La community di Tramedibeautiful.com

Pagina 2 di 2 PrimaPrima 12
Risultati da 16 a 30 di 30

Discussione: [LIBRI] Premio Pulitzer per la narrativa

  1. #16
    Riserva di caccia dell'imperatrice L'avatar di Vaniglia
    Data Registrazione
    Nov 2005
    Località
    Un attico a San Francisco
    Messaggi
    130,434

    Predefinito

    La trama è avvincente, forse è piatto lo stile che magari non è all'altezza di una trama pretenziosa?

  2. #17
    Io parlo il balenese L'avatar di Akimina
    Data Registrazione
    Nov 2005
    Età
    36
    Messaggi
    76,765

    Predefinito

    boh. forse 900 pagine sono troppe e quindi fino alla fine uno si scazza.
    ecco qualche opinione che mi dà da pensare:

    "Piatto, prolisso e noioso romanzo di stampo dickensiano: nella mole (892 pagine) e nella trama, (un adolescente si ritrova orfano e sperduto a New York per poi essere adottato da una ricca famiglia di Park avenue. A ricordarle la madre solo un piccolo quadro che lo porterà a scontrarsi con criminali e collezionisti d’arte, e finanche con l’amore). Non fosse che in vita mia non ho mai letto un romanzo dickensiano anche solo lontanamente all’altezza dell’autore che scrisse Casa desolata, Il nostro comune amico, Dombey e figlio, Le due città e Grandi speranze, per citarne solo alcuni."

    Picchi di genio e lande di desolazione

    Un inizio fulminante che si protrae per oltre 400 pagine dove viene descritta la vita decapitata di un bimbo di 11 anni rimasto senza madre , tanta amata quanto bella e delicata. Donna Tartt da il meglio tra le 400 e 650 pagine del suo lunghissimo racconto, aspetti meno interessanti quelli delle droghe e delle cattive frequentazioni. Il finale lascia l'amaro in bocca , la vita assume una concezione leopardiana. I ricordi vivranno nel tempo.

    per essere uno dei 5 libri dell'anno (di fiction) del NYT, incluso in tutte le classifiche delle migliori novità del 2013 stilate da lettori e recensori.
    un romanzo di formazione che evidentemente omaggia dickens, ma ricorda e cita tantissimo altro, da salinger a bret easton ellis. complessivamente mi sembra molto più forte la prima parte del libro, quella ambientata a NY durante l'infanzia del protagonista.
    meno riuscita secondo me la parte centrale, quella in cui l'azione si sposta a las vegas, e davvero molto molto scontato qualche passaggio della trama. le pagine finali però sono davvero il colpo di grazia.

    Dopo due dècadi
    decàdi.

  3. #18
    Riserva di caccia dell'imperatrice L'avatar di Vaniglia
    Data Registrazione
    Nov 2005
    Località
    Un attico a San Francisco
    Messaggi
    130,434

    Predefinito

    ah ok. be' sarà vero, dai.
    sono due opinioni piuttosto studiate.

  4. #19
    Io parlo il balenese L'avatar di Akimina
    Data Registrazione
    Nov 2005
    Età
    36
    Messaggi
    76,765

    Predefinito

    Ieri è stato assegnato il premio pulitzer per la narrativa al romanzo Tutta la luce che non vediamo di Anthony Doerr.



    È il 1934, a Parigi, quando a Marie-Laure, una bambina di sei anni con i capelli rossi e il viso pieno di lentiggini, viene diagnosticata una malattia degenerativa: sarà cieca per il resto della vita. Ne ha dodici quando i nazisti occupano la città, costringendo lei e il padre a trovare rifugio tra le mura di Saint-Malo, nella casa vicino al mare del prozio. Attraverso le imposte azzurre sempre chiuse, perché così impone la guerra, le arriva fragorosa l'eco delle onde che sbattono contro i bastioni. Qui, Marie-Laure dovrà imparare a sopravvivere a un nuovo tipo di buio. In quello stesso anno, in un orfanotrofio della Germania nazista vive Werner, un ragazzino con i capelli candidi come la neve e una curiosità esuberante per il mondo. Quando per caso mette le mani su una vecchia radio, scopre di avere un talento naturale per costruire e riparare questi strumenti di fondamentale importanza per le tattiche di guerra, un dono che si trasformerà nel suo lasciapassare per accedere all'accademia della Gioventù hitleriana, e poi partire in missione per localizzare i partigiani. Sempre più conscio del costo in vite umane del suo operato, Werner si addentra nel cuore del conflitto. Due mesi dopo il D-Day che ha liberato la Francia, ma non ancora la cittadina fortificata di Saint-Malo, i destini opposti di Werner e Marie-Laure convergono e si sfiorano in una limpida bolla di luce.

    Dopo due dècadi
    decàdi.

