Annuncio

Collassa
No announcement yet.

Federica Palladini (Ida Di Benedetto)

Collassa
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Mostra
Pulisci Tutto
nuovi messaggi

    Federica Palladini (Ida Di Benedetto)



    Ida Di Benedetto nasce Napoli il 3 Giugno 1946; a soli 15 anni vince un importante concorso di bellezza. Inizia la sua carriera alla scuola del maestro Ciampi. Sale sul palco grazie a Mico Galdieri in "Capitan Fracassa" e da qui inizia la sua ascesa teatrale. Nel 1978 giunge al cinema con “Il Regno di Napoli" di Werner Schroeter; seguono nel 1979 "Immacolata e Concetta" di Salvatore Piscicelli (vince il Nastro d'argento come Miglior attrice protagonista), nel 1980 “Fontamara” di Carlo Lizzani (anche qui vince in Nastro d'argento come Miglior attrice protagonista); nel 1985, sempre con Piscinelli, recita in "Blues Metropolitano"; nel 1994 “Le Buttane” di Aurelio Grimaldi. La sua bravura la porta sempre a recitare parti di personaggi aggressivi e che restano impressi nella mente degli spettatori. Nel 1996, non lasciando mai il teatro, viene scelta per interpretare un ruolo centrale in Un posto al sole. Nel 1998 lascia il cast ma ci torna brevemente nel 2000. Nel 2001 Ida torna a cinema in "Quartetto" di Salvatore Piscinelli e nel 2002 in "Alla fine della notte" di Salvatore Piscinelli e in “Rosa Funzeca” di Aurelio Grimaldi. Nel 2005 è di nuovo al cinema con “Fratella e Sorello” per la regia di Sergio Citti. Nell’agosto del 2005 ha confessato la sua storia con l’ex ministro Giuliano Urbano, ed ha querelato per ben due volte Vittorio Sgarbi, che l’accusava di aver ottenuto finanziamenti pubblici grazie alla sua relazione con Giuliano Urbano. Ida è la fondatrice della casa di produzione Titania. Produttrice cinematografica nel 2005 di “Hotel Meina” di Carlo Lizzani e televisiva nel 2006 di “Caravaggio” di Angelo Longoni e nel 2010 “Mannaggia alla miseria” di Lina Vermùller. Nel 2010 è anche nel cast di “Paura di amare”, una miniserie di Rai1 per la regia di Vincenzo Terracciano.

    Federica Palladini è l’odiosa contessa moglie di Tancredi e madre di Alberto, Alessandro e Eleonora. Ambiziosa e maligna, ha un profondo odio verso Maria Boschi e sua figlia Anna Boschi, che ha ereditato al suo posto l’appartamento della terrazza dal conte Giacomo. Ha una relazione extraconiugale con il giornalista Michele Saviani che, però, s’innamora di sua figlia Eleonora. Quando la storia viene fuori, a Federica non resta altro che restare accanto ad un ignaro Tancredi; non lo ama, ma non può permettersi di perdere il titolo nobiliare, in quanto lei è figlia di una popolana, che si prostituiva per portare soldi a casa. Preferendo Tiziana Torrisi come fidanzata del figlio, trama nell’ombra per separare Anna da Alessandro che, però, quando scopre gli intrighi di Tiziana, dichiara il suo amore ad Anna. Durante una festa, Anna, a seguito dell’ennesima umiliazione da parte di Federica, smaschera le origini della contessa e questo fa crescere ulteriormente l’odio verso la ragazza. Quando Alberto rivela al padre del tradimento di Federica con Michele, Tancredi chiede il divorzio alla moglie, ma lei si finge ancora innamorata di lui e lo fa pedinare, scoprendo la sua relazione con Maria Boschi. A seguito della scomparsa di Alessandro in mare, Federica cerca disperatamente il figlio per giorni, cercando di riavvicinarsi al marito. E’ costretta ad accettare come nuora Anna, quando questa sposa Alberto, il figlio prediletto. Al ritorno di Alessandro, dopo varie vicissitudini, divorzia da Tancredi e ritrova il suo primo amore Damiano Reggiani, ex socio di Tancredi che, per vendicarsi dell'uomo, riesce ad impadronirsi dei cantieri Masullo. Nel 1998 Federica fa in modo che Damiano riconsegni i cantieri a Tancredi, per poi trasferirsi con lui in Argentina. Nel 2000 Federica torna a Napoli e scopre che Alberto è bloccato su una sedia a rotelle e che Sonia Campo sta per diventare la nuova contessa Palladini. Cerca in tutti i modi di opporsi alla cosa. Quando finalmente Alberto riesce a liberarsi di Sonia (almeno per il momento), Federica torna da Damiano in Argentina, non prima di essersi concessa un’ultima notte di passione con Tancredi. Nel 2005, alla morte di Eleonora, si viene a sapere che Federica soffre di un forte esaurimento mentale.
    Ultima modifica di Simone 22; 07-11-2012, 20:01.


    #2
    Grandissima attrice, stupendo il suo personaggio
    Ogni carezza della notte è quasi amor...

    Commenta


      #3
      Originariamente postato da selvaggio View Post
      Grandissima attrice, stupendo il suo personaggio
      magari tornasse Sai che volo prenderebbe Roberto Ferri....

      Commenta


        #4
        Davvero..ricordo benissimo la sua relazione scabrosa con Michele...
        era cattiva...ma di gran classe!
        Ogni carezza della notte è quasi amor...

        Commenta


          #5
          Originariamente postato da selvaggio View Post
          Davvero..ricordo benissimo la sua relazione scabrosa con Michele...
          era cattiva...ma di gran classe!
          eh sì... e poi ricordo l'autorità con cui trattava Raffaele... e tutti gli altri abitanti!!

          Commenta

          Working...
          X