Annuncio

Collassa
No announcement yet.

[LIBRI] Citazioni

Collassa
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Mostra
Pulisci Tutto
nuovi messaggi

  • Akimina
    replied
    io avevo l'incubo del prof, che praticamente lo voleva tutto a memoria. verso la fine dell'anno apriva una pagina a gazzo, leggeva mezzo rigo e voleva che individuassimo di cosa si parlava

    Lascia un commento:


  • Vaniglia
    replied
    a me è + che piaciuto, riletto per i fatti miei. un grandissimo romanzo, altrochè.

    Lascia un commento:


  • Akimina
    replied
    se lo avessimo letto per gazzi nostri magari ci sarebbe pure piaciuto (a me è cmq piaciuto, però che incubo!)
    ed colpa della scuola .

    Lascia un commento:


  • Vaniglia
    replied
    be' a me cmq i libri troppo descrittivi annoiano un po'. o forse sto maturando, da qs punto di vista.
    ma è colpa della scuola. quanto ci hanno fatto odiare il ramo del lago di como che volge a mezzogiorno?

    Lascia un commento:


  • Akimina
    replied
    peccato che andando avanti le descrizioni diminuiscano, lasciando giustamente spazio alla narrazione degli eventi. vabbè, è bellissimo uguale!

    Lascia un commento:


  • Vaniglia
    replied
    sìsì!!!!!!! mamma mia come ci son rimasta!
    mi sembrava di esser lì con lei.

    Lascia un commento:


  • Akimina
    replied
    anche la scena della tartaruga è formidabile, non so se ci sei già arrivata.

    Lascia un commento:


  • Vaniglia
    replied
    Originariamente postato da Akimina View Post
    adoVo, l'avevo postato nell'altro topic a suo tempo.
    ops scusate del doppiaggio

    Lascia un commento:


  • Akimina
    replied
    adoVo, l'avevo postato nell'altro topic a suo tempo.

    Lascia un commento:


  • Vaniglia
    replied
    Una citazione da Furore di Steinbeck, anzi, il bellissimo incipit:

    "Nella regione rossa e in parte della regione grigia dell'Oklahoma le ultime piogge erano state benigne, e non avevano lasciato profonde incisioni sulla faccia della terra, già tutta solcata di cicatrici. Gli aratri avevano cancellato le superficiali impronte dei rivoletti di scolo. Le ultime piogge avevano fatto rialzare la testa al granturco e stabilito colonie d'erbacce e d'ortiche sulle prode dei fossi, così che il grigio e il rosso cupo cominciavano a scomparire sotto una coltre verdeggiante. Agli ultimi di maggio il cielo impallidì e perdette le nuvole che aveva ospitate per così lungo tempo al principio della primavera. Il sole prese a picchiare e continuò di giorno in giorno a picchiar sempre più sodo sul giovane granturco finché vide ingiallire gli orli d'ogni singola baionetta verde. Le nuvole tornarono, ma se ne andarono subito, e dopo qualche giorno non tentarono nemmeno più di ritornare. Le erbacce si vestirono d'un verde più scuro per mascherarsi alla vista, e smisero di moltiplicarsi. La terra si coprì d'una sottile crosta dura che impallidiva man mano che il cielo impallidiva, e risultava rosa nella regione rossa, bianca nella grigia."






    Lascia un commento:


  • Akimina
    replied
    qualche citazione da jezabel

    Alla fine, tutte le passioni sono tragiche, tutti i desideri maledetti, perché si ottiene sempre meno di quel che si è sognato.

    Che terribile regalo la felicità, una felicità troppo completa, troppo insolente e che finisce, come tutto deve finire.

    Insomma, c'è una sola realtà, una sola felicità al mondo, ed è la gioventù.

    «Ecco,» pensò «è questo che mi ci vorrebbe, qualcuno che mi culli, che mi rassicuri... Se almeno potessi, come Lily, accontentarmi di amar... Lo so che sono ancora nell'età dell'amore, ma non è amore che voglio, è essere amata, sentirmi piccola, fragile, stretta tra forti braccia...».

    Lascia un commento:


  • Vaniglia
    replied
    Originariamente postato da Chetenefrega View Post
    mi piace questo topic
    Anche a me, anche se non ho mai niente da dire. Però vengo spesso a leggere.

    Lascia un commento:


  • Vaniglia
    replied
    Per forza deve esser bello. Murakami è un GENIO.
    Quel libro lì è l'unico che mi manca e non riesco a procurarmelo mi sa che me lo faccio spedire.

    Lascia un commento:


  • Akimina
    replied
    è bello "l'uccello che girava le viti del mondo"? il titolo mi fa ridere, la mole mi inibisce, però...

    Lascia un commento:


  • Sheila Carter
    replied
    Per questo i sogni possono essere tanto pericolosi: covano sotto la cenere come un fuoco e a volte ci consumano completamente (Memorie di una geisha, Arthur Golden).

    Conduciamo la nostra esistenza come acqua che scende lungo una collina, andando più o meno in un'unica direzione finché non urtiamo contro qualcosa che ci costringe a trovare un nuovo corso. (Memorie di una geisha, Arthur Golden).

    Amare qualcuno è una cosa bellissima e, se si tratta di un sentimento sincero non bisogna sentirsi in un labirinto.
    Noi siamo tutti esseri imperfetti che vivono in un mondo imperfetto.
    Non viviamo misurando le distanze con la riga, gli angoli con il goniometro né controllando entrate e uscite come sul conto in banca.
    Ogni cosa segue comunque il suo corso e per quanto uno possa fare del suo meglio, a volte è impossibile evitare che qualcuno rimanga ferito.
    Occorre essere aperti e abbandonarsi alla vita così come viene, rendendosi conto di quanto sia meravigliosa.
    (Haruki Murakami, Norwegian wood. Tokyo blues)


    Mi domando se sia realmente possibile capire perfettamente un’altra persona. Anche quando ci sforziamo di conoscere qualcuno mettendoci tutto il tempo e la buona volontà possibili, in che misura possiamo cogliere la sua vera natura? Sappiamo ciò che è veramente essenziale riguardo a quell’altro che siamo convinti di comprendere tanto bene?
    (Haruki Murakami, L’uccello che girava le Viti del Mondo)

    Lascia un commento:

Working...
X