  5. #20
    Utente registrato L'avatar di Sheila Carter
    Data Registrazione
    Jul 2008
    Messaggi
    20,037

    Predefinito

    Nonostante abbia la solita ambientazione trita e ritrita mi incuriosisce.
    Abbasso Brokka ed Hoppa
    Puntata 5837: Broccolaccia annuncia ufficialmente la sua menopausa, ma NON è vero!
    Puntata 6275: Oppaccia scongela la patata in mondo-visione

  6. #21
    Utente registrato L'avatar di grey21
    Data Registrazione
    May 2009
    Località
    Bruttiful/Wisteria Lane/Casa Walker
    Messaggi
    63,904

    Predefinito

    Forse ci era sfuggito.
    Il Pulitzer di quest'anno è stato vinto da "The sympathizer" di Viet Thanh Nguyen
    Fino al giorno in cui mi minacciarono di non lasciarmi più leggere, non seppi di amare la lettura: si ama, forse, il proprio respiro?

  7. #22
    Utente registrato L'avatar di Sheila Carter
    Data Registrazione
    Jul 2008
    Messaggi
    20,037

    Predefinito

    Mai sentito. Comunque ho iniziato a leggere Tutta la luce che non vediamo e lo trovo davvero noioso. Infatti procedo a fatica e molto lentamente.
    Abbasso Brokka ed Hoppa
    Puntata 5837: Broccolaccia annuncia ufficialmente la sua menopausa, ma NON è vero!
    Puntata 6275: Oppaccia scongela la patata in mondo-visione

  8. #23
    Io parlo il balenese L'avatar di Akimina
    Data Registrazione
    Nov 2005
    Età
    36
    Messaggi
    76,765

    Predefinito

    Habemus pulitzer!
    Vince il romanzo The Underground Railroad Colson Whitehead, già vincitore del National Book Award. Gli altri finalisti sono Imagine Me Gone di Adam Haslett e The Sport of Kings di C. E. Morgan.

    Nescio sed fieri.

    Dopo due dècadi
    decàdi.

  9. #24
    Io parlo il balenese L'avatar di Akimina
    Data Registrazione
    Nov 2005
    Età
    36
    Messaggi
    76,765

    Predefinito

    Qualche notizia che sto raccogliendo or ora...
    A dispetto del cognome, Whitehead è uno scrittore americano di colore nato nel '69. i suoi romanzi tranne quest'ultimo sono stati tradotti in italiano con i seguenti titoli:
    L'intuizionista (The Intuitionist) (1999) - edizione italiana: Mondadori, 2000
    John Henry festival (John Henry Days) (2001) - Minimum fax, 2002
    Il colosso di New York (The Colossus of New York) (2003) - Mondadori, 2004
    Apex nasconde il dolore (Apex Hides the Hurt) (2006) - Mondadori, 2007
    Sag Harbor (2009) - Mondadori, 2010
    Zona uno (Zone One) (2012) - Einaudi, 2013
    La nobile arte del bluff (The Noble Hustle: Poker, Beef Jerky & Death) (2014) - Einaudi 2016


    Poco presente ma abbastanza apprezzato su anobii, soprattutto per John Henry festival.

    Dopo due dècadi
    decàdi.

  10. #25
    Riserva di caccia dell'imperatrice L'avatar di Vaniglia
    Data Registrazione
    Nov 2005
    Località
    Un attico a San Francisco
    Messaggi
    130,434

    Predefinito

    Andiamo a caccia

    Inviato dal mio SM-A510F utilizzando Tapatalk

  11. #26
    Utente registrato L'avatar di Chetenefrega
    Data Registrazione
    Oct 2009
    Località
    casa sulla spiaggia di Thorne Forrester
    Messaggi
    23,713

    Predefinito

    Uh,bello sto topic... giusto ieri sera stavo raccogliendo info su questo premio e chi lo ha vinto in passato per vedere se ne conosco qualcuno (di nome).

  12. #27
    Io parlo il balenese L'avatar di Akimina
    Data Registrazione
    Nov 2005
    Età
    36
    Messaggi
    76,765

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Vaniglia Visualizza Messaggio
    Andiamo a caccia

    Inviato dal mio SM-A510F utilizzando Tapatalk
    Trovato niente, decisamente è poco diffuso.

    Inviato dal mio HUAWEI VNS-L31 utilizzando Tapatalk

    Dopo due dècadi
    decàdi.

  13. #28
    Riserva di caccia dell'imperatrice L'avatar di Vaniglia
    Data Registrazione
    Nov 2005
    Località
    Un attico a San Francisco
    Messaggi
    130,434

    Predefinito

    uffazza

  14. #29
    Utente registrato L'avatar di Chetenefrega
    Data Registrazione
    Oct 2009
    Località
    casa sulla spiaggia di Thorne Forrester
    Messaggi
    23,713

    Predefinito

    Premio Pulitzer del 2019: Richard Powers per "The Overstory".
    Ho casualmente sentito parlare dell'autore e del libro da qualche parte... devo trovare un modo di procurarmelo,perché sembra interessante.

  15. #30
    Io parlo il balenese L'avatar di Akimina
    Data Registrazione
    Nov 2005
    Età
    36
    Messaggi
    76,765

    Predefinito

    Di Powers ho letto solo Il tempo di una canzone che è stato deludente. Mi incuriosiva anche Il fabbricante di eco, ma a questo punto mi documento anche su quest'altro.

    Inviato dal mio HUAWEI VNS-L31 utilizzando Tapatalk

    Dopo due dècadi
    decàdi.

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •