Annuncio

Collassa
No announcement yet.

Alberto Palladini (Maurizio Aiello)

Collassa
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Mostra
Pulisci Tutto
nuovi messaggi

    Alberto Palladini (Maurizio Aiello)



    Maurizio Aiello nasce a Vico Equense (Napoli) l’ 11 Dicembre 1970. A soli 11 anni inizia a recitare nel teatro della Parrocchia San Antonio di Castellammare di Stabia. A 17 anni lascia la casa paterna e comincia a lavorare, da cameriere a fotomodello. Viaggia molto: da Londra a Parigi, fino a New York, dove frequenta la scuola di Susan Strasberg. Nel 1991 arriva la sua prima tournèe teatrale, come primo attore, con la regia di Franco Zeffirelli in “Sei personaggi in cerca d’autore” di Pirandello. Nel 1994 giunge in TV in “La Piovra 7”. Subito dopo viene scelto per interpretare il genero di Gigi Proietti nella famosa fiction “Il maresciallo Rocca”. Diventa famoso al pubblico e riceve l’Oscar dei giovane come migliore attore dal sindaco di Roma. Al cinema è protagonista in “Italiani in Missione”, per la regia di Pasquale Squitieri. Nel 1996, dopo “I ragazzi del muretto 3”, approda in Un posto al sole e vi resta sino al 2002, anno in cui riceve la Telegrolla d’Oro, come attore più amato dai lettori del “TV sorrisi e canzoni”. Nel 1998 è il protagonista del film “Gioco di specchi”, per la regia di Josè Maria Sanchez. L’anno seguente viene premiato come miglio attore alla 52° edizione del festival internazionale del cinema di Salerno. Continua la sua esperienza cinematografica nel 2001 in “Stregati dalla Luna” di Pino Ammendola e Nicola Pistoia e torna al piccolo schermo con “Sospetti 2” (2003), “Amanti e segreti” (2004) e “Amanti e segreti 2” (2005). Nel 2006 è nel cast del film “Stormyears” di Marco Serafini. Nello stesso anno interpreta Garibaldi, nel film cinematografico “Anita - Una vita per Garibaldi” sotto la regia di Aurelio Grimaldi. Nel 2007 è nel cast di Natale in crociera di Neri Parenti e gira una miniserie per Rai1 “Pompei”, per la regia di Giulio Base e "Era mio fratello" di Claudio Bonivento. Nel 2009 partecipa al programma di Rai1 “Ballando sotto le stelle”. Nel 2010 è al teatro con “Un sogno di famiglia” di Enrico Montesano e “L’astice al veleno” di Vincenzo Salemme. Nel 2011 torna in Un posto al Sole per pochi mesi e lo stesso accade anche nel 2012.

