa. Fosca è entusiasta e invita Renato a bere qualcosa con lei; seppur stranito, il ragioniere accetta. A questo punto le avanches di Fosca si fanno evidenti e, in breve, i due si ritrovano stretti l’uno nelle braccia dell’altro. Renato ritrova finalmente la gioia di abbracciare una donna, e la bacia, facendole scivolare lentamente la camicia da notte.

    Al mattino seguente, Franco si reca in ospedale a far visita a Tonino. Nel corridoio incontra Petra, che lo accusa di essere il responsabile dell’immobilità del marito. Franco gli ricorda che lui non centra nulla: è stato Santo a manovrare la sua moto. Petra non accetta questa versione: se solo lui non avesse accettato la sfida, ora suo marito non sarebbe bloccato in un letto d’ospedale. Franco cerca di rincuorarla: fra pochi giorni Tonino potrà uscire e tornare alla sua vita di sempre. Petra però, sa che ciò non accadrà, e accompagna Franco nella camera del marito, rivelandogli che Tonino ha perso l’uso delle gambe.

    Renato è tornato a casa in piena notte, senza svegliare Giulia. Ora, durante la colazione, sente di aver tradito la moglie, anche se ricorda bene che fu proprio lei a spingerlo nelle braccia di un’altra donna. In ogni caso, Renato sente di aver fatto qualcosa di sbagliato e si reca a lavoro, abbastanza turbato. Dal canto suo, Giulia passa la mattinata al Centro, in compagnia del piccolo Valentino e di Sonia, che fa le pulizie. Sonia avvicina il bambino e gioca con lui, sotto gli occhi inquietanti di Giulia, che sospetta che il piccolo sia proprio il figlio della Campo; però è tranquilla, in quanto le sembra di capire che Sonia non lo abbia riconosciuto e quindi non vi è nessun pericolo.

    Franco non sa cosa dire. La rivelazione di Petra lo ha scioccato. Tonino, dal canto suo, è su una sedia rotelle e parla tranquillamente al Boschi; ecco dove l’ ha portato la sua fissa per le corse clandestine… lì, seduto a vita; solo ora capisce di aver sbagliato tutto, non doveva passare buona parte della sua vita su una motocicletta, con il rischio di perdere la vita da un momento all’altro; certo, a lui è andata bene… non è morto, ma che vita l’attende ora! Lacrime, tante lacrime scendono dagli occhi di Tonino, che supplica Franco di non fare il suo stesso errore: non butti via la sua vita per una stupida passione! Franco, nel sentire O’Schizzato parlare in questo modo, è sconcertato e non può fare altro che promettergli che da oggi chiuderà con le gare! Poi chiede a Tonino cosa farà quando uscirà dall’ospedale; il ragazzo non lo sa, ma di una cosa è certo: vuole stare con sua moglie Petra e renderla felice! Franco saluta carinamente l’amico e si allontana.

    Luca non riesce a superare il dolore per la morte di Jasmine. Ogni tentativo di Michele per cercare di farlo tornare a vivere, fallisce miseramente e il giornalista non sa più cosa fare. Anche Rita, nel suo piccolo, è vicina al dottore, spronandolo a riprendere il lavoro. Luca però non ne vuole sapere: che medico è colui che non riesce a salvare la moglie? Prima Giovanna ed ora Jasmine… qualcosa non va in lui e non può permettersi di mettere in pericolo altre vite! L’estrema disperazione di Luca non sfugge neanche a Giulia, che lo invita a combattere: solo così potrà fare giustizia! Luca però non ci sta: lui non è un uomo, lui non è altro che un rifiuto del mondo. Giulia sa che non è così e lo abbraccia forte: su di lei potrà sempre contare. Luca piange disperato…

    Anna torna a Napoli e ripensa alla notte d’amore con Alessandro. Quasi in lacrime, viene sorpresa da Alberto che, rientrato a casa, è felice di riabbracciare la moglie. Anna però non riesce a fingere che non sia successo nulla… non può continuare a mentire. Alberto inizia ad agitarsi e le chiede cosa sia successo; perché è fuggita? Anna sostiene di aver riflettuto molto in questi giorni e di aver capito che non è giusto farlo soffrire. Lei ha fatto qualcosa, qualcosa di imperdonabile, ma è giusto che lui sappia tutto! Alberto si mette in ascolto, sempre più nervoso; Anna scoppia in lacrime e gli confessa di aver fatto l’amore con Alessandro. L’avvocato non riesce a crederci, ma capisce che è successo la sera in cui lei è rientrata tardi. Anna annuisce, e cerca di spiegare alcune cose, ma Alberto ha ormai capito tutto… ora sa quello che deve fare!

