Annuncio

Collassa
No announcement yet.

[LIBRI] R.I.P. Philip Roth

Collassa
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Mostra
Pulisci Tutto
nuovi messaggi

    #16
    notizie di libri che diventano film

    da variety.com
    An actor prepares to face the final curtain of his career in “The Humbling,” director Barry Levinson’s free-form adaptation of Philip Roth’s penultimate novel, about a star of stage and screen beginning to lose the tricks of his trade (and possibly his grasp on reality). In one of those curious quirks of timing, Levinson’s film arrives hot on the heels of another polymorphous movie about an actor in crisis, Alejandro G. Inarritu’s “Birdman,” in whose deservedly large shadow it may be doomed to dwell. But where Inarritu’s exuberant style piece calls to mind the likes of Fosse and Fellini, “The Humbling” feels closer to the intimate theater/film hybrid works of Andre Gregory and Wallace Shawn (“My Dinner With Andre,” “Vanya on 42nd Street”) in its lo-fi aesthetics and gently playful sense of art imitating life imitating art. Fronted by a vibrant, deeply committed Al Pacino performance and very fine support from Greta Gerwig, this uneven but captivating film deserves to find its own audience, though doing so will surely prove to be an uphill climb.

    da screendaily.com
    Jennifer Connelly will play the wife of an immigrant whose American dream is annihilated when their daughter blows up a post office and joins a political resistance group in opposition to the Vietnam War. Previously announced Ewan McGregor will play Dawn’s husband, Seymour ‘Swede’ Levov. Phillip Noyce will direct from John Romano’s adapted screenplay and production is set to begin in Pittsburgh, Pennsylvania, in March 2015.


    Dopo due dècadi
    decàdi.

    Commenta


      #17



      Dopo due dècadi
      decàdi.

      Commenta


        #18
        se qualcuno dello staf può tradurre grazie .

        Commenta


          #19
          non ho capito niente o quasi

          Dopo due dècadi
          decàdi.

          Commenta


            #20
            Ma qual è il romanzo da cui è tratto?
            Sembra bello, cmq

            Commenta


              #21
              ecco due informazioni sul libro, sempre intitolato l'umiliazione, che anche se non è tra i miei preferiti di roth mi è piaciuto.

              si tratta del suo penultimo libro (2009) ed è molto breve. ecco la sinossi dalla quarta di copertina:

              Dopo le cupe meditazioni sulla mortalità e la fine in Everyman e Il fantasma esce di scena, e l’amara ironia di uno sguardo retrospettivo sulla giovinezza in Indignazione, Roth aggiunge un altro inquietante tassello all’opera dei suoi ultimi anni.
              Tutto è finito per Simon Axler, il protagonista del nuovo conturbante libro di Philip Roth. Simon, uno dei più grandi attori teatrali della sua generazione, ha superato i sessant'anni e ha perso la sua magia, il suo talento e la sua sicurezza. Quando sale sul palcoscenico si sente un pazzo e si vede un idiota. La sua fiducia nelle proprie capacità è evaporata; s'immagina che la gente rida di lui; non riesce più a fingere di essere qualcun altro. "E scomparso qualcosa di fondamentale". La moglie se n'è andata, il pubblico l'ha abbandonato, il suo agente non sa come convincerlo a tornare in scena. In questo atroce resoconto di un'inspiegabile e terrificante autodistruzione, emerge il contraltare di un insolito desiderio erotico, certo una consolazione in quella vita spogliata di tutto, ma tanto rischiosa e aberrante da frustrare ogni speranza di conforto e gratificazione per puntare dritto verso un finale ancora più cupo e rovinoso. In questo lungo viaggio verso la notte, raccontato da Roth con l'inimitabile urgenza, bravura e serietà di sempre, tutti i mezzi che usiamo per convincerci della nostra solidità, tutte le rappresentazioni che nella vita diamo di noi stessi - talento, amore, sesso, speranza, energia, reputazione - vengono messi a nudo.

              ed ecco l'incipit:

              Aveva perso la sua magia. L’impeto era venuto meno. In teatro non aveva mai fallito, tutto ciò che aveva fatto era stato valido e convincente, poi gli successe una cosa terribile: non era più capace di recitare. Andare in scena divenne un tormento. Invece di avere la certezza che sarebbe stato magnifico, sapeva che avrebbe fatto fiasco. Accadde tre volte di seguito, e l’ultima volta Axler smise di interessare alla gente, e in teatro non venne più nessuno. Non era più nessuno. Non era più capace di conquistare il pubblico. Il suo talento era morto.

              Dopo due dècadi
              decàdi.

              Commenta


                #22
                Ho letto su fb che su una rivista dedicata alla lettura o un giornale è uscita una nuova intervista di P. Roth.
                Tharla/Tridge/Steam/Stic/Bricky4ever

                Commenta


                  #23
                  Ecco, se ci va parliamone qui

                  Inviato dal mio HUAWEI VNS-L31 utilizzando Tapatalk

                  Dopo due dècadi
                  decàdi.

                  Commenta


                    #24
                    Qui qualche dettaglio. Insufficienza cardiaca http://www.repubblica.it/esteri/2018...0163/?ref=fbpr

                    https://www.ilpost.it/2018/05/23/philip-roth-morto/

                    Dopo due dècadi
                    decàdi.

                    Commenta


                      #25
                      Commento di Enrico Mentana:
                      Non poteva che andarsene, come supremo sberleffo all'istituzione e alle sue ipocrisie, nell'anno in cui l'Accademia che lo ha sempre snobbato rinuncia a assegnare il Nobel per la letteratura. Addio all'immenso Philip Roth

                      Inviato dal mio HUAWEI VNS-L31 utilizzando Tapatalk

                      Dopo due dècadi
                      decàdi.

                      Commenta


                        #26
                        E ora voglio il nobel postumo! Era il più grande! [emoji24]

                        Inviato dal mio HUAWEI VNS-L31 utilizzando Tapatalk

                        Dopo due dècadi
                        decàdi.

                        Commenta


                          #27
                          Mi è piaciuto il servizio del tg1, molto celebrativo e piazzato nella prima metà, fra le notizie importanti.

                          Inviato dal mio HUAWEI VNS-L31 utilizzando Tapatalk

                          Dopo due dècadi
                          decàdi.

                          Commenta


                            #28
                            Da ieri o oggi il corriere della sera pubblica 28 romanzi di Philip Roth, uno a settimana, a 8.90. Uff, io ce li ho tutti... avrei adorato avere una raccolta esteticamente uniforme.

                            Inviato dal mio HUAWEI VNS-L31 utilizzando Tapatalk

                            Dopo due dècadi
                            decàdi.

                            Commenta

                            Working...
                            X