    Alberto Palladini è il primogenito di Tancredi e Federica e fratello di Alessandro e Eleonora. Caratterialmente simile alla madre, è un avvocato ambizioso e spregiudicato. Ha una storia con Tiziana Torrisi, fidanzata del fratello Alessandro, durante la permanenza di questi in America, e con Sonia Campo che, incinta di lui, torna a farsi viva, ma Alberto la allontana, rinnegando il figlio. S’invaghisce di Anna Boschi e, con la complicità di Claudia Costa, inizia a corteggiarla fingendosi interessato ai suoi hobby, ma Claudia mette in guardia Anna, che non si lascia andare con lui. A seguito di un incidente stradale, Alberto scopre di essere sterile; Claudia, interessata sia a lui e sia ai suoi soldi, lo aiuta a superare il momento difficile, ma Alberto la usa solo per sesso. La sterilità lo porta a ricercare il figlio avuto da Sonia Campo, che chiede dei soldi in cambio del bambino. Durante lo scambio però qualcosa va storto e il bambino viene trovato da una signora che lo porta al centro d’accoglienza gestito da Giulia Poggi che, desiderosa di avere un figlio, lo prende con sé e lo chiama Valentino. Alberto assume Attilio, un investigatore privato, per cercare Sonia fuggita in Brasile. Attilio la rintraccia e insieme a lei si presenta da Alberto con un bambino, spacciandolo per Gianluca. Grazie a Guido e Tancredi, Alberto scopre la verità e Sonia viene arrestata, non prima di aver visto il suo bambino in braccio a Giulia… Durante la difesa di Luca de Santis, accusato di aver causato la morte di Sergio Masullo, Alberto conosce il pubblico ministero Chiara Caselli e con lei ha una breve storia. Il marito, Fulvio Spataro, scopre la relazione tra i due e assolda degli uomini per farla pagare ad Alberto, ma sarà Alessandro ad essere picchiato, poco prima di partire per una regata. Durante un naufragio, Alessandro cade in mare mentre Alberto riesce ad essere portato in salvo. Si avvicina ad Anna e la salva dall’incendio del Centro d’Accoglienza; Anna, per riconoscenza, lo sposa, ma al ritorno di Alessandro, entra in crisi, ma decide di restare con Alberto, che viene contattato in carcere da Sonia: sa dove si trova Gianluca e glielo rivelerà solo se la farà tornare in libertà. Alberto riesce in breve a farle ottenere una semilibertà, con alcune ore da trascorrere al Centro d’Accoglienza di Giulia, dando inconsapevolmente l’opportunità a Sonia di stare vicina al piccolo Gianluca. Passa poco tempo e Anna passa una notte d’amore con Alessandro e lo rivela ad Alberto, che si precipita in spiaggia da Alessandro e, durante un furiosa lite, tenta di affogarlo, ma l’intervento di Luca evita il peggio. Quando scopre che Anna aspetta un bambino, Alberto decide di crescere assieme a lei il figlio di Alessandro, ma Anna vorrebbe abortire… Silvia Graziani però avvisa Alessandro che ferma Anna e la convince a partire con lui! Alberto lì sorprende e l’ennesimo litigio con Alessandro causa la caduta di Anna dalla scalinata di Palazzo Palladini, a seguito del quale la ragazza finge di aver perso il bambino e lascia Napoli con mamma Maria e Tancredi nel novembre 1998. Con la fine del matrimonio con Anna, Alberto si dedica esclusivamente alla ricerca del figlio. Per questo paga Ottavio, il complice di Sonia all’epoca dello scambio nel parco, in modo che il ragazzo, addossandosi tutta la colpa del rapimento del piccolo Gianluca, scagioni Sonia che, dal canto suo, con la complicità di Franco Boschi, ha iniziato a minacciare i Poggi. Franco, però, confessa la verità ad Alberto che, dopo una fuga di Giulia con il piccolo, riesce finalmente a riabbracciare Gianluca e a portarlo a casa con sé. Passano solo pochi giorni e il bambino viene rapito da Sonia, che poi si presenta dall’avvocato e pone le sue condizioni: vuole un vitalizio di 10 milioni di lire mensili, una partecipazione agli utili e alle proprietà dei Palladini e pretende di trasferirsi in casa di Alberto, almeno fino a quando Gianluca non abbia compiuto il diciottesima anno d’età. Pur di rivedere Gianluca, Alberto non può fare altro che accettare le condizioni. Stressato una sera si reca al circolo per una sauna, ma qualcuno lo intrappola al suo interno… viene salvato solo dall’arrivo di Alessandro! Si scopre che Fulvio Spataro vuole vendicarsi per quello che Alberto gli ha fatto al tempo del processo Masullo. In breve rapisce Alberto e Alessandro che, offre dei soldi all’uomo in cambio della libertà. Fulvio accetta e dà 12 ore ad Alberto per consegnargli 4 miliardi di lire, altrimenti ucciderà Alessandro. Grazie all’intervento di Franco, Alberto può riabbracciare il fratello e, tra odio e amore, si ritrova a convivere con Sonia e assieme a lei vive ore di trepidazione quando Gianluca, giocando in cortile, cade in una buca nel terreno e, solo grazie all’intervento di Diego