    Silvia è finalmente tornata la ragazza solare di sempre. Parlando con Michele, scopre che un celebre pittore porta il suo stesso cognome. Così, credendo che si tratti di un suo avo, comincia a dipingere, tanto per gioco. Michele e Sara si trovano costretti a fare da modelli, sperando che Silvia ricavi qualcosa di buono da questa nuova prospettiva. Dal canto suo, la Graziani non ne ha dubbi: se quel pittore è davvero suo antenato, lei avrà sicuramente ereditato un po’ delle sue capacità. Così, per scoprire se questo possa essere vero, si reca dalla madre Laura e le chiede ingenuamente l’ora esatta della sua nascita. Laura però è stranamente impacciata e non riesce a rispondere a questa innocente domanda. Silvia non ne capisce il motivo e Laura si trova costretta a confessarle che non è sua figlia, ma una bambina adottata.

    Il mese di Settembre sta finendo anche se l’autunno non è ancora arrivato. Il passare dei giorni non ha mutato per nulla Luca, che sprofonda sempre più nel baratro, ricominciando a bere. Ubriaco vaga nei giardini di Palazzo Palladini senza una meta, non facendo caso ad Alberto che, furioso, si reca in spiaggia, dove aggredisce verbalmente Alessandro, che si trova in riva al mare. Ora sa quello che ha fatto; Anna gli ha detto tutto… Alessandro non fa in tempo a replicare; Alberto gli si avventa contro e lo scaraventa sulla sabbia, per poi iniziare a stringergli la gola, definendo un pezzo di merda. Alessandro cerca di divincolarsi rivoltandosi sul fratello, ma questi, in un raptus di follia, lo strattona in mare, immergendolo nelle acque con l’evidente intenzione di affogarlo.
    Ultima modifica di Simone 22; 04-02-2013 alle 16:14


  15. #45
    Redattore L'avatar di Simone 22
    Data Registrazione
    Oct 2005
    Messaggi
    17,723

    Predefinito

    Capitolo 42

    Alberto, non riuscendo più a controllarsi, continua a spingere Alessandro sottacqua. Nonostante l’ingegnere riesca a divincolarsi, la lite non sembra ancora finita… Alberto lo riacciuffa e solo l’arrivo di Luca evita il peggio; il dottore, seppur ubriaco, interviene e separa i due. Alessandro, allo stremo delle forze, viene adagiato sulla battigia, dove può riprendere a respirare regolarmente; Alberto, invece, si allontana sconvolto… solo ora si rende conto che stava per uccidere suo fratello.

    Lucina è appena andata via e Tancredi capisce che deve subito trovare una nuova governante. Con l’aiuto di Eleonora ha messo un annuncio ed ora deve iniziare le selezioni. Purtroppo tutte le candidate sembrano inadatte, e il compito si rivela più impegnativo del previsto. L’impegno preso da Franco con Alberto invece risulta più semplice. Il Boschi sfrutta un incontro casuale per avvicinare Sonia Campo; i due scoprono di avere molto cose in comune, fra cui il carcere e quindi un passato infelice. Questo aiuta Franco ad instaurare un rapporto di amicizia con Sonia, che inizia a fidarsi di lui.