Giordano, riesce a salvarsi. Il ritorno di Claudia riaccende la passione con Alberto che, per vivere il suo amore con Claudia alla luce del sole, assolda un killer per farla fuori, ma all’ultimo momento Alberto non ce la fa e evita che Sonia venga colpita. Ben presto però Sonia scopre tutto e costringe Claudia a lasciare Napoli per sempre, dettandole una lettera piena di odio destinata ad Alberto che, distrutto, viene consolato da Sonia. Durante uno scontro ai cantieri con Franco Boschi, un terribile incidente costringe Alberto, paralizzato, su una sedia a rotelle e Sonia lo assiste… drogandolo con della morfina! Alberto terrorizzato all’idea di essere ucciso, finge di innamorarsi di lei e, con l'aiuto di Federica e Tancredi (tornati per un breve periodo a Napoli), organizza un finto matrimonio, dopo il quale chiede a Sonia come prova d'amore di distruggere il contratto che lo lega a lei fino alla maggiore età del figlio. Sonia accetta, ma subito dopo Alberto le rivela dell’inganno e la caccia da casa. In cerca di vendetta, Sonia contatta Fulvio Spataro, ma rimane ben presto sola a lottare contro Alberto… un incidente stradale sembra causarle la morte! Alberto finisce in carcere con l’accusa di omicidio colposo e in prigione viene anche violentato. Poco dopo il piccolo Gianluca viene rapito e Alberto si convince che dietro ci sia Sonia. Alessandro però non gli crede e Alberto, con l’aiuto di Pasquale Barrese, suo compagno di cella, evade dal carcere e, aiutato da Angela Poggi, riesce a trovare il covo di Sonia Campo: è veramente viva! Alberto la costringe a ridargli Gianluca e ad andare alla polizia per scagionarlo. Sonia in cambio ottiene un ultimo rapporto sessuale con Alberto… Rimasta di nuovo incinta, in breve perde il bambino ma, con l'aiuto riluttante del dottor Luca De Santis, lo nasconde ad Alberto. Quando l’avvocato, che in questo periodo ha un breve flirt con Angela, scopre l’ennesimo inganno, chiede la custodia del piccolo Gianluca mentre Sonia e Luca si sposano e partono per l’Africa nel gennaio 2001. Alberto decide di rintracciare Claudia, ma le indagini di un investigatore privato rivelano che la ragazza si è sposata. A questo punto Alberto decide di conquistare la nuova compagna del padre, Isabella Delgado, che, pur amando Tancredi, non riesce a resistere al fascino di Alberto e fa l’amore con lui. Quando Tancredi lo scopre, chiude ogni rapporto con il figlio e si trasferisce in Spagna con Isabella. Poco dopo Alberto scopre che il suo ex compagno di cella, Pasquale Barrese, è stato ucciso in carcere. Per scoprirle le cause, l’avvocato si avvicina a Mira, fidanzata di Pasquale, presentandosi come “Luca”. Fra i due nasce l’amore, ma quando Mira scopre che si tratta di Alberto Palladini, considerato uno dei principali responsabili della morte di Pasquale, decide di vendicarsi e lo accoltella ad una gamba, lasciandolo in una campagna… Alberto riesce a salvarsi la vita raggiungendo il ciglio della strada e chiedendo aiuto. Ripresosi, Alberto ricontatta Mira e riesce a dimostrargli di essere estraneo ai fatti che hanno portato all’assassinio di Pasquale. Fra i due si riaccende la passione, ma la loro unione viene contrastata dalla famiglia di etnia rom della ragazza. Mira viene rapita durante una gita a Roma con Alberto: i familiari vogliono costringerla a sposare un ragazzo della loro cultura rom. Alla fine però Mira riesce a ritrovare la libertà e torna da Alberto, e si trasferisce a casa Palladini. Giunge il giorno della causa dell'affidamento del piccolo Gianluca, che dà esito positivo per Sonia che, tornata dall’Africa con Luca, si trasferisce a Siena con il piccolo Gianluca, allontanandolo da Alberto. Passa poco tempo e l'amore tra Mira e Alberto finisce in quanto lei si rende conto che sono troppo diversi. Alberto si trova quindi catapultato nei problemi delle imprese Palladini, che vedono l’ingresso di un nuovo socio, Roberto Ferri. La guerra che si viene a creare porta alla rovina del patrimonio dei Palladini e Alberto, ormai disperato, decide di togliersi la vita, ma l’arrivo del piccolo Niko lo fa desistere. Alberto ritrova in quei giorni l’amore di Claudia, che è pronta a ricominciare la loro storia dal punto in cui era stata interrotta a causa di Sonia. Nel gennaio 2002 Alberto decide di lasciare Napoli e, con Claudia, si trasferisce in Argentina, dove vive mamma Federica. Passano gli anni e Alberto, che ha chiuso con Claudia, t
    orna a Napoli solo nel gennaio 2011, rintracciato da Marina Giordano, che gli propone di diventare il nuovo amministratore delegato delle imprese Palladini, prendendo il posto di Roberto Ferri. Un’occasione di vendetta che Alberto non si lascia sfuggire; in poco tempo, riesce a riprendersi tutto quello che Ferri gli aveva estirpato dieci anni prima: la dirigenza delle imprese Ferri-Ranieri (ex Palladini) e l'appartamento di proprietà dei cantieri. Riesce anche a rubare a Roberto la sua compagna attuale, Greta Fournier. Per aumentare il proprio potere, Alberto indaga sul passato di Marina, scoprendo che la donna, per non dividere l'eredità del defunto marito Riccardo Ranieri con la figlia illegittima Paola Nuzzi, condusse delle azioni illegali al cimitero. Ricattando Marina, Alberto continua la sua relazione, più o meno velata, con Greta, trovando alla ragazza anche un lavoro come arredatrice. La relazione finisce, quando Greta viene presa in ostaggio da parte di Mario Ferrigno, operaio che vuole vendicarsi di Alberto ritenendolo responsabile della morte del figlio, e Alberto rifiuta di aiutarla. Quando tutto sembra ormai sotto il suo dominio, Alberto viene aggredito misteriosamente da un uomo e, a causa di ciò, entra in coma. Mentre lotta tra la vita e la morte, a Napoli arriva il figlio Gianluca che, a causa del suo atteggiamento arrogante e del suo odio verso il padre, viene incolpato dell’aggressione. In realtà a ridurre Alberto in fin di vita è stato Carmine Persico, un uomo violento infischiato nelle azioni illegali legate all’eredità di Marina. Quando Alberto si risveglia dal coma, viene interrogato dalla polizia sul possibile colpevole della sua aggressione, ma non fa il nome di Persico. Il rapporto con il figlio, inoltre, sembra ricucirsi, ma ben presto Gianluca si rende conto che il padre è ancora ossessionato dal potere e, dopo aver aiutato Alberto ad eliminare alcuni file sul computer che potrebbero metterlo nei guai, Gianluca tornare a Siena da mamma Sonia. Alberto, una volta scoperta la partenza del figlio, decide di allontanarsi da Napoli, in quanto ha bisogno di alcune cure riabilitative alle gambe… Ritorna nel febbraio 2012 cercando di instaurare un rapporto con suo figlio Gianluca (che a Napoli ha trovato l’amore in Rossella Graziani), ma il ragazzo ha solo disprezzo e odio verso il padre, per avergli fatto cancellare i dati che provavano i traffici di riciclaggio intrapresi con la camorra… Roberto Ferri, vedendo padre e figlio nel cortile del palazzo, aggredisce Alberto, incolpandolo di essere la causa dei problemi di suo figlio Filippo Sartori che, a causa di quei contatti con la camorra, è stato sparato ed ora è costretto alla dialisi, e giura che riuscirà ad incastrarlo. Roberto incita quindi Vera Morandi, poliziotta fidanzata di Filippo che segue il caso assieme al pubblico ministero Eugenio Nicotera, a riprendere le indagini per incastrare Alberto. Vera ha un duro scontro con Alberto che, sapendo che non vi è nessuna prova di colpevolezza a suo carico, continua a dichiararsi innocente. Alberto cerca comunque di recuperare il rapporto con Gianluca, incolpandolo di essere un figlio ribelle che si accontenta di fare il cameriere, piuttosto che puntare in alto. Gianluca, però, nonostante Rossella cerchi di fargli recuperare il rapporto con il padre, è esasperato dai sensi di colpa e denuncia il padre per lo smaltimento dei rifiuti con la camorra. Ad Alberto non resta altro che fuggire da Napoli, con Vera che si mette sulle sue tracce. Mesi dopo Alberto viene arrestato e condotto nelle carceri di Napoli, dove inizia uno sciopero della fame protestato di essere stato accusato di reati che non ha commesso. Ricoverato in ospedale, riesce a riprendere le forze, e corre al capezzale del figlio Gianluca, ricoverato d’urgenza a seguito di uso di droghe. I due si riavvicinano e Alberto, per ringraziare il magistrato Eugenio Nicotera che gli ha permesso di far visita al figlio, decide di collaborare con la polizia. Dimesso dall’ospedale, Alberto, in cambio della libertà, fa a Nicotera il nome di Arturo De Maio, quale esponente di spicco collegato con i traffici della camorra. Alberto riprende così il suo posto in società e nelle imprese, ricominciando con i suoi traffici; Gianluca però scopre le sue intenzioni e chiude nuovamente con lui, decidendo inoltre di andare a lavorare in Sardegna. Alberto si presenta da Marina e le consiglia di vendere le proprie azioni ad un leadership americana al fine di far fuori una volta per tutte Roberto Ferri dalle imprese; inizialmente indecisa, Marina accetta e Alberto la mette in contatto con New York. Nell’ottobre 2012 Alberto chiede a Nicotera di potersi allontanare per qualche tempo da Napoli per poter raggiungere Gianluca in Sardegna e cercare di riappacificarsi con lui. Nicotera lo lascia partire… In Sardegna Alberto riceve una telefonata di Roberto Ferri, che lo attacca duramente per la questione americana; Alberto però non gli dà corda: ora deve occuparsi di suo figlio, ma tornerà presto a Napoli, in tempo per assistere alla sua sconfitta.
    Ultima modifica di Simone 22; 10-11-2012, 15:48.

Working...
X