    In casa Graziani, Silvia immobile non riesce a credere alle sue orecchie. Laura, con le lacrime agli occhi, supplica il perdono della ragazza per non averle mai detto la verità: lei è una bambina adottata. Entra in casa suo marito Antonio che, capendo subito che Silvia sa tutto, cerca di parlarle, ma lei non ne vuole sapere: come hanno potuto nasconderle una cosa così importante? Sconvolta fugge via, nonostante i coniugi Graziani cerchino inutilmente di fermarla. Termina la sua corsa alla terrazza, nella sua camera, dove inizia a piangere disperata… Sente un vuoto dentro; sente di non avere più nessuno accanto a sé… e come se fosse rimasta improvvisamente sola!

    Passa la notte. Angela si è resa conto di aver esagerato con i suoi genitori. Non doveva rispondere in quel modo a papà Renato; non doveva mancargli di rispetto. Si scusa con loro, ma ribadisce che a Franco ci tiene; cerca di convincerli a lasciarla libera di incontrare il ragazzo, ma Renato non ne vuole sapere. Giulia, dal canto suo, parla con Franco e rimane positivamente colpita da lui; è un ragazzo sincero, ne ha passate tante, ma ora ha voglia di ricominciare. Giulia cerca di far cambiare idea anche a Renato, ma l’uomo è irremovibile.

    Anna non è riuscita a riposare. Per colpa sua, Alessandro e Alberto si sono picchiati e, nonostante Luca abbia impedito che la lite degenerasse in tragedia, ora loro non si rivolgono la parola. Anna sta male; non doveva confessare al marito della sua notte d’amore con Alessandro; doveva immaginarselo che ne sarebbe scaturito un litigio… Anna ne parla con il marito e ammette di aver sbagliato tutto, ma lui la stupisce: la ama e non vuole perderla; vuole solo che lei resti al suo fianco. Per via dei sensi di colpa, Anna accetta, ignara che Alessandro sta confidando al padre di amarla follemente. Tancredi vuole mettere pace fra i suoi figli, non vuole che ci siano altre liti, ma Alessandro gli racconta della commessa Artusi e del coinvolgimento di Alberto. Il conte è scioccato e preferire restare solo. Alessandro invece s’incontra con Franco, che si dice contrario al suo rapporto con la sorella e arriva perfino a minacciare il Palladini: deve stare alla larga da Anna altrimenti dovrà vedersela con lui!

    Silvia ha passato l’intera mattinata chiusa in casa. Nella sua mente continua a ripetere di non essere la figlia dei Graziani. In soggiorno Michele e Sara, curiosi di vedere i loro ritratti, sbirciano fra i disegni della ragazza e restano di sasso scoprendo di essere stati ritratti completamente nudi. Chiedono spiegazioni, ma Silvia esce di casa, chiedendo di essere lasciata in pace. La giovane è ormai precipitata in uno stato di depressione profondo; non vuole parlare con nessuno. Al Caffè Vulcano però conosce una signora molto gentile che, vedendola triste, si offre come confidente. Silvia riesce subito ad aprirsi con lei, riuscendo a parlare di ciò che ha scoperto sulle sue origini. La signora riesce a rincuorarla, racconta di chiamarsi Teresa e di essere una governante in cerca di lavoro. Silvia si offre di aiutarla e coglie l’occasione per presentarla a Tancredi: potrebbe essere la domestica che cerca da giorni! Il conte si fida di Silvia e assume subito Teresa Diacono, portandola a Palazzo Palladini, dove la presenta a Rita, che è felice di darle il benvenuto. Teresa è impacciata, ma il conte riesce subito a metterla a suo agio, mostrandole la sua camera a casa Palladini. Qui le viene affidato l’intero appartamento e soprattutto la cucina.

    In casa Poggi continuano i litigi tra Angela e Renato per via di Franco. Questi, nel frattempo, si prodiga nella ricerca del figlio di Alberto e, avvicinando nuovamente Sonia, inizia ad entrare sempre più nel sottile, ma capisce che è ancora troppo presto per instaurare un dialogo sul piccolo Gianluca. Comunica segretamente con Alberto, che punta proprio sul bambino per sanare le ferite del suo matrimonio con Anna che, pur avendo deciso di rimanere al suo fianco, continua a provare dei forti sentimenti per Alessandro. Tancredi, dal canto suo, approfittando dell’arrivo di Teresa, cerca di mettere pace fra i figli. La sua sofferenza viene percepita da Eleonora, che cerca un rimedio, parlandone con Alessandro, ma questi le dice di amare Anna.

    Michele e Sara sono rimasti soli alla terrazza. La cantante ne approfitta per provocare il ragazzo, che per resistere al suo fascino, legge un bigliettino, alquanto romantico, indirizzato a lei. Credendo che abbia un appuntamento galante, sorride divertito, ma Sara lo rimprovera: non deve più permettersi di intromettersi nelle sue cose. Michele accusa il colpo e si allontana per recarsi in redazione.

    Alessandro è tornato a casa. Tancredi gli presenta Teresa, la nuova governante, e il ragazzo le dà il benvenuto. Poi, rimasto solo con il padre, Alessandro viene a sapere che Alberto ha chiesto ad Anna di restare con lui e lei ha accettato. Alessandro è basito: come può Anna restare al fianco di un uomo che non ama? Il conte difende la ragazza; il matrimonio non è una sciocchezza ed Anna è una ragazza di sani principi e capisce l’importanza di quel sacramento. Alessandro cerca di ribattere, ma Tancredi lo anticipa, chiedendogli di allontanarsi per un po’ da Napoli; solo così le cose si potrebbero sistemare e la serenità potrà tornare nella loro famiglia. Alessandro ascolta con sgomento la proposta del padre, mentre Anna, pur avendo accettato di restare con Alberto, è in uno stato di completa confusione. Deve trovare una soluzione, così si reca da Don Antonio per chiedergli un consiglio. Il parroco, ascoltando la sua confessione, la spinge a seguire il suo cuore: solo così porrà fine a questa incresciosa situazione.

    Renato ripensa alla notte d’amore passata con Fosca; qualcosa però lo turba: come può Fosca essere andata a letto con lui a poca distanza dalla morte del marito. Forse non amava Rosario; forse stava con lui solo per i soldi… E se il matrimonio stesse attraversando una crisi e lei, per paura di restare senza un quattrino, ha provocato la morte del marito solo per mettere le mani sul suo patrimonio? Questo sconcertante timore balena nella sua mente e lo porta a chiedere consiglio a Michele. Il giornalista non sa cosa pensare; spesso accadono cose simili, ma prima di poter giudicare, invita Renato ad accertarsi che questa sua teoria corrisponda a verità.

    Luca non riesce a trovare la forza di reagire. Sono ormai passati tre mesi dalla morte di Jasmine, e il mese di Ottobre sta scivolando via velocemente, anche se lui è fermo a quel maledetto Luglio. La sofferenza è troppo grande e gli fa rivivere il vuoto per la morte di Giovanna. Vive le sue giornate completamente in balia dell’alcool, fra una bottiglia e l’altra, con passeggiate notturne e solitarie nei giardini di palazzo, in quando in casa gli è impossibile restare, troppi ricordi, troppa tristezza… e poi il disordine che regna nell’appartamento rende assurda la vita al suo interno. Giulia, preoccupata per lui, ha contattato il dottor De Santis, padre di Luca, informandolo del triste epilogo di Jasmine. L’uomo annulla tutti i suoi appuntamenti e corre a Napoli, presentandosi alla porta del figlio, che si trova di fronte l’ultima persona che avrebbe voluto vedere. Il milanese impone subito a Luca di darsi una regolata, eliminando dall’appartamento tutto ciò che può indurlo a bere. Luca appare scocciato dalla presenza del padre, non accettando la sua intromissione, in quanto non si è mai importato di lui in tutti questi anni. Nonostante questo sente da parte sua un senso di protezione mai provato prima e questo lo riavvicina a lui.

    Alessandro riflette sulla richiesta del padre; allontanarsi da palazzo per un po’ vuol dire dimenticarsi di Anna, ma lui sa che non gli basterà questo per far scomparire il suo amore per lei. La visita di Don Antonio gli porta scompiglio, in quanto il prelato gli racconta della visita di Anna per avere un consiglio incondizionato; Don Antonio inoltre gli rivela di aver trovato Anna molto stanca e demoralizzata e consiglia ad Alessandro di stare lontano dalla ragazza, per evitare di farle del male. Il Palladini è incerto sul da farsi, ma l’incontro con Anna lo mette di fronte ad una scelta. La ragazza ha deciso di seguire il consiglio di Don Antonio; il suo cuore ha preso la decisione giusta… Proprio quando sta per confessargli tutto il suo amore e la sua intenzione di lasciare Alberto per tornato da lui, Alessandro ha un ripensamento; le rivela che, durante la sua assenza, ha capito di non amarla più. Lei deve restare con Alberto; solo lui può renderla veramente felice. Anna non riesce a crederci, ma accetta a malincuore la sua decisione.

    Renato ha ormai deciso di scoprire la verità sulla morte di Rosario Tarchetti. Grazie alle sue indagini scopre che Fosca, prima della morte del marito, annegava in una marea di debiti; i suoi dubbi iniziano a trovare fondamento e lui decide di assecondare le avanches della donna per controllare il suo operato. All’improvviso però nella villa entrano Tony Santoro e un suo complice, che impongono a Fosca di pagare tutti i suoi debiti: ora può farlo grazie alla morte del marito. Fosca e Renato sono terrorizzati alla vista delle pistole, e la donna non può fare altro che consegnare i soldi ai due camorristi, i quali si allontanano assicurandole che non torneranno più. Renato, atterrito da ciò che è successo, accusa Fosca di aver ucciso il marito, per poter ereditare il suo patrimonio e quindi pagare i propri debiti.

    Guido vive un periodo di tranquillità. Si sente finalmente un uomo libero, senza costrizioni e vincoli di nessun tipo. Sta ultimando il suo turno in taxi, quando si accorge che sui sedili posteriori vi è una valigetta, con all’interno 5 milioni di lire. Non sapendo cosa fare, torna a casa e si confida con Sara, che gli consiglia di tenerseli. Guido, però, essendo un uomo d’onore, quando viene contattato dal proprietario della valigia, non riesce a fingere e fissa un appuntamento per restituirgliela, in quanto l’aveva dimenticata nel taxi.

    Alessandro si reca dal fratello per comunicargli di aver deciso di non interferire più fra lui ed Anna! Alberto, stranito, non può fare altro che ringraziare Alessandro, che torna a casa e informa anche papà Tancredi della sua decisione. Il conte si complimenta con il figlio, per la maturità che dimostra con questo atteggiamento e lo invita a restare: ora non c’è più nessun motivo per andare via. Alessandro abbraccia il padre, ringraziandolo per avergli fatto aprire gli occhi. Dentro sé il ragazzo ama Anna alla follia, ma non se l’è sentita di prenderla con sé, allontanandola da tutto e tutti; sarebbe stato un rimorso troppo grande, una carica di responsabilità enorme che lui non poteva prendersi.

    Renato è ancora a villa Tarchetti. Fosca è in lacrime; sono anni che vive praticamente sola… certo, Rosario l’amava tanto, ma lei non riusciva a sentirsi desiderata da lui; aveva bisogna di sentirsi più donna. Così ha iniziato a sperperare il suo patrimonio fra feste, vestiti e lusso, finendo in poco tempo senza il becco di un quattrino. Per paura di perdere il marito, non gli ha detto nulla e si è rivolta a terzi per un prestito, ma questi si sono rivelati degli usurai che l’ hanno ricattata e minacciata di morte. Lei non sapeva cosa fare, ma non ha ucciso Rosario; il destino però glielo ha portato via all’improvviso e lei, ereditando tutto, ha pensato bene di pagare subito i creditori. Sente di aver tradito il marito in questo modo, e piange credendosi responsabile della sua morte. Renato però la rassicura; non è un’assassina… non ha ucciso nessuno e lui la crede. Fosca abbraccia forte il Poggi che, sorpreso, sente di provare qualcosa di forte per questa donna, tanto ricca quanto sola.

    Franco si reca al Centro d’Accoglienza per stare sempre più vicino a Sonia. Il piano deve avere successo; solo così lui potrà sdebitarsi con Alberto per averlo tolto dai guai… e poi, in fondo in fondo, non gli dispiace come cosa. Circuire Sonia, facendosi credere interessato a lei, è più facile del previsto; la ragazza appare affascinata da lui e ben disposta a cominciare una storia. Franco però deve fare i conti con Raffaele che, sorprendendolo in teneri atteggiamenti con Sonia, lo rimprovera aspramente, intimandogli di lasciare sua nipote Angela.

    Al Caffè Vulcano Guido incontra il proprietario della valigia. L’uomo apprezza il gesto del taxista; è difficile al giorno d’oggi trovare gente così onesta in giro. Guido ringrazia e fa per andarsene, ma l’uomo lo ferma; per ringraziarlo gli lascia i 5 milioni di lire… per lui era importante la valigetta! Guido, in un primo momento, rifiuta ma poi, data la sua insistenza, accetta. Il Del Bue torna alla terrazza tutto felice, non riuscendo a credere a ciò che è successo. La sua euforia viene percepita anche da Renato, che capita lì per caso. Trovandolo con 5 milioni, il Poggi gli rammenta la questione del fallimento e si prende tutti i soldi, lasciando Guido con l’amaro in bocca, ma con la consapevolezza di aver estinto buona parte del suo debito.

    Raffaele, preoccupato per Angela, si confida con Rita e Diego. Il ragazzo, scoprendo di Franco e Sonia, corre dalla cugina e gli racconta tutto. Angela, scioccata, capisce che si è solo illusa: come poteva immaginare che Franco potesse interessarsi a lei? Amareggiata, corre da Franco e lo aggredisce verbalmente: è solo uno stronzo, l’ ha solo usata per divertirsi un po’… Franco non può ribattere per far fede al patto con Alberto e si lascia insultare. Angela così gli restituisce la catenina che lui le aveva regalato e pone fine alla loro storia. Poi torna a casa e comunica ai suoi genitori di aver lasciato Franco; Giulia appare dispiaciuta, mentre Renato è felice, in quanto la figlia si è finalmente resa conto di che razza di ragazzo sia il Boschi.

    Al mattino seguente, al Caffè Vulcano, Silvia è al telefono con mamma Laura, assicurandole di aver assorbito tutto e che quindi non ce l’ ha con lei per via dell’adozione. Laura è sollevata, ma Silvia le comunica che preferisce non sentirsi con loro per alcuni giorni, dato che ha bisogno di fare ordine nella sua mente. In questo l’aiuta la signora Teresa che, seduta al bancone, la consiglia, cercando di capire cosa abbia intenzione di fare: cercherà la sua vera madre? Silvia però è categorica: non ha nessun intenzione di cercare colei che l’ ha abbandonata; per lei è morta… morta! Teresa sbianca in volto e, all’improvviso, ha un mancamento; fortunatamente viene soccorsa da Luca e dal padre che, presenti nel Caffè, hanno assistito al malore. Il milanese però sbaglia diagnosi, mentre Luca capisce che si è trattato di un semplice svenimento, dovuto ad un eccessivo calo di pressione. Con un po’ di acqua e zucchero, preparato da Silvia, Teresa si riprende e torna a casa Palladini.

    Alla terrazza squilla il cellulare di Sara. Un uomo la minaccia, ma lei chiude la chiamata, chiedendo di essere lasciata in pace. Michele le chiede spiegazioni, ma Sara non ne vuole parlare ed esce per recarsi da Eleonora. Rimasto solo, Michele si mette al portatile, ma viene interrotto dal suono del campanello; si tratta di un tizio che, dopo essersi presentato come Rudi, consegna un pacco per Sara. Michele però, dopo un po’, non resiste e lo apre: si tratta di una VHS! Incuriosito, ma allo stesso tempo intimorito, accende il videoregistratore e inserisce la VHS, restando di sasso nel trovarsi di fronte ad un filmino hard, con protagonisti Rudi e la stessa Sara.
    Immagini allegate Immagini allegate
    Ultima modifica di Simone 22; 04-02-2013 alle 16:14


Tag per Questa Discussione

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •